Claudio Tamburrino

AT&T, la rete non ammette passi falsi

Due email inviate direttamente al CEO possono costare caro, quanto una minaccia a sfondo legale. Ma l'utente affida la sua storia a un post, e la telco fa marcia indietro

Roma - La telco statunitense AT&T risponde con minacce di azioni legali alle lamentele dell'utente che si rivolga direttamente al CEO: netiquette e customer care sembrano essere state del tutto dimenticati, prima che montasse la polemica, prima delle scuse ufficiali.

L'utente AT&T Giorgio Galante, abbonato con due differenti piani tariffari per iPhone e per iPad, aveva inviato due email in due settimane direttamente a Randall Stephenson, CEO di AT&T, il cui indirizzo era trapelato in Rete.

Certo si trattava di due mail di protesta, con cui Galante criticava le scelte promozionali di AT&T e si lamentava di tariffe ritenute del tutto inique.
Mail che non sono rimaste inascoltata: il lamentevole Giorgio ha presto ricevuto un messaggio in segreteria dal'esecutive response staff di AT&T, un perentorio "grazie per il feedback. Ma se disturberai nuovamente il nostro CEO, ti inviteremo ufficialmente a desistere". Un carteggio che deve aver stupito l'utente almeno quanto coloro che sono stati raggiunti dalle leggendarie epifanie a mezzo mail firmate direttamente da Steve Jobs.

La minaccia di una lettera di cease and decease non ha però spaventato Giorgio Galante, che ha prontamente postato tutto sul suo blog So long and Thanks for all the fish innescando il caso in Rete.

Sono stati in molti a restare sorpresi del fatto che un colosso come AT&T si sia mobilitato per mandare una minaccia legale ad un suo cliente, per quanto destinato a diventare un ex. Un passo falso così pericoloso da essere immediatamente compreso dalla stessa telco: dopo che il caso è montato in Rete, ha fatto marcia indietro. Ricordando tutti i servizi di assistenza messi a disposizione dei clienti e inviando le proprie scuse a Giorgio, contattato direttamente da un vicepresidente AT&T.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàAT&T, spiccioli per le DSL limitateIl colosso statunitense decide di offrire una compensazione per una vicenda riguardante fatti di parecchi anni fa. Chi sospettasse di aver sperimentato connessioni insufficienti può chiedere un rimborso
  • TecnologiaiPhone, sviluppatori in rivolta?Il nuovo kit di sviluppo, il 4.0, taglierebbe le gambe ai software di compilazione intermedi. Jobs lo conferma in prima persona, i programmatori sono perplessi. E c'è chi non la manda a dire, nemmeno da Adobe
  • TecnologiaiPad, i piani dello sbarcoVia ai preordini fuori dagli Stati Uniti. Presentate le tariffe di Tre e Vodafone per il modello 3G. In ritardo quelle Tim. Polemiche sulle differenze di prezzo tra Europa e Nordamerica
19 Commenti alla Notizia AT&T, la rete non ammette passi falsi
Ordina
  • Cessa e desisti, non cessa e decediOcchiolino
    non+autenticato
  • Forse c'era scritto proprio "cessa e muori", per questo c'è rimasto male e ha pubblicato tuttoA bocca aperta
    Si sentiva in pericolo di morte, ahaha
  • A me sembra il solito rompi..lle italiota. Se c'è una struttura di supporto e di customer relationships ti devi appoggiare a quella; se non trovi soddisfazione, cambi provider. Punto.

    La AT&T non avrà fatto bella figura, ma scrivere al CEO di un'azienda perchè non ti piacciono le condizioni, fa tanto piagnone italico.

    Penoso.
    non+autenticato
  • Da noi fanno di meglio, il CEO di ngi scrive sul forum e da anche delle spiegazioni tecniche. Se lo fa lui non vedo perché quello di AT&T non possa ricevere email. Aveva già risposto con un grazie che bisogno c'era di minaciare
    non+autenticato
  • Per due semplici motivi: perchè è una scelta dell'AD di NGI e perchè NGI, se mi permetti, non è AT&T - nè per fatturato nè per numero di dipendenti e clienti serviti.

    Come ho già detto, l'indirizzo di e-mail era leakato da qualche sito e non ufficialmente pubblico. Per cui sarebbe anche equiparabile allo spam.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > A me sembra il solito rompi..lle italiota. Se c'è
    > una struttura di supporto e di customer
    > relationships ti devi appoggiare a quella; se non
    > trovi soddisfazione, cambi provider.
    > Punto.

    si perchè le strutture di customer care brillano per la loro efficienza ed efficacia .... ma soprattutto "ti devi"? e chi lo ha detto? se il customer non mi soddisfa io chiamo la mia controparte contrattuale, ossia la telco, "in persona del legale rappresentante pro tempore" ... ossia, guarda un pò, spesso e volentieri proprio il CEO che, al più, potrà incavolarsi con il suo customer care se ha costretto me a rompergli le scatole.

    > La AT&T non avrà fatto bella figura, ma scrivere
    > al CEO di un'azienda perchè non ti piacciono le
    > condizioni, fa tanto piagnone
    > italico.
    >
    > Penoso.

    Penoso minacciare in stile luigi XIV
  • Allora, innanzitutto ha contattato il manager usando un indirizzo di posta elettronico non pubblico - il demente saprà giustificarsi su come abbia ricevuto questo indirizzo.

    Secondariamente, a cosa serve un'organizzazione? A cosa serve la distribuzione e separazione delle responsabilità? Quello che dici suona come - sai in ufficio non mi funziona la posta elettronica: non chiamo il supporto IT, chiamo direttamente l'amministratore delegato.

    Non è da cretini?
    non+autenticato
  • come si fa tra un colosso e un cittadino stare col colosso pure arrogantello?


    Indiavolato
  • Io sto con quelli che - per fare valere le proprie ragioni - usano le procedure; il piagnucolone italiano invece, fa come cazzo gli pare. Avrebbe potuto intentare una class action, metterci in mezzo un avvocato, andare dritto alla stampa senza rompere i coglioni ad una persona che ha delegato il compito di gestire le relazioni con il pubblico ad un altro ufficio.

    No, non è solo un piagnucolone - è anche un arrogante maleducato, che ora (leggi il suo blog) si sbrodola per i suoi cinque minuti di vana gloria.

    Ma andasse a .....
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > Io sto con quelli che - per fare valere le
    > proprie ragioni - usano le procedure;

    Avvocati tutti?
    Anche avendo sbagliato indirizzo, quel commento può sempre essere utile e in ogni caso smistato, ma non puoi muovere il tuo peso contro il tuo stesso cliente, quella forza dovrebbe essere riservata agli altri colossi, semmai.
  • I fatti dimostrano che così facendo ha ottenuto quel che voleva.
    Ce ne fossero di più di "piagnoni italici" anche qui da noi, ti stai lamentando perché non ha fatto la pecora come avrebbe dovuto fare; permettendo alla Sacra Azienda di fare i suoi santi (o porci) comodi.

    Questa è mentalità italiana, come nel recente caso del prete che si è scopato un minorenne rumeno, ed ovviamente se il prete viene ricattato è colpa del rumeno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > Avrebbe potuto intentare una class action,
    > metterci in mezzo un avvocato, andare dritto alla
    > stampa senza rompere i coglioni ad una persona
    > che ha delegato il compito di gestire le
    > relazioni con il pubblico ad un altro
    > ufficio.

    penso che quella svalangata di soldi che prende come stipendio, il CEO di AT&T potrebbe ben sopportare un paio di mail di un cliente (sottolineo un cliente, cioè uno di quelli che contribuiscono a pagargli il mega-stipendio) insoddisfatto, o no?
    non+autenticato
  • no - moltiplicalo per i milioni di clienti che la AT&T ha.
    non+autenticato