Pirateria informatica, BSA... informa

La divisione italiana della Business Software Alliance torna all'attacco con una campagna da 300mila euro per arrivare alle imprese italiane. E condisce il tutto con una newsletter

Roma - Grandi manovre di BSA Italia per continuare a contrastare il fenomeno della pirateria informatica e, in particolare, l'uso allegro dei software che si fa in numerose imprese del nostro paese, violando spesso e volentieri i limiti di licenza.

Con una campagna da 300mila euro, la divisione italiana della Business Software Alliance intende raggiungere le piccole e medie imprese italiane attraverso inserzioni sui giornali finanziari più diffusi. Allo stesso tempo sta pianificando un'opera di contatto diretto per posta che comprenderà 250mila spedizioni di bollettini informativi relativi alla campagna antipirateria.

Curiosa la scelta di BSA per il tema dell'iniziativa, il cui titolo ricorda da vicino altri slogan pubblicitari: "Che programmi hai oggi?".
Una campagna ambiziosa: in una nota BSA Italia afferma che l'obiettivo è "sensibilizzare oltre un milione di aziende e professionisti sulla corretta gestione del software e sui rischi connessi all'utilizzo di software illegalmente riprodotto".

Tutto ciò è condito dall'avvio di una nuova edizione di newsletter, "BSA Informa", nella quale troveranno spazio informazioni e resoconti sulle attività delle forze dell'ordine di repressione dell'attività di pirateria, qualche approfondimento sull'ICT, interventi di aziende e protagonisti tra quelli impegnati nelle attività BSA e alcuni chiarimenti alle aziende in una rubrica dal titolo "l'esperto risponde". BSA Informa verrà inizialmente diffusa a 1.300 nominativi.

"Queste iniziative - ha dichiarato Yolanda Rios, Presidente di BSA Italia - si inseriscono in un più ampio programma contro la pirateria che contempla diverse attività portate avanti dall'associazione: una recente ricerca di IDC commissionata da BSA, ad esempio, ha evidenziato concretamente quali vantaggi economici si avrebbero, per il sistema Paese, con una riduzione, in Italia, della pirateria di 10 punti percentuale. Perché questo progetto ambizioso, ma pur fattibile, si realizzi è dunque necessario continuare nell'impegno di informare e sensibilizzare gli utenti, anche attraverso campagne marketing creative e mirate".
TAG: mercato
31 Commenti alla Notizia Pirateria informatica, BSA... informa
Ordina
  • Comprate la licenza di Windows 2000, che costa non troppo, e metteteci OpenOffice, Gimp, e tutto quel che vi serve.

    e in c__o alla BSA
    non+autenticato
  • Bastonare di più le aziende e lasciare in pace i privati che non traggono profitto dal software.

    P.S.
    solo chi programma capisce quanto lavoro c'è dietro un software che va ben oltre il lavoro e la spesa necessaria per creare un cacciavite o un martello.

    non+autenticato
  • Chissà cosa ne pensa Rodotà di questa banca dati ... ce le vedo io 250.000 persone che hanno dato a BSA l'assenso al trattamento dei dati !!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Chissà cosa ne pensa Rodotà di questa banca
    > dati ... ce le vedo io 250.000 persone che
    > hanno dato a BSA l'assenso al trattamento
    > dei dati !!!!

    Basta aprire le pagine gialle... non serve l'assenso al trattamento dei dati se sono disponibili in elenchi pubblici.....

    nop
    563
  • > Basta aprire le pagine gialle... non serve
    > l'assenso al trattamento dei dati se sono
    > disponibili in elenchi pubblici.....


    Quindi secondo te non è illegale mandare spam
    se gli indirizzi e-mail sono pubblici....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > Basta aprire le pagine gialle... non serve
    > > l'assenso al trattamento dei dati se sono
    > > disponibili in elenchi pubblici.....
    >
    >
    > Quindi secondo te non è illegale mandare spam
    > se gli indirizzi e-mail sono pubblici....

    Non dico questo... ho solamente detto che non serve avere una autorizzazione per avere in un mio DB i dati disponibili pubblicamente... certo che se poi uso il tuo indirizzo di casa per venirti a pugnalare allora commetto un reato...

    Aggiungo ... inviare materiale pubblicitario via posta ordinaria non si configura certo come reato...

    Ciao


    nop
    563
  • ...
    > Aggiungo ... inviare materiale pubblicitario via posta
    > ordinaria non si configura certo come reato
    ...

    Però con la posta ordinaria non pago direttamente la
    pubblicità. Spam e trovate pubblicitarie via e-mail sono invece un costo diretto per me.

    Se poi andiamo a considerare l'impatto di 1, 10, 100 persone
    che sparano 250.000 e-mail su internet a scopo pubblicitario
    solo perchè non è reato...
    non+autenticato

  • > Se poi andiamo a considerare l'impatto di 1,
    > 10, 100 persone
    > che sparano 250.000 e-mail su internet a
    > scopo pubblicitario
    > solo perchè non è reato...

    Non capisco cosa centra con la violazione della privacy.... perchè era di quello che si parlava...

    ciao
    nop
    563
  • Secondo me fanno bene: il software è uno strumento come il tornio o il martello, se per il tuo lavoro è utile è giusto che lo paghi. Si può anche dire che questo SO o quel Software abbiano bug ma se lo hai in azienda è perchè bene o male ti serve, se ti fa così schifo non usarlo. Dunque PAGATELO se la licenza lo richiede.
    Inoltre si avrebbero altri due vantaggi:
    1) Più coscienza per quello compri, con la pirateria si fa presto a cambiare e criticare senza sfruttare fino in fondo il software
    2) E' un vantaggio per chi sostiene il software libero perchè il mercato risponderà a prezzi eccessivi con prodotti alternativi, ho già visto aziende attente alle licenze passare a StarOffice per esempio, finchè c'è la pirateria è più facile che si continueranno a scambiare documenti Word via mail, mi sono spiegato???
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Secondo me fanno bene: il software è uno
    > strumento come il tornio o il martello,

    Macaco ! In quanti usano lo stesso tornio o lo stesso martello?Usa il cervello una volta all'anno.

  • > Macaco ! In quanti usano lo stesso tornio o
    > lo stesso martello?Usa il cervello una volta
    > all'anno.

    Ma cosa vuol dire? Lo sforzo per la produzione e manutenzione di un software vuoi che la paghi solo un cliente? Cioè io spendo 100.000 euro per fare un CAD e poi lo rivendo solo ad uno e agli altri lo do gratis??
    Certo che tu si che non sei un macaco!

    Oppure intendi che se un'azienda compri Office hai diritto ad installarlo su 100 PC? Guarda se lo installi solo su uno e lo usi in 100 persone va bene, ma quando vuoi usarlo in più contemporaneamente devi avere licenze aggiuntive, oppure per il martello non fai così, ne copri uno e te ne danno 100?

    Il tuo ragionamento non fila per niente, anche la produzione di un martello non è conveniente se le previsioni di vendita sono basse, non viviamo più in un epoca di artigianato, lo stesso vale per un software. Certo se ragioni che Office costa 800 euro e la copia solo 1 e allora secondo te MS guadagna 799 euro a copia....

    Voglio inoltre specificare che non difendo il software proprietario ma chi decide di vendere e non regalare ha diritto al pagamento delle copie.

    Ho piacere ad avere una risposta cerca solo di avere argomenti più validi e meno arroganza, grazie.


    non+autenticato
  • > oppure per il martello
    > non fai così, ne copri uno e te ne danno
    > 100?

    No, ne compro uno e lo usa a casa, in garage, lo presto al vicino, me lo porto in macchina, eccetera

    > Il tuo ragionamento non fila per niente,
    > anche la produzione di un martello non è
    > conveniente se le previsioni di vendita sono
    > basse, non viviamo più in un epoca di
    > artigianato, lo stesso vale per un software.

    Appunto: la produzione di un software (come di qualunque altro bene) deve essere conveniente, se non non ne vale la pena. Ma cosa vuol dire "conveniente"?
    Se il padrone di MS è l'uomo più ricco del mondo deve aver dato un bel significato alla parola "conveniente"

    > Certo se ragioni che Office costa 800 euro e
    > la copia solo 1 e allora secondo te MS
    > guadagna 799 euro a copia....

    Sicuramente sì.


  • > Ma cosa vuol dire? Lo sforzo per la
    > produzione e manutenzione di un software
    > vuoi che la paghi solo un cliente? Cioè io
    > spendo 100.000 euro per fare un CAD e poi lo
    > rivendo solo ad uno e agli altri lo do
    > gratis??
    > Certo che tu si che non sei un macaco!
    >
    > Oppure intendi che se un'azienda compri
    > Office hai diritto ad installarlo su 100 PC?
    > Guarda se lo installi solo su uno e lo usi
    > in 100 persone va bene, ma quando vuoi
    > usarlo in più contemporaneamente devi avere
    > licenze aggiuntive, oppure per il martello
    > non fai così, ne copri uno e te ne danno
    > 100?
    >
    > Il tuo ragionamento non fila per niente,
    > anche la produzione di un martello non è
    > conveniente se le previsioni di vendita sono
    > basse, non viviamo più in un epoca di
    > artigianato, lo stesso vale per un software.
    > Certo se ragioni che Office costa 800 euro e
    > la copia solo 1 e allora secondo te MS
    > guadagna 799 euro a copia....

    Fantastico. Con un piccolo problema: se durante l' uso scopro che il mio martello ( o tornio ) ha dei problemi di utilizzo, me lo faccio cambiare ( o riparare perchè torni in condizioni perfette ), mentre i buchi di Office me ti tengo così come sono fino all' arrivo di qualche futuribile patch ( e alcuni buchi NON SONO MAI STATI RIPARATI, come il micidiale correttore ortografico italiano di varie versioni di Word ).
    O come i buchi di Win98 a cui,che per tentare una correzione
    anche parziale, microsoft ha messo fuori ME a PAGAMENTO !!!
    >
    > Voglio inoltre specificare che non difendo
    > il software proprietario ma chi decide di
    > vendere e non regalare ha diritto al
    > pagamento delle copie.

    E alla presenza di un software CHE FUNZIONI !!!!
    Date un' occhiata a Corel Draw e a tutti i suoi problemi ....

    >
    > Ho piacere ad avere una risposta cerca solo
    > di avere argomenti più validi e meno
    > arroganza, grazie.
    >
    >

    Questi ti sembrano validi, caro ????
    non+autenticato
  • quoto:

    >una recente ricerca di IDC commissionata da >BSA, ad esempio, ha evidenziato >concretamente quali vantaggi economici si >avrebbero, per il sistema Paese, con una >riduzione, in Italia, della pirateria di 10 punti >percentuale

    Dove si trova? _Se_ si trova...
    non+autenticato
  • bsa.org


    - Scritto da: Anonimo
    > quoto:
    >
    > >una recente ricerca di IDC commissionata da
    > >BSA, ad esempio, ha evidenziato
    > >concretamente quali vantaggi economici si
    > >avrebbero, per il sistema Paese, con una
    > >riduzione, in Italia, della pirateria di 10
    > punti >percentuale
    >
    > Dove si trova? _Se_ si trova...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > quoto:
    >
    > >una recente ricerca di IDC commissionata da
    > >BSA, ad esempio, ha evidenziato
    > >concretamente quali vantaggi economici si
    > >avrebbero, per il sistema Paese, con una
    > >riduzione, in Italia, della pirateria di 10
    > punti >percentuale
    >
    > Dove si trova? _Se_ si trova...

    A me pare evidente: La gente rimpiazza il SW proprietario con l'Open Source quindi risparmia. Questi soldi risparmiati potranno essere reinvestiti in Italia attivando così un circolo virtuoso che migliorerà l'economia del Bel Paese.

    Tutto ciò è ottenibile con una riduzione del SW proprietario del 10%, il che corrisponderebbe anche alla riduzione della pirateria del 10%.

    Conclusione, la riduzione della pirateria del 10% migliora l'economia di un paese. QED!
    non+autenticato
  • anche se tu lavorassi gratis i tuoi soldi potrebbero essere dirottati per il bene del prossimo?

    cosa? non vuoi essere sfruttato?
    che fai i tuoi interessi?

    se tutto il mondo fosse open & free, l'open diventerebbe closed & pay perché vorrebbe dire avere moltissimi informatici che lavorano come pazzi per far si che pochissimi informatici, usando manodopera sottopagata ma sopravvalutata (perché nei progetti open è uno dei pochi posti nell'informatica dove si codifica ma non si ingegnerizza il software e chi ha seguito mozilla - il che non vuol dire averlo compilato o usato ma che ha letto il codice delle varie versioni - sa a cosa mi riferisco, o me li sognavo solo io quei total rewrite?) per i propri comodi. Visto che lo schiavismo è stato abolito ci vuole poco per capire che prima o poi l'ego di questa gente che lavora gratis non potrà venire appagato completamente senza che, giustamente, essi si vedano riempito anche il portafogli, e magari anche proporzionalmente a quanto i loro esimi sfruttatori incamerano con operazioni + o - oneste (ma sicuramente sporche sotto il punto di vista etico).
    non+autenticato
  • il tuo discorso nn fa una piega....

    il fatto è ke con il software proprietario nn ci guadagnano tanto i programmatori ma solo i grandi magnati( vedasi bill gate)

    Se lo vendessero a 10 euro al posto di 200 la pirateria esisterebbe?

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)