Claudio Tamburrino

E-reader, asta al ribasso

Dopo Nook e Kindle, anche Kobo, il dispositivo di Borders, abbassa il prezzo

Roma - Dopo che Barnes&Nobles e Amazon hanno annunciato un taglio dei prezzi dei loro e-reader, ci si attendeva la risposta dei concorrenti, o quanto meno di quelli che, puntando ad essere competitivi sul prezzo, si trovavano ora spiazzati. Primo fra tutti, Kobo, l'e-reader della libreria Borders: per reggere il passo dei concorrenti annuncia ora una nuova offerta.

Con l'acquisto di Kobo, che costa 149 dollari proprio come Nook (che però è dotato di WiFi), e 40 dollari in meno di Kindle (che ha connessione 3G), gli acquirenti otterranno subito un buono del valore di 20 dollari e punti regalo della libreria Borders extra.

In ogni caso Kobo, con uno schermo eInk da 6 pollici, nessuna connessione, 1GB di memoria e 100 e-book gratuiti, prova a ritagliarsi il suo spazio nel mercato degli e-reader, che sembra diventare ogni giorno più bollente.
Claudio Tamburrino
Notizie collegate
29 Commenti alla Notizia E-reader, asta al ribasso
Ordina
  • Ma c'è un posto dove si possano acquistare, in Italia o almeno in Europa?
    non+autenticato
  • Parli di questi lettori di cui parla l'articolo o di e-reader in generale?
    Nel secondo caso, in Italia li puoi comprare da Mediaworld, La Feltrinelli, e molti altri negozi. On line ti consiglio il sito di simplicissimus.
  • Tutti questi ribassamenti di prezzi, degli e-reader oggi, come delle console ieri, e di qualcos'altro domani dimostrano solo quanta cresta questa gente fa con questi gadget tecnologici.

    Gli costa 1 e lo rivendono a 100, per poi abbassarlo a 50, o addirittura a 20.

    E' vergognoso!

    Ma porca miseria. Ti costa 1, rivendilo a 2 che tutti lo comprano!
    E quando esce il modello nuovo, tutti comprano anche il modello nuovo, che tanto costa 2.

    E' necessario l'open anche nell'hardware: non e' possibile che il progresso tecnologico venga ostacolato dall'avidita' di pochi.
  • a me basterebbe che lo rivendessero a 10...
    non+autenticato
  • Un prodotto costa poco di materiali e produzione, ma molto di ricerca e sviluppo.
    I prima chiaramente pagano questi costi: i secondi usano un prodotto che non è più nuovo e quindi non pagano più questa parte.
    non+autenticato
  • - Scritto da: zztop
    > Un prodotto costa poco di materiali e produzione,
    > ma molto di ricerca e
    > sviluppo.
    > I prima chiaramente pagano questi costi:

    E questa e' la speculazione a danno del cliente.

    > i
    > secondi usano un prodotto che non è più nuovo e
    > quindi non pagano più questa
    > parte.

    Io mi sono fatto furbo gia' da un pezzo e faccio sempre parte del secondo gruppo.
    Quando tutti si sveglieranno e decideranno di far parte del secondo gruppo, allora gli speculatori cambieranno stratgia e si decideranno a vendere le cose a prezzo di costo.
  • > Io mi sono fatto furbo gia' da un pezzo e faccio
    > sempre parte del secondo
    > gruppo.
    una tua scelta

    > Quando tutti si sveglieranno e decideranno di far
    > parte del secondo gruppo, allora gli speculatori
    > cambieranno stratgia e si decideranno a vendere
    > le cose a prezzo di
    > costo.

    dove vedi la speculazione ? è fisiologico che sui primi lotti di un prodotto nuovo vengano ricaricate anche le spese di ricerca e di sviluppo.
  • Guarda che la speculazione c'è, si chiama profitto, ed in alcuni casi è la gran parte di un prezzo. Sul 3gs in vendita (o un portatile hp, o un televisore sony) secondo te, ad oggi, devono ripagare i costi di sviluppo?
  • - Scritto da: erMedusa
    > Guarda che la speculazione c'è, si chiama
    > profitto,

    Annoiato

    > ed in alcuni casi è la gran parte di un
    > prezzo. Sul 3gs in vendita (o un portatile hp, o
    > un televisore sony) secondo te, ad oggi, devono
    > ripagare i costi di
    > sviluppo?

    il televisore è identico a quello di 40 anni fa ?
  • - Scritto da: shevathas
    >
    > il televisore è identico a quello di 40 anni fa ?

    No, ma perche' smettere di produrre monitor crt che l'ultimo che ho preso l'ho pagato 30 euro, e oggi ci sono solo monitor LCD che quello che costa meno ne costa 80?

    A me che non frega dell'lcd e dello schermo piatto ma voglio un monitor da 30 euro mi stai fregando!
  • - Scritto da: panda rossa
    > No, ma perche' smettere di produrre monitor crt
    > che l'ultimo che ho preso l'ho pagato 30 euro, e
    > oggi ci sono solo monitor LCD che quello che
    > costa meno ne costa
    > 80?

    Forse perché quelli come te che chiedono crt ormai sono pochi. Magari ai produttori costa di più mantenere aperte le fabbriche per produrre quel tipo di schermi piuttosto che investire sugli lcd.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Damage92
    > - Scritto da: panda rossa
    > > No, ma perche' smettere di produrre monitor crt
    > > che l'ultimo che ho preso l'ho pagato 30 euro, e
    > > oggi ci sono solo monitor LCD che quello che
    > > costa meno ne costa
    > > 80?
    >
    > Forse perché quelli come te che chiedono crt
    > ormai sono pochi. Magari ai produttori costa di
    > più mantenere aperte le fabbriche per produrre
    > quel tipo di schermi piuttosto che investire
    > sugli
    > lcd.

    Allora mi devono poter fornire un oggetto di simili caratteristiche allo stesso prezzo.
    Altrimenti c'e' la fregatura.

    Una nuova teconologia sostituisce la precedente quando offre un miglior rapporto prezzo/prestazioni.

    Nel caso dei monitor le prestazioni sono le stesse (anzi, il crt ha un tempo di risposta molto piu' alto) mentre i prezzi sono piu' che raddoppiati.

    E' una fregatura!
  • forse ti è sfuggito che un CRT 24 pollici pesa 25 kg e tiene metà scrivania
    non+autenticato