Chi si è dimenticato del Basic?

Ne parla un lettore che ricorda quando il Basic dominava il computing più innovativo. Non è peraltro mai stato dimenticato e in rete si continua a discuterne. Qualcuno, poi, ci lavora

Roma - Potrà sembrarvi strano, ma mi sembra proprio che il caro vecchio BASIC, ed in particolare alcune versioni compatte simili a quelle che hanno fatto la storia dell'informatica, stia riguadagnando terreno sui nuovi più recenti linguaggi (compresi quelli ad oggetti).

Il BASIC la cui breve storia puo' essere letta qui fu sviluppato nel 1964 al Dartmouth College da J.Kemeny and T.Kurtz. Questi due nomi ancora oggi sono presenti sulla rete con un linguaggio quanto mai famoso e pieno di ricordi: TRUEBASIC. Che pero', ormai, è dedicato unicamente ad applicazioni didattico-scientifiche e non più, come fu ad esempio per la storica versione AMIGA di TrueBasic, per applicazioni wide-range.

Sul BASIC molti nomi famosi (come ad esempio Bill Gates e Paul Allen) hanno costruito le basi per la loro ascesa nell'informatica. E sicuramente molti di voi ricordano l'AMIGA, la Commodore, e tutto un impero praticamente basato sul linguaggio BASIC (quello del C64 che fungeva anche da sistema operativo, e poi dell'AMIGA, l'AmigaBasic, sviluppato proprio dalla Microsoft di Bill Gates, quasi compatibile con l'omonimo GW-BASIC per PCIBM).
E molti nomi famosi di compilatori BASIC che oggi ritornano in voga fanno parte della storia dell'Amiga. Ricordate il BlitzBasic, oppure il fantastico PureBasic, che mi richiamano alla mente i dischetti Amiga da 880kb che ancora conservo. O ancora altri "nuovi" BASIC: DarkBasic, Ibasic, LibertyBasic, Kbasic (per linux KDE con visual editor), QBasic, XBasic e così via...

Con questi linguaggini semplici ed efficaci oggi si puo' fare di tutto, anche applicazioni ad oggetti, win32, internet communications (Java style), Internet Servers (http/ftp etc), CGI scripts, openGL e Direct3D programming in 3D, VRML e tante altre cosine. Molti hanno Visual Editors e 3D editors inglobati e librerie di tutti i tipi, il progresso che hanno compiuto è realmente impressionante e molti programmatori stanno decidendo di tornare alle origini...

La cosa bella è che gli eseguibili che molti di questi compilatori tirano fuori (siano essi.EXE,.DLL,.COM) sono quasi sempre di pochi kb, proprio come ai vecchi tempi, quando gli eseguibili erano piccoli, i bug facilmente identificabili ed i problemi di sicurezza forse l'ultima cosa di cui preoccuparsi.

Eh sì, i vecchi tempi, quando con poche righe si poteva fare tanto.

Best regards,
Gerardo Proia

nota della redazione:
sul Basic segnaliamo un interessante commento (in inglese) di Larry Blasko appena pubblicato da Associated Press
TAG: sw
142 Commenti alla Notizia Chi si è dimenticato del Basic?
Ordina
  • ...mica mi arresteranno, pero` mi tocchera` montare il deflettore per commenti negativi... eh pazienza...

    be', e` stato paragonato un po' al Basic, anche se non sono sicuro di cosa di preciso abbia in comune, forse la sintassi semplice e la mancanza di struttura, boh, comunque per certi versi e` simile. E` un po' come quel "Basic a basso livello", ma e` stato anche descritto (non solo da me) come un anello mancante nei linguaggi di programmazione. Ok, insomma... si', veniamo al dunque... si chiama L.in.o.l.e.u.m:

    http://anywherebb.com/linoleum.html

    la directory di Google lo descrive cosi`:

    http://directory.google.com/Top/Computers/Programm...
    Low-level INterfaced OverLanguage for Extremely Universal Machine-coding. Cross-platform ASM, almost 1:1 language to CPU instruction ratio, new way to address memory units (n-flat address space), easier than Assembly, still low-level interfaced, may be missing link in language types. [Open Source, WTOF PL]
    non+autenticato
  • Sul sito del KBASIC trovate un'ottima storia del BASIC, scritta da Andrea Marconi:

    http://www.kbasic.org/1/history.php3

    non+autenticato
  • Cosa mi dite di questo linguaggio quasi sconosciuto?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Cosa mi dite di questo linguaggio quasi
    > sconosciuto?

    : conta
    100 0 do
    i .
    loop ;

    che mi e' rimasto nel cuore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Cosa mi dite di questo linguaggio quasi
    > > sconosciuto?
    >
    > : conta
    > 100 0 do
    > i .
    > loop ;
    >
    >   che mi e' rimasto nel cuore.

    Sul Forth io ho imparato per la prima volta la logica polacca inversa...

    non+autenticato

  • > Sul Forth io ho imparato per la prima volta
    > la logica polacca inversa...
    >

    LOLSorride Forse la NOTAZIONE polacca inversa no? La logica è un'altra cosa
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Sul Forth io ho imparato per la prima
    > volta
    > > la logica polacca inversa...
    > >
    >
    > LOLSorride Forse la NOTAZIONE polacca inversa
    > no? La logica è un'altra cosa

    Io ho sempre usato calcolatrici scientifiche HP (HP67, bellissima)che come è noto usano la notazione polacca inversa. Quando ho scoperto il forth ho pensato: questo è il mio linguaggio. L'ho usato solo per esercizi anche perchè non lo conosceva nessuno.

  • - Scritto da: Anonimo
    > Cosa mi dite di questo linguaggio quasi
    > sconosciuto?

    Sconosciuto ? Mica tanto, Logo & Forth vanno alla stragrande col Lego Mindstorms... Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Cosa mi dite di questo linguaggio quasi
    > > sconosciuto?
    >
    > Sconosciuto ? Mica tanto, Logo & Forth vanno
    > alla stragrande col Lego Mindstorms... Occhiolino

    Raccontami che non so nulla, che è Lego Mindstorms?
    non+autenticato
  • > Raccontami che non so nulla, che è Lego
    > Mindstorms?

    hai presente i mattoncini lego?
    la lego ha fatto un "pc" che controlla motori, sensori ecc dei lego.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Raccontami che non so nulla, che è Lego
    > > Mindstorms?
    >
    > hai presente i mattoncini lego?
    > la lego ha fatto un "pc" che controlla
    > motori, sensori ecc dei lego.

    A, ecco, non lo sapevo. Credo che il forth venga usato principalmente per l'automazione industriale.
    L'inventore lo ha usato per scopi scientifici con un telescopio, credo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Cosa mi dite di questo linguaggio quasi
    > sconosciuto?

    Che non e' quasi sconosciuto. E' uno dei linguaggi piu' famosi. Non certo nei 10 linguaggi piu' famosi ma neanche molto piu' giu'
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Cosa mi dite di questo linguaggio quasi
    > > sconosciuto?
    >
    > Che non e' quasi sconosciuto. E' uno dei
    > linguaggi piu' famosi. Non certo nei 10
    > linguaggi piu' famosi ma neanche molto piu'
    > giu'

    Sono contento di sapere ciò. Puoi dirmi chi lo usa e per che cosa? A grandi linee si intende.
    Grazie
    non+autenticato
  • di tutto.

    Certo non e' semplicissimo, ma non si hanno le limitazioni presenti negli altri linguaggi di programmazione al alto livello.

    E volete mettere le performances Sorride

    Chissa' perche' pero' lo usano veramente in pochi Sorride)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
       
    > Chissa' perche' pero' lo usano veramente in
    > pochi Sorride)

    Forse la risposta la trovi nell'ultima linea dell'articolo:

    poche righe per ottenere tanto...
    Tante righe per ottenere poco... Sorride)))

    non+autenticato
  • "L'assembly è la base dell'universo."

    - Scritto da: Anonimo
    > di tutto.
    >
    > Certo non e' semplicissimo, ma non si hanno
    > le limitazioni presenti negli altri
    > linguaggi di programmazione al alto livello.
    >
    > E volete mettere le performances Sorride
    >
    > Chissa' perche' pero' lo usano veramente in
    > pochi Sorride)
    non+autenticato

  • > Chissa' perche' pero' lo usano veramente in
    > pochi Sorride)

    Io l'ho usato per anni per codare su Amiga, per un po' sono stato nella scena. Comunque una volta ho visto il sorgente di un gioco per Windows e DirectX scritto tutto in asm. Follia pura.

    TAD since 1995
  • Beh, io ho iniziato col 3870 (figlio del Fairchild F8), versione con EPROM da 4K "piggyback"... scrivevo con l'Apple ][ il codice in esadecimale consultando il Reference Manual della Mostek (che conservo ancora), programmavo la EPROM, la montavo e poi stavo a vedere quel che succedeva...
    E quando sono infine passato su Intel + TASM a volte mi vergognavo per la facilità con cui si potevano fare le cose...
    Beh, allora anch'io pensavo veramente che 640KB fossero un ammontare di memoria esagerato!
    Meno male che ho cambiato mestiere,
  • Ogni tanto torna (come un lupo mannaro) il terribile tema del Basic. Ogni volta si alza un coro dei nostalgici e (scusate)
    degli incompetenti. E per "farlo strano" l'incompetenza fiorisce anche dove nessuno (meglio: quasi nessuno) se l'aspetterebbe: nelle riviste del settore. Ricordo benissimo un'articolo del MC Microcomputer nel quale l'autore affermava che nella guerra santa dei anni 80 tra sostenitori di Pascal e pasticcioni di Basic fosse stata vinta dai "basichisti". Niente piu' lontano dalla realta'.
    1. Che il Visual Basic e' il linguaggio piu' usato non vuol dire niente. Che miliardi di mosche mangiano la m... non e' un esempio da seguire.
       2. Le incarnazioni moderne del Basic hanno prestato MOOOOOLTO di piu' da Pascal (e/o da Algol ed altri) di quanto hanno preso da BASIC originale (o di MS Basic, GW-BASIC ecc)
       3. Nel mondo di informatica spesso accade che prodotti di altissima qualita' muoiono e prodotti che fin dal inizio facevano schifo sotto ogni punto di vista hanno una vita lunghissima e "gloriosa".

    Che BASIC (forse alla pari con COBOL) fosse il peggiore linguaggio mai inventato era risaputo gia' nei anni 70. Per es. profesor Dijkstra (di cui molte idee sono "incorporate" nei diversi linguaggi moderni, Visual Basic compreso) ha sostenuto che l'insegnamento di BASIC dovrebbe essere punibile dalla legge. E aveva perfettamente ragione. Ve lo dico non soltanto come programmatore con piu' di 25 anni di esperienza lavorativa (in piu' di 30 linguaggi di programmazione) ma anche come docente dei metodi di programmazione.
       Non devi essere un docente universitario per capire certe cose. Lo puo' confermare per es. ogni insegnante di nuoto: meglio un'alievo che non sa assolutamente nuotare che uno che nuota con uno stile disparerato imparato dai collegi/famiglia/da solo ecc. Per insegnare a nuotare bene uno che ha gia' uno stile ci serve il doppio dello sforzo perche' prima li devi far scordare tutto che ha apreso finora. Lo stesso accade con i linguaggi di programmazione. Per un bravo programmatore di un pascal moderno imparare C e' la questione di 2 settimane. Ad un programmatore C per imparare Pascal ci vogliono 4 mesi. Per insegnare DAVVERO a programmare una persona che conosce soltanto BASIC ci vuole un bagno di sangue al confronto con insegnamento di programmazione ad una persona di uguali capacita' che di programmazione non sa proprio niente.
    Generalmente parlando l'invenzione di BASIC ha fatto molto piu' danni da quanti ha meriti. Non accetto argomenti che grazie al BASIC molte persone si sono avvicinate al computer e alla programmazione. Per primo - se non ci fosse BASIC sicuramente ci sarebbe stato qualcosaltro, perche i tempi erano maturi (non e' stato un colpo di genio, una cosa venuta dal nulla, il mondo "aspettava" i personal computer), E quel "qualcosa" sarebbe sicuramente meglio di BASIC in quanto peggio proprio non poteva essere.
    Lo stesso discorso vale per Windows. Molti dicono che grazie al Windows ecc (conoscete tutti la favola), invece le persone competenti come per es. Esther Schindler scrivono che l'unico contributo della M$ all'industria IT e' abituare gli utenti alla inaffidabilita' delle applicazioni e dei sistemi operativi. Anche per Windows il mondo era pronto. L'interfaccia ad icone, finestre e mouse inventata dalla Xerox, colta al volo dal Jobs e Wozniak Fan Apple e' stata soltanto miseramente scopiazzata dalla Microsoft che ha conquistato il mondo con l'immondo windows 3.1. Se non ci fosse stato Bill Gates scarsissimo come programmatore e grandissimo come traffichino potremmo avere qualcosa di piu' decente. Per es. GEM della Digital Research (amazzata dalla M$ dopo averci dato il primo degno di questo nome sistema operativo per i computer a 8 bit [CP/M ovviamente]. Oppure avremmo tutti un'Apple, un'Amiga, un'Atari invece di questa schifezza di PC. La storia del IBM PC e' un'altro tema per un bellissimo articolo.
    Ma torniamo ai linguaggi di programmazione: un altro esempio del linguaggio che ha conquistato il mondo nonostante che faceva proprio schifo era il C. Ma intendiamo ci bene - per primo il C e' stato un'ottimo linguaggio per scopo per il quale e' stato creato. Sbagliato e' stato soltanto usarlo come linguaggio general purpose. E' ancora piu' sbagliato e' stato usarlo come base per un linguaggio moderno (C++). Ma ne' Kerningham ne' Stroustrup erano stupidi, anzi ambedue sono tra i piu' grandi programmatori del mondo. Perche i loro linguaggi sono cosi' come sono e' un tema per un'altro articolo. Ma almeno il C ha dato al mondo un ottimo e portabile (proprio grazie al C) sistema operativo (Unix con tutta la famiglia). Basic non ha dato proprio niente. Ricordo benissimo i tempi quando tutte le riviste del settore erano piene di lunghissimi listati in BASIC. MA ERA BASIC davvero? E che facevano tutti 'sti PEEK e POKE ? Davano testimonianza che in BASIC come tale non si puo' fare pratticamente niente! Per qualsiasi cosa un pochino piu' complessa e/o piu' interessante si doveva usare le inclusioni in linguaggio macchina ecc. E questa triste eredita' sofre ancora oggi il suo piu' amato figlio: Visual Basic. E' facilissimo da imparare. Con pochi click di mouse si riesce a ottenere un programma "funzionante" e anche "bello". Ma appena "esci dal seminato", cerchi di fare qualcosa di cui non ha pensato la mamma microsoft ti acorgi che sei nella .... .

    Si accusa i veri programmatori (un tempo chiamati hacker, ma oggi grazie alla incompetenza dei media il termine viene percepito negativamente) che sono presuntuosi, invece la verita' e' ben diversa. I "visual-basichisti" sono i veri presuntuosi. La stragrande maggioranza di loro si dichiara "programmatori" mentre sono soltanto dei clickatori.
    Ma il futuro appartiene proprio a loro. Sicuramente.
    Perche'? Questo e' il tema per un'altro articolo.

    Gregorio Kus

    p.s. scusate il mio italiano. spero' che lo potete perdonare ad uno straniero. Mi esprimo meglio nei linguaggi artificiali Occhiolino
    non+autenticato
  • Mi scusi, ma credo che lei abbia completamente frainteso il senso del mio articolo. Non a caso io non ho citato affatto il Visual Basic, né ho detto che il BASIC sia meglio di altri linguaggi come il Pascal, il C.
    Inoltre se il BASIC è tuttora molto utilizzato per applicazioni didattico-scientifiche, evidentemente ci sara' un motivo... Non è detto che il Basic sia meglio del Pascal, o del C, ma comunque FA PARTE della storia dell'informatica, e se ora ritorna in voga vuol dire che alcune lacune sono state appianate nella sua struttura in quelle versioni compatte di cui si parlava nell'articolo.

    Il fatto poi di andare contro la massa, è un discorso che anche a me, dal punto di vista puramente accademico, piace. La realtà, pero', è che la massa si autogestisce e cerca di trovare le vie piu' semplici per raggiungere determinati risultati. Ad esempio la massa utilizza Windows invece di Linux. Ed a volte forse vale la pena cercare di capire il perché...

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mi scusi, ma credo che lei abbia
    > completamente frainteso il senso del mio
    > articolo. Non a caso io non ho citato
    > affatto il Visual Basic, né ho detto che il
    > BASIC sia meglio di altri linguaggi come il
    > Pascal, il C.

    Mi scusi, ma non era la mia intenzione polemizzare
    con autore del articolo che generalmente mi e' piaciuto.
    Polemizzavo con alcune tesi comparse nella discusione
    intorno al suo articolo. Una risposta ha gia' dato l'autore
    del "Che cosa state dicendo", ed io volevo in un certo
    senso completarla.

    > Inoltre se il BASIC è tuttora molto
    > utilizzato per applicazioni
    > didattico-scientifiche, evidentemente ci
    > sara' un motivo...

    Mi dispiace ma questa tesi e' piuttosto debole.
    Nel lontano 1977 qundo ero studente di informatica
    gia' ci insegnavano quanto e' obsoleto COBOL.
    Si usa finora.
    Si usa finora (proprio nei ambienti scientifici)
    FORTRAN, ma non per qualita' del linguaggio
    ma principalmente per qualita delle librerie
    numeriche "stracollaudate".

    > Non è detto che il Basic
    > sia meglio del Pascal, o del C, ma comunque
    > FA PARTE della storia dell'informatica, e se
    > ora ritorna in voga vuol dire che alcune
    > lacune sono state appianate nella sua
    > struttura in quelle versioni compatte di cui
    > si parlava nell'articolo.

    Non ne dubito. E l'ho pure scritto che i basic
    moderni hanno piu' del pascal che del basic classico.

    > Il fatto poi di andare contro la massa, è un
    > discorso che anche a me, dal punto di vista
    > puramente accademico, piace. La realtà,
    > pero', è che la massa si autogestisce e
    > cerca di trovare le vie piu' semplici per
    > raggiungere determinati risultati. Ad
    > esempio la massa utilizza Windows invece di
    > Linux. Ed a volte forse vale la pena cercare
    > di capire il perché...

    Io la risposta penso di averla trovata.
    Ma questo e' una altro discorso.

    Se si e' sentito offeso dal mio intervento
    le chiedo scusa. Davvero non era la mia
    intenzione, e davvero il suo articolo ritengo
    interessante. Specialmente che di questi "basic
    compatti" non so quasi niente.

    Cordiali saluti

    Gregorio Kus
  • - Scritto da: Anonimo:
    > Che BASIC (forse alla pari con COBOL) fosse
    > il peggiore linguaggio mai inventato era
    > risaputo gia' nei anni 70. Per es. profesor
    > Dijkstra (di cui molte idee sono
    > "incorporate" nei diversi linguaggi moderni,
    > Visual Basic compreso) ha sostenuto che
    > l'insegnamento di BASIC dovrebbe essere
    > punibile dalla legge.

    Mi scusi, volevo aggiungere che non sono affatto d'accordo con questa affermazione. Sarebbe come dire: "la lingua cinese è la peggiore mai inventata e quindi chi la insegna è punito dalla legge...".
    Non ha inoltre basi scientifiche perché con tutte le evoluzioni ed i dialetti, sicuramente c'è qualche linguaggio peggiore. E non perché venga considerato peggiore da qualcuno debba perdere di dignita'.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo:
    > > Che BASIC (forse alla pari con COBOL)
    > > fosse il peggiore linguaggio mai inventato
    > > era risaputo gia' nei anni 70. Per es.
    > > profesor Dijkstra (di cui molte idee sono
    > > "incorporate" nei diversi linguaggi moderni,
    > > Visual Basic compreso) ha sostenuto che
    > > l'insegnamento di BASIC dovrebbe essere
    > > punibile dalla legge.
    >
    > Mi scusi, volevo aggiungere che non sono
    > affatto d'accordo con questa affermazione.
    > Sarebbe come dire: "la lingua cinese è la
    > peggiore mai inventata e quindi chi la
    > insegna è punito dalla legge...".

    C'e' una bella differenza tra una lingua naturale
    e un linguaggio artificiale.

    > Non ha inoltre basi scientifiche perché con
    > tutte le evoluzioni ed i dialetti,
    > sicuramente c'è qualche linguaggio peggiore.

    E vabbe...
    Diciamo il peggiore di questi popolari.
    E ho spiegato il perche'.

    > E non perché venga considerato peggiore da
    > qualcuno debba perdere di dignita'.

    Nel caso delle invenzioni tecniche l'unica dignita'
    di cui si puo' parlare e' la dignita' professionale.
    E' questa il basic non ha mai avuta.

    Sa, quando si dice di un prodotto - "non e' un
    gran che ma il suo compito lo svolge in modo
    dignitoso". Questa frase sicuramente non puo'
    essere rivolta al basic (quello classico).
    Al Visual Basic penso di si'.
    Il suo compito - vuol dire scrivere velocemente
    piccole e semplici applicazioncini.

    Gregorio Kus

  • - Scritto da: Anonimo
    >    Ma torniamo ai linguaggi di
    > programmazione: un altro esempio del
    > linguaggio che ha conquistato il mondo
    > nonostante che faceva proprio schifo era il
    > C.

    Secondo me il C (procedurale, banale, stipido ecc.ecc.) è bellissimo !

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >    Ma torniamo ai linguaggi di
    > > programmazione: un altro esempio del
    > > linguaggio che ha conquistato il mondo
    > > nonostante che faceva proprio schifo
    > > era il C.

    > Secondo me il C (procedurale, banale,
    > stipido ecc.ecc.) è bellissimo !

    Si'. Piace anche a me. Quando lo uso per
    i scopi per cui e' nato. Un driver, una DLL
    di sistema, parti del kernel di un sistema operativo,
    programma per un microcontrollore. In questi casi
    sicuramente va meglio dell'assembler e' ci si riesce
    a fare pratticamente tutto. Ma per scrivere delle
    vere applicazioni? Diciamo da 50 mila righe di
    codice in su?

    Cordiali saluti

    Gregorio Kus
  • - Scritto da: Anonimo
    > ragione. Ve lo dico non soltanto come
    > programmatore con piu' di 25 anni di
    > esperienza lavorativa (in piu' di 30
    > linguaggi di programmazione)

    Mmm... immagino a che profondità di utilizzo tu sia arrivato in ognuno di questi... mmm... gustoso... ma proseguiamo...


    > Generalmente parlando l'invenzione di BASIC
    [CUT]
    > e' un'altro tema per un bellissimo articolo.
    [CUT]
    >    Ma torniamo ai linguaggi di
    [CUT]
    > erano piene di lunghissimi listati in BASIC.

    Mah... delirante... sono sempre più perplesso...


    > macchina ecc. E questa triste eredita' sofre
    > ancora oggi il suo piu' amato figlio: Visual
    > Basic. E' facilissimo da imparare. Con pochi
    > click di mouse si riesce a ottenere un
    > programma "funzionante" e anche "bello". Ma
    > appena "esci dal seminato", cerchi di fare
    > qualcosa di cui non ha pensato la mamma
    > microsoft ti acorgi che sei nella .... .

    ... tutto questo casino per arrivarci a dire che TU non sai usare la API di Windows da VB?
    Potevi dirlo con 2 righe, cribbio!
    Ma se vuoi ti faccio un corso... ah non preoccuparti, non costo molto.


    > diversa. I "visual-basichisti" sono i veri
    > presuntuosi. La stragrande maggioranza di
    > loro si dichiara "programmatori" mentre sono
    > soltanto dei clickatori.

    Vienimi a trovare... Expert System S.p.A., Modena... vediamo se sono solo un cliccatore.
    E non è presunzione questa, solo della gran bella convinzione dei propri mezzi.


    Aloha!
    Zeross
    1303

  • - Scritto da: Zeross
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ragione. Ve lo dico non soltanto come
    > > programmatore con piu' di 25 anni di
    > > esperienza lavorativa (in piu' di 30
    > > linguaggi di programmazione)
    >
    > Mmm... immagino a che profondità di utilizzo
    > tu sia arrivato in ognuno di questi...
    > mmm... gustoso... ma proseguiamo...

    cominciamo subito con le invettive?
    Non e' difficile impadronirsi ad alto livello
    di un nuovo linguaggio di programmazione
    se si e' gia' programmatore di alto livello
    di una altro linguaggio DELLO STESSO PARADIGMA.
    Come ho scritto - per uno che conosce un Pascal
    moderno diventare un bravo programmatore C
    e questione di poche settimane.
    Per un bravo programmatore C++ diventare bravo
    in Java e' roba da poco. Non e' linguaggio che fa la
    differenza ma le librerie.

    > > Generalmente parlando l'invenzione di BASIC
    > [CUT]
    > > e' un'altro tema per un bellissimo articolo.
    > [CUT]
    > >    Ma torniamo ai linguaggi di
    > [CUT]
    > > erano piene di lunghissimi listati in BASIC.

    > Mah... delirante... sono sempre più
    > perplesso...

    delirante?
    Mi sbarazzo volentieri dei annali di riviste
    della fine degli anni 80 inizio 90.

    > > Visual Basic. E' facilissimo da imparare.
    > > Con pochi click di mouse si riesce a ottenere
    > > un programma "funzionante" e anche "bello".
    > > Ma appena "esci dal seminato", cerchi di fare
    > > qualcosa di cui non ha pensato la mamma
    > > microsoft ti acorgi che sei nella .... .

    > ... tutto questo casino per arrivarci a dire
    > che TU non sai usare la API di Windows da VB?

    No, non sto dicendo questo.
    E tu involontariamente stai soltanto confermando
    la mia tesi: in BASIC cosi' come e' non riesci a fare
    molto. Un tempo dovevi usare PEEK e POKE,
    oggi devi usare le API di Windows.

    > Potevi dirlo con 2 righe, cribbio!
    > Ma se vuoi ti faccio un corso... ah non
    > preoccuparti, non costo molto.

    Grazie. Mi basta e avanza Jerffrey Richter.
    Per le API di Windows.
    Ma sicuramente non le utilizzero' da VB.
    Io sono in una posizione comfortevole: ho tanto
    lavoro che lo posso scegliere, e quando qualcuno
    mi propone un lavoro con la condizione "deve essere
    fatto in VB" io semplicemente rispondo "grazie,
    no fa per me" e me ne vado.
    Io nella mia professione uso i tool professionali.
    Questo per primo. Per secondo - non uso mai
    niente di M$ se lo posso evitare. Per motivi etici.

    > > diversa. I "visual-basichisti" sono i veri
    > > presuntuosi. La stragrande maggioranza di
    > > loro si dichiara "programmatori" mentre
    > > sono soltanto dei clickatori.
    >
    > Vienimi a trovare... Expert System S.p.A.,
    > Modena... vediamo se sono solo un
    > cliccatore.

    non ho bisogno.
    Anche nella frase che hai citato si legge
    chiaramente che non dubito nella esistenza
    dei bravi programmatori VB. Ho pure
    conosciuti alcuni di persona oppure letto i loro libri.

    > E non è presunzione questa, solo della gran
    > bella convinzione dei propri mezzi.

    mi congratulo con te.

    cordiali saluti

    Grego
  • - Scritto da: Grego
    > cominciamo subito con le invettive?

    No, semplice perplessità... imho non serve a molto imparare 30 linguaggi diversi... posso capire 2/3, ma 30 è fuori da ogni logica.
    Cmq de gustibus...


    > delirante?
    > Mi sbarazzo volentieri dei annali di riviste
    > della fine degli anni 80 inizio 90.

    Delirante nel senso che il discorso era lungo 2 Km e diceva poco o niente di interessante.
    Cmq de gustibus...


    > No, non sto dicendo questo.
    > E tu involontariamente stai soltanto
    > confermando
    > la mia tesi: in BASIC cosi' come e' non
    > riesci a fare
    > molto. Un tempo dovevi usare PEEK e POKE,
    > oggi devi usare le API di Windows.

    Ma scusa.. perchè con il C/C++ è diverso???
    Quando fai una CreateWindow cosa stai invocando?
    Nonna Papera??


    Zeross
    1303

  • - Scritto da: Zeross
    > - Scritto da: Grego
    > > cominciamo subito con le invettive?
    >
    > No, semplice perplessità... imho non serve a
    > molto imparare 30 linguaggi diversi... posso
    > capire 2/3, ma 30 è fuori da ogni logica.
    > Cmq de gustibus...

    Se 30 sono tanti, 2/3 sono sicuramente pochi. Evidentemente il tuo orizzonte e' molto limitato.
    Considera che solo tra i linguaggi piu' famosi ce ne sono 2/3 che vale la pena imparare (Java/C#, C, C++, Pascal in effetti sono quattro).
    Se poi vuoi avere una panoramica piu' ampia ti devi guardare come minimo qualche linguaggio funzionale. Nei linguaggi funzionali ci sono tre famiglie principali: quella del LISP, quella di ML e quella di Miranda (derivato da ML ma con differenze sostanziali). E sono altri 3 da imparare. Poi si puo' passare a imparare un linguaggio di programmazione logica. La programmazione logica non la conosco bene quindi non mi pronuncio ma ci vorrebbe almeno un linguaggio.
    Poi sarebbe interessante vedere un linguaggio OO un po' diverso dal solito come Smalltalk, e un linguaggio OO veramente completo come Eiffel. A questo punto vale la pena di dedicarsi a qualche linguaggio di scripting: Perl? Ruby? Python...
    Poi ci sono i linguaggi famosi per essere costruiti attorno ad una idea: APL, Forth...
    E questa e' una goccia nel mare. Quanti ne' ho detti? 12. Con una dozzina di linguaggi cominci ad essere sulla buona strada nel conoscere la programmazione.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)