Carcere per lo spacciatore di mod-chip Xbox

Dieci mesi di detenzione e arresti domiliciari più una salata multa: questa la pena inflitta al 22enne che gestiva Isonews.com. Online ha piazzato numerose mod-chip per Xbox ad utenti americani

Washington (USA) - Dopo le condanne esemplari comminate di recente a diversi hacker e cracker americani, il Dipartimento di Giustizia (DoJ) degli Stati Uniti dimostra ora di essere tutt'altro che disposto a condonare chi infrange il contestatissimo Digital Millennium Copyright Act, una normativa di legge di cui si è spesso occupato Punto Informatico.

David Rocci, un ventiduenne della Virginia a cui lo scorso febbraio era stato sequestrato il sito Isonews.com, è stato recentemente condannato a cinque mesi di carcere, cinque mesi di arresti domiciliari, tre mesi di libertà condizionata e una pena pecuniaria di 28.500 dollari per aver venduto, attraverso il proprio sito, mod chip per la console Xbox.

Sul sito Isonews.com il DoJ spiega che Ricci "ha concorso insieme ad altri a violare le leggi federali sul copyright importando illegalmente e commercializzando modifiche, o "mod" chip. (..) Rocci e i propri collaboratori hanno utilizzato www.isonews.com come unico punto di vendita per lo smercio dei propri mod chip a individui appartenenti all'ambiente illegale del warez".
"I mod chip - si legge ancora sul sito - aggirano illegalmente le protezioni di sicurezza e permettono di giocare a giochi piratati sulle console da gioco".

Il DoJ ha accusato Rocci di aver venduto circa 450 mod chip Enigmah importandoli direttamente dall'Inghilterra: i chip venivano venduti ad un prezzo compreso fra i 45 e 60 dollari l'uno.

Enigmah fu fra i primi mod chip, lo scorso anno, a consentire agli utenti di Xbox di far girare sulla propria console giochi copiati, titoli d'importazione e software "non firmato", riuscendo inoltre a disattivare la protezione Macrovision (che normalmente impedisce, ad esempio, la copia di un DVD-video attraverso un videoregistratore).

"La pirateria non è un gioco né un hobby, ma è un crimine", ha proclamato Paul McNulty, assistente del procuratore generale. "Questo caso è un altro esempio del nostro impegno nel rafforzare le leggi che proteggono le proprietà intellettuali on-line di questa nazione. Che voi siate dediti in attività simili a quelle di David Ricci o che siate acquirenti di mod chip per giocare giochi piratati, dovete fermarvi. Come David Ricci ed altri hanno imparato di recente, le conseguenze nel violare il copyright sono del tutto reali".

Il sito Isonews.com aveva circa 100.000 utenti registrati e generava, secondo i propri autori, oltre 140.000 hit quotidiane.
24 Commenti alla Notizia Carcere per lo spacciatore di mod-chip Xbox
Ordina
  • Girando qua e là ho tovato interessanti alcune considerazioni all'interno del sito www.falcoinvest.it . Pare che oggi si prediliggano le indagini e processi sulle sette sataniche. Siamo tornati al Medioevo ?
    A quando, i roghi nelle pubbliche pazze ?
    Roba da matti... non ho parole !
    non+autenticato
  • ... forse vecchio... ma senza ancora una risposta...

    ma se l'xbox non è altro che un pc camuffato, non è possibile creare un emulatore di xbox che giri su pc?

    la mia è una domanda puramente tecnica...
    non+autenticato
  • Stendo un velo pietoso sul fatto che certuni "più intelligenti degli altri, avulsi da influenze politiche o con dentro della politica 'buona' - oddiomio, beata ingenuità - o che ragionano son la propria testa" approfittino subito per dare libero sfogo all'antiamericanismo d'obbligo in certi ambienti.

    Piuttosto una considerazione.
    Secondo quanto scritto delle interviste (che non necessariamente coincide con quanto è legalmente vero) dovrebbero arrestare anche i produttori dei mod-chip e gli utilizzatori.

    Tit.
    non+autenticato
  • > Piuttosto una considerazione.
    > Secondo quanto scritto delle interviste (che
    > non necessariamente coincide con quanto è
    > legalmente vero) dovrebbero arrestare anche
    > i produttori dei mod-chip e gli
    > utilizzatori.

    Giusto!

    O.J. Simpson ha ucciso 2 persone ed è ancora libero.
    Lik-Sang.com vendeva milioni di dollari di merce al giorno, e hanno solo chiuso il sito, quando invece, se la giustizia fosse uguale e proporzionata per tutti, gli avrebbero dovuto tirare un'atomica sui magazzini.

    Viva la giustiziaA bocca aperta
    non+autenticato
  • lik-sang, come pure success-hk sono aperti eccome! ve lo dice un loro affezionato cliente che utilizza abbondantemente il metodo di spedizione da 5$ che seppur lento (ci mette circa 10 giorni ad arrivare), rende possibile acquistare software per console ORIGINALE ad 1/3 di quanto costano in occidente!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Stendo un velo pietoso sul fatto che certuni
    > "più intelligenti degli altri, avulsi da
    > influenze politiche o con dentro della
    > politica 'buona' - oddiomio, beata ingenuità
    > - o che ragionano son la propria testa"
    > approfittino subito per dare libero sfogo
    > all'antiamericanismo d'obbligo in certi
    > ambienti.

    sarà anche vero che qualcuno salta a conclusioni affrettate, ma...
    non posso dire una cosa contro il governo usa, perchè altrimenti divento un banale antiamericano?

    insomma, quel che va detto va detto: gli usa stanno diventando l'inferno per quanto riguarda la ricerca informatica, le libertà digitali, la libera fruizione di hw, sw, e prodotti digitali (dvd, cd) regolarmente acquistati.
    si ha proprio l'impressione che il governo usa, la riaa, etc., vogliano costringere tutto il mondo a un futuro dove per usare le tecnologie digitali devi vendergli l'anima e impegnarti a farci solo quello che vogliono loro (e i loro amiconi...uno a caso, m$... non ho resistito!).
    l'assurdo processo al norvegese del decss (legislazioni usa che si pretende di far valere in norvegia???) ne è un sintomo inquietante.


    >
    > Piuttosto una considerazione.
    > Secondo quanto scritto delle interviste (che
    > non necessariamente coincide con quanto è
    > legalmente vero) dovrebbero arrestare anche
    > i produttori dei mod-chip e gli
    > utilizzatori.
    >
    > Tit.

    sì. è previsto dal dmca. non lo fanno perchè sennò la gente si incazzerebbe. lo faranno solo quando sarano rimasti in pochi a tentare di far valere il loro diritto a fare ciò che vogliono con la loro lavastoviglie.
    non+autenticato
  • che dire, quando studiavo sognavo di andare a lavorare
    negli USA per le grandi opportunita' che offrivano, ma ora
    il rovescio della medaglia sta' diventando un po' troppo
    pesante quindi anche se avessi questa possibilita' sul
    lavoro, me ne starei sicuramente alla larga.
    non+autenticato
  • In questo panorama di serviliamo di massa, di ipocrisia assoluta, di disimpegno totale, di adesione acritica al credo voluto dal Padrone Planetario, leggendo forum come questo mi faccio l'idea che c'è ancora del buono in circolazione, c'è gente che pensa ancora con la sua testa e non si fa mettere i piedi sopra.

    Lasciate pure che vi chiamino hackers, pirati, disadattati: c'è molta più politica "buona" in quello che fate voi senza nessuna intenzione di fare politica, di quanta ve ne sia nelle gesta di certi sedicenti "antagonisti".
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)