Claudio Tamburrino

e-reader, le prime vittime

Il produttore Irex dichiara bancarotta: con lui escono dal mercato iLiad e DR800SG. Troppo difficile la concorrenza dei tablet?

Roma - Irex, noto produttore europeo di e-reader, ha avviato le procedure per la bancarotta.

La società olandese che produceva device per i consumatori del Vecchio Continente, quest'anno era sbarcata sul mercato degli Stati Uniti tramite la catena di distribuzione di Barnes&Nobles e di Best Buy.

Nata come Spinoff di Philips Electronics, Irex si era guadagnato uno spazio nel mercato degli ereader con iLiad. Il suo ultimo prodotto, DR800SG (costo 400 dollari), integrava uno schermo e-ink touchscreen e una connessione 3G, ma a causa della natura in bianco e nero dello schermo non aveva incontrato particolare interesse da parte dei consumatori.
DR800SG aveva inoltre dovuto subire continui ritardi per il lancio, che gli avevano alla fine fatto saltare le vendite natalizie. Da qui una situazione finanziaria problematica, acuita probabilmente dall'attenzione degli acquirenti che si sta gradualmente spostando su altri tipi di device.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
66 Commenti alla Notizia e-reader, le prime vittime
Ordina
  • Quali libri si leggono con i book reader? Quelli senza foto.
    Beh, se in libreria facciamo sparire i libri senza foto, non so quanti ne rimangano, ma non credo molti.

    Quindi non mi sembra plausibile spendere centinaia di euro per leggere un romanzo.
    ruppolo
    33147
  • Ecco l'italiano medio che non legge.
    Beh, ne esistono che leggono, oltre a molti stranieri che lo fanno spesso e volentieri... poi su iLiad leggi anche giornali e feeds...
  • > Beh, se in libreria facciamo sparire i libri
    > senza foto, non so quanti ne rimangano, ma non
    > credo
    > molti.
    >
    se intendi il reparto libri da colorare ti do pienamente ragione.

    > Quindi non mi sembra plausibile spendere
    > centinaia di euro per leggere un
    > romanzo.

    io ho preso un iliad e personalmente lo trovo comodo per leggere i romanzi e le lunghe relazioni tecniche.
  • - Scritto da: ruppolo
    > Quali libri si leggono con i book reader? Quelli
    > senza
    > foto.
    > Beh, se in libreria facciamo sparire i libri
    > senza foto, non so quanti ne rimangano, ma non
    > credo
    > molti.
    >
    > Quindi non mi sembra plausibile spendere
    > centinaia di euro per leggere un
    > romanzo.
    Cioè o leggi i fumetti o non leggi?

    ruppolo, non è il tuo campo, lascia perdere. Non ti piace leggere, al massimo acquisti riviste e manuali tecnici. Niente di strano ognuno ha le proprie passioni.
    Ma è delirante scrivere che in libreria ci sono pochi libri senza figure. Vorrei dire peggio, ma mi tengo su toni civili.
    non+autenticato
  • non leggi molti libri, vero ruppolo?
    senza entrare in giudizi "di qualità", ma limitandosi alle copie vendute, mi dici quante foto ci sono nei libri di Stephen King? o Dan Brown? o J.K. Rowling? Per stare su cose recenti.
    Ma andando indietro, ai libri più venduti della storia (escludendo i testi religiosi), credi di trovare molte foto nei testi di Shakespeare, Tolstoj, Tolkien o Christie?
  • > Beh, se in libreria facciamo sparire i libri
    > senza foto, non so quanti ne rimangano, ma non
    > credo
    > molti.

    Non so che ti po di libri tu legga, ma per mia esperienza la maggior parte dei libri non ha foto o ne ha poche. E comunque se vedo una foto in bianco e nero mi rende la giornata più triste secondo te?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > Beh, se in libreria facciamo sparire i libri
    > senza foto, non so quanti ne rimangano

    Finché ti riferisci al reparto dei libri per l'infanzia, ti do pienamente ragione.
  • - Scritto da: ruppolo
    > Quali libri si leggono con i book reader? Quelli
    > senza
    > foto.

    Ovvero, il 95% dei libri che puoi trovare nel 100% delle librerie del nostro pianeta. Il resto sono fumetti, libri per bambini e manuali tecnici.

    > Beh, se in libreria facciamo sparire i libri
    > senza foto, non so quanti ne rimangano, ma non
    > credo
    > molti.

    Io direi esattamente il contrario, vedi sopra. La quasi totalità dei libri di narrativa di qualunque genere è praticamente solo testo, mi è capitato di imbattermi in qualche illustrazione ogni tanto che, comunque, il bebook gestisce dignitosamente.

    > Quindi non mi sembra plausibile spendere
    > centinaia di euro per leggere un
    > romanzo.

    Ma per leggerne migliaia forse sì... Sul mio bebook ne avrò letti già un centinaio.
  • - Scritto da: ruppolo
    > Quali libri si leggono con i book reader? Quelli
    > senza
    > foto.
    > Beh, se in libreria facciamo sparire i libri
    > senza foto, non so quanti ne rimangano, ma non
    > credo
    > molti.
    >

    Quello è il reparto bambini...

    > Quindi non mi sembra plausibile spendere
    > centinaia di euro per leggere un
    > romanzo.

    O magari paper e documentazione tecnica esistente solo in formato elettronico. Qualche centinaia di euro li posso ben spendere per aumentare la mia produttività e per preservare i miei occhi...
    kotaro
    2056
  • - Scritto da: ruppolo

    > Beh, se in libreria facciamo sparire i libri
    > senza foto, non so quanti ne rimangano, ma non
    > credo
    > molti.

    tu non leggi molto, vero?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > Quali libri si leggono con i book reader? Quelli
    > senza
    > foto.
    > Beh, se in libreria facciamo sparire i libri
    > senza foto, non so quanti ne rimangano, ma non
    > credo
    > molti.
    >
    > Quindi non mi sembra plausibile spendere
    > centinaia di euro per leggere un
    > romanzo.

    Ruppolo
    I romanzi sono senza foto, per avere non dico le foto ma almeno i disegni devi comprare quelli per bambini
  • ma che sciocchezze scrivete? Il DR800 non ha incontrato scarso interesse,
    non è stato mai messo sul mercato!
    e se volete sapere perché leggete quà
    http://www.simplicissimus.it/2010/06/irex-chiude-e.../
    non+autenticato
  • Sarei andato a vedere comunque sul forum di Simplicissimus, che è sicuramente la fonte migliore per queste notizie, comunque grazie del link diretto.
    Come avviene spesso, sulla materia e-reader, PI è molto pressapochista.
  • L'autore potrebbe spiegare a cosa potrebbe servire uno schermo a colori per il target dell'iLiad (professionisti e accademici)?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Smith
    > L'autore potrebbe spiegare a cosa potrebbe
    > servire uno schermo a colori per il target
    > dell'iLiad (professionisti e
    > accademici)?
    per vedere immagini a colori?Sorride

    scherzi a parte il colore piace a tutti... se riusciranno a fare uno schermo valido come l'e-ink ,ma senza i suoi "problemi" (refresh zoppo e b/n) sfondera'...
    non+autenticato
  • Il refresh è un disagio che limita alcune applicazioni secondarie che potrebbero sfruttare la piattaforma. Il colore ne limita altre ancora più secondarie. Onestamente, anche con uno schermo a colori, non credo possano mai sfondare, non è nella natura del prodotto sfondare: i clienti, i lettori, sono una minoranza.

    Gli ebook reader sono prodotti di nicchia, per leggere libri sequenzialmente, non saltando di punto in punto in stile www. Libri che sono quasi esclusivamente in b/n. L'unica nicchia reale in cui potrebbero usare il colore è l'educational, con partnership con le scuole, ma si parlerebbe di almeno 5-10 anni di transizione e una grossa evoluzione tecnologica, niente a che vedere con lo stato dell'arte o con i motivi per cui iRex è fallita.

    Attualmente al cliente medio di iRex del colore proprio non interessa, interessa solo a persone che un iRex non lo avrebbero comprato comunque e pensano a quello che vorrebbero loro: non un ebook reader, ma un tablet, un gadget, altro.

    Non lo dico per sentito dire, stavo discutendone l'acquisto di un blocco di iRex per un'istituzione un mese fa, e non ho mai parlato né sentito parlare dell'assenza del colore come problematica. Si parlava di rapidità di scrittura della penna, di GUI, di DRM, formati supportati, di voci di fallimento e conseguente possibile discontinuità del supporto al prodotto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Smith
    > Il refresh è un disagio che limita alcune
    > applicazioni secondarie che potrebbero sfruttare
    > la piattaforma. Il colore ne limita altre ancora
    > più secondarie. Onestamente, anche con uno
    > schermo a colori, non credo possano mai sfondare,
    > non è nella natura del prodotto sfondare: i
    > clienti, i lettori, sono una minoranza.
    >
    > Gli ebook reader sono prodotti di nicchia, per
    > leggere libri sequenzialmente, non saltando di
    > punto in punto in stile www. Libri che sono quasi
    > esclusivamente in b/n. L'unica nicchia reale in
    > cui potrebbero usare il colore è l'educational,

    Non sono d'accordo. L'e-book a colori non sfonda perché non c'è... se ci fosse un prodotto con le stesse qualità di quello in b/n (lettura riposante, durata batteria di qualche giorno), il mercato si "creerebbe da sé", nel senso che quello che è possibile con i libri, lo sarebbe anche con le riviste & co. che hanno bisogno del colore.
    Poi va visto, c'è anche una questione di prezzi.

    > Attualmente al cliente medio di iRex del colore
    > proprio non interessa, interessa solo a persone
    > che un iRex non lo avrebbero comprato comunque e
    > pensano a quello che vorrebbero loro: non un
    > ebook reader, ma un tablet, un gadget, altro.

    Vabbè, puoi chiamarlo anche tablet va bene uguale, l'importante è che mi faccia una funzione di e-book a colori, cosa che ancora non è possibile perché la tecnologia a colori è LCD e non e-ink. ciao
    non+autenticato
  • Strano comportamento, quella della multinazionale olandese. Comprensibile che nei primi tempi possa non avanzare con il proprio marchio in un mercato ancora ristretto e a rischio come quello degli e-paper reader, ma non sostenere la propria costola e uscire così dal mercato nel momento in cui molti altri, grandi e piccoli, si stanno sviluppando, mi pare davvero un comportamento assurdo.
  • Ucciso dagli americani che hanno bloccato la diffusione prima di natale con delle scusa sulle norme di sicorezza.
    Bel prodotto che avrebbe dato duro filo da torcere a Kindle e iPad, anche se il secondo non ha molto a che fare con i veri eReader.
    Peccato perché era il miglior prodotto sul mercato e con lo standard ePub.
    Agli americanio gli stanadrd aperti piacciono poco.
    C'è da sperare ancora solo in Sony, o chissà che magari Google si butti... magari anche comprando la tecnologia iRex....
    non+autenticato
  • ... si... noi europei sempre cogl...ioni a osannare i prodotti americani... e quelli ci tagliano le gambe sempre....
    Ricordate lo scandalo l'airbus? Spiata con sistemi militari tipo echelon per favorire la boeing.

    Io spero invece che i cinesi riescano a costruire un qualche "brand" invece di produrre come terzisti... si abbasserebbero notevolmente i costi.... e non venitemi a parlare di bassa qualità dei prodotti cinesi che l'ipad lo fabbricano alla foxxconn cinese e che il 90 per cento del vostro computer è made in china.
  • Cinese e di qualità, c'è l'Onyx Boox. Secondo me, il migliore reader sul mercato, attualmente.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)