Mauro Vecchio

La veste legale di LimeWire

Scoperti alcuni dettagli sulla trasformazione del servizio di sharing in piattaforma musicale legale. Che sarà a sottoscrizione, accessibile da desktop e dispositivi mobile

Roma - Sono recenti alcune dichiarazioni di un portavoce di LimeWire, ovvero uno dei servizi di sharing al momento nell'occhio del ciclone delle rivendicazioni dei detentori dei diritti. Si era così parlato di fruttuosi incontri con le etichette, per la definizione di un nuovo servizio musicale e di un modello di business che avrebbe compensato l'industria tutta.

Mancavano i dettagli, ma appariva chiaro come le intenzioni del fondatore di LimeWire Mark Gorton fossero orientate verso una metamorfosi radicale. Da servizio di sharing spremuto dalla Recording Industry Association of America (RIAA) a nuova piattaforma legale per l'acquisto di musica. Una trasformazione che ora è apparsa ancora più chiaramente.

Ad illustrare meglio la situazione è stato un alto rappresentante di LimeWire, che ha confidato in via anonima alcuni dettagli al sito Digital Music News. Un servizio legale potrebbe dunque vedere la luce entro la fine del 2010, grazie ad un modello a sottoscrizione. I vari utenti avranno cioè la possibilità di scaricare i brani e ascoltarli in streaming, dopo aver effettuato l'accesso da diverse piattaforme.
"Gli utenti avranno accesso immediato e completo al loro intero catalogo - ha spiegato la fonte anonima - sia dal proprio desktop che da dispositivi mobile". Il nuovo LimeWire dovrebbe infatti prevedere l'archiviazione cloud-based, oltre che l'integrazione della piattaforma di Apple, iTunes. Una veste che piacerà sicuramente alle major, soprattutto se detto da un servizio che rischiava una salata multa da un miliardo di dollari.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàRIAA: il giudice affondi LimeWirePer la lobby dei discografici statunitensi le operazioni della società che sta dietro a uno dei più popolare client per file sharing deve chiudere i battenti. Subito. Per evitare ulteriori danni al mercato
  • Diritto & InternetUSA, uso legittimo e fantastiliardiI settori economici alimentati dal fair use arriverebbero a valere un sesto del PIL degli States. Lo mostra uno studio che sembra contrapporsi alle analisi sui danni della pirateria proposte dai detentori dei diritti
  • Diritto & InternetUSA: la pirateria è tutta da verificareUna ricerca governativa afferma che gli studi finora condotti sulla pirateria sono basati su dati e metodologie non chiari. Insomma, il problema c'è, ma non si sa quanto è grande. E potrebbe avere lati positivi