Claudio Tamburrino

Murdoch: la pagherete tutti

Il magnate australiano torna sul suo tema preferito. Ma stavolta punta su iPad e accenna alla possibilità per gli aggregatori di mostrare almeno titolo e prima riga

Roma - Rupert Murdoch è nuovamente intervenuto sulla questione delle notizie a pagamento. Il bersaglio preferito è sempre Google News, ma in generale il problema resta la remunerazione delle notizie e la sopravvivenza dei giornali cartacei.

Nonostante sembri fare un passo indietro quando afferma che "non credo che faremo pagare Google, semplicemente si rifiuterebbero: saremmo invece felici se loro pubblicassero solo i titoli e alcune frasi, facendo seguire il modulo per l'abbonamento al giornale". È sempre lo stesso discorso, quello su cui preme il tycoon dell'editoria: gli aggregatori di notizie, Google in testa, "devono pagare per utilizzare il nostro lavoro, o farsi i servizi da sé".

Anche l'abitudine degli utenti ad avere le notizie gratuitamente viene attaccato frontalmente da Murdoch: "penso che quando non avranno nessun altro posto dove trovarle inizieranno a pagare". D'altronde, prevede il presidente di News Corp, molti dei giornali statunitensi finiranno per convertirsi ad un modello a pagamento come il paywall del Times, che nonostante le critiche sembra restare in piedi.
Oltre alla mancanza di alternative, si premura poi di dire il magnate dell'editoria, sarà possibile convincere gli utenti garantendo "prezzi ragionevoli". Come sarebbero i 3,99 dollari dell'abbonamento online settimanale al Wall Street Journal, prezzo inferiore a quello necessario per la versione cartacea.

D'altronde, ora sulla scena dell'editoria è calato l'effetto iPad, tirato in ballo da Murdoch come "uno sguardo nel futuro": il miliardario australiano prevede che nel prossimo anno almeno otto o nove prodotti concorrenti entreranno sul mercato e che i tablet potrebbero contribuire a salvare i giornali. E spiega che "con decine di milioni di questi oggetti venduti in tutto il mondo" si avranno tutti i vantaggi del digitale in una forma fruibile come un giornale. Una forma nuova per i giornali, quindi, e non la scomparsa di essi.

Il WSJ ha già divulgato la sua app per il nuovo prodotto Apple, che Murdoch ha mostrato sul suo iPad al giornalista che lo intervistava, anche se i primi osservatori non ne hanno ricavato troppo entusiasmo: il problema sarebbe proprio l'intenzione dell'editore di trasferire pedissequamente le forme del giornale cartaceo nel nuovo mezzo, non adattando, non aggiungendo, non offrendo di più.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàWall Street Journal a tavolettaRupert Murdoch ha annunciato lo sviluppo di un'applicazione a pagamento per iPad. Prevedendo un'esplosione di device alternativi entro l'anno. Nel frattempo, Steve Jobs gli ha consigliato di non usare Flash
  • AttualitàMurdoch: una sterlina per il webA partire dal prossimo giugno, il quotidiano britannico The Times sarà accessibile solo a pagamento. Così il magnate australiano amplia la sua filosofia pay al giornalismo generalista
  • BusinessNews, il pedaggio della discordiaDivampa il fuoco delle polemiche sulle recenti strategie annunciate da NewsCorp. Murdoch starebbe solo spremendo una vacca da soldi, ignaro dell'emorragia di lettori che verrà. Intanto, la redazione del NYT è nel caos
34 Commenti alla Notizia Murdoch: la pagherete tutti
Ordina
  • scusate,potrei essere d'accordo sul fatto che un servizio(giornalistico od altro) debba essere pagato,ma insomma!!!!!
    e' proprio vero che i miliardari son tutti ingordi..non basta gia' che la mattina per leggere un po' di informazione si debba fare lo slalom fra' pop che si aprono e spot di 10 secondi da vedere obbligatoriamente per poter accedere al servizio seguente?!
    Ma questi qui gia' ci stanno martellando con la proprieta' intellettuale estesa anche alla barzelletta raccontata dal farmacista(pur di potere promuovere multe e denunce)adesso nemmeno piu' leggere una notizia che "vive per poche ore" senza doverla pagare?!
    Bene-siccome gia' pago il canone Rai+Sky guardero' il telegiornale e leggero' le notizie del giorno dopo su altri siti...tanto non cambia molto no?! considerando che molte testate continuano a riempire gli spazi con episodi(riciclati) accaduti mesi prima e manco si preoccupano di aggiornare servizi di utilita'(previsioni meteo con temperature MINIME di -2° (!!!)ad aprile in romagna
  • Hanno un bel coraggio a chiamarla "informazione". Bisogna camminare con un machete in mano come nella selva per trovare dei giornali o notiziari che non siano finanziati da corporazioni con interessi più o meno diretti nel manipolare le notizie... pagare per cosa, poi? per un tizio che prende dei video da youtube e li commenta dal suo ufficio di New York?
    Questa gente spaccia per verità assoluta il concetto che il mondo, per funzionare, debba essere pagato.

    P.S.
    pago 50 euro al mese di Sky solo per vedere Helga Cossu...
  • dice Murdoch: "penso che quando non avranno nessun altro posto dove trovarle inizieranno a pagare"

    è questo il bello caro vecchietto australiano, l'alternativa sulla rete esisterà sempre, gratuita.
    non+autenticato
  • E probabilmente migliore della cosiddetta "originale"... Povero pazzo, non ha capito un ...(ci fa rima!)
  • - Scritto da: paolo secco
    > dice Murdoch: "penso che quando non avranno
    > nessun altro posto dove trovarle inizieranno a
    > pagare"
    >
    > è questo il bello caro vecchietto australiano,
    > l'alternativa sulla rete esisterà sempre,
    > gratuita.
    quoto ci saranno sempre almeno 20000 giornali a fare concorenza gratuiti nel mondo, basti pensare che ci sono giornali cartacei gratuiti che vanno avanti a pubblicità...
    non+autenticato
  • - Scritto da: paolo secco
    > dice Murdoch: "penso che quando non avranno
    > nessun altro posto dove trovarle inizieranno a
    > pagare"
    >
    > è questo il bello caro vecchietto australiano,
    > l'alternativa sulla rete esisterà sempre,
    > gratuita.

    Equipareranno il copincolla di notizie al file sharing, condannando a penali da 200.000.000 euro e disconnessioni chi si azzarda a violare.
    E metteranno 2.000 bolli e controbolli e permessi e censure varie per poter fare informazioni in rete.
    Poi vediamo quante alternative gratuite esisteranno.
    non+autenticato
  • > Equipareranno il copincolla di notizie al file
    > sharing, condannando a penali da 200.000.000 euro

    Che nessuno pagherà, e le violazioni saranno talmente tante che nessuno potrà fare nulla

    > E metteranno 2.000 bolli e controbolli e permessi
    > e censure varie per poter fare informazioni in
    > rete.

    Paralizzando del tutto l'informazione giornalistica, e favorendo i blog.

    > Poi vediamo quante alternative gratuite
    > esisteranno.

    Esisteranno solo più quelle.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > Equipareranno il copincolla di notizie al file
    > > sharing, condannando a penali da 200.000.000
    > euro
    >
    > Che nessuno pagherà, e le violazioni saranno
    > talmente tante che nessuno potrà fare
    > nulla

    Certo, certo... intanto le ghigliottine per il p2p si stanno diffondendo a macchia d'olio.
    Poi applicheranno lo stesso sistema per le notizie.

    > > E metteranno 2.000 bolli e controbolli e
    > permessi
    > > e censure varie per poter fare informazioni in
    > > rete.
    >
    > Paralizzando del tutto l'informazione
    > giornalistica, e favorendo i
    > blog.

    Anche i blog saranno risucchiati nel sistema.
    Vuoi aprire un blog? Dovrai firmare il permesso, consegnare i tuoi dati personali, e assumerti la responsabilità anche dei commenti degli utenti, che significa piogge di denunce per diffamazione e calunnie.
    Vediamo quanti blog di informazione resistono.

    > > Poi vediamo quante alternative gratuite
    > > esisteranno.
    >
    > Esisteranno solo più quelle.

    Verranno tutte distrutte.
    Esattamente com'è nella carta stampata: il giornale lo puoi fare solo se sei del potentato di turno, mentre il foglietto indipendente viene stroncato a suon di manganelli e burocrazia.

    E la maggior parte della gente lo accetterà, perché troppo impegnata da fessbook o perché impaurita da notizie che cominceranno a circolare su quanto l'informazione gratuita sia inaffidabile e criminogena.
    non+autenticato
  • - Scritto da: El Castigador
    > - Scritto da: angros
    > > > Equipareranno il copincolla di notizie al file
    > > > sharing, condannando a penali da 200.000.000
    > > euro
    > >
    > > Che nessuno pagherà, e le violazioni saranno
    > > talmente tante che nessuno potrà fare
    > > nulla
    >
    > Certo, certo... intanto le ghigliottine per il
    > p2p si stanno diffondendo a macchia
    > d'olio.
    > Poi applicheranno lo stesso sistema per le
    > notizie.
    >
    > > > E metteranno 2.000 bolli e controbolli e
    > > permessi
    > > > e censure varie per poter fare informazioni in
    > > > rete.
    > >
    > > Paralizzando del tutto l'informazione
    > > giornalistica, e favorendo i
    > > blog.
    >
    > Anche i blog saranno risucchiati nel sistema.
    > Vuoi aprire un blog? Dovrai firmare il permesso,
    > consegnare i tuoi dati personali, e assumerti la
    > responsabilità anche dei commenti degli utenti,
    > che significa piogge di denunce per diffamazione
    > e
    > calunnie.
    > Vediamo quanti blog di informazione resistono.
    >
    > > > Poi vediamo quante alternative gratuite
    > > > esisteranno.
    > >
    > > Esisteranno solo più quelle.
    >
    > Verranno tutte distrutte.
    > Esattamente com'è nella carta stampata: il
    > giornale lo puoi fare solo se sei del potentato
    > di turno, mentre il foglietto indipendente viene
    > stroncato a suon di manganelli e
    > burocrazia.
    >
    > E la maggior parte della gente lo accetterà,
    > perché troppo impegnata da fessbook o perché
    > impaurita da notizie che cominceranno a circolare
    > su quanto l'informazione gratuita sia
    > inaffidabile e
    > criminogena.
    non+autenticato
  • - Scritto da: El Castigador
    > - Scritto da: angros
    > > > Equipareranno il copincolla di notizie al file
    > > > sharing, condannando a penali da 200.000.000
    > > > euro

    > > Che nessuno pagherà, e le violazioni saranno
    > > talmente tante che nessuno potrà fare
    > > nulla

    > Certo, certo... intanto le ghigliottine per il
    > p2p si stanno diffondendo a macchia d'olio.
    > Poi applicheranno lo stesso sistema per le
    > notizie.

    Veramente in francia si e' semplicemente passati in massa al p2p criptato.

    > > > E metteranno 2.000 bolli e controbolli e
    > > > permessi e censure varie per poter fare
    > > > informazioni in rete.

    > > Paralizzando del tutto l'informazione
    > > giornalistica, e favorendo i blog.

    > Anche i blog saranno risucchiati nel sistema.
    > Vuoi aprire un blog? Dovrai firmare il permesso,
    > consegnare i tuoi dati personali, e assumerti la
    > responsabilità anche dei commenti degli utenti,
    > che significa piogge di denunce per diffamazione
    > e calunnie.
    > Vediamo quanti blog di informazione resistono.

    Si passa a freenet, o vuoi vietare ssh e https ?

    > > > Poi vediamo quante alternative gratuite
    > > > esisteranno.

    > > Esisteranno solo più quelle.

    > Verranno tutte distrutte.
    > Esattamente com'è nella carta stampata: il
    > giornale lo puoi fare solo se sei del potentato
    > di turno, mentre il foglietto indipendente viene
    > stroncato a suon di manganelli e burocrazia.

    I manganelli non passano per il tcpip, altrimenti sarebbe facile fermare spam, botnet e virus.

    > E la maggior parte della gente lo accetterà,
    > perché troppo impegnata da fessbook o perché
    > impaurita da notizie che cominceranno a circolare
    > su quanto l'informazione gratuita sia
    > inaffidabile e criminogena.

    Strano, in francia per il p2p non e' successo nulla del genere.
    krane
    22544
  • > Certo, certo... intanto le ghigliottine per il
    > p2p si stanno diffondendo a macchia
    > d'olio.
    > Poi applicheranno lo stesso sistema per le
    > notizie.

    Per ora si sono diffuse in Francia, e la pirateria è salita del 3%
    non+autenticato
  • - Scritto da: El Castigador
    > Anche i blog saranno risucchiati nel sistema.
    > Vuoi aprire un blog? Dovrai firmare il permesso,
    > consegnare i tuoi dati personali, e assumerti la
    > responsabilità anche dei commenti degli utenti,
    > che significa piogge di denunce per diffamazione
    > e
    > calunnie.
    > Vediamo quanti blog di informazione resistono.

    Credo che sotto questo aspetto "tutto il mondo NON E' paese"
  • - Scritto da: El Castigador
    > - Scritto da: paolo secco
    > > dice Murdoch: "penso che quando non avranno
    > > nessun altro posto dove trovarle inizieranno a
    > > pagare"
    > >
    > > è questo il bello caro vecchietto australiano,
    > > l'alternativa sulla rete esisterà sempre,
    > > gratuita.
    >
    > Equipareranno il copincolla di notizie al file
    > sharing, condannando a penali da 200.000.000 euro
    > e disconnessioni chi si azzarda a
    > violare.
    > E metteranno 2.000 bolli e controbolli e permessi
    > e censure varie per poter fare informazioni in
    > rete.
    > Poi vediamo quante alternative gratuite
    > esisteranno.

    E faranno la fine del Kirgizistan...
    non+autenticato
  • Se Murdoch ha un iPad e lo vuole sfruttare, vuol dire che l'iPad e' il mezzo del male!
    harvey
    1481
  • Non era l'anello???' A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta
  • Quando Murdoch guarda dentro l'iPad dall'altro lato appare l'occhio infuocato !!!
    harvey
    1481
  • ci siamo evoluti
    non+autenticato
  • Se a Murdoch venisse in mente di mettere un seme nel terreno e far crescere una pianta, pretenderebbe di far pagare anche l'aria che si respira.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)