Alessandro Del Rosso

Lightroom 3 gestisce anche i video

Il rivale di Apple Aperture promette diverse nuove funzionalità: nuovi strumenti per la riduzione del rumore e la correzione dei difetti degli obiettivi, e un primo supporto ai video

Roma - A quasi due anni di distanza dall'ultima major release, ieri Adobe ha avviato la commercializzazione di Lightroom 3. Il noto software per la gestione e l'elaborazione delle foto digitali, che trova il suo concorrente più diretto in Apple Aperture (giunto alla versione 3 lo scorso febbraio), guadagna versione dopo versione una crescente autonomia da Photoshop, di cui rimane tuttavia un prodotto complementare.

Le principali novità di Lightroom 3 sono rappresentate da un nuovo strumento per la riduzione del rumore digitale, che promette risultati migliori del precedente, e dalla correzione automatizzata delle distorsioni ottiche, che con un solo clic permette di annullare i più comuni difetti degli obiettivi: distorsioni geometriche, aberrazioni cromatiche, vignettature ecc. Questa funzione, che per funzionare in modo automatico necessita però che un certo obiettivo sia presente nel database di Lightroom, è stata inizialmente introdotta da Adobe in Photoshop CS5, il cui debutto sul mercato è avvenuto lo scorso aprile.

Una funzione simile alla precedente è data da Correzione della prospettiva, che tenta di ridurre o eliminare del tutto le tipiche distorsioni prospettiche causate dagli obiettivi grandangolari, specie quando si fotografano edifici o altri elementi architettonici.
Lightroom 3 introduce il supporto - seppure ancora rudimentale - alla gestione dei video registrati con l'ultima generazione di DSLR, inoltre amplia considerevolmente la sezione Presentazione, da cui è ora possibile creare slideshow più sofisticati, corredati ad esempio di base musicale, ed esportarli nel formato video MPEG4, anche in alta definizione. In precedenza era possibile salvare le presentazioni delle proprie foto solo sotto forma di statiche versioni JPEG o PDF.

Nel nuovo Lightroom non potevano poi mancare nuove funzionalità tese a semplificare la condivisione delle foto online e sui principali social network: i servizi non direttamente supportati da Adobe potranno essere aggiunti per mezzo di plug-in di terze parti.

Lightroom estende infine il numero dei formati d'immagine RAW supportati, migliora le performance generali e semplifica l'inserimento di marchi e filigrane digitali nelle foto, la simulazione della grana della pellicola e l'importazione di foto da macchine fotografiche e telefoni cellulari.

Rispetto all'analoga versione di Aperture, Lightroom manca di funzioni quali il riconoscimento dei volti e il geotagging.

Lightroom 3 può essere acquistato sull'Adobe Store Italia al prezzo di 298,80 euro per la versione completa e di 96 euro per la versione aggiornamento. La versione trial può essere scaricata da qui.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaAdobe presenta Creative Suite 5Aggiornata la celebre suite di applicazioni e strumenti per il multimedia e lo sviluppo che comprende, tra gli altri, applicazioni storiche come Photoshop e Dreamweaver
  • BusinessC'è più Photoshop in Lightroom 2.0 La nuova release del giovane software di Adobe per la gestione delle foto digitali beneficia di novità importanti, quali il supporto ai 64 bit e la capacità di apportare correzioni ad aree specifiche di un'immagine
  • TecnologiaApple rilascia Aperture 3Il software di gestione immagini made in Cupertino arriva alla terza versione. In attesa della risposta della concorrenza, per la Mela una release con qualcosa di iPhoto e qualcosa di Photoshop
3 Commenti alla Notizia Lightroom 3 gestisce anche i video
Ordina