Per la prima volta PC in calo

Sarebbe in assoluto la prima contrazione del settore. La previsione è contenuta in uno studio dei consulenti di U.S. Bancorp, secondo cui questo trimestre e il prossimo porteranno una storica prima contrazione

New York (USA) - Il mercato dei personal computer non ha mai smesso di espandersi e nonostante l'assalto di telefonini, palmari ed info-appliance, in questi anni ha continuato, pur tra le difficoltà, la propria crescita. Ora questa tendenza si è conclusa e alla fine di quest'anno il mercato avrà subito una contrazione, vi saranno cioè state meno vendite dell'anno scorso.

A sostenere questa previsione dai toni clamorosi è Ashok Kumar, autore di un rapporto dei consulenti di U.S. Bancorp Piper Jaffray, un gruppo di analisti di primo livello secondo cui questo trimestre si chiuderà con lacrime e sangue per l'industria dei PC. Il prossimo trimestre, prevedono, si chiuderà ancor peggio. "Per risalire - spiega Kumar - l'ultimo trimestre dovrebbe segnare una crescita del 20 per cento, un dato alquanto improbabile".

Le previsioni di Kumar riguardano l'industria americana, quella che esporta personal computer praticamente in tutto il mondo. Americani sono anche i maggiori produttori di personal computer e le conseguenze della contrazione non si faranno attendere. Secondo Kumar a risentirne entro la fine dell'anno saranno i produttori di processori, prima tra tutti Intel, che vedranno scendere i propri titoli non appena la "storica contrazione" sul mercato dei PC diventerà palese.
TAG: hw
13 Commenti alla Notizia Per la prima volta PC in calo
Ordina
  • No, invece è un fatto clamoroso. Sono 20 anni che esistono i Pc e in 20 anni le vendite sono sempre aumentate. Perchè il computer (che molti danno per scontato) in realtà non lo è affatto: è uno strumento complesso, per molti addirittura ostico (parlo per esperienza visto che ho insegnato ad usare il computer a centinaia di persone).

    Ma, come ci insegnano i filosofi, tutto cambia. Forse stiamo entrando in una nuova fase storica. Una fase in cui il computer è ormai entrato nelle case di tutti (un pò come il televisore o il telefono) e quindi è normale che le vendite siano in calo, adesso.

    Le vendite non calano, come dice qualcuno, perchè la gente non è in grado di comprare un nuovo computer ogni anno. Calano perchè probabilmente ormai ce l'hanno tutti( o quasi). E questo secondo me è un fatto positivo.

    Perchè erano 20 anni che aspettavo questo momento!



    non+autenticato
  • E se ci fossimo arenati?? leggevo qualche tempo fa su una rivista di come alla fine il pc non si sia evoluto molto in questi ultimi anni... attenzione sotto il punto di vista della crescita evolutiva che c'è stata negli anni 80!!

    ed effettivamente ultimamente le grandi battaglie sono state soprattutto sotto il profilo della frequenza di clock.

    lo so che è facile dirsi soprattutto sapendo cosa c'è dietro una progettazione di un circuito elettronico.

    Però alla fine grandi cambiamenti non ce ne sono stati, si scrive con la tastiera si punta col mouse.. e se ci fossimo arenati come i produttori di automobili?
    non+autenticato
  • Capito perchè si è buttata anche sui videogiochi?
    Prevedeva da tempo una contrazione sui PC tradizionali e con marketing che funziona ha diversificato per bene.
    non+autenticato
  • Ma pensavano veramente che la gente avrebbe cambiato il PC ogni anno?
    Ma pensano che le tasche delle persone siano a capacità infinita come le loro?
    Uno lavora, paga laffito, il mangiare. Si compra magari il PC, ma poi basta.
    Si sono basati su metodi previsionali basati sulla crescita, ma anno dimenticato che la poplazione mondiale che ha i soldi per un PC è limitata, e quando tutti lo hanno, soprattutto quelli moderni che hanno potenza ben superiore alle necessità medie di un utente (io con il mio K6200 vado benone in quasi qualsiasi cosa, anche grafica con Photoshop, e da quando ho l'upgrade a 128Mb, anche the Gimp va alla grande), quelle persone che rappresentano la massa si quarderanno nelle tasche e penseranno se cambiare un PC che fa egregiamente il suo compito, proposto solamente dai pubblicitari, che se non hai il 5Ghz non riesci a fari girare nulla. A tale scopo gli utenti penseramnno per benino se cambiare SO quando si accorgeranno che XP & co richiederanno un'hardware spaventoso solo per far vedere qualche colorino in più. Poi si chiedereanno se quel colorino in più valga la cifra di 2/3 milioni.
    Quando il traders si rende conto che i cittadini hanno una testa, e seguono le cose logiche, e non le statistiche e le previsioni di vendita, ecco che la notizia mi sembra tutto fuorchè clamorosa
    non+autenticato

  • Concordo appieno, al 100%.
    La gente cominica a capire che è inutile cambiare pc per usare office 2000 quando office 97 va ancora benissimo!!!

    - Scritto da: l <MCfc>
    > Ma pensavano veramente che la gente avrebbe
    > cambiato il PC ogni anno?
    > Ma pensano che le tasche delle persone siano
    > a capacità infinita come le loro?
    > Uno lavora, paga laffito, il mangiare. Si
    > compra magari il PC, ma poi basta.
    > Si sono basati su metodi previsionali basati
    > sulla crescita, ma anno dimenticato che la
    > poplazione mondiale che ha i soldi per un PC
    > è limitata, e quando tutti lo hanno,
    > soprattutto quelli moderni che hanno potenza
    > ben superiore alle necessità medie di un
    > utente (io con il mio K6200 vado benone in
    > quasi qualsiasi cosa, anche grafica con
    > Photoshop, e da quando ho l'upgrade a 128Mb,
    > anche the Gimp va alla grande), quelle
    > persone che rappresentano la massa si
    > quarderanno nelle tasche e penseranno se
    > cambiare un PC che fa egregiamente il suo
    > compito, proposto solamente dai
    > pubblicitari, che se non hai il 5Ghz non
    > riesci a fari girare nulla. A tale scopo gli
    > utenti penseramnno per benino se cambiare SO
    > quando si accorgeranno che XP & co
    > richiederanno un'hardware spaventoso solo
    > per far vedere qualche colorino in più. Poi
    > si chiedereanno se quel colorino in più
    > valga la cifra di 2/3 milioni.
    > Quando il traders si rende conto che i
    > cittadini hanno una testa, e seguono le cose
    > logiche, e non le statistiche e le
    > previsioni di vendita, ecco che la notizia
    > mi sembra tutto fuorchè clamorosa
    non+autenticato
  • Concordo pienamente.
    Il problema è generale: il nostro sistema economico potrebbe essere definito come "drogato dal segno +".
    Tutto ciò che è in espansione è buono; quando la crescita rallenta (attenzione non decrescita, ma rallentamento della crescita) è un dramma.
    Il nostro mondo ha dei limiti: solo gli illusi e quelli in mala fede possono credere ad una espansione infinita.

    - Scritto da: l <MCfc>
    > Ma pensavano veramente che la gente avrebbe
    > cambiato il PC ogni anno?
    > Ma pensano che le tasche delle persone siano
    > a capacità infinita come le loro?
    > Uno lavora, paga laffito, il mangiare. Si
    > compra magari il PC, ma poi basta.
    > Si sono basati su metodi previsionali basati
    > sulla crescita, ma anno dimenticato che la
    > poplazione mondiale che ha i soldi per un PC
    > è limitata, e quando tutti lo hanno,
    > soprattutto quelli moderni che hanno potenza
    > ben superiore alle necessità medie di un
    > utente (io con il mio K6200 vado benone in
    > quasi qualsiasi cosa, anche grafica con
    > Photoshop, e da quando ho l'upgrade a 128Mb,
    > anche the Gimp va alla grande), quelle
    > persone che rappresentano la massa si
    > quarderanno nelle tasche e penseranno se
    > cambiare un PC che fa egregiamente il suo
    > compito, proposto solamente dai
    > pubblicitari, che se non hai il 5Ghz non
    > riesci a fari girare nulla. A tale scopo gli
    > utenti penseramnno per benino se cambiare SO
    > quando si accorgeranno che XP & co
    > richiederanno un'hardware spaventoso solo
    > per far vedere qualche colorino in più. Poi
    > si chiedereanno se quel colorino in più
    > valga la cifra di 2/3 milioni.
    > Quando il traders si rende conto che i
    > cittadini hanno una testa, e seguono le cose
    > logiche, e non le statistiche e le
    > previsioni di vendita, ecco che la notizia
    > mi sembra tutto fuorchè clamorosa
    non+autenticato


  • - Scritto da: Alessandro
    > Concordo pienamente.
    > Il problema è generale: il nostro sistema
    > economico potrebbe essere definito come
    > "drogato dal segno +".
    > Tutto ciò che è in espansione è buono;
    > quando la crescita rallenta (attenzione non
    > decrescita, ma rallentamento della crescita)
    > è un dramma.
    > Il nostro mondo ha dei limiti: solo gli
    > illusi e quelli in mala fede possono credere
    > ad una espansione infinita.
    >
    perfettamente vero gli indutriali se guadagnano un po meno dell'anno prima piangono .... anche se questi guadagni sono altissimi
    non+autenticato
  • E io col il mio vecchio P150, peraltro già comprato nel '98 come fondo di magazzino, con 96 MB di RAM ed il vecchio W95 ci vado ancora alla grande.
    Anzi, più che alla grande!


    - Scritto da: l <MCfc>
    > Ma pensavano veramente che la gente avrebbe
    > cambiato il PC ogni anno?
    > Ma pensano che le tasche delle persone siano
    > a capacità infinita come le loro?
    > Uno lavora, paga laffito, il mangiare. Si
    > compra magari il PC, ma poi basta.
    > Si sono basati su metodi previsionali basati
    > sulla crescita, ma anno dimenticato che la
    > poplazione mondiale che ha i soldi per un PC
    > è limitata, e quando tutti lo hanno,
    > soprattutto quelli moderni che hanno potenza
    > ben superiore alle necessità medie di un
    > utente (io con il mio K6200 vado benone in
    > quasi qualsiasi cosa, anche grafica con
    > Photoshop, e da quando ho l'upgrade a 128Mb,
    > anche the Gimp va alla grande), quelle
    > persone che rappresentano la massa si
    > quarderanno nelle tasche e penseranno se
    > cambiare un PC che fa egregiamente il suo
    > compito, proposto solamente dai
    > pubblicitari, che se non hai il 5Ghz non
    > riesci a fari girare nulla. A tale scopo gli
    > utenti penseramnno per benino se cambiare SO
    > quando si accorgeranno che XP & co
    > richiederanno un'hardware spaventoso solo
    > per far vedere qualche colorino in più. Poi
    > si chiedereanno se quel colorino in più
    > valga la cifra di 2/3 milioni.
    > Quando il traders si rende conto che i
    > cittadini hanno una testa, e seguono le cose
    > logiche, e non le statistiche e le
    > previsioni di vendita, ecco che la notizia
    > mi sembra tutto fuorchè clamorosa
    non+autenticato
  • Sono fondamentalmente d'accordo.
    Mi chiedo inoltre quale sarà la politica Microsoft in futuro per il PC, dato che la maggior parte delle copie vendute dei loro SO sono quelle date in bundle con i nuovi computer...

    Basilios
    non+autenticato

  • Spostare la sua fonte primaria di fatturato dal desktop ad altre fonti. Per esempio i prodotti per l'enterprise (SO server e prodotti BackOffice), servizi (MSN ma anche di tipo tradizionale come la consulenza) e Xbox.

    - Scritto da: Basilios
    > Sono fondamentalmente d'accordo.
    > Mi chiedo inoltre quale sarà la politica
    > Microsoft in futuro per il PC, dato che la
    > maggior parte delle copie vendute dei loro
    > SO sono quelle date in bundle con i nuovi
    > computer...
    >
    > Basilios
    non+autenticato
  • Ma non solo, i programmi che sfruttano di più l'hardware guarda caso sono i giochi, ma per giocare devi fare un upgrade da milioni, mentre ti puoi tenere il tuo pc x lavorare ed in salotto una playstation.... e ci risparmi alla grande!

    - Scritto da: l <MCfc>
    > Ma pensavano veramente che la gente avrebbe
    > cambiato il PC ogni anno?
    > Ma pensano che le tasche delle persone siano
    > a capacità infinita come le loro?
    > Uno lavora, paga laffito, il mangiare. Si
    > compra magari il PC, ma poi basta.
    > Si sono basati su metodi previsionali basati
    > sulla crescita, ma anno dimenticato che la
    > poplazione mondiale che ha i soldi per un PC
    > è limitata, e quando tutti lo hanno,
    > soprattutto quelli moderni che hanno potenza
    > ben superiore alle necessità medie di un
    > utente (io con il mio K6200 vado benone in
    > quasi qualsiasi cosa, anche grafica con
    > Photoshop, e da quando ho l'upgrade a 128Mb,
    > anche the Gimp va alla grande), quelle
    > persone che rappresentano la massa si
    > quarderanno nelle tasche e penseranno se
    > cambiare un PC che fa egregiamente il suo
    > compito, proposto solamente dai
    > pubblicitari, che se non hai il 5Ghz non
    > riesci a fari girare nulla. A tale scopo gli
    > utenti penseramnno per benino se cambiare SO
    > quando si accorgeranno che XP & co
    > richiederanno un'hardware spaventoso solo
    > per far vedere qualche colorino in più. Poi
    > si chiedereanno se quel colorino in più
    > valga la cifra di 2/3 milioni.
    > Quando il traders si rende conto che i
    > cittadini hanno una testa, e seguono le cose
    > logiche, e non le statistiche e le
    > previsioni di vendita, ecco che la notizia
    > mi sembra tutto fuorchè clamorosa
    non+autenticato


  • - Scritto da: Lorenzo
    > Ma non solo, i programmi che sfruttano di
    > più l'hardware guarda caso sono i giochi, ma
    > per giocare devi fare un upgrade da milioni,
    > mentre ti puoi tenere il tuo pc x lavorare
    > ed in salotto una playstation.... e ci
    > risparmi alla grande!

    Il problema è questo: la vendita di PC rallenta perchè non esiste più un'evoluzione esponenziale della capacità grafica dei giochi.
    Parliamoci chiaro, i giochi di oggi non hanno più il salto qualitativo che avevano quelli di una volta.
    Se domani uscisse una nuova tecnologia, che sò Realtà Virtuale, allora si avrebbe una spinta maggiore e la gente sarebbe portata a rinnovare le macchine, oggi la situazione è abbastanza stabile per cui . . .
    non+autenticato


  • > Il problema è questo: la vendita di PC
    > rallenta perchè non esiste più un'evoluzione
    > esponenziale della capacità grafica dei
    > giochi

    in effetti anche il numero di ore-lavoro per farli aumenta esponenzialmente
    non+autenticato