Mauro Vecchio

Canada, il ministro scardinalucchetti

Tony Clement è il principale promotore di una legge che aggiornerà il copyright, vietando qualsiasi aggiramento dei sistemi DRM. Ma è anche colui che ha ammesso pubblicamente di aver già violato le sue stesse predisposizioni

Canada, il ministro scardinalucchettiRoma - È questione di giorni e in Canada verrà introdotta una legge che ha come obiettivo principale quello di aggiornare le attuali predisposizioni a tutela della proprietà intellettuale. Una mossa assolutamente necessaria, almeno secondo la visione del ministro per l'Industria Tony Clement.

"L'attuale regime non è realistico - ha spiegato il ministro canadese - e soprattutto non è al passo coi tempi. Non riesce infatti a comprendere come le persone nel mondo d'oggi riescano ad usufruire dei vari prodotti dell'intrattenimento". Dunque una legge antiquata, che va modificata e aggiornata.

E, stando all'ottica del ministro Tony Clement, il livello di tutela del copyright in terra canadese dovrebbe essere così alzato. Precisamente in questo modo: lasciando che alcune delle abitudinarie attività dei consumatori restino assolutamente legali. Ad esempio, il trasferimento dei brani da un CD ad un comune lettore MP3.
Oppure l'ottenimento di una copia per uso personale di un film in DVD. O ancora il time shifting dei programmi televisivi attraverso i più comuni videoregistratori. E fin qui non sembra che la proposta di legge portata avanti dal conservatore Tony Clement sia particolarmente restrittiva. Ma c'è un però.
Le suddette abitudinarie attività dei consumatori dei "prodotti dell'intrattenimento" dovranno essere vincolate da un fattore fondamentale: la mancata implementazione a priori di una qualsiasi forma di lucchetto digitale. In altre parole, l'ottenimento di una copia per uso strettamente personale o domestico sarà illegale qualora vengano scardinati DRM e affini.

"Se ci sarà un qualsivoglia lucchetto digitale a protezione delle opere - ha commentato il democratico Charlie Angus, tra le principali voci critiche nei confronti della legge - allora l'utente verrà trattato alla stregua di un comunissimo contraffattore". E - bizzarrie della vita - il primo a rischiare secondo i dettami della nuova legge sarebbe proprio il suo principale promotore, Tony Clement.

Il ministro canadese aveva infatti acquistato nel lontano 2006 il suo primo esemplare di iPod, attualmente fiero di mostrare un archivio di circa 10mila canzoni, che spaziano dagli U2 a David Bowie. Solo che alcuni di questi brani sono stati trasferiti da Clement direttamente da vari CD, come ad esempio un album degli AC/DC irreperibile online, in particolare sulla piattaforma iTunes dove veniva effettuata parte dei suoi acquisti.

"Devo ammettere che questo è contro la nuova legge, dal momento che quest'ultima vieta il trasferimento dei formati - ha spiegato in pubblico Tony Clement - E io ho trasferito musica dai CD della mia famiglia al mio iPod. Nulla di tutto ciò sarà permesso con il nuovo regime legislativo".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • TecnologiaVideogiochi, DRM, pirateria e sviluppatoriL'amore dell'industria per le protezioni anti-copia non accenna a diminuire: nuove tecnologie a prova di pirata proposte da Sony e NEC. Ma non tutti concordano con la linea delle grandi aziende
  • AttualitàUbisoft, scardinato il DRM Un noto gruppo pirata annuncia che la protezione è ormai storia. Intanto i problemi per gli utenti legittimi con i server ufficiali continuano. Ma il publisher avverte: la connessione permanente a Internet è qui per restare
  • AttualitàSu MSN si compra musica senza DRMRe-inaugurato lo Store musicale di MSN Italia. Grafica rinnovata, ma soprattutto niente più lacci digitali sui brani. A Redmond hanno fatto tesoro del passato?
  • AttualitàMaroni, il ministro è un pirataIl reggente del dicastero degli Interni torna a parlare di P2P. Ribadendo il suo utilizzo del file sharing. Fimi piccata, Agorà Digitale chiede l'appoggio della proposta di legge sulle licenze collettive estese
12 Commenti alla Notizia Canada, il ministro scardinalucchetti
Ordina
  • "I sistemi anticopia non ci fermeranno mai
    noi crackeremo tutto quanto e tu non ce lo impedirai
    i giochi della Preistescio, der Nintendo e dell'X-Box
    costeno un botto, brutti s*****i, manco mezz'euro ve darò"

    Prophilax - "Me scarico tutto"
  • Sono veramente patetici.

    Ma non si rendono conto che alla gente non gliene frega un ca220 delle loro leggine idiote?

    La gente continuerà a scaricare/copiare/rimuovere drm/ecc. come ha sempre fatto.

    Il mondo è cambiato, ma questi grotteschi residui medioevali continuano a non voler vedere, sentire e capire. Tanto peggio per loro...

    http://cdexos.sourceforge.net
    http://www.slysoft.com
    http://www.dvdfab.com

    Pirata
    non+autenticato
  • Cinque anni di carcere per chi cracca un sistema DRM

    Ergastolo per chi mette un sistema DRM

    E infine... ricovero per chi compra sistemi con DRM, perchè ha dimostrato di essere incapace di intendere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros

    > E infine... ricovero per chi compra sistemi con
    > DRM, perchè ha dimostrato di essere incapace di
    > intendere.

    A volte non hai scelta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Cinque anni di carcere per chi cracca un sistema
    > DRM
    >
    > Ergastolo per chi mette un sistema DRM
    >
    > E infine... ricovero per chi compra sistemi con
    > DRM, perchè ha dimostrato di essere incapace di
    > intendere.

    Hai visto fin dove sono riuscito ad arrivare con la mia forza di persuasione? Hihihihi

    Questa si che è una grande vittoria!

    Con la lingua fuori
  • Dove saresti arrivato?
    non+autenticato
  • è sempre incinta

    ... più o meno era così, e in ogni caso non cambia molto
    non+autenticato
  • Vediamo se ho capito.
    Compro un prodotto senza DRM -> Libero di fare i backup
    Compro un prodotto con DRM -> non posso fare alcon backup.
    Quindi se compro con DRM... Beh, è presa direttamente nel sottocoda.
    Solo che non vedo differenze con la situazione attuale: dove sarebbe il grande ammodernamento del sistema?
  • - Scritto da: Valeren
    > Vediamo se ho capito.
    > Compro un prodotto senza DRM -> Libero di fare i
    > backup
    > Compro un prodotto con DRM -> non posso fare
    > alcon
    > backup.
    > Quindi se compro con DRM... Beh, è presa
    > direttamente nel
    > sottocoda.
    > Solo che non vedo differenze con la situazione
    > attuale: dove sarebbe il grande ammodernamento
    > del
    > sistema?

    Secondo me l'articolo è carente di informazioni perchè difatto così come riporta la notizia non ha senso e la legge stessa sembra contradditoria.

    Proverò ad approfondire nei prossimi giorni, ma immagino che supporti privi con i DRM ti daranno comunque la disponibilità di accedere a tale contenuto senza necessariamente prenderlo direttamente dal supporto: ipotizzo un CD con DRM e l'eventuale file mp3 da riversare sull'iPod te lo scarichi direttamente dal sito dell'etichetta che, prima di permetterti di scaricarlo, ti chiederà la registrazione e verificherà che tu abbia effettivamente il CD, dunque inserito nel PC per l'autenticazione.

    Ovviamente queste sono solo considerazioni a caldo che faccio dopo aver letto velocemente l'articolo. Mi informerò, però credo che quanto ho scritto abbia un senso... e darebbe un senso anche a questa nuova legge in terra canadese.
  • > ipotizzo un CD con DRM
    > e l'eventuale file mp3 da riversare sull'iPod te
    > lo scarichi direttamente dal sito dell'etichetta
    > che, prima di permetterti di scaricarlo, ti
    > chiederà la registrazione e verificherà che tu
    > abbia effettivamente il CD, dunque inserito nel
    > PC per
    > l'autenticazione.

    Così una volta scaricato, lo metti su emule e tutti lo scaricano da lì. A cosa è servito impedire il rip?

    Il DRM è come un pallone: non importa quanto sia robusto l'involucro, se c'è un foro, l'aria esce da lì.
    >
    > Ovviamente queste sono solo considerazioni a
    > caldo che faccio dopo aver letto velocemente
    > l'articolo. Mi informerò, però credo che quanto
    > ho scritto abbia un senso... e darebbe un senso
    > anche a questa nuova legge in terra
    > canadese.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > ipotizzo un CD con DRM
    > > e l'eventuale file mp3 da riversare sull'iPod te
    > > lo scarichi direttamente dal sito dell'etichetta
    > > che, prima di permetterti di scaricarlo, ti
    > > chiederà la registrazione e verificherà che tu
    > > abbia effettivamente il CD, dunque inserito nel
    > > PC per
    > > l'autenticazione.
    >
    > Così una volta scaricato, lo metti su emule e
    > tutti lo scaricano da lì. A cosa è servito
    > impedire il
    > rip?
    >

    E' qui che ti volevo.
    Non servirà a niente in quanto all'utente, come te, non gliene può fregare di meno della proprietà intellettuale!
    Che le aziende mettano o non mettano DRM, sarà sempre lo stesso.
    Chi pirata crea solo disagio a chi non lo fa.
  • > E' qui che ti volevo.
    > Non servirà a niente in quanto all'utente, come
    > te, non gliene può fregare di meno della
    > proprietà
    > intellettuale!

    Inesatto: mi importa della proprietà intellettuale: mi importa che venga eliminata

    > Che le aziende mettano o non mettano DRM, sarà
    > sempre lo
    > stesso.

    E allora perchè sono così idioti da insistere? Non fanno altro che collezionare figuracce e buttare soldi.

    > Chi pirata crea solo disagio a chi non lo fa.

    È proprio questo lo scopo! Così chi non piratava inizierà a farlo, e capirà che è sbagliato comprare. In questo modo, non potrà più considerare illegale la pirateria.
    non+autenticato