Mauro Vecchio

USA, di trademark e filetti di unicorno

Letteraccia spedita a ThinkGeek. Colpevole di aver copiato illegalmente uno slogan della National Pork Board. E di averlo usato per pubblicizzare il primo aprile un cibo di fantasia

Roma - C'è chi non ha risparmiato le più ironiche battute, parlando di un tipo di carne sicuramente ottima con broccoli e patatine fritte. Un accostamento succulento, se almeno la carne di unicorno fosse reperibile al banco di un comune macellaio. Ma i legali della società statunitense Faegre & Benson probabilmente non si sono mai accorti che il leggendario cavallo cornuto appartiene esclusivamente ad un regno incantato, da favola.

E così i responsabili del sito ThinkGeek - negozio online dove è possibile acquistare magliette curiose o lampade di Star Trek - hanno potuto leggere quella che è stata da loro stessi definita la migliore lettera della categoria cease-and-desist mai ricevuta. Una comune letteraccia, almeno nella forma, scritta per impedire le vendite future di un prodotto.

Ma proprio sul prodotto è scattata la generale ilarità. Una porzione di carne di unicorno in scatola, pubblicizzata su ThinkGeek.com il primo giorno dello scorso aprile. Uno scherzo, con l'immagine della carne in bella vista accompagnata dallo slogan: la nuova carne bianca. Un'espressione che non è affatto piaciuta ai vertici della National Pork Board a stelle e strisce.
Il titolo di altra carne bianca spetterebbe al più reale maiale. ThinkGeek si sarebbe così macchiato di violazione del trademark. Ecco dunque il motivo della lettera ricevuta dal sito, un corposo dattiloscritto di 12 pagine in cui viene spiegata l'origine dell'attività illecita. ThinkGeek si è poi scusato con la National Pork Board, con parole meritevoli di una breve menzione.

"Non era nelle nostre intenzioni causare una crisi nazionale, facendo confondere i cittadini statunitensi sulla differenza esistente tra il maiale e l'unicorno - ha spiegato Scott Kauffman, CEO di Geeknet proprietaria del sito - Infatti, la carne di unicorno in scatola di ThinkGeek è brillante, un po' rossa e non approvata da alcuna agenzia governativa".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàAustralia, Google o Groggle?Una lettera di BigG a un imprenditore australiano. Il suo alcolico sito ha un nome troppo simile a quello del search engine. Dovrà ritirare dominio e trademark o affrontare una causa in tribunale
  • Diritto & InternetIl buon nome di RapidShareAttaccati una serie di siti che avrebbero abusato della fama del servizio di hosting utilizzando più o meno direttamente il suo marchio registrato: continua la strategia per legalizzare i contenuti ospitati
  • AttualitàLa Mela e quella i di troppoUn giudice australiano ha stabilito che Apple non può contare sul monopolio della vocale minuscola. Non colpevole una piccola azienda produttrice di borse per laptop che aveva chiamato la sua linea DOPi
5 Commenti alla Notizia USA, di trademark e filetti di unicorno
Ordina