Sun guarda a Opteron, svela il suo futuro

Il boss di Sun, Scott McNealy, ha lanciato all'indirizzo degli investitori messaggi entusiastici sul futuro della propria azienda e sulle strategie future. Nel mirino i mainframe di IBM e Itanium. Fra gli alleati AMD e il suo Opteron

San Francisco (USA) - E' uno Scott McNealy più che mai grintoso e combattivo quello che ha svelato le strategie e i nuovi prodotti di Sun, l'azienda in cui ricopre la carica di CEO.

McNealy ha proclamato che "Sun riuscirà a dissipare le fosche previsioni" degli analisti attraverso l'adozione di una tattica definita "shock and awe", una terminologia presa in prestito dalle strategie militari americane in Iraq e che in Italia certi media hanno spesso tradotto, esasperandone il significato, in "colpisci e terrorizza".

Il boss di Sun ha ribadito come il mercato dei server Unix, di cui la sua azienda detiene la leadership, è tutt'altro che agonizzante. "Io credo che stiamo andando verso un consolidamento del settore - ha detto McNealy - e Sun sarà in testa alla parata".
Il carismatico dirigente ha poi affermato che la sua piattaforma Unix/Sparc sta divenendo la più grande rivale dei mainframe e, di conseguenza, "il peggior incubo per IBM". Ma nel mirino di Sun c'è anche la piattaforma Itanium di Intel, la maggiore minaccia nel settore dei server di fascia medio-bassa.

Il boss di Sun tenta di rispondere all'avanzata della piattaforma a 64 bit di Intel con un investimento di 500 milioni di dollari finalizzato a rafforzare la posizione della propria azienda nel mercato dei server mid-range.

McNealy ha lanciato i suoi ottimisti messaggi agli investitori in occasione del lancio di una nuova famiglia di server Fire entry-level e di alcuni nuovi sistemi per lo storage.

Sun si è anche detta impegnata a portare Trusted Solaris, una versione del proprio sistema operativo Unix dedicato ai governi e alle società di telecomunicazione, sul mercato mainstream dei server x86 e Sparc. Quest'obiettivo verrà raggiunto sposando le avanzate funzionalità di sicurezza di Trusted Solaris con il futuro Solaris 10, atteso per il prossimo anno.

Parlando di Opteron, l'imminente processore a 64 bit di AMD che debutterà il 22 aprile, Sun sta testando il nuovo chip che, a quanto pare, potrebbe essere candidato per l'adozione in futuri modelli di server.

John Loiacono, vice presidente dell'Operating Platforms Group di Sun, ha spiegato che la propria azienda non ha ancora nessun piano relativo a Opteron, tuttavia è molto probabile che nel prossimo futuro la piattaforma a 64 bit di AMD, in grado di supportare fino ad 8 processori, possa affiancare l'attuale offerta di server x86 nella propria fascia dei server low-end.

Sun, che proprio di recente ha adottato i processori Athlon XP-M di AMD in alcuni suoi modelli di server blade, potrebbe essere un testimonial d'eccezione per la piattaforma a 64 bit del chipmaker di Sunnyvale; piattaforma che, fino a questo momento, non ha ancora ottenuto l'appoggio ufficiale di nessun "pezzo grosso" nel mercato dei server.

Il segnale incoraggiante, per AMD, è che Sun ha annunciato di voler espandere gli investimenti nel settore dei server x86, una famiglia di prodotti destinati a guadagnare sempre più importanza nella fascia low-end rispetto ai sistemi Sparc. Sun ha già annunciato che a breve aggiornerà la sua linea di server LX50, progettata proprio per accogliere chip x86 (Intel e AMD): non è improbabile, secondo alcuni analisti, che fra i futuri modelli ve ne sia uno equipaggiato con chip Opteron.
TAG: hw
2 Commenti alla Notizia Sun guarda a Opteron, svela il suo futuro
Ordina