In Germania l'ADSL l'ho avuto così

Da Monaco di Baviera un lettore racconta nei dettagli come è andato il suo allaccio ADSL e quale sia la qualità di un servizio che, a dir la verità, paga non poco. Il suo racconto

Roma - Gentile redazione, innanzitutto complimenti per il vostro sito e la qualità della vostra newsletter. Una domenica pomeriggio di 2 mesi fa mi connetto al sito della Deutsche Telekom ed ordino la linea ADSL ed il modem con interfaccia Ethernet (per
l'ordine serve solo il mio codice cliente che si trova facilmente sulla bolletta ed il numero telefonico). Mi attivano nel frattempo, gratis, la comoda bolletta via internet, con notifica mensile via email ed una miriade di utili funzioni di monitoraggio costi: un bel risparmio di carta per me, per loro e per l'ambiente (tra l'altro tutte le bollette che ricevo da ormai 2 anni sono su carta riciclata).

Visto che vivo a circa 20km da Monaco, mi avvertono che dovranno controllare la qualità della linea. Nel frattempo Martedì ricevo il modem a casa (acquistato da loro; 53 euro con spedizione via normalissima ed efficiente posta ed addebito in bolletta). Mercoledì ricevo una lettera che mi avverte che entro il Lunedì successivo la linea sarà attivata.

Giovedì ricevo lo splitter: gratis, via posta. La sera stessa lo collego alla presa del telefono seguendo le chiare e semplici istruzioni e schematici; mi collego via internet con il normale modem ad un provider free internet (vedi PS2) (il servizio internet su linea ADSL è fornito da Deutsche Telekom, ma anche da altre decine di provider regionali o nazionali; la linea ADSL e tutto il traffico della dorsale ADSL viene gestito da Deutsche Telekom od Arcor che però non offre ancora il servizio nella mia regione). Sottoscrivo un abbonamento (necessari solo nome, cognome, indirizzo, numero di telefono e conto corrente bancario), mi danno un codice di attivazione.
Dopo 20 minuti mi chiama il server del provider per controllare che il numero di telefono fornito sia corretto: una voce registrata mi dice di digitare il codice ricevuto (4 cifre, non 20) per confermare.

Dopo 15 minuti provo a connettermi et voilà: viaggio a 768kbps in downlink (velocità standard fornita ai comuni utenti con opzione per viaggiare a 1500kbps, 10 euro in più al mese - stesso modem) e 128 kbps in uplink. Per la connessione non ho dovuto mettere altro che il mio username e password. Niente DNS, indirizzi IP ed affini.
ADSL di qualità (va veloce che è un piacere) in 5 giorni netti, senza fatica e senza dover andare da nessuna parte.

Costi:
- attivazione: 86 euro (visto che ho ordinato via internet con servizio di bolletta via internet mi hanno fatto uno sconto di 13 euro);
- abbonamento linea/servizio ADSL: 19 euro/mese (più 13 euro per la normale linea telefonica);
- acquisto modem ADSL LAN: 53 euro, spedito comodamente a casa con normalissima posta;
- splitter: gratis - spedito comodamente a casa con normalissima posta;
- costo provider internet: 7 euro/mese (tariffa a 2GB di traffico mensile senza limiti di tempo od altre stramberie; la più economica flat disponibile attualmente sul mercato 19 euro/mese).
Caro forse sì, ma il servizio ricevuto e che ricevo lo ripaga pienamente e niente stress!

NOTA: Il software fornito da Deutsche Telekom per monitorare la velocità e la qualità della connessione è anche per Linux...
NOTA2: unico difetto, forse: non si puo' noleggiare il modem....ma serve noleggiarlo, visto il costo di quello acquistato?

Italia: (purtroppo) no comment...; perchè devono fare le cose difficili e sempre a metà o male?

Distinti saluti,
Paolo Vasta

PS: da quando sono in Germania, quasi 3 anni, mi connetto via telefono ad internet senza canone, abbonamento o contratto o sottoscrizione, a vari provider facendo semplicemente una telefonata; niente password e niente login; i costi vanno tutti sulla bolletta telefonica.

PS2: voglio usare un altro operatore telefonico? Alzo la cornetta, digito un codice, il numero di telefono e via! Attivazione o sottoscrizione, nessuna: addebito in bolletta Deutsche Telekom con dettaglio telefonico (gratis).
TAG: adsl
88 Commenti alla Notizia In Germania l'ADSL l'ho avuto così
Ordina
  • Ho sottoscritto il contratto ADSL Sempre Light (36 ?/mese senza limiti senza gabole, iva inclusa, modem incluso a 1 ?) dopo che il 56k per mesi efficentissimo ha cominciato a rallentare per problemi di traffico sul mio ex-ISP (Wind- Infostrada).
    Per questa ragione non ho scelto ancora Wind, nè ovviamente Telecom, ma Tiscali. Ho fatto appunto un confronto tra la presenza di questi 3 Operatori su principali Internet Exchange (ottimo sistema per misurare la qualità degli allacciamenti alle Backbones e ai punti di Peering con le reti di altri Paesi). Ho letto (fonte siti internet dei vari Internet Exchange Centers, come il MiX) che Tiscali è presente quanto Telecom, quanto Wind, quanto la Deutsche Telekom sui maggiori Punti di scambio d'Europa. Ma il numero degli utenti è molto minore (considerando il mercato solo italiano).
    Difatti l'ADSL 640/256 (da qualche mese, prima era 320/128 ) è sempre attiva, con velocità prossime al full-bandwidth, e soprattutto mi consente "ping" ultraveloci con tutte le capitali europee e con gli USA (qui si trovano in genere i server che io frequento). Per chiarezza abito in provincia; in città normalmente le connessioni sono più lente per motivi di traffico.
    Il contratto è stato sottoscritto per telefono, attivato nel minimo tempo dichiarato (15gg) e senza nessun problema. Dipongo di una linea telefonica tradizionale.
    Anche il "trasloco" che ho dovuto affrontare dopo 5 mesi di contratto è andato al meglio (off-line di appena 20 giorni causa disattivazione e riattivazione su nuovo numero. Un record!).
    Ho verificato solo un problema che mi è costato circa 2 mesi di problemi (!!! scandaloso) tra dicembre e gennaio (con di mezzo pure le festività) per la sostituzione di un modem.
    Mi hanno rimborsato il periodo di inattività ma se mi dicevano che avevano problemi a spedire il modem di ricambio, magari lo avrei comprato da me. In Italia i modem si trovano anche a 40? e funzionano una meraviglia.
    Sto per trasferirmi in Germania e mi vengono i brividi..
    guardate i prezzi:
    http://www.flatrate-dsl.com/dsl_anbieter.html
    E' una giungla di prezzi e limitazioni di tempo e traffico...
    Finalmente trovo una bella offerta della Tiscali Deutschland AG totalmente flat e scopro che il costo non è solo 38 ?/mese (pochini per una ADSL 2048/192) ma vanno sommati pure i 20 ?/mese di "allacciamento" più ancora 99,95 ? di una tantum per avere il "pacchetto T-DSL 2000" della DT... più i 13 euro mese per la fonia !
    Alla faccia della rapina! Sebbene sti 99,95 ? siano un po' ovunque oggetto di "offerta lancio" , qualunque nuova connessione ADSL (leggasi siti internet degli Operatori) prevede questo prelievo mensile da parte della DT. Uno scandalo, appena un po' mitigato dal pensiero che dopo tutto in Italia ne pago da anni 33 a bimestre alla cara Telecom Italia. Comunque il totale sarebbe 70,89 ? al mese per accesso internet + canone fonia ... urgh!

    Paese che vai.. gabella che trovi.. comunque la chiarezza è sicuramente maggiore qui che non in Germania.
    La banda GARANTITA 768 kbps è una favola che il caro Bavarese adottivo potrebbe raccontare a chi se la beve.. ma per piacere .. te ne chiedono 400 di euri al mese per una banda garantita di 512 !!!

    :s

    ==================================
    Modificato dall'autore il 20/07/2004 13.43.57

  • - Scritto da: Anonimo :
    > visto che le cose funzionano allo stesso modo sia
    > in Italia, sia in UK, sia in Germania (sia
    > come prezzi.....


    ASSOLUTAMENTE NO !!

    Nel 2000 ho vissuto in Inghilterra (fino a fine 2002), lavorando a Londra come "systems engineer" (tecnico di computer).

    Da quando c'e' l'euro, a Londra tutto costa quasi come in italia (Milano) e il mio stipendio, la', COME TECNICO era di 1700 Sterline al mese, equivalenti a circa 5.100.000 delle vecchie lire (2600 Euro c.a).

    Te lo vedi un tecnico di computer che QUI guadagna 5 milioni al mese ???

    non+autenticato
  • > Nel 2000 ho vissuto in Inghilterra (fino a
    > fine 2002), lavorando a Londra come "systems
    > engineer" (tecnico di computer).
    >
    > Da quando c'e' l'euro, a Londra tutto costa
    > quasi come in italia (Milano) e il mio
    > stipendio, la', COME TECNICO era di 1700
    > Sterline al mese, equivalenti a circa
    > 5.100.000 delle vecchie lire (2600 Euro
    > c.a).

    Domanda (forse) stupida: ma chi te lo ha fatto fare a tornare qui?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Domanda (forse) stupida: ma chi te lo ha
    > fatto fare a tornare qui?

    me lo hanno domandato in tanti (anzi, quasi tutti) al mio rientro.

    Il problema e' che quando guadagni tanto ma sei in un ambiente "freddo e distaccato" come e' quello dei britannici...e' triste.

    All'inizio avevo li' la fidanzata, ma quando la cosa e' finita, avendo io a Londra pochi amici, ed essendo lo sport nazionale quello di ubriacarsi tutte le sere al pub (tristissimo) ....ho fatto "armi e bagagli" e son tornato a casa... con grande dolore del mio conto in banca.. che si e' improvvisamente "sgonfiato"... Sorride)

    saluti

    non+autenticato
  • Allora è vero che si ubriacano tutte le sere al pub! Ho vissuto lì 20 anni fa ed ero bambino quindi non me ne accorgevo, ed anzi mi sono trovato parecchio bene.
    Sono tornato come turista un paio di anni fa ed avevo già notato per le strade di londra che apparentemente l'unica cosa che sanno fare gli impiegati è uscire dall'ufficio, andare al pub e per le 19.30 li trovi già ubriachi in mezzo di strada....che tristezza davvero....ed a quel punto lì è inutile avere i soldi....ho chiesto a qualche inglese il perchè....nessuno mi ha saputo rispondere....
    Speriamo per loro che non sia davvero dappertutto così....
    Paolo
    - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > Domanda (forse) stupida: ma chi te lo ha
    > > fatto fare a tornare qui?
    >
    > me lo hanno domandato in tanti (anzi, quasi
    > tutti) al mio rientro.
    >
    > Il problema e' che quando guadagni tanto ma
    > sei in un ambiente "freddo e distaccato"
    > come e' quello dei britannici...e' triste.
    >
    > All'inizio avevo li' la fidanzata, ma quando
    > la cosa e' finita, avendo io a Londra pochi
    > amici, ed essendo lo sport nazionale quello
    > di ubriacarsi tutte le sere al pub
    > (tristissimo) ....ho fatto "armi e bagagli"
    > e son tornato a casa... con grande dolore
    > del mio conto in banca.. che si e'
    > improvvisamente "sgonfiato"... Sorride)
    >
    > saluti
    >
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Allora è vero che si ubriacano tutte le sere
    > al pub!

    certo ! purtroppo e' l'unica cosa che sanno fare.
    Quando si riesce a convincerli ad andare al cinema.. sembra di aver ottenuto un miracolo...

    ...tutto cio' e' molto triste, ma e' anche tipico delle popolazioni nordiche. Tutto nasce dal fatto che fa freddo e quindi "bere" x loro diventa un'abitudine fin da piccoli (seguono l'esempio del fratello/sorella maggiore, del padre, etc)... cosi' ora che arrivano al college, sono gia delle spugne.

    Anche da noi, comunque, nelle zone fredde (Trentino, etc) questa risulta essere una tipica abitudine. Mi ricordo di ragazzini di 12 anni che in baita nel sudtirolo facevano a gara a chi beveva di piu'.. purtroppo e' legato al clima freddo e alle temperature basse.

    > l'unica cosa che sanno
    > fare gli impiegati è uscire dall'ufficio,
    > andare al pub e per le 19.30 li trovi già
    > ubriachi in mezzo di strada....

    e' proprio cosi...
    Triste
    la cosa piu' triste non sono gli uomini (alti spesso 1,80 o 1,90).. ma le ragazze... e te le becchi a piedi nudi, per strada, ubriache fradice, mezze svestite (non sentono freddo come noi), che vomitano alle 23-23,30 (ora di chiusura dei pub)... troppo triste

    > Speriamo per loro che non sia davvero
    > dappertutto così....

    mah... io ho vissuto a Londra e, x lavoro, sono anche stato a York, Sheffield ed Edimburgo... stesse scene ovunque...
    Triste(

    saluti
    non+autenticato
  • Salve a tutti quelli che hanno scritto sul forum.

    Non credevo di creare tanto putiferio. Certo è che ho toccato un tasto dolente.
    PI pubblica la lettera ed io li ringrazio.
    Perché? Perchè confermano di essere vicini ai propri lettori dando loro spazio, in un modo o nell'altro e dando così accesso ad una finestra su quello che succede in altri paesi (non mi dite che state tutti controllare il sito della Deutsche Telekom per vedere le varie offerte...).

    Certo: il mio è un esempio. E non è la verità assoluta. Sicuramente ci sarà qualche tedesco che non si trova bene. Il mio resta un esempio di quello che si potrebbe fare. Ed in Germania non è meglio nel senso assoluto. Anche loro hanno le loro magagne; ma in generale le cose funzionano un po' di più, un po' meglio, un po' più semplicemente ed in maniera meno stressante.

    Un po' di risposte a tutti:
    - la banda è garantita e se il server a cui mi connetto ce la fa, la saturo;
    - non esistono offerte a bande più basse;
    - i MB aggiuntivi oltre i 2 GB costano 1.2 cent IVA inclusa;
    - tutti i prezzi nella lettera sono IVA inclusa
    - le 'offertone' non esistono solo in Italia;
    - ho scelto i 2GB di limite di traffico perchè ADSL per me significa linea libera, non avere limiti di tempo (ad es. avere possibilità di leggere pagine web con calma (mai sentito la radio via web e non ho voglia di farlo)), scaricare con tranquillità aggioramenti di driver e software, connettersi in un secondo; non sono spesso in casa per motivi di viaggio, quindi una flat erano per me soldi buttati via e non mi metto a 'scaricare la mamma'; prima di sparare giudizi sul perchè uno sceglie un' offerta piuttosto che un altra, dovreste pensarci un po' (come qualcuno ha invece fatto); la tariffa presentata era solo per dare tutti i dati del servizio che avevo e non per iniziare una diatriba sulle tariffe; in Germania di tariffe ce n'è a bizzeffe e per tutte le esigenze (a tempo, a volum, flat...) e tutti i prezzi (come in Italia);
    - 19 euro sono per il collegamento ADSL; 13 euro sono per i servizi voce; 7 per avere accesso ad internet;
    - 18 euro per la flat più economica disponibile (che, mi dispiace per voi, un mio amico usa da Monaco con stesso modem e Deutsche Telekom come linea ADSL (non come provider) e non fa per niente schifo, anzi) ma ce ne sono di più care con servizi aggiuntivi come web space, hosting, mailbox aggiuntive, etc. etc.
    - il senso della lettera non era fare un confronto sui prezzi (che, ho detto, sono forse un po' cari) ma per far vedere come è stato semplice e lineare (e questo non significa che in Italia non succede!) avere ADSL (e questi giorni Tiscali mi stando riprova della goffaggine dei sistemi all'Italiana con 2 collegamenti (quasi) attivati a Pavia e Firenze...; non entro in penosi particolari)

    PS: uno non emigra e resta poi in Germania solo per l'ADSL o per lavoro; prima di dire certe cose, specialmente su un forum come questo (ovvero, in una sede inappropriata), ci penserei sopra 2 volte. I motivi per andare e restare possono essere altri e dipendono da persona a persona.
    Certo che considerato quello che vedo in Italia ogni volta che torno, attualmente preferisco pagare il 45% del mio reddito di tasse al governo tedesco ed alla regione Bavarese dove almeno vedo, quotidianamente in piccole e grande cose, che si impegnano e cercano di fornire servizi e migliorare le cose esistenti, che qui in Italia (le vostre tasse dove vanno a finire?). A volte, non esagero, mi deprimo quando racconto ai tedeschi come facciamo, in maniera assurda, una miriade di cose in Italia.
    Non mi chiedete esempi, vi potrei sotterrare.

    E vi assicuro che mi dispiace moltissimo ed è una pena vedere come l'Italia e gli Italiani si siano ridotti (mi ci metto anch'io; perchè sono sì cittadino europeo, ma anche e soprattutto italiano).

    NOTA BENE, in Germania è lungi dall'essere tutto perfetto e non è tutto oro che luccica: un esempio per tutti: i treni, considerato quanto costano sono estremamente cari e non puntuali; il nuovo sistema di tariffazione introdotto di recente è tutt'ora fonte di forti critiche e non fa altro che aumentare il numero di persone che usa la macchina (in un paese, dove ad esempio, il riciclaggio è di casa e la conservazione dell'ambiente è in alcune zone al primo posto) sfrecciando, consentito per legge!!, in autostrada a velocità tali da produrre più anidride carbonica (180km/h?) che un automobilista medio in italia.(130km/h?) o addirittura prendere un aereo (a volte addirittura più economico).


    Auguri di Buona Pasqua
    Paolo Vasta.
    non+autenticato
  • Grazie per il tempo speso a fornire ulteriore dettagli e a rispondere un po' a tutti.

    Ora e' un po' piu' chiaro, prima con tutti quegli euro su e giu' non e' che lo fosse molto.

    Anche se, come gia' detto da altri, come prezzi e "dotazione" non e' che ci sia niente di eccezionale.

    Caso mai e' interessante notare quanto abbiano fatto in fretta a darti il tutto senza fare casino inutile. Sono stati precisi ed efficienti, cosa qui rara.

    La cosa piu' interessante di tutte secondo me sarebbe un confronto con il tipo di assistenza post vendita.

    Qui fa veramente schifo nel 95% dei casi.

    Vige la legge del "cliente acquisito? ok avanti il prossimo".

    Le procedure di "acquisizione" cercano di essere il piu' semplice possibili, ma quando vuoi assistenza ti viene sbattutto in faccia il solito "muro di gomma" del supporto telefonico.

    Si pensa solo a vendere, e a piazzare qualcuno che risponda al telefono per poter dire "qualcuno da chiamare ce l'hai, non sa che dire, non sa che fare, non capisce la meta' dei problemi che puoi avere e non e' stato istruito neanche a smistare i problemi a chi di competenza, ma ti risponde".

    Se l'assistenza Deutsche Telekom e' differente, e' gia' un buon motivo per pagare qualcosina in piu'.

    Lo e' ?

    Burp
    non+autenticato
  • >
    > Se l'assistenza Deutsche Telekom e'
    > differente, e' gia' un buon motivo per
    > pagare qualcosina in piu'.
    >
    > Lo e' ?
    >
    > Burp

    Sinceramente non te lo so dire. Fino adesso non ne ho avuto bisogno.... Occhiolino
    Comunque con Tiscali sono 3 gg. che sto cercando di recuperare la password per usare il modem ADSL che ho preso ai miei genitori qui in Italia.... e non riesco a parlare con nessuno ed ho spedito una mail ieri per avere la password (avendo scoperto da me come fare....non ti racconto tutti i particolari) ed ancora niente....la cosa comica è che così perdono profitti visto che io non mi collego (la tariffa è a megabyte di traffico) e che ho passato mezz'ore ad un numero 800 che viene pagato a Telecom...
    Se questo è il modo di fare affari.....
    Paolo
    non+autenticato
  • Nei denti!!!

    Castiglione Vara (La Spezia), Modem 56 kb su linea disturbatissima. Impossibile anche mettere un ISDN.

    Ciao!
    non+autenticato
  • Rimanici in Germania io ho la mia ADSL e non mi lamento. Non devo emigrare all'estero.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Rimanici in Germania io ho la mia ADSL e non
    > mi lamento. Non devo emigrare all'estero.

    Un commento molto costruttivo il tuo...
    Non ti passa per la tetsa che forse il tipo non è emigrato per l'ADSL, ma perchè prende il doppio di quanto prenderebbe qui?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 22 discussioni)