Mauro Vecchio

Australia, caccia a Wikileaks?

Problemi di passaporto per il founder Julian Assange. In un'intervista, definisce la sua stessa patria un luogo per lui non sicuro. La polizia indaga sul sito di rivelazioni giornalistiche

Roma - Una lunga intervista con un reporter del broadcaster europeo SBS, che ha gettato più di un'ombra sulle attuali sorti di Julian Assange e del suo noto sito delle spifferate, Wikileaks. Intervenuto nel corso del programma Dateline, il founder australiano ha raccontato almeno due oscuri particolari, che hanno coinvolto di recente il suo status di cittadino aussie e in generale le attività dello stesso Wikileaks.

Stando a quanto riportato anche dal quotidiano degli antipodi The Age, Assange sarebbe stato trattenuto per circa 15 minuti dagli ufficiali di dogana dell'aeroporto di Melbourne. Un quarto d'ora in attesa di ricevere notizie sul suo passaporto, poco prima ritirato dagli agenti perché dall'aspetto vistosamente usurato.

Controlli di routine, che tuttavia hanno portato ad una spiacevole comunicazione: il passaporto di Assange verrà presto annullato. Nonostante lo stesso The Age abbia sottolineato come i documenti di viaggio del founder di Wikileaks siano stati trovati in regola dal database dell'aeroporto.
Ma - sempre nel corso dell'intervista con il giornalista di SBS - Assange non ha esitato a definire la sua stessa nazione d'origine come un luogo per lui non sicuro. Questo dal momento in cui ha ricevuto una comunicazione ufficiale da parte degli uffici del ministro per le Comunicazioni aussie Stephen Conroy, da tempo impegnato per l'introduzione di un vasto meccanismo di filtraggio di certi contenuti della Rete.

Tempo fa Wikileaks aveva infatti pubblicato la speciale lista nera dei siti redatta dalle autorità di Canberra: e c'erano spazi web non proprio legati a pedopornografia, violenza sui minori e gioco d'azzardo. Da qui, pare che le autorità aussie si siano rivolte alla polizia federale, affinché investighi sul sito di Assange. E dunque, Assange stesso rischia tra breve di veder ridotto o cancellato il suo diritto d'espatrio.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàWikileaks e la CIA che si provavaPressioni, arresti e detenzioni per alcuni editor del sito di soffiate: che annuncia per il cinque aprile la diffusione di un video di un attacco aereo dell'esercito degli Stati Uniti
  • AttualitàLampi di Cassandra/ Fare a meno di Wikileaks di M. Calamari - Presunta o potenziale censura. Svelata dal sito che sostiene la libertŕ d'espressione. Un'occasione per riflettere sulla democrazia, e sul costo economico e ideologico di tenere in piedi una nazione
  • AttualitàWikileaks: siamo senza benzinaRaggranellati finora meno di 100mila euro. Ne servono almeno quattro volte tanti. Il sito delle rivelazioni scottanti chiude i battenti: si spera temporaneamente
14 Commenti alla Notizia Australia, caccia a Wikileaks?
Ordina
  • pubblicare la foto del suo passaporto su WikiLeaks cosí ci facciamo un'idea su quanto fosse usurato!A bocca aperta

    Mi ricordo ancora alla visita di leva un poveraccio lasciato 3 ore fuori al freddo dal carabiniere incazzato per lo stato della sua carta d'idenditáA bocca aperta

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > pubblicare la foto del suo passaporto su
    > WikiLeaks cosí ci facciamo un'idea su quanto
    > fosse usurato!
    >A bocca aperta
    >
    > Mi ricordo ancora alla visita di leva un
    > poveraccio lasciato 3 ore fuori al freddo dal
    > carabiniere incazzato per lo stato della sua
    > carta d'idenditá
    >A bocca aperta
    >
    > [img]http://www.garyascott.com/images/passport_25_
    Il tipo doveva essere un pochino niubbo e il carabiniere poco edotto dei rischi che correva... gli è andata di lusso al carabiniere!
    non+autenticato
  • > [img]http://www.garyascott.com/images/passport_25_
    > Il tipo doveva essere un pochino niubbo e il
    > carabiniere poco edotto dei rischi che correva...
    > gli è andata di lusso al
    > carabiniere!

    ma tu l'hai fatta la visita di leva?
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > >
    > [img]http://www.garyascott.com/images/passport_25_
    > > Il tipo doveva essere un pochino niubbo e il
    > > carabiniere poco edotto dei rischi che
    > correva...
    > > gli è andata di lusso al
    > > carabiniere!
    >
    > ma tu l'hai fatta la visita di leva?
    Molto tempo fa!
    E quindi?
    Sai che per prenderti un documento un carabiniere, un poliziotto deve fare un verbale di sequestro?
    Qualunque sia lo stato del documento?
    Sai che può chiederti di mostrarlo ma non prenderlo? (salvo il verbale sopra citato)?
    Sai che una volta fatto il verbale se si trova che non c'erano fondati motivi (sospetto dimostrabile di falsità o simili) è passibile di denuncia?
    Sai che lo stato del documento non è motivo sufficiente per il sequestro? (devi averne la disponibilità per richiedere un duplicato o appunto una regolare denuncia).
    Molta gente subisce le bizze di qualche male informato e zelota tutore dell'ordine magari con lo stomaco in disordine e con poca voglia di stare al suo dovere solo per disinformazione.
    Le cose richieste con gentilezza e buona educazione si possono tollerare anche se sono un pochino fuori dal lecito in senso stretto, gli abusi accompagnati dalla mala educazione no!
    non+autenticato
  • ma perché non leggi quello che scrivo?

    Non ha preso nessun documento, lo ha fatto stare 3 ore fuori al freddo mentre noi facevamo la visita e poi l'ha mandato a casa dicendo di tornare con una nuova carta di identitá
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > ma perché non leggi quello che scrivo?
    >
    > Non ha preso nessun documento, lo ha fatto stare
    > 3 ore fuori al freddo mentre noi facevamo la
    > visita e poi l'ha mandato a casa dicendo di
    > tornare con una nuova carta di
    > identitá
    Vedi che era un pirla?
    Ci doveva andare subito a casa se non voleva stare al freddo nessuno poteva dirgli niente!
    Anzi per essere precisi avrebbe dovuto chiedere una dichiarazione del carabiniere che dichiarava che il documento era irriconoscibile e con quella dichiarazione andarsene.
    Se non lo ha chiesto era potenzialmente passibile (lui) di sanzione per non essersi presentato.
    Con la dichiarazione invece tutto sarebbe stato in regola e senza 3 ore al freddo (la dichiarazione se non c'è riconoscibilità va prodotta all'atto della richiesta del documento stesso)!
    Vedi che era proprio niubbo lui e poco ligio il carabiniere?
    dura lex sed lex!
    non+autenticato
  • eh a saperlo ti poteva contattare su PIOcchiolino
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > eh a saperlo ti poteva contattare su PIOcchiolino
    Beh era lui a doverlo sapere in quanto cittadino e il carabiniere a maggior ragione!
    Che lo sappia io poco importa se non a me!
    Alla niubbaggine non c'è altro rimedio che non sia la conoscenza e l'informazione!
    non+autenticato
  • si si... giá ti vedo a fare il furbo con il caramba alla visita di levaOcchiolino
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > si si... giá ti vedo a fare il furbo con il
    > caramba alla visita di leva
    >Occhiolino
    Furbo?
    In cosa consiste la furbizia nel rispetto della legge?
    In italia purtroppo c'è l'abitudine a far finta che i diritti siano favori e i doveri qualcosa di indeterminato non chiaro a priori...
    E così lo stato di ritto va a farsi fottere e noi pure... con la stupida convinzione che "acca nisciuno è fesso" (quando è vero esattamente il contrario... purtroppo).
    non+autenticato
  • si si... concordo... ma vorrei vederti a fare il saputello con il caramba durante la visita di levaOcchiolino
    MeX
    16902
  • Una volta l'Australia era una colonia penale, una specie di Guantanamo se non ricordo male.
    Secondo me piano piano torneranno in quella direzione continuando con queste cazzate repressive.
    Wolf01
    3342