Mauro Vecchio

HP nella musica mobile, con NuTsie

L'azienda di Palo Alto acquisisce Melodeo, servizio di streaming con base a Seattle. Ed entra in diretta competizione con Apple, con un software che esporta playlist iTunes su dispositivi alternativi al Melafonino

Roma - C'è chi ha parlato di una vera e propria resa dei conti tra Apple e Hewlett-Packard. Fonti interne all'azienda di Palo Alto hanno infatti confermato alcuni dettagli relativi ad un'acquisizione che renderà più aspra la battaglia sul campo dei servizi musicali mobile.

Tra i 30 e i 35 milioni di dollari. Sarebbe questa la cifra sborsata da HP per l'acquisto di Melodeo, il servizio di streaming musicale con base a Seattle. Melodeo: ovvero un diretto competitor di servizi come Pandora, ma soprattutto Lala, quella Lala che ha recentemente chiuso i battenti dopo l'acquisizione da parte di Apple.

HP è quindi entrato nel mercato dei servizi musicali mobile, potendo così contare su NuTsie, il software di Melodeo che permette il trasporto di playlist iTunes - c'è chi ha notato NuTsie sia appunto l'anagramma di iTunes - su dispositivi mobile alternativi al Melafonino. Un software peraltro disponibile su vari ambienti mobile come BlackBerry, Android e Windows Mobile.
È anche vero che Melodeo non può attualmente contare su una notorietà pari a quella di servizi come Lala e Spotify. Ma la sua platea di utenti appare in continua crescita, con circa 2 milioni di unici al mese a transitare sul sito ufficiale e quasi 2 milioni di download per l'applicazione NuTsie.

Cifre che hanno fatto ingolosire HP, pronta a fare di NuTsie una delle attrattive principali di WebOS, sistema operativo di quella Palm precedentemente acquisita per 1,2 miliardi di dollari. Certo non una buona notizia per Cupertino, che adesso dovrà fare i conti con una platea più vasta di utenti pronti ad utilizzare quello che qualcuno ha soprannominato iTunes jailbreaker.

Mauro Vecchio
Notizie collegate