Claudio Tamburrino

Yahoo!, le notizie scelte dai lettori

Il colosso di Sunnyvale intende rispondere alle curiosità e alle necessità di informazioni degli utenti. Analizzando le parole chiave con cui i netizen effettuano ricerche

Roma - Yahoo! starebbe programmando di utilizzare i dati estratti dalle ricerche compiute dai cittadini della rete su determinati argomenti per determinare la copertura editoriale sulle notizie.

Dopo aver acquistato Associated Content, il motore di ricerca in viola continua ad occuparsi di notizie, sempre con l'obiettivo di concentrarsi sui contenuti.
In pratica Yahoo! analizzerà le ricerche per aiutare il suo staff editoriale a decidere quali argomenti affrontare sul nuovo blog dedicato alle news sviluppato ad hoc e chiamato The Upshot.

Due editor e sei blogger si occuperanno della nuova piattaforma e seguiranno quelle notizie che un algoritmo, in base al tracciamento di parole, frasi e argomenti nelle query, riterrà più popolari.
Questo approccio ribalterebbe la tradizionale logica editoriale della scelta delle news da trattare, abbracciando invece un approccio dal basso all'alto, con i lettori - di fatto - motori dell'informazione.

Secondo alcuni osservatori, costituirebbe un meccanismo limitante al processo di di scelta della linea editoriale. D'altra parte, potrebbe permettere di scovare curiosità e interessi dei lettori, così da offrire lo spunto ad articoli aggiuntivi e che completino l'ordinaria offerta di informazione.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàYahoo!, una guida per l'editoria onlineAnnunciata l'uscita di un manuale che dovrebbe diventare una bibbia per la creazione di contenuti per il web. Parlerà di stile, di mobile, di SEO. E per qualcuno farà diretta concorrenza con il manuale di stile di AP
  • BusinessYahoo! fa notizieHa acquisito Associated Content, piattaforma alimentata da migliaia di freelance. Produce notizie su numerosissimi argomenti e catalizza traffico prezioso
  • BusinessAP: prossimamente solo su Yahoo!Mentre il motore in viola trova l'accordo, Google rimane ancora senza i contenuti di Associated Press