Alfonso Maruccia

USA: IsoHunt, filtrare o morire

Il celebre motore di ricerca del P2P Ŕ chiamato alla rimozione forzata dei contenuti protetti dal copyright. Al suo admin la scelta: accettare il giudizio o chiudere la porta agli USA

Roma - In quella che appare come l'ultima tappa della tribolata vicenda giudiziaria che coinvolge le major di Hollywood, IsoHunt e il suo fondatore e CEO Gary Fung, un giudice statunitense ha concesso un'ingiunzione permanente nei confronti del sito di ricerca di file torrent. Una ingiunzione che non lascia molte possibilità di scelta: Fung dovrà decidere se cancellare la stragrande maggioranza dei contenuti indicizzati o se "lasciare gli States" per sempre.

IsoHunt, che l'industria considera come uno dei sei principali nemici del copyright a stelle e strisce, era già stato condannato per incitazione alla violazione del diritto d'autore in fase pre-processuale e senza nemmeno la necessità di un processo. A poco è servito il restyling del sito in modalità lite, con Fung impegnato a sottolineare similarità tra il suo servizio di indicizzazione e quello offerto da Google: per il giudice IsoHunt contribuisce a violare il copyright, dunque è obbligato a sottostare a tutta una serie di richieste da parte dell'industria senza se e senza ma e anche in fretta.

Tra le succitate richieste c'è appunto l'obbligo di filtrare i contenuti che l'industria non gradisce siano disponibili online. Una misura che se messa in pratica costringerebbe a rendere inaccessibile la stragrande maggioranza dei torrent presenti nel database di IsoHunt. Ed è una misura che Fung ha già detto di non essere disposto a implementare poiché essa "solleva pesanti questioni sul bilanciamento tra la libertà di parola, il fair use e il protezionismo del copyright".
Fung sostiene che il filtering imposto da Hollywood a mezzo tribunali porterebbe alla cancellazione di troppo materiale entrato nel pubblico dominio, alla scomparsa di contenuti distribuiti con il consenso degli autori o su cui magari le major non detengono alcun diritto di esclusiva.

E allora, delle due l'una: entro i 14 giorni concessi a Fung per obbedire all'ingiunzione, IsoHunt potrebbe venire reso inaccessibile d'imperio dagli ISP o potrebbe finire, di sua spontanea volontà, per bloccare tutti gli accessi provenienti dagli IP a stelle e strisce.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàNatale amaro per IsoHunt Botte da orbi in tribunale: un colpo di spugna cancella gran parte delle tesi difensive di Gary Fung. Che ora si ritrova sul groppone una condanna che rischia di fare giurisprudenza
  • Diritto & InternetIsohunt si traveste da GoogleGary Fung ci riprova e stavolta spera di convincere le autoritÓ USA che il suo non Ŕ altro che un motore di ricerca. Specializzato in torrent
  • AttualitàUSA, i sei nemici del copyrightDiramata una lista dei principali spazi online che stanno minacciando l'integritÓ delle famiglie statunitensi. Almeno secondo i rappresentanti dell'anti-pirateria a stelle e strisce, che hanno accusato vari governi di rubare alla nazione
37 Commenti alla Notizia USA: IsoHunt, filtrare o morire
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)