PeopleSoft porta tutto su Linux

Il colosso del software enterprise porterÓ, nel giro di pochi mesi, l'intero suo parco di software verso Linux. Una mossa che, seguendo le orme di altri giganti del settore, potrebbe dare una forte spinta a Linux sul mercato aziendale

Pleasanton (USA) - Con una mossa che, secondo alcuni analisti, non ha precedenti nel mondo del software commerciale, il gigante del software aziendale PeopleSoft ha annunciato il rilascio di versioni per Linux del suo intero portafoglio di applicazioni: in totale, 170 programmi.

L'azienda californiana, che sviluppa software per la gestione del personale, dei clienti e della catena distributiva delle medie e grandi aziende, ha spiegato di aver intrapreso questo importante passo, che segue le orme di un altro colosso del settore come SAP, dietro la pressione di diversi clienti di grosso calibro, in special modo alcune banche di Wall Street.

PeopleSoft sostiene di aver giÓ reso disponibile per Linux alcuni suoi software server e conta di fare il porting del suo intero catalogo di prodotti entro la fine del 2003: il prezzo sarÓ lo stesso di quello applicato alle altre versioni.
L'azienda collaborerÓ con IBM per lo sviluppo di alcune versioni del proprio software per i server Linux di Big Blue. I programmi di PeopleSoft gireranno anche su alcune delle principali piattaforme per Linux, fra cui quella di HP e Sun.

Gli analisti giudicano la mossa di PeopleSoft come un segno evidente del fatto che le aziende di ogni dimensione guardano ormai a Linux come ad una soluzione alternativa a Unix e Windows per le applicazioni mission-critical.

Alcune fonti indicano che anche Siebel, il maggiore rivale di PeopleSoft e partner di IBM, potrebbe presto rilasciare alcuni suoi prodotti per Linux.
30 Commenti alla Notizia PeopleSoft porta tutto su Linux
Ordina
  • Ora tocca a loro. Checché se ne dica a me piace molto di più Photoshop di Gimp ... chennesò sarò bacato io Sorride

    Per quanto riguarda DW è molto utile per fare cose di routine (Chennesò una tabella a 100 righe senza cutt&pastare troppo) Sorride

    Per Editplus ho trovato un ottimo omologo su Linux, editplus 0.9, strepitoso.

    Se DW e Photoshop faranno un porting su Linux non ce ne sarà più per nessuno

    Cla
    cla
    397
  • macromedia non serve a niente, solo ai web designer cepu style

    per quanto riguarda adobe, io preferirei che Jasc convertisse paint shop pro (+ veloce stesse funzionalità e costo ridotto).

    è sconcertare vedere che c'è ancora gente che associa alla grafica il successo di un SO (e al fatto che molti usino l'esistenza di questo o quel programma di grafica, a volte superati ed ormai dei "dinosauri", come delle garanzie sulla serietà del loro SO).

    Della serie mi prendo un Mac perché la grafica la fanno con quella dappertutto (e poi a te ti serve per mandare email)
    non+autenticato
  • Anche io lavoro con xhtml e css2 con editplus/bluefish ma spesso DW rende veloce alcune operazioni (anche se con l'eliminazione in futuro dell'uso delle tabelle e luso intensivo dei css il web design subirà una bella rivoluzione, tipo la gente che taglia con fireworks è fuori dal mercato Sorride) ) ma quello che volevo dire è che se Adobe e MacroMedia facessero i porting allora si che si avrebbe una bella Killer ...
    Ciao
    Cla
    cla
    397
  • Sembra, a vedere gli spot, che la M$ voglia fare da sola anche sul mercato entrerprise con la piattaforma .net.
    non+autenticato
  • io credevo che fosse roba da centri sociali Sorride

    Meno male che questa incredibile forza alternativa sta facendo passi da gigante!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > io credevo che fosse roba da centri sociali
    > Sorride
    >
    > Meno male che questa incredibile forza
    > alternativa sta facendo passi da gigante!

    gli utenti pero' lo rifiutano, preferiscono le garanzie di un'azienda solida come la microsoft piuttosto che un salto nel buio come Linux, magari quello che non paghi oggi lo paghi domani ed a prezzi 10 volte maggiori !

    non+autenticato
  • > gli utenti pero' lo rifiutano, preferiscono
    > le garanzie di un'azienda solida come la
    > microsoft piuttosto che un salto nel buio
    > come Linux, magari quello che non paghi oggi
    > lo paghi domani ed a prezzi 10 volte
    > maggiori !
    >
    Eh gia',molto meglio pagarlo 10 volte tanto oggi come domaniSorride
    non+autenticato
  • > gli utenti pero' lo rifiutano, preferiscono
    > le garanzie di un'azienda solida come la
    > microsoft piuttosto che un salto nel buio
    > come Linux, magari quello che non paghi oggi
    > lo paghi domani ed a prezzi 10 volte maggiori !

    Lo rifiutano come ci fù in passato un rifiuto alla prima versione di S.O. GUI.. L'importante è un po' di abitudine e voglia di imparare.. Sulla solidità di Microsoft non si discute, ma non penso che aziende come Red Hat, Suse o altre siano azienducole o aziende di serie B. Per una media piattaforma desktop in ambito aziendale (esclusi alcuni ambiti) un pc con linux, una versione di X, aggiungendo eventualmente WINE per alcuni prg win che non puoi farne a meno, un pizzico di voglia di imparare; puoi fare un buon desktop a prezzi molto contenuti, anche con materiale hw di non ultimissima generazione, come ti "impone" le ultime versione di windows e dei pacchetti di office automation di casa microsoft.
    >
    non+autenticato
  • A nessuno viene in mente che tutte queste aziende (SAP, Peoplesoft, Oracle, IBM) sta passando su Linux più che altro perché in questo modo non dovranno ridimensionare i loro costi in quanto faranno credere al cliente che risparmiano perché non devono spendere per il sistema operativo?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > A nessuno viene in mente che tutte queste
    > aziende (SAP, Peoplesoft, Oracle, IBM) sta
    > passando su Linux più che altro perché in
    > questo modo non dovranno ridimensionare i
    > loro costi in quanto faranno credere al
    > cliente che risparmiano perché non devono
    > spendere per il sistema operativo?

    Mah, le ragioni per cui lo fanno sono le piu' disparate (compresa quella che dici te), ma penso che il senso del post originario fosse di sottolineare il fatto che Linux non e' ne un giochino ne "roba per centri sociali" !

    Ciao

  • > Mah, le ragioni per cui lo fanno sono le
    > piu' disparate (compresa quella che dici
    > te), ma penso che il senso del post
    > originario fosse di sottolineare il fatto
    > che Linux non e' ne un giochino ne "roba per
    > centri sociali" !

    Grazie Sorride Sei il primo che risponde in qualche modo al mio post
    non+autenticato
  • Per quanto riguarda PeopleSoft non ti so dire, ma da quanto dice l'articolo il porting gli è stato chiesto dai clienti.
    Il porting a Linux ha certamente dei costi, e manutenere successivamente le nuove versioni per più sistemi operativi avrà costi aggiuntivi, per cui non credo che lo abbiano fatto per il motivo che dici tu, dato che il prezzo per Linux sarà allineato agli altri.
    Credo proprio abbiano resistito il più possibile a portare tutto su Linux ... fino a quando non sono stati costretti da un gran numero di clienti a farlo ... altrimenti sarebbero scemi: spendere di più per guadagnare uguale.

    Per quanto riguarda Oracle, lavorando io in una società partner di Oracle, ti posso garantire che la ragione non è quella che dici tu, in quanti il costo dei prodotti Oracle è talmente alto da rendere poco rilevante quello dell'OS. Se fai un giro sul sito della Oracle vedrai cosa li ha spinti.

    E fai magari anche un giretto sulle varie news riguardanti l'IBM e forse ti ricrederai anche per questa azienda.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    >
    > Per quanto riguarda Oracle, lavorando io in
    > una società partner di Oracle, ti posso
    > garantire che la ragione non è quella che
    > dici tu, in quanti il costo dei prodotti
    > Oracle è talmente alto da rendere poco
    > rilevante quello dell'OS. Se fai un giro sul
    > sito della Oracle vedrai cosa li ha spinti.

    Il problema non è il costo dell'OS, ma se
    questo OS e' stabile. E Windows non lo è.
    E preferibilmente si sceglie l'hardware che
    costa meno.

    Ciao.
    non+autenticato

  • > Il problema non è il costo dell'OS, ma se
    > questo OS e' stabile. E Windows non lo è.
    > E preferibilmente si sceglie l'hardware che
    > costa meno.
    >
    > Ciao.

    a sentire te sembra che chi usa windows è sempre in crash o ha 1000 problemi che chi usa linux non ha. io uso windows è linux e il mio win2000 prima e win xp. a parte che pure win me nell'anno che l'ho avuto mi ha dato problemi, è sempre come si usano i sistemi che importa, e windows o linux hanno problemi se usati male.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    ....
    > a sentire te sembra che chi usa windows è
    > sempre in crash o ha 1000 problemi che chi
    > usa linux non ha. io uso windows è linux e
    > il mio win2000 prima e win xp. a parte che
    > pure win me nell'anno che l'ho avuto mi ha
    > dato problemi, è sempre come si usano i
    > sistemi che importa, e windows o linux hanno
    > problemi se usati male.

    Se vado alla pagina 777 di Televideo trovo i sottotitoli ?
    non+autenticato