Claudio Tamburrino

Google, motivazioni che minano il Web

Primo commento a caldo alla sentenza Vividown: come dopo la condanna vede nella sentenza un attacco a tutta la Rete

Roma - "La condanna attacca i principi su cui si basa il Web": solo una nota da parte di Mountain View per commentare a caldo le motivazioni della sentenza Vividown che ha visto tre dirigenti Google condannati per violazione della privacy per un video caricato da un utente su Google Video.

Google ha espresso inoltre l'intenzione di ricorrere in appello.

"Come abbiamo detto nel momento in cui la sentenza è stata annunciata, questa condanna attacca i principi stessi su cui si basa Internet". La questione, afferma Google va oltre il singolo caso e riguarda la filosofia e la natura stessa della Rete: "Se questi principi non venissero rispettati, il Web così come lo conosciamo cesserebbe di esistere e sparirebbero molti dei benefici economici, sociali, politici e tecnologici che porta con sé. Si tratta di importanti questioni di principio ed è per questo che noi e i nostri dipendenti faremo appello contro questa decisione".
Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • Diritto & InternetUna sentenza piccola piccola...di G. Scorza - 111 pagine per motivare la condanna dei dirigenti Google nel caso Vividown. Molto frastuono mediatico, nessun riferimento alla Direttiva sul commercio elettronico
  • AttualitàCaso Vividown, le motivazioniDa un documento di oltre cento pagine, i primi estratti per spiegare il perché della condanna ai tre dirigenti di Google. Informativa sulla privacy del tutto carente e un principio: Internet non è una prateria
4 Commenti alla Notizia Google, motivazioni che minano il Web
Ordina
  • Da quello che ho capito io (correggetemi se sbaglio), il giudice ha condannato i dirigenti italiani per violazione della legge sulla privacy, perché avrebbero dovuto rendere le condizioni d'uso più chiare e accessibili.

    Li ha *assolti* dall'accusa di concorso in diffamazione: cioè il giudice da loro ragione e dice che Google non è responsabile delle azioni di chi ha commesso il reato.

    Capisco le esigenze narrative, ma mi pare si stia drammatizzando fino all'eccesso...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paracelso
    > Da quello che ho capito io (correggetemi se
    > sbaglio), il giudice ha condannato i dirigenti
    > italiani per violazione della legge sulla
    > privacy, perché avrebbero dovuto rendere le
    > condizioni d'uso più chiare e
    > accessibili.

    www.youtube.it

    Premetto che manco sono iscritto. In 2 minuti ho trovato questo:

    9.2 Lei accetta di non pubblicare o caricare alcun Contributo Utente che contenga contenuto che per lei sia illegale possedere nel paese in cui lei è residente, o che sarebbe illegale per YouTube usare o possedere in relazione alla fornitura dei Servizi.

    9.3 Lei accetta di non caricare o pubblicare alcun Contributo Utente che sia soggetto a diritti proprietari di terzi (compresi diritti di privacy o diritti di pubblicazione), a meno che lei non abbia una licenza formale od un permesso da parte del titolare legittimo a pubblicare il materiale in questione ed a concedere a YouTube la licenza di cui al successivo paragrafo 10.1.

    16.6 I Termini e la sua relazione con YouTube in base ai presenti Termini saranno disciplinati dalla legge Inglese. Lei e YouTube accettate di sottoporvi alla giurisdizione esclusiva dei tribunali Inglesi per risolvere qualsiasi questione legale derivante dai Termini. Nonostante questo, lei accetta che YouTube resti ancora autorizzata ad effettuare decreti ingiuntivi (o altro tipo equivalente di rimedio legale urgente) in qualsiasi giurisdizione.

    Mi pare abbastanza chiaro.
    non+autenticato
  • Che c'entra YouTube?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paracelso
    > Che c'entra YouTube?

    YouTube è il server incriminato, Google è il padrone del server.
    YouTube = Google