IBM mette Linux in laboratorio

Big Blue spinge lo sviluppo di soluzioni basate su Linux attraverso l'apertura di nuovi centri di ricerca in mezzo mondo. Che si tratti di datacenter o supercomputer, IBM vuole al suo fianco il Pinguino

Armonk (USA) - Massima promotrice di Linux, IBM sembra ora intenzionata ad investire nel sistema operativo free una quantità di denaro e risorse senza precedenti. Il primo obiettivo di Big Blue, condiviso con altri giganti del settore quali Oracle e HP, è quello di spingere Linux sul mercato enterprise e renderlo, anche nella fascia alta del mercato dei server, il più temibile concorrente delle piattaforme Unix e del neo arrivato Windows Server 2003.

Seguendo questa strategia, Big Blue ha annunciato l'apertura di nuovi laboratori dedicati allo sviluppo di soluzioni basate su Linux dedicate alle grandi aziende e alla pubblica amministrazione.

Il big di Armonk ha varato negli Emirati Arabi Uniti l'Energy Competency Center, una struttura che avrà il compito spingere l'adozione di Linux nel campo della ricerca di gas e petrolio. IBM ha già fornito ad alcuni dei colossi petrolchimici mondiali, come Shell, Conoco e Saudi Aramco, supercomputer basati su Linux e hardware Intel che vengono impiegati per analizzare i dati sismici e geofisici necessari all'individuazione di nuovi giacimenti di petrolio e metano.
In Germania, in base agli accordi stipulati lo scorso anno con il governo tedesco, Big Blue ha invece inaugurato l'E-government Center, un istituto che si occuperà di vagliare politiche e soluzioni per l'impiego di Linux nella pubblica amministrazione. Nell'accordo è previsto che IBM offra degli sconti al Governo tedesco per l'acquisto di computer dotati di Linux. Come si ricorderà, lo scorso anno il Bundestag ha varato una serie di iniziative tese a ridurre la propria dipendenza tecnologica dai prodotti di Microsoft a favore del software libero.

Linux Labs è invece il nome di un nuovo laboratorio nato in Brasile e dedicato al porting di software Linux sulla linea di mainframe di fascia alta di IBM. Il lavoro svolto dai Linux Labs sarà fondamentale per portare a compimento quel processo che ha visto Big Blue portare Linux dapprima sui suoi server di fascia bassa e, progressivamente, sulle proprie linee di mainframe.

Altri laboratori dedicati a Linux sono stati aperti da IBM in Asia, tra cui un centro di ricerca e sviluppo in Cina, Singapore e Corea del Sud: questi, in particolare, avranno il compito di sviluppare soluzioni destinate al fertile mercato asiatico, un'area dove la Cina è destinata a giocare un ruolo sempre più importante per Linux e il software open source in generale.
176 Commenti alla Notizia IBM mette Linux in laboratorio
Ordina
  • Salve stavo leggendo questo interesante articolo:
    http://news.com.com/2100-1016_3-999371.html?tag=fd...

    Ecco cosa viene affermato da SCO:
    "Lines from Unix's source code have been copied into the heart of Linux, sometimes exactly and sometimes in a modified form designed to disguise their origin, SCO Group Chief Executive Darl McBride said Thursday."

    Dopo l'inizio della battaglia legale con IBM SCO ha assunto dei consulenti per confrontare il codice del kernel Linux con UnixWare e apparentemente...

    "We're finding...cases where there is line-by-line code in the Linux kernel that is matching up to our UnixWare code," McBride said in an interview. In addition, he said, "We're finding code that looks likes it's been obfuscated to make it look like it wasn't UnixWare code--but it was"

    Sembra che abbiano trovato codice UnixWare dentro al kernel Linux, e anche codice offuscato fatto sembrare diverso ma simile, secondo McBride. (scusate la traduzione al volo molto scarna, ma mi sembra importante che tutti la possano leggere)

    E sono pronti a portare l'evidenza in tribunale: "We feel very good about the evidence that is going to show up in court" ed inoltre...

    "This is the first major case where there's been a claim of fraud or improper use of code getting into open-source."

    Chissa che succedera a RedHat e SuSe...Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    ....
    > Dopo l'inizio della battaglia legale con IBM
    > SCO ha assunto dei consulenti per
    > confrontare il codice del kernel Linux con
    > UnixWare e apparentemente...

    Cioè prima fa una denuncia e poi cerca i motivi ?!?!?!?

    ......
    > Sembra che abbiano trovato codice UnixWare
    > dentro al kernel Linux, e anche codice
    > offuscato fatto sembrare diverso ma simile,
    > secondo McBride. (scusate la traduzione al
    > volo molto scarna, ma mi sembra importante
    > che tutti la possano leggere)

    Basta che il codice che dicono essere simile non sia qualche cosa del genere:

    #include
    #include
    #include
    ....


    Scherzi a parte, dicono che c'è del codice simile ma non dicono dove ne tantomeno quale.... Dicono che sono pronti ad andare in tribunale, ma sono mesi che saltellano di quà e di là con questa storia, ma per il momento del tribunale neppure l'ombra... La cosa sa alquanto di FUD...

    A proposito.... nell'articolo sono interessanti gli ultimi risultati azionari delle aziende coinvolte....

    Caldera Intl                SCOX     3.68     -0.01
    Intl Bus. Machines     IBM     87.26     1.37
    Red Hat Inc              RHAT     6.17     0.20
    Microsoft Corp        MSFT     26.17     0.46


    non+autenticato
  • > Scherzi a parte, dicono che c'è del codice
    > simile ma non dicono dove ne tantomeno
    > quale.... Dicono che sono pronti ad andare
    > in tribunale, ma sono mesi che saltellano di
    > quà e di là con questa storia, ma per il
    > momento del tribunale neppure l'ombra... La
    > cosa sa alquanto di FUD...

    non sarei cosi' ironico...
    ammesso che sia vero, sarebbe un bel guaio
    e volendo proprio fare dietrologia spicciola, da film di serie B, chi ti dice che non potrebbe essere una mossa concordata fra SCO e IBM per dare una spallata a linux che gli sta rubando il merato sotto gli occhi?
    lo so, e' poco plausibile, ma non c'e' solo Microsoft fra i cattivi..

    la cosa io la prenderei molto sul serio
    e' la prima minaccia concreta all'ascesa di linux.
    Le multinazionali americane, quasi tutte, anzi... tutte, hanno sempre usato queste tattiche mafiose, finche' mi sei comodo ti sfrutto, quando diventi troppo grande ti affosso... con ogni mezzo

    nessun linux potrebbe mai uscire vincente da un'aula di tribunale, non dal punto di vista giudiziario, ma per l'enorme fiume di denaro che dovrebbe essere speso...

    pensateci...
    non+autenticato


  • > ammesso che sia vero, sarebbe un bel guaio
    > e volendo proprio fare dietrologia
    > spicciola, da film di serie B, chi ti dice
    > che non potrebbe essere una mossa concordata
    > fra SCO e IBM per dare una spallata a linux
    > che gli sta rubando il merato sotto gli
    > occhi?

    Ma che sei scemo ?Sorride)) Leggi la notizia di oggi. Che fa IBM vende linux però fa causa?
    non+autenticato
  • Scusate l'intrusione.

    Ho 21 anni e lavoro da 2 nell'IT. Non ho un'esperienza tale da permettermi di fare lo sbruffone, ma almeno posso capire l'argomento.

    Ho letto tutto questo thread di messaggi... che è partito da una notizia che credo abbia poco a che fare con la piega che ha preso la discussione, quindi non la cito nemmeno.

    A me piace Windows. Mi piace molto. A me piace Linux. Mi piace molto. Sarò bacato. Però mi trovo a fare cose diverse con i computer. Al lavoro programmo in Java e JSP, e vedo che sul mio portatile va molto meglio Windows XP piuttosto che Linux, per quanto sono riuscito a fare. Ma non credo che una distribuzione come la Redhat in mano a me (che sono un utente piuttosto avanzato, ma ripeto, non sono un esperto di Linux) debba darmi prestazioni scadenti.

    Però i server di produzione con Tomcat li vedo molto bene con Linux. Non sono schifato da Windows. Non mi avveleno l'anima litigando con altri per un sistema operativo.

    Windows ha dei bug e dei problemi di sicurezza, che per ovvie ragioni scatenano clamore in quantità decupla rispetto a gravi problemi di sicurezza di applicazioni su Linux (vedi recenti casi di sendmail, zlib, ecc...). Ma vengono corretti, e credo che qualsiasi sistema operativo uno abbia debba assicurarsi di essersi documentato di recente. Perchè forse con Windows ci si aspetta che vada da solo e che non debba essere configurato, ma non è vero; è vero invece che la documentazione NON è così in bella vista come per Linux.

    Però non mi piace vedere la gente che si accanisce così nei forum per dei sistemi operativi... ma sarà perchè sono giovane!

    Buon lavoro a tutti, qualunque cosa usiate.

    Giulio
    non+autenticato
  • > Però non mi piace vedere la gente che si
    > accanisce così nei forum per dei sistemi
    > operativi... ma sarà perchè sono giovane!

    Ciao Giulio,
    e benvenuto nei forum di Punto Informatico Sorride
    non+autenticato
  • > Windows ha dei bug e dei problemi di
    > sicurezza, che per ovvie ragioni scatenano
    > clamore in quantità decupla rispetto a gravi
    > problemi di sicurezza di applicazioni su
    > Linux (vedi recenti casi di sendmail, zlib,
    > ecc...). Ma vengono corretti, e credo che
    > qualsiasi sistema operativo uno abbia debba
    > assicurarsi di essersi documentato di
    > recente. Perchè forse con Windows ci si
    > aspetta che vada da solo e che non debba
    > essere configurato, ma non è vero; è vero
    > invece che la documentazione NON è così in
    > bella vista come per Linux.

    Finalmente una persona intelligente nel forum... senza naturalmente voler offendere nessuno. Pero' sta di fatto che se win ha dei bug o problemi di sicurezza tutti gridano "allo scandalo" quando questi sono di dist. linux invece chissa' come mai non se ne sente mai parlare in giro... mah potenza dell'insabbiamento!!Occhiolino
    non+autenticato
  • > Finalmente una persona intelligente nel
    > forum... senza naturalmente voler offendere
    > nessuno. Pero' sta di fatto che se win ha

    Troppo buonoOcchiolino

    > dei bug o problemi di sicurezza tutti
    > gridano "allo scandalo" quando questi sono
    > di dist. linux invece chissa' come mai non
    > se ne sente mai parlare in giro... mah
    > potenza dell'insabbiamento!!Occhiolino

    Beh, se ne sente parlare, però pare che ci sia piuttosto un atteggiamento del tipo "grazie sviluppatori Linux per aver corretto questo bug (introdotto da voi stessi)!!!", mentre nel software commerciale qualcosa tipo "ma com'è possibile, ho speso euro per questo programma, e devo ANCHE scaricare delle patch (gratuite)!".

    Non so se sia molto giusto!Sorride

    Giulio
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Finalmente una persona intelligente nel
    > > forum... senza naturalmente voler
    > offendere
    > > nessuno. Pero' sta di fatto che se win ha
    >
    > Troppo buonoOcchiolino
    >
    > > dei bug o problemi di sicurezza tutti
    > > gridano "allo scandalo" quando questi sono
    > > di dist. linux invece chissa' come mai non
    > > se ne sente mai parlare in giro... mah
    > > potenza dell'insabbiamento!!Occhiolino
    >
    > Beh, se ne sente parlare, però pare che ci
    > sia piuttosto un atteggiamento del tipo
    > "grazie sviluppatori Linux per aver corretto
    > questo bug (introdotto da voi stessi)!!!",
    > mentre nel software commerciale qualcosa
    > tipo "ma com'è possibile, ho speso euro per
    > questo programma, e devo ANCHE scaricare
    > delle patch (gratuite)!".

    No. Semmai l'atteggiamento è del tipo: ho speso 500 Euro per la versione nuova del programma e ci sono ancora gli stessi cazzo di bug della versione vecchia.

    D'altra parte ci sono dei tizi che mi offrono la stessa cosa con più o meno gli stessi bug ma senza prendermi per il culo. Per lo meno sono loro grato e non mi lamento dei bug, semmai faccio qualche cosa per aiutare a risolverli...
    non+autenticato
  • > > Beh, se ne sente parlare, però pare che ci
    > > sia piuttosto un atteggiamento del tipo
    > > "grazie sviluppatori Linux per aver
    > corretto
    > > questo bug (introdotto da voi stessi)!!!",
    > > mentre nel software commerciale qualcosa
    > > tipo "ma com'è possibile, ho speso euro
    > per
    > > questo programma, e devo ANCHE scaricare
    > > delle patch (gratuite)!".
    >
    > No. Semmai l'atteggiamento è del tipo: ho
    > speso 500 Euro per la versione nuova del
    > programma e ci sono ancora gli stessi cazzo
    > di bug della versione vecchia.
    >
    > D'altra parte ci sono dei tizi che mi
    > offrono la stessa cosa con più o meno gli
    > stessi bug ma senza prendermi per il culo.
    > Per lo meno sono loro grato e non mi lamento
    > dei bug, semmai faccio qualche cosa per
    > aiutare a risolverli...

    Non credo però che questo discorso possa essere UNIVERSALE per tutti bug di Windows. Penso che Windows XP abbia raggiunto un buon livello di maturità, e devo ammettere che la knowledge base di Microsoft per Windows 2000 Server e altri prodotti enterprise (tipo Exchange...) mi ha risolto diversi problemi (poche volte non ho trovato NULLA di attinente alla ricerca che avevo fatto). Vecchi bug, vecchie soluzioniOcchiolino

    Ma sono d'accordo sul fatto che i tempi sono molto più brevi nel mondo open-source per quanto riguarda la soluzione dei problemi del software (del resto è uno dei suoi punti di forza!).

    Giulio
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    ....
    > > D'altra parte ci sono dei tizi che mi
    > > offrono la stessa cosa con più o meno gli

    Mi è rimasto nella tastiera il fatto che me lo offrano gratis...


    > Non credo però che questo discorso possa
    > essere UNIVERSALE per tutti bug di Windows.

    Mica ho parlato di Windows...

    Comunque il discorso ovviamente si applica o no a seconda dei casi.

    Io non ho nulla in contrario sul sw a pagamento. Ma in tutta sincerità a volte mi aspetterei un po' di rispetto in più per il cliente, visto che paga...

    non+autenticato
  • ehi, ma AIX che fine farà?
    non+autenticato
  • Modestissimo parere, AIX continuerà la sua vita ancora per molto.. Dove viene utilizzato (molto spesso via) è ancora indispensabile...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ehi, ma AIX che fine farà?

    La stessa fine di VMS.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ehi, ma AIX che fine farà?
    >
    > La stessa fine di VMS.

    Ma IBM non si vuole liberare di AIX
    perche' e' posseduto da SCOA, che
    tra l'altro l'ha citata?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > ehi, ma AIX che fine farà?
    > >
    > > La stessa fine di VMS.
    >
    > Ma IBM non si vuole liberare di AIX
    > perche' e' posseduto da SCOA, che
    > tra l'altro l'ha citata?

    No.

    IBM stà adagio adagio trasferendo alcune delle tecnologie presenti in AIX sotto Linux. L'intento è quello di rimpiazzare poco a poco AIX con Linux, dipende dal successo che avrà. Così almeno avevano detto, poi che lo facciano è un altro paio di maniche.

    Per SCO invece il problema è venuto dal fatto che IBM ha integrato alcune tecnologie contenute in AIX e che a quanto pare sono brevettate da SCO. Finchè queste tecnologie erano implementate unicamente in AIX, SCO poteva percepire delle royalties (anche solo tramite scambio di diritti sui brevetti), mentre inserendo quelle tecnologie in Linux IBM ha violato i termini con la SCO rendendo pubbliche delle tecniche brevettate. Da cui è partita la causa legale.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ehi, ma AIX che fine farà?

    Gli accorceranno il numero di opzioni dopo ogni comando?
    non+autenticato
  • Ibm è tra i maggiori fautori della campagna pro-brevetti sul software. Non vi fate ingannare dalla sua pubblicità, è una azienda dalla politica sporca quanto quella microsoft, che in un momento di buona pubblicità sta adottando il sistema operativo più libero che c'è.

    Ma non abbiate fede che la situazione può cambiare grazie ad IBM, ricordate che la situazione STA cambiando grazie alla GPL (non credo che IBM avrebbe adottato linux se non avesse potuto modificarlo).

    non+autenticato
  • > Ibm è tra i maggiori fautori della campagna
    > pro-brevetti sul software. Non vi fate
    > ingannare dalla sua pubblicità, è una
    > azienda dalla politica sporca quanto quella
    > microsoft, che in un momento di buona
    > pubblicità sta adottando il sistema
    > operativo più libero che c'è.

    Puntando sul fatto che Linux costo pressochè zero, licenza Windows XXXX server costo parecchio elevato.

    > Ma non abbiate fede che la situazione può
    > cambiare grazie ad IBM, ricordate che la
    > situazione STA cambiando grazie alla GPL
    > (non credo che IBM avrebbe adottato linux se
    > non avesse potuto modificarlo).

    Beh sicuramente gran parte è così, ma penso soprattutto al punto di sopra.
    non+autenticato
  • - Scritto da: il_fabry
    > Puntando sul fatto che Linux costo pressochè
    > zero, licenza Windows XXXX server costo
    > parecchio elevato.

    Costo zero? A me risulta il contrario:
    http://www.suse.de/it/business/products/server/sle...

    Mica si tratta della rivistina col cd allegato... se in un'azienda ti presenti con quella ti ridono dietro, per non dire in faccia...


    Zeross
    1303
  • Sempre più accessibile dell'ultima licenza del pacchetto server di Windows... E comunque non arrivo mai col cd della rivistina ma con i miei bei cd masterizzati scaricando gli iso direttamente dal produttore. Suse fa da tempo prodotti troppo commerciali, in altri miei post puoi leggere pacificamente che sono contro questa distribuzione, invece preferisco Red Hat da tempo, che ti permette di scaricarti l'intero set di cd dal suo mirror o anche da altri...
    non+autenticato
  • Anche Debian - a detta dei top-user la migliore distribuzione - fa scaricare gli iso dei CD gratuitamente. Tra l'altro la nuova versione di Debian conta ben 8 CD, ma per una installazione base ne basta uno, il primo.
    non+autenticato
  • > Anche Debian - a detta dei top-user la
    > migliore distribuzione - fa scaricare gli
    > iso dei CD gratuitamente. Tra l'altro la
    > nuova versione di Debian conta ben 8 CD, ma
    > per una installazione base ne basta uno, il
    > primo.

    veramente bastano i 5 dischetti dell'installazione base...
    e poi installi tutto da rete...
    non+autenticato
  • Diavolo, c'è un anno di mantenimento del server incluso nel prezzo. Mi pare anche che costi poco...
    non+autenticato
  • come mai lo scorso 16 Aprile alla conferenza IBM su Linux e cluster tutti i cd demo giravano SOLO su piattaforma wndows....

    I poche parole chi ci andava ed aveva una qualsiasi distro Linux sul suo pc di casa/ufficio non poteva vedersi il cd distribuito....
    non+autenticato
  • Molto semplicemente perchè l'utente medio commerciale non sa usare neanche il pc che gli viene affidato, pensa te con linux o altro... Basta vedere i workshop "tecnici" di IBM, taluni redatti da commerciali che non sanno neanche cosa è la piattaforma dove girano.
    non+autenticato

  • > Molto semplicemente perchè l'utente medio
    > commerciale non sa usare neanche il pc che
    > gli viene affidato, pensa te con linux o
    > altro... Basta vedere i workshop "tecnici"
    > di IBM, taluni redatti da commerciali che
    > non sanno neanche cosa è la piattaforma dove
    > girano.

    come fai a vendere qualcosa che non conosci??????
    mi spieghi allora che senso ha "i server IBM supportano linux"?
    si, i server si, ma il personale IBM non sa neanche cosa sia...
    se e' cosi' linux su IBM sta messo abbastanza male...
    non+autenticato
  • Credo che tu non abbia mai avuto a che fare con grosse aziende, spesso i "commerciali" vendono soluzioni non funzionanti sono poi i tecnici a risolvere i problemi! Purtroppo esperienza diretta.

    Ciao.
    non+autenticato
  • Purtroppo è vero, come è vero che si trovano anche situazioni opposte (rarissime).
    Ultimamente ho partecipato ad un workshop tecnico alla sede ibm di roma. Beh il relatore era un commerciale (e lo si notava palesemente) di ibm.
    I commerciali devono fare il loro mestiere, e non sono tecnici (o difficilmente lo sono). I server IBM supportano linux, ma è mica un commerciale che ti sa risolvere un problema dal punto di vista sistemistico?
    A quanti di questi commerciali spesso e volentieri occorre un "supporto" tecnico per sapere quale migliore configurazione proporre al cliente?
    E poi non veniamo a dire che linux non è supportato da nessuna casa hardware. Personalmente esperienze personali ne ho fatte tante tra cui una "stupenda" nel dicembre del 2000.
    Una nota rivista che puntualmente inserisce al suo interno l'ultime versione di distro linux, inserii l'allora RH 7.0.
    Beh con quelle 9900 lire di allora più un server compaq proliant ml330, con dischi in raid 5 hw e scsi2, unità dat 12/24 tipo sdt9000 e altri componenti hw che sotto Windows bestemmi un poco (è innegabile) prima di farli funzionare a dovere; in pochi minuti dopo l'assemblaggio di tutti i componenti, avevo un mio file server di storage con tanto di unità di backup dat. Alla faccia di chi mi vuole imporre Windows a tutti i costi.
    non+autenticato

  • > Credo che tu non abbia mai avuto a che fare
    > con grosse aziende, spesso i "commerciali"
    > vendono soluzioni non funzionanti sono poi i
    > tecnici a risolvere i problemi! Purtroppo
    > esperienza diretta.

    No
    infatti no
    e' solo dal 96 che lavoro per alcuni dei provider piu' grandi in Italia, escluso TIN
    il mio post era un critica a IBM
    so benissimo come funziona, tanto e' vero che ancora oggi il commerciale IBM viene a farti offerte di server con preinstallato windows 2000
    di linux neanche l'ombra per cui tanta pubblicita' e' sprecata
    specie in Italia
    magari i commerciali americani sono diversi...
    ma da noi linux neanche sanno cosa e'..
    non+autenticato
  • > il mio post era un critica a IBM
    > so benissimo come funziona, tanto e' vero
    > che ancora oggi il commerciale IBM viene a
    > farti offerte di server con preinstallato
    > windows 2000
    > di linux neanche l'ombra per cui tanta
    > pubblicita' e' sprecata
    > specie in Italia
    > magari i commerciali americani sono
    > diversi...

    Probabilmente è un commerciale da 4 soldi. Infatti io non prendo nemmeno in considerazione macchine con S.O. preinstallati a prescindere da qualunque sia. Il sistema me lo installo da me e me lo gestisco io.. Probabilmente offrono pure quello perchè la stragrande maggioranza dei "neosistemisti" non sa manco da dove iniziare con linux e quindi lo vendono meglio.. Ma su un xSeries di fascia 23x non voglio neanche sentir parlare di s.o. preinstallato...

    > ma da noi linux neanche sanno cosa e'..

    Si soprattutto i nuovi professionisti IT.
    non+autenticato
  • Mi meraviglio che qualcuno creda ancora ai commerciali ...
    categoria infame e mangiapane a tradimento dietro noi
    poveri hacker che ci facciamo il culo per lavoro e per diletto
    ... purtroppo mi danno spesso del "poco flessibile" ...
    ma se ibm investe 7000 persone nello sviluppo e nel porting
    di applicazioni sotto linux e sun, hp ci credono ... allora
    penso che bisgona mandare a quel paese quei windows dipendenti e sostenere il S.O che presto sbaragliera windows ...

    Sorride
    non+autenticato
  • Vendere ciò che non si conosce? Conosco un sacco di gente che lo fa. Internet e l'informatica sono una vera manna per i millantatori. Sai, se un imbianchino imbianca male, la colpa è sicuramente sua ma se un "tecnico" fa male il suo lavoro, può giustificarsi facilmente con tutte le cazzate che vuole. L'utente medio ne sa meno di lui e ci casca. Il caso estremo? Ho visto coi miei occhi una venditrice/manager di una web agency milanese (MADD) digitare un indirizzo web nel browser cominciando con "http://" (!!!) Non ti dico i siti che fanno, poi...
    http://www.touringclub.it/info/index.asp
    nella parte bassa della pagina, lasciati guidare dal touring...
    Professionisti? Mah...
    non+autenticato
  • ... iniziando con http
    non+autenticato
  • Forse perchè lo scopo era quello di convincere utenti Win a passare a Linux ?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)