Antipirateria, film con qualcosa in più

di Alberigo Massucci - Il ricorso al digitale consentirà sempre più di disturbare i film per chi li registra abusivamente nelle sale, senza che l'occhio umano si accorga di alcunché. Ancora una volta il Digitale al servizio del Controllo

Roma - Li chiamano "flickers" e sono elementi di disturbo che verranno inseriti all'interno dei lungometraggi proposti nelle sale di mezzo mondo dai proiettori digitali. L'idea non è nuova ma la sua ultima realizzazione, sponsorizzata dal governo americano, segna un nuovo momento della battaglia tra i grandi produttori cinematografici e i sempre più numerosi pirati del cinema.

Per tentare di arginare quelli che nelle sale ci vanno con dispositivi capaci di archiviare due ore di film in buona qualità, Hollywood punta molto su Cinea Inc. e Sarnoff Corporation, due organizzazioni che di recente hanno annunciato una partnership strategica nell'ambito del programma governativo americano per la lotta alla pirateria cinematografica.

Come racconta Cinea si tratta di inserire nei film degli elementi che l'occhio umano non può percepire ma che vengono invece inevitabilmente registrati da camcorder e device di registrazione. Non è un'idea nuova, ma inquinando le pellicole in questo modo Cinea spera di disturbare la copiatura illegale al punto da renderla inservibile a fini commerciali.
Con un effetto che gli autori assicurano non possa provocare né danni né condizionare in alcun modo lo spettatore, la tecnologia sviluppata inserisce nel lungometraggio rapidi cambiamenti di colore, oppure scatti di luce e altro ancora. Produrre un film con questi sistemi sarà semplicissimo, assicura Cinea, perché basterà attivare i flickers nel corso della registrazione delle copie destinate ai cinema.

L'unica vera limitazione per il successo di questo sistema, prima che i pirati da sala trovino la contromossa, sta nel fatto che il sistema di protezione serve solo se il film viene proiettato da proiettori digitali. Il vecchio proiettore analogico, che in questi anni è stato sempre più spesso sostituito dai suoi successori hi-tech, non consentirebbe ai flickers di svolgere il loro compito di disturbo.

In attesa di vedere se effettivamente i produttori riusciranno ad impedire che i film di grande richiamo finiscano in DVD sulle bancarelle pirata mentre sono ancora nelle sale, mi preme sottolineare come la possibilità di un maggiore controllo sulla distribuzione sia fornito ancora una volta dall'utilizzo della tecnologia digitale.

Proprio come accade con i supporti elettronici per l'identità o le transazioni economiche, con i grandi database anagrafici e militari e con le comunicazioni internet o telefoniche, l'uso del digitale si traduce, per chi tiene i fili, in una possibilità del tutto nuova di controllo. Rimane da vedere se, Hollywood a parte, è questo quello che vogliamo.

Alberigo Massucci
39 Commenti alla Notizia Antipirateria, film con qualcosa in più
Ordina
  • Metteranno i metal detector nei cinema? Francamente
    visto il pattume che c'e' in giro certi film non
    valgono nemmeno di essere rippati con telecamere
    imboscate traballanti e il vicino che tossisce...

    Secondo me dovrebbero capire che la gente
    non va ai cinema per vedere un particolare
    film: ci sono le videoteche piene di film, e la
    televisione pure. Guardare un film 6 mesi prima
    o dopo non ti cambia la vita. La gente va nei
    cinema per passare una serata in compagnia.
    E il cinema e' un pretesto. E poi vogliamo mettere
    il grande schermo con un freddo DVD in TV?

    Chi va al cinema da solo?

    Ciao.
    non+autenticato
  • costava circa centomila dollari un paio di anni fa...
    a parte che penso il costo sia sceso..

    attualmente.. quando costa un proiettore tradizionale?
    non+autenticato
  • innanzitutto non servirà a nulla per due motivi:
    primo i film pirata sono quasi sempre rip da DVD promo, e quasi mai registrazioni in sala... e visto che le major non possono rinunciare al dvd promo il problema è risolto

    in secondo luogo, la tecnlogia per come è stata concepita è aggirabile, con una modifica hw alla telecamera (nulla di particolarmente complesso, anzi secondo me già oggi con l'hardware della panasonic dvx100 e il suo frame mode, questa tecnologia non funzionerebbe) oppure sarebbe ancora sistemabile in post produzione con un filtro ad hoc...

    Ma il problema è un altro... nessuno ha pensato ad eventuali effetti che questa tecnologia può causare sull'uomo??? inserire un numero altissimo di flick? ma siamo pazzi, la gente rischia crisi epilettiche, altro che "cose non percepibili dall'occhio umano"


    ultimo appunto per PI "ma dove li avete visti i proiettori digitali nelle sale"? in Italia ce n'è uno a Melzo, e nel mondo la situazione non è migliore.... e poi solamente un paio di film all'anno sono rilasciati anche in digitale, il problema dello scarso numero di proiettori digitali sarà il grande problema che avrà la sony nel suo progetto di "conquista delle sale cinematografiche
    non+autenticato
  • Ma li hai letti gli altri post? Hai scritto cose già dette, repetita iuvant?Sorride
    non+autenticato
  • > ultimo appunto per PI "ma dove li avete
    > visti i proiettori digitali nelle sale"? in
    > Italia ce n'è uno a Melzo, e nel mondo la
    > situazione non è migliore

    Beh, Guerre Stellari 3, per volontà esplicita di Lucas (sia per qualità che contro la pirateria), uscirà SOLO per i cinema in digitale. Quindi o tutti si attrezzeranno per tempo, o i pochi che lo faranno si cuccheranno tutto l'incasso di uno dei film di maggior richiamo delle prossime stagioni!
  • Bisogna vedere se il costo del proiettore giustifica l'acquisto
    non+autenticato

  • - Scritto da: Ekleptical
    > > ultimo appunto per PI "ma dove li avete
    > > visti i proiettori digitali nelle sale"?
    > in
    > > Italia ce n'è uno a Melzo, e nel mondo la
    > > situazione non è migliore
    >
    > Beh, Guerre Stellari 3, per volontà
    > esplicita di Lucas

    la volontà esplicita non è di Lucas ma della Sony, e non c'entrano nè la qualità nè la pirateria (che la Sony ha sempre
    incentivato tra l'altro) anzi il cinema digitale sarà un grande aiuto alla pirateria... (con una semplice parabola potremo vedere i film che sono fuori al cinema).

    il motivo è un altro ed è la sfida lanciata dalla Sony alle altre major, Sony ha deciso di distruggere interamente il mercato, per creare il più grande monopolio della storia (che comunque a parer mio sarebbe di gran lunga migliore dell'attuale situazione).
    Sony ha idea di eliminare la pellicola dalla distribuzione per poter dominare l'attuale mercato, che prevede la vendita di pacchetti delle major ai multiplex, tenendo questi ultimi al giogo dei propri film, il sistema sony con distro digitale via satellite è molto più libero in teoria e permetterà alle sale di scegliere la propria prog.

    il problema è che il tutto sarà un monopolio sony, mentre invece ci sarebbe voluta una piattaforma open in cui tutti potevano avere accesso....

    e iltutto non riguarda la qualità.... il cinema digitale non è migliore di qualità della pellicola... e poi la qualità al cinema frega a pochissimi.... basti pensare a quanti pochi film nella storia sono stati girati in70mm (lo standard di qualità più alto del mondo).
    non+autenticato
  • Io non posso credere che 40 anni fa, quando l'unico modo per vedere un film era vederselo al cinema, quando le sale cinematografiche spopolavano e quando "rippare" era un termine che non esisteva in nessuna parte del pianeta; i film incassasero più di adesso!

    Quindi, mi chiedo, dal momento che qui, nel mondo reale, si vivicchia con stipendi che (...e nemmeno per tutti) girano intorno al migliaio di dollari, perchèccavolo questa brava gente non si accontenta di essere semplicemente ricca e sfondata?

    Fatemi un esempio!

    Quando penso ad un'artista che nella vita a fatto la fame mi viene in mente Vincent van Gogh, non Tom Cruise...
    Qualcuno di voi mai visto un attore, un regista, un produttore americano mendicare del cibo? (attrici anoressiche a parte)
    Qualcuno ha mai visto un distributore ridotto sul lastrico dalle copie pirata?

    Fatemi un esempio! Solo allora andrò a vedermi volentieri un film con gli sfarfallii antipirata!

    Ma se vedere in sala un film in sala vuole dire andare a vedere come Shaolin Soccer con:

    - 20 minuti tagliati
    - trama variata
    - battute (traducibili) sostituite da banali stron%ate
    - doppiaggio FATTO DA CANI
    - e tra un po anche: sfarfallii antipirata

    A questo punto, anche per il bene del cinema, meglio i Divx!


    Terra2
    2332
  • > Quindi, mi chiedo, dal momento che qui, nel
    > mondo reale, si vivicchia con stipendi che
    > (...e nemmeno per tutti) girano intorno al
    > migliaio di dollari, perchèccavolo questa
    > brava gente non si accontenta di essere
    > semplicemente ricca e sfondata?

    Ditto!

    updated: e ri-ditto!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 22.33
    -----------------------------------------------------------
    4751
  • in proporzione 40 anni fa o anche 20 anni fa, il cinema rendeva più soldi di ora. Soprattutto se si fa il conto totale visto che oggi ci sono sempre pochissimi film che rastrellano la stragrande maggioranza degli incassi. Comunque il conto è semplice, 40 anni fa c'erano un maggior numero di cinema e c'era più gente che andava al cinema, il biglietto in proporzione costava un po' meno, ma non abbastanza da controbilanciare la quantità di gente. Quindi anche se non ci puoi credere, è vero che 40 anni fa il cinema rendeva più soldi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Quindi anche se non ci
    > puoi credere, è vero che 40 anni fa il
    > cinema rendeva più soldi.

    Bah... se ci si limita all'incasso al botteghino, forse... (anche se mi rimangono serissimi dubbi).

    Di certo, 40 anni fa, una volta usciti dalle sale i film non guadagnavano più vendendo VHS, DVD, diritti per la trasmissione via cavo/satellite e diritti TV (per non parlare di tutti gli introiti trasversali derivanti dal merchandising (disney), la pubblicità occulta (007) o il videogame che esce con puntualità allucinante (lucas)...).

    Ma anche se il problema fosse reale (e per me è tutt'altro che un problema...) ,secondo te, questo presunto calo di introiti, è causato dalla "pirateria" o del fatto che 40 anni fa usciva 1 kolossal all'anno e non 35 come oggi?

    Comunque... io ho una nutrita collezione di DVD a casa... detesto i tarocchi ripresi in sala! E mi piace *una esagerazione* andare al cinema! (anche se, con fidanzata a carico, spendo una botta di 14euri ogni volta)

    Quindi, dal momento che pago, ESIGO l'assoluta assenza di schifezze di qualsiasi genere sulla pellicola!

    Terra2
    2332
  • In Italia, mai visto proiettori digitali da cinema...
    in tutte le cabine di proiezione che ho visto, audio digitale quello si (anzi quasi sempre), ma video rigorosamente analogico da pellicola.
    non+autenticato
  • All'Arcadia a Melzo ci sono proiettori digitali (oltre a THX etc.)
    www.multiplexarcadia.it
    non+autenticato
  • Credo che i multiplex moderni siano quasi tutti digitali.
    In Friuli Venezia Giulia c'e' il Cinecity (ladri maledetti!) che usa la tecnologia digitale nelle sale.


    - Scritto da: Anonimo
    > In Italia, mai visto proiettori digitali da
    > cinema...
    > in tutte le cabine di proiezione che ho
    > visto, audio digitale quello si (anzi quasi
    > sempre), ma video rigorosamente analogico da
    > pellicola.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Credo che i multiplex moderni siano quasi
    > tutti digitali.
    > In Friuli Venezia Giulia c'e' il Cinecity
    > (ladri maledetti!) che usa la tecnologia
    > digitale nelle sale.

    Perche' ladri maledetti?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Credo che i multiplex moderni siano quasi
    > tutti digitali.
    > In Friuli Venezia Giulia c'e' il Cinecity
    > (ladri maledetti!) che usa la tecnologia
    > digitale nelle sale.

    audio... audio digitale, il video girano pizze da 35mm che pesano decine di chili... altro che digitale...
    l'unica sala attrezzata è melzo, ma il digitale c'è in una sola sale, e credo l'vranno usata si e no 2 volte invita loro in quanto nessun film viene distribuito in digitale
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > In Italia, mai visto proiettori digitali da
    > cinema...
    > in tutte le cabine di proiezione che ho
    > visto, audio digitale quello si (anzi quasi
    > sempre), ma video rigorosamente analogico da
    > pellicola.

    Vorrei sapere anch'io qualcosa in piu' su questo. Su che supporto vengono distribuiti? In che formato? Qual'e' la risoluzione utilizzata? Qualsiasi link attinente e' ben gradito.
    non+autenticato
  • > Vorrei sapere anch'io qualcosa in piu' su
    > questo. Su che supporto vengono distribuiti?

    Pellicola 35mm, circa 4Km per un film da 2 ore e qualcosa...

    > In che formato?

    I formati video piu' diffusi sono tre:
    - normale: 1.33:1 (simile alla tv 4/3)
    - panoramico: circa 1.8:1
    - cinemascope: 2.35:1

    I formati audio principali invece:
    - analogico ottico stereo dolby SR
    - dolby digital (ottico) 6 canali (5+1)
    - DDS (sync con cd) 6 canali (5+1) (ormai in disuso)

    > Qual'e' la risoluzione
    > utilizzata?

    questione controversa, non è facile misurare la risoluzione in "pixel" di una pellicola, comunque piu' o meno, per il formato cinemascope, 4000x3000.

    ciao
    non+autenticato
  • > - DDS (sync con cd) 6 canali (5+1) (ormai in
    > disuso)

    chiedo scusa, DTS non DDS
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Vorrei sapere anch'io qualcosa in piu' su
    > > questo. Su che supporto vengono
    > distribuiti?
    >
    > Pellicola 35mm, circa 4Km per un film da 2
    > ore e qualcosa...
    >
    > > In che formato?
    >
    > I formati video piu' diffusi sono tre:
    > - normale: 1.33:1 (simile alla tv 4/3)
    > - panoramico: circa 1.8:1
    > - cinemascope: 2.35:1
    >
    > I formati audio principali invece:
    > - analogico ottico stereo dolby SR
    > - dolby digital (ottico) 6 canali (5+1)
    > - DDS (sync con cd) 6 canali (5+1) (ormai in
    > disuso)
    >
    > > Qual'e' la risoluzione
    > > utilizzata?
    >
    > questione controversa, non è facile misurare
    > la risoluzione in "pixel" di una pellicola,
    > comunque piu' o meno, per il formato
    > cinemascope, 4000x3000.

    Macche' 4000x3000 ...

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)