Alfonso Maruccia

X-37B, lo shuttle che mi spiava

Esiste un successore super-segreto dello Shuttle NASA? A quanto pare sì. È più piccolo, può restare in orbita senza equipaggio per mesi. E pare che i militari lo usino per spiare i nemici

Roma - Il venerando Space Shuttle si avvia mestamente al pensionamento forzato, mentre gli Stati Uniti dicono di volersi appoggiare ai vascelli russi Soyuz per un passaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale di quando in quando. Non ci sarebbero al momento navette made in USA capaci di prendere il posto dei gloriosi Shuttle, a parte naturalmente X-37B che almeno esternamente gli somiglia parecchio ma sarebbe deputato a tutt'altri compiti, invece che al trasporto di esseri umani e cargo nella parte alta dell'atmosfera terrestre.

Di X-37B il Pentagono ha ammesso l'esistenza coprendone le caratteristiche operative con il segreto, ma negando ogni sua possibile funzione militare. Nel mentre gli "sky-watcher" internazionali hanno individuato il vascello attualmente in orbita attorno al pianeta, dando indicazioni di massima sulla latitudine che non lasciano molto spazio alla fantasia sulle sue presunte funzioni in ambito di intelligence.

Preso in consegna dall'Air Force nel 2006 sotto amministrazione Bush, X-37B ha un'apertura alare di oltre 4 metri ed è lungo quasi 9 metri, con un aspetto che ricorda molto da vicino uno Space Shuttle non fosse che misura un quarto di lunghezza. Al contrario degli Shuttle storici, però, X-37B è a guida robotica e si auto-alimenta con i pannelli solari integrati grazie a quali può restare in orbita per 9 mesi di fila.
E per dove se ne va il mini-shuttle segreto nel corso dei 90 minuti che impiega per circumnavigare tutto il globo? Ted Molczan, canadese di base a Toronto membro di un team internazionale che ha preso (letteralmente) di mira il progetto X-37B, dice che nelle osservazioni sue e dei suoi colleghi il mini-shuttle vola tra i 40 gradi latitudine nord e i 40 gradi latitudine sud, passando (guarda caso) una volta ogni quattro giorni sulla stessa zona con i suoi occhi indiscreti ben piantati su Iraq, Iran, Afghanistan, Pakistan e Corea del Nord.

X-37B come strumento di spionaggio e sperimentazione di nuovi sensori da montare successivamente su satelliti spia USA? Il Pentagono non conferma né smentisce, ma si limita a dire che il mini-shuttle servirà per lo "sviluppo e il posizionamento sul campo di sistemi di supporto al combattimento e armamenti selezionati del Dipartimento della Difesa".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaGli ultimi voli dello ShuttleUno dei vascelli statunitensi attualmente in servizio è partito alla volta della ISS, mentre si approntano le tre missioni finali del programma. Mistero sul futuro spaziale USA
  • AttualitàObama: su Marte entro 30 anniIl presidente degli Stati Uniti in Florida per un discorso sullo stato dell'agenzia spaziale. Promette revisioni, garanzie sui posti di lavoro sostenuti dalle attività di NASA e qualche miliardo di dollari in più
7 Commenti alla Notizia X-37B, lo shuttle che mi spiava
Ordina
  • Quando si tratta di tecnologia, particolarmente di tecnologia in ambito militare, gli USA sono sempre avanti a tutti di 10-20 anni!
    non+autenticato
  • - Scritto da: MrT.
    > Quando si tratta di tecnologia, particolarmente
    > di tecnologia in ambito militare, gli USA sono
    > sempre avanti a tutti di 10-20
    > anni!

    O quanto meno sono bravi a far parlare di se. Esistono sempre prototipi di aerei dei quali negano l'esistenza per poi puntualmente doverla ammettere.

    Nella corsa alla luna la tecnologia statunitense è stata messa a dura prova da quella sovietica (meno elettronica e più meccanica) e talvolta si è trovata a doverla inseguire.
    Oggigiorno però come rivale tecnologico non guarderei tanto in europa quanto nell'estremo oriente. Di sicuro ormai sarà difficile passare inosservati anche fuori dall'atmosfera terrestre con tutti i satelliti che trafficano l'orbita del globo!
  • Se fosse stato di interesse militare, a quest'ora avevamo una base umana su Marte.
    non+autenticato
  • - Scritto da: TheBouncing Thing
    > Se fosse stato di interesse militare, a quest'ora
    > avevamo una base umana su
    > Marte.
    Voi avete in mente i bilanci della guerra fredda. Oggi gli USA stanziano ancora dei bei soldi, ma la gran parte se ne va nel mantenimento di basi, stipendi e sostentamento dei militari in forza, oltre che nei rifornimenti e riparazioni necessari a mantenere operativi i reparti schierati sui fronti di guerriglia di Iraq e Afghanistan.

    Leggete qualche informazione: reparti e basi chiuse, velivoli dei quali si arresta l'ordinazione di altri esemplari (F22 Raptor, C17 Globemaster III) e si tengono operativi vecchi B52, Orion antisom, elicotteri presidenziali (cancellato l'acquisto dei nuovi Agusta Westland), aerorifornitori ecc.
    Certo, restano la più potente forza militare al mondo, ma hanno dovuto tagliare i progetti più grandiosi, e sicuramente questo minishuttle non è paragonabile al programma che sta per andare in pensione. Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: MrT.
    > Quando si tratta di tecnologia, particolarmente
    > di tecnologia in ambito militare, gli USA sono
    > sempre avanti a tutti di 10-20
    > anni!

    Insomma, è un satellite-spia con la particolarità di poter rientrare e essere riutilizzato come lo Shuttle. Non ci vedo grandi innovazioni di principio.
    non+autenticato
  • No ma infatti: gli aerei spia esistono da un sacco di tempo, così come i satelliti: hanno "semplicemente" mischiato le due cose.
    885