Mauro Vecchio

Musica online, Dada rilancia

Play.me è il nuovo brand scelto dalla net company fiorentina. Tutto basato sul concetto di musica in remoto, ovvero nella cloud. Cambia anche il modello di business: per ascoltare ora si paga

Roma - Un'esperienza di fruizione musicale in the cloud, nella grande nuvola di Internet. È stato definito così il nuovo servizio Play.me, annunciato recentemente da Dada, l'azienda nata a Firenze che opera nelle aree community ed entertainment via web e mobile.

Un rinnovamento totale del servizio lanciato in Italia due anni fa, per l'ascolto e download legali di musica in formato digitale. Con Play.me - powered by Dada, gli utenti avranno in pratica a disposizione tutta la propria musica in modo distribuito, sollevati dall'obbligo di installare alcun software.

Dada ha quindi annunciato una qualità superiore di ascolto in streaming, che è salita a 320 kbps, ovvero la stessa dei compact disc (sic). Il tutto per un catalogo di circa 4 milioni di brani, costituito grazie ad accordi con major del calibro di Sony Music, Universal e Warner, oltre a parecchi collettivi indipendenti.
"Con Play.me, Dada libera veramente la musica ed offre agli utenti la possibilità di proseguire l'esperienza web anche in mobilità, mettendo a disposizione un catalogo musicale di imponenti dimensioni - ha spiegato Paolo Barberis, presidente e founder di Dada - Inoltre, gli utenti avranno la possibilità di scoprire tanta nuova musica grazie al rinnovato motore di reccomendation e alle radio personalizzabili".

Come annunciato dai vertici della web company fiorentina, questo nuovo servizio sarà disponibile attraverso applicazioni Android e iPhone - quella BlackBerry è in via di completamento - quindi distribuite sui rispettivi app store. Play.me offrirà poi il servizio di off-line caching, che incontrerà le esigenze di ascolto mobile anche senza connessione alla Rete.

Ma per Dada pare tramontato un approccio di business basato sull'ascolto gratuito per tutti di musica in formato digitale. Il servizio Play.me includerà una prova gratuita della durata di cinque giorni, da sperimentare dopo aver registrato un account sul sito ufficiale.

Poi, l'ascolto e il download saranno esclusivamente a pagamento, dopo la sottoscrizione a due tipologie d'abbonamento. Una prima - definita low cost - si chiama ascolta e prevede il pagamento di circa 5 euro al mese (o 9,99 euro per l'accesso in mobilità tramite app Android e iPhone) per l'ascolto in streaming dell'intero catalogo senza limiti di tempo e interruzioni pubblicitarie.

La seconda, chiamata scarica e ascolta, prevede il pagamento di 9,99 euro al mese per poter accedere a tutti i servizi della prima e al download di 15 brani a scelta ogni 30 giorni. In pratica, la metà di quelli che potevano essere ottenuti con il precedente servizio un mondo di mp3, che dava all'utente la possibilità di scaricare 30 brani al mese con altrettanti crediti al pezzo. E con la stessa cifra annunciata ora da Dada.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCogliamo un'occasioneNon solo estremismi, ma l'opportunità di intavolare un dialogo. Il segretario del Partito Pirata Italiano Alessandro Bottoni risponde a Enzo Mazza, presidente di FIMI
  • AttualitàContrappunti/ Lo sboom del 2.0 di Massimo Mantellini - Se Telecom Italia decide di investire lo fa coi piedi di piombo. E forse è giusto così. La crisi, oltre a tante cose negative, ha anche qualche aspetto positivo
  • Digital Life13 anni di DadaNasceva nel 1995 quella che oggi viene considerata la Internet Company italiana per eccellenza. Dalla nuova sede in pieno centro a Firenze coordina attività in tre continenti. E ora lancia una campagna di assunzioni
15 Commenti alla Notizia Musica online, Dada rilancia
Ordina
  • esiste un altro servizio simile a questo che si chiama P2P...provatelo e' gratuito
    non+autenticato
  • "Dada ha quindi annunciato una qualità superiore di ascolto in streaming, che è salita a 320 kbps, ovvero la stessa dei compact disc (sic)."

    Non mi risulta che il bitrate di un CD sia 320Kbps, e nemmeno la qualità.
    La frase "la stessa dei compact disc" è fuorviante. Una qualità paragonabile, ma sicuramente non la stessa.
    non+autenticato
  • Non si capisce piu' cosa sia... prima vendeva suonerie ora mp3 , poi si lamentano che non gli danno credito. Non hanno un progetto industriale serio , vedi splinder??? > supereva > dada eccc....

    Contenti loro... l'importante e' fatturare!
    non+autenticato
  • - Scritto da: plott
    > Non si capisce piu' cosa sia... prima vendeva
    > suonerie ora mp3 , poi si lamentano che non gli
    > danno credito. Non hanno un progetto industriale
    > serio , vedi splinder??? > supereva > dada
    > eccc....
    >
    > Contenti loro... l'importante e' fatturare!

    non è facile sopravvivere oggi se non sei google o youtube... loro ci provano.
    non+autenticato
  • Non mi sembra male,mi piace molto l'offerta streaming (in mobilità preferisco ascoltare la radio),se il catalogo è abbastanza vasto non è affatto male.

    Poi si,è vero,c'è youtube,torrent,milioni di mail con il creare altrettanti account e andare a scrocco (come leggo in qualche post),però poi non ci lamentiamo che in Italia non si può far niente,mi sa che è anche un problema culturale,tutti cercano di arraffare l'arraffabile,e se uno paga,è pure fesso.
    non+autenticato
  • infatti penso sia il servizio migliore in Italia per la musica (e prima lo era ancora di più come puoi notare nel mio post), da parte mia oltre ad averlo usato a fondo da un anno a questa parte ne ho sempre parlato con amici e con chi entravo in contatto su internet

    bisogna davvero promuovere servizi del genere che offrono più vantaggi al consumatore rispetto ai soliti noti (itunes&co)

    poi ovvio che come dici tu esistono sempre le vie traverse per raggiungere la musica e contenuti simili, ma quello di dada mi sembra un servizio così abbordabile (e ripeto, fino ad adesso lo era ancora di più) che il gioco può finalmente valere la candela

    - Scritto da: a caso
    > Non mi sembra male,mi piace molto l'offerta
    > streaming (in mobilità preferisco ascoltare la
    > radio),se il catalogo è abbastanza vasto non è
    > affatto
    > male.
    >
    > Poi si,è vero,c'è youtube,torrent,milioni di mail
    > con il creare altrettanti account e andare a
    > scrocco (come leggo in qualche post),però poi non
    > ci lamentiamo che in Italia non si può far
    > niente,mi sa che è anche un problema
    > culturale,tutti cercano di arraffare
    > l'arraffabile,e se uno paga,è pure
    > fesso.
    non+autenticato
  • Beh non posso che quotarti,tra l'altro sembra che i vecchi utenti possono continuare a rinnovare la vecchia offerta (http://getsatisfaction.com/playme/topics/peccato)

    Ora sto usufruendo del periodo di prova gratuita (più che altro per vedere se è tencincamente valido),devo dire che sono molto soddisfatto,tra l'altro,la cosa che mi piace molto è che non necessita di programmi o roba varia,cioè con un qualsiasi browser abbastanza recente,metti login pass e via.


    - Scritto da: AMA
    > infatti penso sia il servizio migliore in Italia
    > per la musica (e prima lo era ancora di più come
    > puoi notare nel mio post), da parte mia oltre ad
    > averlo usato a fondo da un anno a questa parte ne
    > ho sempre parlato con amici e con chi entravo in
    > contatto su
    > internet
    >
    > bisogna davvero promuovere servizi del genere che
    > offrono più vantaggi al consumatore rispetto ai
    > soliti noti
    > (itunes&co)
    >
    > poi ovvio che come dici tu esistono sempre le vie
    > traverse per raggiungere la musica e contenuti
    > simili, ma quello di dada mi sembra un servizio
    > così abbordabile (e ripeto, fino ad adesso lo era
    > ancora di più) che il gioco può finalmente valere
    > la
    > candela
    >
    non+autenticato
  • - Scritto da: a caso
    > Beh non posso che quotarti,tra l'altro sembra che
    > i vecchi utenti possono continuare a rinnovare la
    > vecchia offerta
    > (http://getsatisfaction.com/playme/topics/peccato)
    >

    questo è interessante, ti ringrazio del link e spero sia proprio come hanno scrittoSorride
    non+autenticato
  • ..l'hanno proprio snobbato?
  • windows, mobile o no, ormai è sulla strada del declino
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)