La banda è larga a 256 Kbps

L'ente di controllo britannico ha stabilito che si può parlare di servizio broad band soltanto quando la banda fornita all'utente supera i 256 Kbps. Una decisione che potrebbe avere ripercussioni anche in Italia

Roma - Difficile rimanere insensibili dinanzi alla decisione dal sapore storico assunta dall'autorità di controllo del mercato delle comunicazioni britannico, Oftel, secondo cui d'ora in poi per parlare di banda larga si dovrà fare riferimento ad una banda di almeno 256 Kbps.

Questo stesso livello di banda, secondo Oftel, sarà necessario per definire un servizio "always-on", cioè "sempre attivo", una delle caratteristiche portanti di offerte broad band come quelle ADSL.

Va detto che fino a questo momento in Gran Bretagna, dove le dinamiche del mercato ADSL in qualche modo ricordano quelle italiane, la banda larga era stata definita soltanto in un documento governativo come una banda superiore ad 1 megabit per secondo, ma ora con la decisione di Oftel si arriva ad una "ufficializzazione" della cosa sul mercato delle comunicazioni.
Oftel ha voluto prendere una decisione per dare un segnale tanto agli operatori quanto agli utenti, circondati da numerosi diversi generi di offerta, con banda del tutto variabile e spesso definita broad band anche quando larga non è per niente.

Perché 256 Kbps? "Data la disponibilità di un prodotto di accesso ad internet broad band fornito da Tiscali - spiega Oftel - si considera appropriato definire accesso internet a banda larga le velocità superiori ai 256 Kbps, dal momento che i prodotti oggi disponibili sopra questa banda consentono la fornitura di contenuti diversi come lo streaming video".

A fini statistici, comunque, Oftel continuerà a considerare i 128 Kbps una banda sufficiente per essere considerata larga. Sotto i 256 Kbps, comunque, le aziende potranno parlare di "broad band" ma non di "broad band ad alta velocità".

Va detto, infine, che la decisione di Oftel non è definitiva in quanto suscettibile di essere modificata, come spiega l'Autorità, "via via che nuovi servizi di accesso ad internet a velocità diverse vengono creati e si sviluppano nuovi contenuti broad band".
TAG: adsl
29 Commenti alla Notizia La banda è larga a 256 Kbps
Ordina
  • Allora, è vero che, in tutte le offerte di "broadband" al pubblico non esiste banda garantita (apparte forse Libero che offriva, se non ricordo male, un minimo di 28 kbs), ma questo perché (anche se questo non lo troverete nelle offerte commerciali, ovviamente), si tratta sempre e comunque di offerte di banda del tipo "best effort". Il perché è presto detto:
    se ogni ISP dovesse dotarsi di un accesso su backbone con banda pari al massimo dei kbs disponibili, moltiplicato per il numero di tutti gli utenti abbonati, ogni abbonamento verrebbe a costare, come minimo, circa 30 volte tanto. La banda purtroppo è un bene scarso e quindi (come tutti i beni scarsi), motro costoso. Per intenderci si tratta di un'operazione simile a quella dell'overbooking delle compagnie aeree. Poiché c'è sempre una parte di coloro che prenotano un biglietto aereo che non si presentano al check in, le compagnie permettono un numero di prenotazioni superiori al numero di posti effettivamente disponibili. A volte però succede, che tutti quelli che si sono abbonati si presentano e allora....qualcuno rimane a piedi. La domanda da porsi (e sia chiaro, io non sono nè a favore nè contro, si tratta solo di dati di fatto), preferisco un abbonamento a 36 Euro al mese, che però andrà così o così o un abbonamento a, poniamo (togliendo eventuali margini e ricarichi eccessivi) a 500 Euro al mese, con la garanzia di avere sempre e comunque 256 kbs garantiti? Purtroppo tertium non datur. Per questo le proposte residenziali costano così poco, ma sono al contempo anche così poco affidabili. La situazione internazionale non è purtroppo molto diversa da quella italiana (i costi di affitto della banda sui bone in fibra sono più o meno equivalenti dappertutto).
    Altra cosa, e che io sottolinerei, piuttosto è che, ammenoché le cose non siano cambiate dall'ultima volta che ho controllato, il richiesto riconoscimento di un RFC per l'ADSL a 256 kbs (richiesto da diversi provider), non è ancora avvenuto, per cui, non si può legittimamente parlare di ADSL per una connessione inferiore ai 640 kbs (almeno per quel che riguarda gli RFC, che di fatto sono le pietre miliari degli standard tecnologici).
    Ciao

    -Zoroastro-
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Allora, è vero che, in tutte le offerte di
    > "broadband" al pubblico non esiste banda
    > garantita (apparte forse Libero che offriva,
    > se non ricordo male, un minimo di 28 kbs),
    > ma questo perché (anche se questo non lo
    > troverete nelle offerte commerciali,
    > ovviamente), si tratta sempre e comunque di
    > offerte di banda del tipo "best effort".

    Bhe non tutte ma quasi.. Poi definire LIBERO una Adsl con banda garantita seppure 28 kbps e' molto offensivo per molti utenti....

    > il perché è presto detto:
    > [CUT]

    Mi permetto di dissentire... Il provider è libero di offrire con coerenza e correttezza l'offerta che vuole. Per garantire un minimo di banda, basterebbe che non concentrasse su lotti da X utenze, X elevato alla 100 utenti, cosa che stanno praticamente facendo.
    Altra cosa, un provider spesso e volentieri ti presenta come prima offerta quella "più performante" ultimamente quella ad 1280 kbps, facendo trarre in inganno l'occhio "meno esperto".. Comportamento anche questo scorrettissimo.
    Un altra cosa? Nelle tabelle comparative dei vari servizi spesso non sono riportate le velocità minime... Un esempio?
    http://tin.virgilio.it/info/adsl/tabella.html riuscite a trovare qualche cosa che parla di banda garantita?
    Altra cosa... Dove sta scritto (anche se è vero il contrario talvolta) che più paghi meglio e'? Riprendendo l'esempio precedente clicco sulla soluzione ADSL1200LAN, che "dovrebbe" essere più performante... Niente di più errato: al link http://tin.virgilio.it/adsl/adsl1200lan/ puoi tranquillamente leggere:
    "? Navigazione tramite tecnologia ADSL su IP statico con velocità fino a 1,2 Mbit/s in ricezione e fino a 256 Kb/s in trasmissione (banda non garantita e velocità di navigazione dipendente dal livello di congestione della rete e/o del server a cui ci si collega)."
    Ovvero spendo 250mila di vecchie lire ogni mese, ma posso andare anche più piano del mio vecchio modem a 2400 bps.
    Senza poi volendo entrare nel merito delle condizioni contrattuali.
    Detto ciò questo è un caso in cui l'utente nonostante esborsi una discreta cifretta mensile NON HA NESSUNA GARANZIA di funzionamento. Un caso... Penso invece che sia una consuetudine di parecchi provider. Non ultimo gli ultimi "problemi" di tiscali.
    non+autenticato
  • Volevo aggiungere, io preferisco (ed è quel che attualmente faccio) pagare un po' di più ma avere la certezza di un MCR decente anche perchè è vero che il più mi serve per un utilizzo casalingo, ma è anche vero che talvolta mi serve anche per la mia professione.
    La mia esperienza mi dice che la soluzione migliore sarebbe, come postato in precedenza, poco ma buono per molti e per tempi non infiniti... Cioè limitando la fornitura servizi adsl per l''utenza consumer con una banda massima consentita a 320 kb/s con una BGM del 70-75% e per brevi tratti di tempo. Il tutto con un costo pressocche modesto. Pensi che i provider ci rimetterebbero? Io penso il contrario, perchè un utente felice (come soprattuto uno incavolato) fa pubblicità... Il resto vien da se..
    non+autenticato
  • Due osservazioni:
    1) Nessuno o quasi segnala la banda minima garantita proprio perché in best effort su bandwith sharing essa non esiste, nel tuo primo post hai semplicemente sottolineato quanto da me già esposto
    2) La soluzione che tu propono NON avrebbe un costo modesto, è questo il motivo per cui nessuno lo propone, i dati che ti ho scritto non sono per nulla esagerati, fai due conti....
    Ciao

    -Zoroastro-
    non+autenticato
  • Si parla sempre e dolo di banda larga.
    I commerciali di quasi tutti gli ISP piu' grandi ci inondano di informazioni pubblicitarie sulla velocita' massima el collegamento che vendono.

    Solo per fare notare quanta serieta' hanno gli ISP in Italia, provate a richiedere anche per il vs. collegamento analogico V.92 qualche o un IP statico, la gestione di un vostro dominio personale e l'accodamento delle mail (per riceverle anche quando non siete collegati). La maggior parte dei commerciali non sanno nemmeno cosa siano queste cose "strane"...
    non+autenticato
  • Bisogna anche specificare però nel documento dell'ufficializzazione del termine BANDA LARGA che i 256Kbps devono essere garantiti e non una massima teorica inutile forse ogni tanto possibile velocità di picco.

    in Italia oggi abbiamo tantissimi gestori che offrono Banda Larga Fasulla e nessuno che offre BANDA LARGA VERA!!!

    PS: in realtà la offrono la banda larga ma se la fanno pagare aper d'oro e di certo non centranon nulla le ADSL FINTE.
  • ERRATA CORRIGE:

    volevo dire a peso d'oro.......forse fastweb si avvicina più di tutti gli altri alla BANDA LARGA VERA ma purtroppo è solo per pochi eletti.......io vivo a LATINA che è un capoluogo di provincia e la considero il Terzo Mondo della Tecnologia, qui le cose arrivano un bel po di tempo dopo che sono arrivate a Milano e a Roma......eppure è pieno di industrie e la popolazione non è pochissima.

    Bah

    DoubleGJ
  • Errato, la banda larga esiste, solo che in Italia costa immensamente di piu' che altrove...
    Mi spiego:
    CDN >= 2Mbit/s esistono... eccome se esistono ma prova fare il calcolo con una distanza dalla centralina Telecom di 5Km per punto di accesso e vedrai che sberla di canoni...
    FRAME RELAY con CIR = 2Mbit/s servono solo su lunghe distanze perche' comunque sovente il collegamente al frame relay e' fatto con una CDN copmpresa nel prezzo, per cui immaginati i prezzi..
    SATELLITE (Ricezione e trasmissione) prova a controllare il costo di noleggio di un canale satellitare...

    La tecnologia DSL a mio avviso non puo' essere considerata banda larga e' piu' meno da considerarsi banda MEDIA.

    Per finire una chicca, solo per fare notare quanta serieta' hanni gli ISP in Italia, provate a richiedere anche per il vs. collegamento analogico V.92 qualche o un IP statico, la gestione di un vostro dominio personale e l'accodamento delle mail (per riceverle anche quando non siete collegati). La maggior parte dei commerciali non sanno nemmeno cosa siano queste cose "strane"...
    non+autenticato
  • DoubleGJ wrote:
    > [...] i 256Kbps devono essere garantiti e non una massima
    > teorica inutile forse ogni tanto possibile velocità di picco.

    Io Libero Light (= no banda garantita) e quando uso BitTorrent (anke con 1 solo file) raggiungo sempre il massimo teorico della mia linea, sia in entrata ke in uscita.

    Ovviamente lo ragiungo anke quando uso i newsgroup, ma li' penso non valga.Occhiolino

  • - Scritto da: DKDIB
    > DoubleGJ wrote:
    > > [...] i 256Kbps devono essere garantiti e
    > non una massima
    > > teorica inutile forse ogni tanto possibile
    > velocità di picco.
    >
    > Io Libero Light (= no banda garantita) e
    > quando uso BitTorrent (anke con 1 solo file)
    > raggiungo sempre il massimo teorico della
    > mia linea, sia in entrata ke in uscita.
    >
    > Ovviamente lo ragiungo anke quando uso i
    > newsgroup, ma li' penso non valga.Occhiolino

    Usi la "K" invece di "CH" per risparmiare banda? (50%) Sorride
    non+autenticato
  • Anonimo wrote:
    > Usi la "K" invece di "CH" per risparmiare banda? (50%) Sorride

    LOL! ^__^
  • Il problema principale in Italia sulla larga banda è duplice:

    Causa

    - I provider offrono soluzioni a bassissimo costo e senza garanzia di banda.

    Conseguenza

    - Gli utenti che cercano di accaparrarsi l'offerta sono tanti.

    Effetto

    - Si naviga peggio che con una linea analogica.

    Personalmente pago per la mia ADSL casalinga 60 euro, cifra che pochi vogliono spendere, ma per fortuna o per sfortuna, dipende dai punti di vista, quando ho necessità di fare scaricamenti "corposi" la mia velocita media rasenta i 78 KB/s.
    non+autenticato

  • - Scritto da: il_fabry
    > Il problema principale in Italia sulla larga
    > banda è duplice:
    >
    > Causa
    >
    > - I provider offrono soluzioni a bassissimo
    > costo e senza garanzia di banda.
    >
    > Conseguenza
    >
    > - Gli utenti che cercano di accaparrarsi
    > l'offerta sono tanti.
    >
    > Effetto
    >
    > - Si naviga peggio che con una linea
    > analogica.
    >
    > Personalmente pago per la mia ADSL casalinga
    > 60 euro, cifra che pochi vogliono spendere,
    > ma per fortuna o per sfortuna, dipende dai
    > punti di vista, quando ho necessità di fare
    > scaricamenti "corposi" la mia velocita media
    > rasenta i 78 KB/s.


    Purtroppo non tutti hanno l'esigenza di scaricare oltre 40KB/s e tantomeno in pochi possono permettersi di spendere oltre 40Euro al mese di Adsl.

    Ci vogliono regolamenti + precisi e gestori più seri!
    Si dovrebber rispettare almeno i contratti,
    spesso pieni solo di clausole vessatorie verso i clienti!

    Vergogna!
  • > Purtroppo non tutti hanno l'esigenza di
    > scaricare oltre 40KB/s e tantomeno in pochi
    > possono permettersi di spendere oltre 40Euro
    > al mese di Adsl.

    Sono daccordo con te. Un buon rapporto si potrebbe ottenere facento limitare ai provider (e questo a tutti da T.I. al provider XXX) la fornitura servizi adsl per l''utenza consumer con una banda massima consentita a 320 kb/s con una BGM del 70-75% e per brevi tratti di tempo. Il tutto con un costo modesto.
    Credo che cosi tutti avrebbero qualcosa in confronto di adesso, e che la situazione radicalmente cambierebbe.
    Perchè adesso c'e' quello "scaricone" che scarica indistintamente e senza ritegno chi si vuole attivare la megabit e scaricare il mondo a discapito di chi puo' permettersi una misera 256 che manco gli funziona bene.

    > Ci vogliono regolamenti + precisi e gestori più seri!

    E su questo non ci piove...

    > Si dovrebber rispettare almeno i contratti,
    > spesso pieni solo di clausole vessatorie
    > verso i clienti!
    > Vergogna!

    Verso i clienti si, ma occhi, almeno fino a poco tempo fa, è vero che quasi nessuno scriveva i limiti minimi di banda, ma qualcuno lo faceva, e gente s'è trovata un pugno di mosche anche per la sua ignoranza.

    non+autenticato

  • - Scritto da: il_fabry
    Un buon rapporto si
    > potrebbe ottenere facento limitare ai
    > provider (e questo a tutti da T.I. al
    > provider XXX) la fornitura servizi adsl per
    > l''utenza consumer con una banda massima
    > consentita a 320 kb/s con una BGM del 70-75%
    > e per brevi tratti di tempo. Il tutto con un
    > costo modesto.


    Ottima idea,
    ma perchè nessuno la applica?

    Qualcosa di simile lo fa McLink.....
    non+autenticato
  • > Ottima idea,
    > ma perchè nessuno la applica?
    > Qualcosa di simile lo fa McLink.....

    Si lo so, chi mi conosce sa quanto la "sponsorizzo" anche perchè in anni di esperienza come Resp. Edp non ho mai avuto grossissimi problemi con loro sotto questo punto di vista. Ma cmq c'e' un fattore comune che anche mclink ha come gli altri provider, ha una soluzione home con banda di picco molto elevata, ma con una BGM molto bassa anche se dichiarata e l'utente "medio" potrebbe non capire la cosa lo stesso.
    non+autenticato
  • Stiamo scherzando vero???
    Chi e' quell'incompetente informatico che direbbe una castronata simile?!?!?!?!

    Broad Band >> 1 Mbps... (se non 2)

    Ma fatemi il piacere...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Stiamo scherzando vero???
    > Chi e' quell'incompetente informatico che
    > direbbe una castronata simile?!?!?!?!
    >
    > Broad Band >> 1 Mbps... (se non 2)
    >
    > Ma fatemi il piacere...

    sono d'accordo..
    256 kbit (sempre ammesso che si raggiungano) non sono banda larga.. sono due o tre modem messi insieme...

    purtroppo la vera broad band la offre soltanto fastweb (e un altra società nuova che nn mi ricordo come si chiami).. ma solo per pochi eletti....

    come al solito qui in italia non c'è voglia di fare.. in altri paesi le fibre ottiche sono già dappertutto ...ma dimenticavo.. qui l'unica cosa importante è il calcio.. (... e nn è un luogo comune Sorride
    non+autenticato
  • Brescia e' praticamente tutta cablata (stesero i cavi in contemporanea col teleriscaldamento), ma di offerte al pubblico non se ne parla. In lacrime

  • - Scritto da: Anonimo

    > come al solito qui in italia non c'è voglia
    > di fare.. in altri paesi le fibre ottiche
    > sono già dappertutto ...ma dimenticavo.. qui
    > l'unica cosa importante è il calcio.. (... e
    > nn è un luogo comune Sorride

    Si potrebbero offrire le partite via broadband sul PCSorride

    Ao Alex
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)