Alfonso Maruccia

Sony, i Vaio scottano ancora

La corporation nipponica avverte l'utenza sul rischio di surriscaldamento individuato su taluni laptop. Si parla dell'ennesimo richiamo: Sony smentisce e invita al download di un aggiornamento

Roma - Arriva l'estate e i portatili di Sony tornano a a surriscaldarsi: sarebbero ben 535mila i laptop della serie Vaio a presentare un "potenziale malfunzionamento nel sistema interno di gestione della temperatura", con la possibilità di deformazioni della tastiera o al case esterno del PC e un conseguente "rischio di bruciatura" per i consumatori.

Stando a quanto sostiene il Wall Street Journal, la multinazionale giapponese avrebbe avviato un programma di richiamo riguardante 259mila Vaio negli USA, 103mila in Europa, 120mila in Asia e 52mila in Giappone. Interessate al problema le serie "F" e "C" vendute dal gennaio 2010 in poi, e anche se al momento non è pervenuta notizia di incidenti pericolosi per la salute sarebbero già 39 i casi di surriscaldamento e distorsioni della "scocca" denunciati dagli utenti.

Sony - come molte altre grandi aziende dell'IT - è evidentemente adusa ai richiami periodici di dispositivi elettronici, e oltre ai Vaio anche le batterie commercializzate dal produttore hanno in questi anni manifestato la perniciosa tendenza a sviluppare difetti di surriscaldamento potenzialmente pericolosi per i consumatori.
Il WSJ parla chiaramente di un programma di richiamo, ma una nota ufficiale della corporation chiarisce la questione e mette a disposizione un aggiornamento software per risolvere il problema di surriscaldamento riscontrato.

Problema che si verifica solo con i Vaio serie VPCF11 e VPCCW2, specifica Sony, e che risulterebbe facilmente risolvibile con il download e l'installazione di un update al "firmware" - prevedibilmente BIOS o firmware (U)EFI sostitutivo del suddetto - della macchina. Richiami? Dopo la nota ufficiale che consiglia l'update, Sony smentisce l'esistenza di un simile programma anche attraverso un portavoce della divisione UK.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
23 Commenti alla Notizia Sony, i Vaio scottano ancora
Ordina
  • Già non ho un Sony di quella serie, il mio portatile non fa deformare la scocca, ma semplicemente si spegne "di brutto", anche senza il caldo dell'estate. E neanche con la ventolina esterna risolvo il problema.
    No penso prorio che per fare lavori gravosi un portatile non sia adatto, a meno che non si possa limitare la frequenza di lavoro, riducendone le prestazioni.
  • ho un portatile HP di fascia medio alta (1450 € due anni fa con monitor 17") lo uso con molti programmi aperti, da photoshop a molte schede di chrome a ac3d o altri programmi di grafica, in estate scalda e pure molto ma non si è ne mai deformato nulla ne spento di brutto anche dopo 12 o più ore e sta accesso sempre anche se non ci sono a scaricare dati. no non dipende dal fatto di essere notebook a di come viene costruito e la qualità dell'intero ciclo di vita del prodotto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tetsuia
    > ho un portatile HP di fascia medio alta (1450 €
    > due anni fa con monitor 17") lo uso con molti
    > programmi aperti, da photoshop a molte schede di
    > chrome a ac3d o altri programmi di grafica, in
    > estate scalda e pure molto ma non si è ne mai
    > deformato nulla ne spento di brutto anche dopo 12
    > o più ore e sta accesso sempre anche se non ci
    > sono a scaricare dati. no non dipende dal fatto
    > di essere notebook a di come viene costruito e la
    > qualità dell'intero ciclo di vita del
    > prodotto.
    Ma sicuramente certe scelte tecnologiche hanno la loro importanza... però un Vaio con un 17" non è di fascia bassa... sebbene personalmente lo abbia acquistato usato, non è neanche una macchina tanto vecchia monta un Intel Pentiun M760 una scheda grafica Radeon X700 con 250Mb... si vede che la Sony stà facendo un pò "acqua"...
  • non è un luogo comune, non lo è affatto, dire che si sta andando troppo in fretta, proprio nel senso che si continuano a sfornare nuovi modelli, lasciandosi tempi di sviluppo ed industrializzazione ridotti... i nuovi modelli devono essere sempre più potenti ma anche sottili e leggeri, è necessario che il cliente senta il vibrante progresso della tecnologia per essere invogliato a cambiare il PC (a volersi allargare) ogni due anni.
    per cosa poi? da un lato per far girare software sempre più pesante (ma di quali funzionalità ha davvero bisogno l'utente (medio o anche professionale) e quali sono solo specchietti per le allodole?), dall'altro lato per avere problemi HW sempre più frequenti... perché se pompi le prestazioni e riduci lo spazio per dissipare il calore, non può che andare così. NON C'E' TEMPO, non ce n'è letteralmente, per mandare fuori un prodotto che sia davvero affidabile, anche sulla breve distanza.
    non+autenticato
  • Ma i test non esistono più?
    Non dico manco l'ingegnerizzazione...ma un cazzo di test come si deve lo fanno o no prima di mettere un prodotto in produzione?

    Ma roba da matti...sony era già cestinata da tempo per le altre cose, i vaio sembravano essere l'unico ramo che più o meno era di qualità...ora hanno spostato in cina anche quelli e addio.
  • ci fossi tu a spiegare a Sony come testare i prodotti sarebbe molto meglio... peccato invece che perdi tempo su PI
    MeX
    16897
  • A quanto pare ultimamente ne Sony e ne Apple testano i loro prodotti " Made in China " i giapponesi ti fanno l'update per impostare la ventola sempre in funzione, mentre a Cupertino suggeriscono di usare l'altra mano altrimenti il dispositivo non ha ricezione...Rotola dal ridere
  • é vero, sicuramente nessuno sta testando piú niente e vende le cose alla cieca non curante delle eventuali ripercussioni, dopo la tua analisi sull'argomento sono pienamente convinto!
    MeX
    16897
  • La mia non è una analisi ma una semplice costatazione in riferimento alle ultime vicende, non devo convincerti sono argomenti attuali.
  • quindi, secondo te, questo dimostra che le multinazionali quotate in borsa non testano i loro prodotti perché l'iPhone ha problemi di ricezione se lo tieni in un particolare modo quando c'é poco campo e alcuni sony vayo dei milioni venduti surriscaldano... hai ragione te, é lampante!
    MeX
    16897
  • Non ho detto questo, sono tue deduzioni, cercherò di articolare maggiormente il mio pensiero scritto.
    Ormai è tutto " Made in China " o altri paesi dove la mano d'opera ha costi irrisori, aggiungiamoci la crisi, ed otteniamo i costosi Vaio che surriscaldano e il nuovo costoso Iphone che necessità dell'altra mano ergonomica, ormai si paga la marca più che l'hardware.....IMHO.
  • Ormai sono tutti " Made in China ".
  • I cinesi fanno quello che gli lasci fare.

    Se li lasci bradi non sanno rispettare gli standard, la mia capogruppo importa materiale banale prodotto su commessa ma effettuiamo controlli su ogni singola partita e c'è sempre qualcosa che non va.

    Ma il progetto è sano, non ci sogniamo di chiedere di risparmiare sulla galvanica o sugli spessori per risparmiare una manciata di centesimi. E controlliamo che la galvanica sia quella richiesta, che la lega sia quella richiesta, che le dimensioni siano quelle richieste.

    Il problema non è la lama, è il manico.

    Sony stà sopravvivendo ancora grazie alla nomea che si è fatta con il walkman e forse le prime playstation. Dopo, il nulla

    bye
    non+autenticato
  • - Scritto da: DarkOne
    > Ma i test non esistono più?
    > Non dico manco l'ingegnerizzazione...ma un cazzo
    > di test come si deve lo fanno o no prima di
    > mettere un prodotto in
    > produzione?
    >
    > Ma roba da matti...sony era già cestinata da
    > tempo per le altre cose, i vaio sembravano essere
    > l'unico ramo che più o meno era di qualità...ora
    > hanno spostato in cina anche quelli e
    > addio.

    taglia questo, riduci quello, estenalizza quell'altro, questo non serve piu', di quello comprate la versione piu' economica, per questo invece riducete lo spessore cosi risparmiamo di materiale..... c'e' crisi, ragazzo, c'e' crisi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: DarkOne
    > Ma i test non esistono più?
    > Non dico manco l'ingegnerizzazione...ma un cazzo
    > di test come si deve lo fanno o no prima di
    > mettere un prodotto in
    > produzione?

    i test vengono fatti, se però il problema sta poi nella produzione...
    che cosa ti aspetti da una manodopera "made in china" sotto-pagata e con poca formazione tecnica?
    non+autenticato
  • ...di notare come i nomi delle serie di notebook incriminati siano "F" e "C".
    Andrebbero rinominate Fahrenheit e Celsius!
    non+autenticato
  • cos'e', il solito trucchetto di mettere la ventola a palla? gia visto, grazie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: me medesimo
    > cos'e', il solito trucchetto di mettere la
    > ventola a palla? gia visto,
    > grazie.
    No stavolta metteranno la cpu a 32 Khz, giusto per far funzionare l'orologioA bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)