Mauro Vecchio

Scaricare? Una rapina

Gran lavoro per la nuova cyberzarina voluta da Barack Obama. Anche la Songwriters Guild of America vuole pi¨ impegno da parte del governo. Ma quanto finisce nelle tasche dei musicisti?

Roma - Una lettera, inviata all'attenzione di Victoria Espinel, la cyberzarina voluta dal Presidente statunitense Barack Obama come Intellectual Property Enforcement Coordinator: il file sharing selvaggio costituirebbe un crimine decisamente più pericoloso della rapina in banca.

Parola della Songwriters Guild of America, che ha così incitato la nuova cyberzarina del copyright a prendere immediati provvedimenti, affinché gli utenti scariconi vengano puniti severamente, sia nell'ambito di procedimenti penali che di procedimenti civili. Perché - secondo la missiva - crimini come la rapina in banca sarebbero molto meno pericolosi per la società e l'economia a stelle e strisce. E per tali crimini, il governo statunitense avrebbe curiosamente a disposizione un vasto numero di corpi di polizia, tra cui lo stesso FBI. Una vera e propria ingiustizia a dire dell'associazione, dal momento che i federali non sembrano aver voglia di mettersi seriamente alla caccia dei feroci criminali del P2P, responsabili di un danno economico devastante.

"Sfortunatamente - si legge nella missiva - questa sbagliata attitudine permette ai pirati di attentare a un settore come quello legato alla proprietà intellettuale, in cui gli Stati Uniti godono di un significativo vantaggio competitivo". Quello che chiede la Songwriters Guild of America è l'intervento del governo nella persecuzione a livello civile e penale dei condivisori, affinché non debbano essere le aziende private a farlo.
Dichiarazioni in linea con quanto recentemente illustrato e poi parzialmente rettificato dalla telco AT&T, che ha fatto pressioni sul governo a stelle e strisce, affinché adotti misure più drastiche per tutelare la proprietà intellettuale. Richieste piovute sul tavolo della cyberzarina, in aggiunta ai suggerimenti della letterina dei desideri di MPAA e RIAA.

Il motivo è sempre lo stesso, ripetuto quasi all'infinito. La pirateria online sta distruggendo le speranze di un settore e un'importante fetta dell'economia nazionale. E i guadagni degli artisti? ╚ stato recentemente pubblicato uno studio condotto dalla società Information is Beautiful, a spiegare quanto venga indirizzato verso le tasche dei musicisti.

Per quanto riguarda la vendita di CD, all'etichetta spetterebbe un compenso di circa 2 dollari ad unità venduta - prezzo totale 9,99 dollari - mentre nelle tasche dell'autore andrebbero 30 centesimi. Spiccioli che salirebbero a 94 centesimi per vendite su iTunes, con le etichette a guadagnare 6,29 dollari.

La situazione sarebbe decisamente più drammatica per quanto concerne servizi online leciti come Spotify e Rhapsody. Agli autori ci vorrebbero tra gli 800mila e i 4 milioni di ascolti al mese per guadagnare quello che in genere riuscirebbero a racimolare da una comune attività lavorativa, ad esempio il commesso in un negozio. Almeno non si metteranno a rapinare banche.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, una zarina del copyright per ObamaSi chiama Victoria Espinel e ha masticato a lungo proprietÓ intellettuale e affari internazionali. E' lei l'IP-czar voluto dal Presidente per dirigere l'orchestra del diritto d'autore
  • AttualitàUSA: ecco i cattivi del copyrightPubblicato il report annuale che fotografa la tutela globale della proprietÓ intellettuale. Osservati speciali, Cina e Canada. Richiami alla Spagna e all'Italia, nonostante il sequestro della Baia
  • Diritto & InternetUSA, P2P non è anonimatoUna corte di appello ha stabilito che un utente non pu˛ pretendere di rimanere anonimo. Non se poi scarica e mette in condivisione contenuti sui network di file sharing senza l'autorizzazione dei detentori dei diritti
23 Commenti alla Notizia Scaricare? Una rapina
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)