Giorgio Pontico

E-reader, un 2010 di fuoco?

Secondo i dati presentati dai produttori di display per i lettori di ebook ci sarebbe stata un'impennata delle ordinazioni. E intanto c'è chi affila le armi per accaparrarsi quote di mercato

Roma - La letteratura del futuro prossimo passerà per e-paper e cristalli liquidi. Il numero di e-reader in circolazione starebbe aumentando in maniera vertiginosa, a dimostrazione della crescente popolarità di uno strumento che proprio quest'anno, secondo gli esperti, dovrebbe vedere la propria consacrazione come gadget quasi irrinunciabile. Gli ordini per display e-paper hanno raggiunto nel corso del 2009 oltre cinque milioni di unità, che per Hiroshi Hayase, di DisplaySearch, significano altrettanti e-reader prodotti e venduti nello stesso periodo.

"Questa crescita - ha sottolineato Hayase - è significativa della fiducia che il pubblico ripone in questi device grazie anche alla diffusione di ebook combinata con lo sviluppo di prodotti sempre più raffinati. Se questo trend si manterrà, durante la prima metà del 2010 gli ordinativi dovrebbero aumentare ancora".

Interessanti inoltre i formati maggiormente richiesti: il 66,33 per cento delle consegne riguarda schermi da sei pollici, seguiti a grande distaza da quelli da 9,7 (16,6 per cento) e da cinque pollici (14,1 per cento). Pressoché insignificante la produzione di display da 8,1 (2,8 per cento) e 10,2 (0,2 per cento).

I produttori non sembrano volersi comunque fermare, e dopo Kindle 2 e altri device simili presentati recentemente Barnes&Noble starebbe preparando gli eredi del suo Nook, che secondo gli addetti ai lavori dovrebbero vedere la luce entro la fine del 2010. In sostanza si tratterà di due versioni rivisitate dell'attuale modello: la prima denominata "lite" anche per via della paventata assenza di un modulo 3G, mentre la seconda sostituirà in toto il Nook in commercio. Entrambe dovrebbero essere equipaggiate con un browser per la navigazione, anche se non sono stati forniti ulteriori dettagli sulla dotazione software dei dispositivi.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • TecnologiaEreader: a me gli occhiLe interfacce di interazione uomo-macchina basate sull'eye tracking potrebbero trovare la loro più naturale applicazione nell'ambito degli ebook reader. Un gruppo di ricercatori tedeschi ha già mostrato le proprie idee in proposito
  • AttualitàEbook, lavori in corsoMentre Mondadori annuncia l'esordio nel mercato dei libri digitali, arriva un nuovo formato che integra componenti social e cerca di imporsi nella selva di specifiche differenti. È un mercato ancora tumultuoso
  • TecnologiaeBook, eReader eAltroBernabé annuncia una piattaforma italiana di contenuti elettronici. Secondo lui in grado di razionalizzare il mercato nazionale di libri e riviste digitali. Intanto Kindle sbarca sui Mac e punta iPad
6 Commenti alla Notizia E-reader, un 2010 di fuoco?
Ordina
  • Per chi fosse indeciso tra i due fornisco una piccola modesta comparazione avendoli provati entrambi:

    Nook:

    + WiFi
    + 3G (solo x connettersi allo store BarnesNoble)
    + Bookmarks e dizionario
    - Troppo pesante
    -- autonomina della batteria

    Cybook Gold:

    + Leggerissimo
    + Avvio veloce
    ++ Autonomia della batteria molto buona
    - Niente bookmarks su epub

    Piu in dettaglio, il WiFi non serve a nulla se non a collegarsi allo store della BarnesNobles, dove a parte leggere qualche trafiletto ci fai ben poco, gli Europei infatti non possono acquistare nulla delle riviste.
    Poca autonomia della batteria, sarà forse per il wifi e per il doppio schermo, alla fine secondo me appesantiscono inutilmente.

    Utile invece la possibilità di aggiungere bookmarks e note, totalmente assente sul firmware testato del Cybook, ora l'hanno aggiornato non so dire se questa funzione è stata aggiunta o meno.

    Altro lato positivo del nook, esistono hack su internet ke ti permettono di installare programmi su Android, il sistema che ci sta dietro, ho visto c'è un browser e un lettore di RSS che possono essere utili per i piu smanettoni.

    Di contro il Cybook ha una autonomina della batteria decisamente superiore, ed è leggerissimo, percui si presta benissimo ad essere portato con se in lunghi viaggi, decisamente interessante a chi non interessano gli altri fronzoli.

    Se avesse i bookmarks e le note mi sentirei di consigliarlo.
    non+autenticato
  • In verità, i segnalibri per il mitico formato ePub non sono ancora supportati. Non so se in generale, o in particolare per l'attuale firmware del Cybook. Comunque, anche io consiglio 40000 volte più il Cybook rispetto agli altri lettori di libri elettronici.
    A mio avviso, se uno vuole veramente leggere libri dall'inizio alla fine (niente manuali da consultare o libri da studiare con relativi appunti e foglietti etc), un libro elettronico basato su E Ink è quello che ci vuole. La leggerezza e praticità, oltre all'estrema durata di batteria ne faranno un compagno di lettura insostituibile.
    Purtroppo, l'attuale tendenza delle aziende che producono eReaders è di infarcirli con inutili accessori, trasformandoli in costosi gadgets proprio quando il prezzo di un eReader "nudo e crudo" sta ormai diventando interessante. Questo lo faranno magari perché vogliono guadagnare di più dalla vendita di questi oggetti: basta metterci il touch screen o la wireless(!!) che l'eReader ti diventa (costosissimo e) alla moda, super-fico e quant'altro. Ovviamente, perdendo per strada l'unico scopo per cui dovrebbe essere usato, ossia la lettura dei libri e stop.
    Questo è ovviamente il mio parere, poi ciascuno è liberissimo di comprarsi il nook o l'iPad (anche se sono cosciente che l'obiettivo di quest'ultimo sia diverso).
    non+autenticato
  • > basato su E Ink è quello che ci vuole. La
    > leggerezza e praticità, oltre all'estrema durata
    > di batteria ne faranno un compagno di lettura
    > insostituibile.

    ti quoto alla grande il vantaggio dell'e-ink è la comodità di lettura e la praticità di portarsi dietro molti libri in poco spazio e con poco peso.
    > più dalla vendita di questi oggetti: basta
    > metterci il touch screen o la wireless(!!)

    il touch lo vedo tutto sommato abbastanza pratico per migliorare l'ergonomia di utilizzo. Il wireless un poco meno anche perché i display e-ink sono abbastanza scomodi da usare per navigare o in tutte le altre situazioni dove una velocità bassa di refresh rimane alquanto fastidiosa.

    > Questo è ovviamente il mio parere, poi ciascuno è
    > liberissimo di comprarsi il nook o l'iPad (anche
    > se sono cosciente che l'obiettivo di quest'ultimo
    > sia
    > diverso).

    quoto.
  • Il wi-fi credo che non abbia lo scopo della navigazione, che è sinceramente sacrificata su uno schermo non adatto a quello scopo. Ma può essere ottimo per connettersi a internet per altri motivi: vedi scaricare libri e feed gratuitamente (mi ricordo l'ottimo applicazione per feedbooks).

    Il touch alla iRex trovo che sia anche utile (prendere note è figo), ma quello sì che fa aumentare costi e consumi.

    In definitiva quello che sento mancare negli e-reader attuali è la possilità di fare ricerche nel testo e di mettere bookmark su ogni formato.
  • Scusa, io conosco il Gen3, l'Opus, e il prossimo Orizon.
    Cos'è il Cybook Gold?

    Il Gen3 (il primo che ha sfondato) peraltro legge Mobipocket, e dunque supporta i dizionari.
  • - Scritto da: JosaFat
    > Scusa, io conosco il Gen3, l'Opus, e il prossimo
    > Orizon.
    > Cos'è il Cybook Gold?
    >
    Il Cybook Gold è l'ultima versione del Cybook Gen3 (e tra parentesi, modestamente è quello che ho ioA bocca aperta) Il nome completo sarebbe "Cybook Gen3 Gold". Ha un processore più veloce (--> ci vuole meno di mezzo secondo a cambiar pagina) e se non erro ha 1 Gb di memoria interna al posto dei 512 Mb della versione "base". Credo che attualmente chi vende Cybook Gen3 lo venda in versione "Gold" (ma è sempre meglio informarsi prima di acquistare =))


    > Il Gen3 (il primo che ha sfondato) peraltro legge
    > Mobipocket, e dunque supporta i
    > dizionari.
    Esatto, con il firmware 1.5 (che permette di leggere Mobipocket ma non ePub) il Gen3 supporta i dizionari. Ovvero, puoi installare un dizionario in formato .mobi (o .prc, che è lo stesso, credo) e avrai l'opzione di cercare una parola nel dizionario selezionandola nella pagina attualmente visualizzata. A quanto pare però sembra che ePub sia un formato che a lungo andare sarà più portato al successo, quindi al momento io uso il firmware 2.0 (non fatevi ingannare dai numeri: l'1.5 e il 2.0 hanno la stessa età, hanno nomi diversi solo perché leggono formati diversi). Anche a me fa molto comodo usare il dizionario, ma ho raggiunto un compromesso: ho installato il Mobipocket reader sul cellulare e ci ho messo su il dizionario mobi di Wordnet (ottimo dizionario di inglese gratuito). Così se mentre leggo trovo una parola che non conosco (leggo praticamente solo libri in inglese: trovo difficile leggere ad esempio Terry Pratchett in italiano, per quanto abile sia stato il traduttore) basta dar di piglio al fedele cellularino e chiedere lumiSorride
    non+autenticato