P2P, se gli isp tagliano la linea

Aumentano le segnalazioni sul web americano di lamentele da parte di utenti il cui provider impedisce loro di connettersi perché usano sistemi di file-sharing

Roma - Di sicuro non c'è nulla, se non l'enorme pressione legale dei grandi produttori di musica e cinema sui provider. Sarebbe infatti questa la motivazione dietro alcune clamorose azioni di provider statunitensi che, timorosi di subire grane legali, in queste settimane stanno procedendo a "tagliare la linea" a quegli utenti che condividono molti file nelle reti del peer-to-peer.

Di interesse a questo proposito uno scambio avvenuto in un forum dedicato ad eMule, celebre ambiente di condivisione, partito dalla segnalazione di un utente del provider cable Cox. Secondo questo utente, infatti, Cox avrebbe prima controllato il traffico in uscita proveniente dal computer dell'utente e deciso poi di tagliargli la linea. Alle sue proteste, il provider avrebbe risposto citando la legge sul copyright americana, il DMCA, che a suo dire lo autorizzerebbe a disattivare le connessioni.

Va detto che non è la prima volta che emergono questi problemi, dal momento che sono molti gli ISP, anche in Europa e in Italia, che in passato hanno agito preventivamente nel timore che non agire avrebbe significato essere coinvolti in qualche causa o considerati complici delle attività illegali dei propri utenti.
Per gli utenti del P2P l'orizzonte è tutt'altro che tranquillo, se si considerano i progetti delle major di creare software capaci di aggredire direttamente i computer degli utenti, per bloccar loro le connessioni o cancellare certi file...
TAG: p2p
78 Commenti alla Notizia P2P, se gli isp tagliano la linea
Ordina
  • SCUSATE... Ma tutta sta storia contro la pirateria.... allora dicono che non si vendono i cd perchè quelli pirata rovinano il mercato... non hanno capito un tubo!!!
    22? a disco non te li do adesso perchè c'è quello pirata
    22? a disco non te li do comunque... ne faccio a meno!!!!!
    anche se non c'è la copia pirata...
    non me lo compro cmq il tuo disco!!!!
    non ci guadagneranno mai...
    tutto questo è solo un esempio...
    fatemi sapere se siete o meno d'accordo

    Conte
    non+autenticato
  • Provato personalmente ed è capitato anche a molti altri....
    Cosa???
    Allora, le nostre care mayor (chi altri sennò), sapete che stanno facendo, stanno infilando nei vari canali P2P file infetti con nuovi viruz, a me ne è capitato uno proprio l'altro giorno, su un file che ho scaricato...
    L'antivirus???? Pur se aggiornatissimo, neanche l'ha rilevato.
    Insomma, io come molti altri, ci ritroviamo l'HD con diverse cartelle rovinate e file cancellati, le cartelle rovinate, se le apri, sono piene di geroglifici asdrubali e insignificanti, il peggio è che non te le fa cancellare, unica risorsa formattare...
    Chi altri avrebbe interesse a creare scompiglio nel mondo P2P?????
    Sto cercando di isolare il viruz per inviarlo alla Norton, ma non si riesce a risalire al file principale.
    Quindi fate attenzione a cosa scaricate
    Giangi
    non+autenticato
  • ....semplicemente un mezzo di tramissione di pacchetti TCP!!

    Mi spiegate perchè allora è considerato illegale fare p2p?

    Perchè ci sono utenti che scaricano prodotti protetti dai diritti d'autore?

    E a me che cavolo me ne frega se ci sono utenti che usano questo sistema di trasmissione TCP per scaricare prodotti protetti dai diritti d'autore?

    Con che diritto si vuole inculcare nella testa di tutti che il p2p è illegale?

    E' illegale allora anche qualsiasi altro mezzo di comunicazione che favorisce una violazione del diritto d'autore! Si dovrebbe allora considerare illegale la televisione, la radio, il telefono e affini!! Perchè questi sistemi sono considerati legali e il p2p illegale?

    Forse perchè il p2p è un sistema di trasmissione più immediato degli altri? E allora? Che vuol dire...solo perchè è immediato e veloce scambiare risorse col p2p è da ritenere illegale?

    Non ci siamo proprio....qua non si vuole ammettere di aver perso una battaglia e l'unico modo per vincere è barare...arrogandosi il diritto di considerare il mezzo trasmissivo illegale cercando di risolvere il problema alla fonte! Questo lo chiamo soppressione della libertà di comunicare...nient'altro!

    Il p2p è una pratica legale come qualsiasi altro mezzo trasmissivo indipendentemente se favorisce o meno la diffusione di materiale protetto da dei diritti!!

    L'unico modo per combattere la violazione dei diritti d'autore è andare a casa di tutti gli utenti che usano internet con un mandato di perquisizione e sequestrarli i loro pc!! Troppo costoso fare questo? Beh problemi vostri! O spendete soldi per perquisire tutti oppure cambiate le vostre strategie di mercato!!

    Viva il p2p!!!
    non+autenticato
  • > L'unico modo per combattere la violazione
    > dei diritti d'autore è andare a casa di
    > tutti gli utenti che usano internet con un
    > mandato di perquisizione e sequestrarli i
    > loro pc!!

    Speriamo che non ti prendano in parola ;O)
    non+autenticato
  • > Non ci siamo proprio....qua non si vuole
    > ammettere di aver perso una battaglia e
    > l'unico modo per vincere è
    > barare...

    Non importa quale mezzo useranno, sia la legge, sia la corruzione sia barare sia la forza bruta...
    hanno perso un paio di battaglie ma alla fine la guarra contro la diffusione gratuita di massa di materiale coperto da diritto d'autore sara' vinta da chi ha piu' soldi da investire.

    non+autenticato

  • beh a fare una perquisizione niente di più facile!!

    La nuova legge permette alla guardia di finanza di fare scansioni, per cui come possono fare?

    si spacciano per scambiatoridi file in winmx

    trovano l'ip dell'utente

    dall'ip si trova l'isp e dall'ora al numero telefonico e all'indirizzo dell'utente.

    mediante Winmx si cerca di vedere i file posseduti dall'utente

    e quindi si passa ad un mandato di perquisizione dei pC (ma non possono della casa ) per acceramento della frode ossia se l'utente possiede gli originali

    Come difendersi!!!

    1) non condividere nulla con winmx o altro - scaricare solo
    2)mascherare il propio ip con proxy o wingate
    3) usare un numero telefonico non personale
    4)contenere tutte le copie su cd o su supporti staccabili dal computer...in modo che l'eventuale perquisizione, dovendo specificare cosa, quella particolare cosa non la possano prendere o almeno è coperta da crittografia ( e si dice che la pwd si è dimenticata)

    non è questo un manuale per cracker....ma sono molto contrariato di questa legge che è al limite della moralità e della legalità

    Diritto d'autore....la canzone echo of sound e un plagio di una notissima canzone di chiesa (Padre Nostro) ma qualcuno ha mai pagato la siae a messa??? forse non ci hanno pensato o magari è troppo impopolare....

    Ma chi controlla la SIAE se veramente fa il suo lavoro ( di difesa dei diritti e non di strumento dlle ditte per fare multe)!!
    La SIAE dovrebbe controllare i plagi e non farlo fare ai singoli autori che forse sono morti la Siae dovrebbe...
    per esempio per la canzone di Brusco abbronzatissima non si dovrebbero pagare i diritti di autore per chi ha comperato la versione originale di Vianello etc...

    Io sono contrario alla speculazione ed difendo il diritto d'autore, ma dovrebbe esserci una modalità simile ai brevetti internazionali - lasciamo perdere quelli USA- (dove qualcuno giudica se è presente un vera crescita culturale) altrimenti tra un po ci diranno che nel fare il gesto di OK con il pollice alzato e pugno chiuso dobbiamo pagare Fonzi di Happy days
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > beh a fare una perquisizione niente di più
    > facile!!
    >
    > La nuova legge permette alla guardia di
    > finanza di fare scansioni, per cui come
    > possono fare?
    >
    > si spacciano per scambiatoridi file in winmx
    >
    > trovano l'ip dell'utente
    >
    > dall'ip si trova l'isp e dall'ora al numero
    > telefonico e all'indirizzo dell'utente.
    >
    > mediante Winmx si cerca di vedere i file
    > posseduti dall'utente
    >
    > e quindi si passa ad un mandato di
    > perquisizione dei pC (ma non possono della
    > casa ) per acceramento della frode ossia se
    > l'utente possiede gli originali
    >

    Effettua questa procedura a tutti gli utilizzatori di winmx in italia, in europa, nel mondo! Effettua poi questa procedura su tutti i client attualmente più usati......effettua questa procedura sui futuri sistemi di file sharing che nasceranno!!!

    E' come se si vorrebbe far stare due litri d'acqua in un bicchiere da caffè!!!!! E' IMPOSSIBILE fare una cosa simile!
    E anche se lo fai in minima parte non sarà mai sufficiente per essere un deterrente per gli altri, si considereranno sfigati coloro che hanno subito tale procedura....ma la diffusione continuerà sempre e in modo esponenziale!

    E non ci sono soldi da investire che tengono...l'unico modo per investire è fare concorrenza alla diffusione illegale convincendo l'utente a comprare cd originali, magari non a 20 euro ma bensi a 10 euro per esempio!


    > Come difendersi!!!
    >
    > 1) non condividere nulla con winmx o altro -
    > scaricare solo
    > 2)mascherare il propio ip con proxy o wingate
    > 3) usare un numero telefonico non personale
    > 4)contenere tutte le copie su cd o su
    > supporti staccabili dal computer...in modo
    > che l'eventuale perquisizione, dovendo
    > specificare cosa, quella particolare cosa
    > non la possano prendere o almeno è coperta
    > da crittografia ( e si dice che la pwd si è
    > dimenticata)
    >

    Prima o poi se vogliono ti beccano....la procedura sarebbe solo semplicemente più lunga....ma ti beccano uguale!
    Caso diverso per i file crittografati, diventa un file privato inaccessibile se non con una password, dovresti in quel caso fare un brute force per ogni file protetto da password diversa, operazione che può durare da un minimo di qualche settimana a un massimo di qualche secolo se non millennio!

    > non è questo un manuale per cracker....ma
    > sono molto contrariato di questa legge che è
    > al limite della moralità e della legalità
    >

    Piu che legge al limite della moralità e legalità è una legge inapplicabile per mancanze di risorse per farla rispettare!
    (esempio dei due litri d'acqua e del bicchiere da caffè)

    > Diritto d'autore....la canzone echo of sound
    > e un plagio di una notissima canzone di
    > chiesa (Padre Nostro) ma qualcuno ha mai
    > pagato la siae a messa??? forse non ci hanno
    > pensato o magari è troppo impopolare....
    >
    > Ma chi controlla la SIAE se veramente fa il
    > suo lavoro ( di difesa dei diritti e non di
    > strumento dlle ditte per fare multe)!!
    > La SIAE dovrebbe controllare i plagi e non
    > farlo fare ai singoli autori che forse sono
    > morti la Siae dovrebbe...
    > per esempio per la canzone di Brusco
    > abbronzatissima non si dovrebbero pagare i
    > diritti di autore per chi ha comperato la
    > versione originale di Vianello etc...
    >

    Queste associazioni azionano la macchina burocratica e legale quando ci sono grossi interessi che vengono intaccati! Dimostrazione del fatto che la legge la si sfodera fuori solo in ALCUNI (diffusione massiccia di materiale protetto dai diritti d'autor) casi e non in TUTTI (plagio di sconosciute canzoni)!
    Quindi la legge è uguale per tutti solo quando fa più comodo!
    Dimostrazione del fatto che la legge tutela solo ciò che è più conveniente tutelare....non tutto!

    > Io sono contrario alla speculazione ed
    > difendo il diritto d'autore, ma dovrebbe
    > esserci una modalità simile ai brevetti
    > internazionali - lasciamo perdere quelli
    > USA- (dove qualcuno giudica se è presente un
    > vera crescita culturale) altrimenti tra un
    > po ci diranno che nel fare il gesto di OK
    > con il pollice alzato e pugno chiuso
    > dobbiamo pagare Fonzi di Happy days

    La speculazione è una costante quando ci sono grandi affari in gioco, per casi isolati e poco importanti il tutto viene lasciato alla totale anarchia!!!

    bella roba!!!

    continuo a dire.....W il P2P!!!
    non+autenticato
  • ....per navigare più velocemente in internet?
    (una ottimale navigazione in rete senza latenze ne ritardi può essere fatta anche con una normalissima ISDN a 64kilobits)

    ...per ricevere e inviare le email più velocemente?
    (con una email è difficile inviare documenti che superino il mega, o cmq non è una pratica usata di frequente da un normale utente home e cmq per avere una ottimale gestione delle email basta una normale connessione dialup da 56kilobits)

    ...per chattare e comunicare più velocemente?
    (per favore non prendiamoci per il culo)

    ...per vedere servizi in streaming o per sentire la radio in rete?
    (ok per un servizio simile ce bisogno di una banda più ampia rispetto ad una isdn o un 56k, ma non credo sia una esigenza primaria per l'uso della rete, esiste gia la televisione e la radio convenzionale per vedere filmati video o documenti audio!!)

    .....allora io ripeto....a cosa serve allora la banda larga? Uno perchè si abbona ad un servizio internet ADSL o fibra ottica?

    Non ditemi per navigare più veloce o per inviare email più velocemente o per chattare più agilmente o per vedere servizi in streaming!!

    Se internet ha avuto questa esplosione di utenza sopratutto in banda larga è per un solo e unico motivo.....ossia la possibilità di avere la libertà di condividere e scambiare risorse con altri utenti....associato ad una buona navigazione col browser, ad un servizio di email, alla possibilità di chattare e qualche volta, quando non si sa cosa fare durante la giornata a vedere qualche video o sentire qualche brano audio in streaming!!

    Il computer ha avuto cosi grande successo in questi ultimi anni perchè associato alla possibilità di usare internet con l'uso prevalente di scambiare risorse!

    Se in un modo ideale non ci fosse la possibilità tecnica di copiare e diffondere le proprie risorse sono strasicuro che il mondo informatico sarebbe rimasto ancora una realtà a conoscenza degli addetti ai lavori (aziende, istituti militari e scientifici) e mai avrebbe coinvolto l'utenza normale!

    Quindi non prendiamoci per il sederino, il successo di microsoft, di intel, di ibm, di java e di tutto quello che ruota attorno al mondo informatico è dovuto al fatto che c'è stata, cè e ci sarà per sempre la libertà di poter scambiare le proprie risorse legali o illegali che siano!

    Chi ha orecchie da intendere intenda!

    Se vogliono risolvere il problema della condivisione di risorse illegali dovrebbero semplicemente chiudere ogni servizio di rete che superi la banda canonica dei 56k della trasmissione telefonica, con annessi i guadagni stratosferici che ciò ne derivano!!!

    Per l'ultima volta dico a tutti.....non prendiamoci per il sederino e nn pretendiamo di avere tutti i vantaggi e nessun svantaggio.....vero RIAA, vero SIAE, vero MICROSOFT.....e attenti voi che appoggiate il progetto Palladium perchè quelli che ne rimarranno fregati saranno proprio coloro che vivono con la produzione e distribuzione dei componenti hardware....si parlo proprio con te....INTEL, AMD.....e tu non nasconderti ti ho visto.....te che provi a nasconderti dietro i progetti basati su piattaforme Linux...si proprio tu IBM anche te ci perderai tanto appoggiando queste iniziative lesive sia per l'utenza ma sopratutto per voi che non riceverete più alcun profitto come lo state avendo ora!!

    Scusate il post lungo e dai contenuti forti.....ma questo è il mio pensiero.....e sono contento di averlo esposto in questa occasione!!

    saluti
    non+autenticato
  • Parole sante!!!
    non+autenticato
  • Personalmente ho fatto l'ADSL perchè (in ordine decrescente di importanza):

    a) Mi tiene il telefono libero!!! Niente più telefono occupato, gente che non riesce mai a chiamarti, problemi col parentado, a cui serve il tel, ecc... Vale da solo la spesa!
    b) Perchè cmq rimanevo collegato un sacco di tempo anche in analogico, per lavoro, hobby e altro. Con l'ADSL spendo pochi euro in più al mese, ma non ho tutti problemi di lentezza, disconessione, ecc... che si hanno in analogico.
    c) Perchè condivido la connessione con un altro computer. L'ho fatto anche in analogico, quando m'è toccato cambiare provider ADSL, ma non ti dico il dramma!
    d) (MOLTO distaccato rispetto a b) Per navigare e fare qualsiasi cosa più velocemente. Sì, anche per guardare i filmati in streaming! La teca RAI è comoda!

    Farei notare che molta gente usa l'ADSL per giocare online, ecc...

    La verità è che nessuno, dopo aver provato ADSL, torna indietro! E' veramente un altro pianeta!
    La venderebbero cmq, anche senza p2p, mp3z, warez e pirataggi vari!

  • - Scritto da: Ekleptical
    > Personalmente ho fatto l'ADSL perchè (in
    > ordine decrescente di importanza):
    >
    > a) Mi tiene il telefono libero!!! Niente più
    > telefono occupato, gente che non riesce mai
    > a chiamarti, problemi col parentado, a cui
    > serve il tel, ecc... Vale da solo la spesa!
    > b) Perchè cmq rimanevo collegato un sacco di
    > tempo anche in analogico, per lavoro, hobby
    > e altro. Con l'ADSL spendo pochi euro in più
    > al mese, ma non ho tutti problemi di
    > lentezza, disconessione, ecc... che si hanno
    > in analogico.
    > c) Perchè condivido la connessione con un
    > altro computer. L'ho fatto anche in
    > analogico, quando m'è toccato cambiare
    > provider ADSL, ma non ti dico il dramma!
    > d) (MOLTO distaccato rispetto a b) Per
    > navigare e fare qualsiasi cosa più
    > velocemente. Sì, anche per guardare i
    > filmati in streaming! La teca RAI è comoda!
    >

    I quattro punti che hai indicato sono quattro validissimi motivi per utilizzare una connessione ADSL e non un analogico. Sicuramente non lo ammetterai mai, ma non posso credere che nn ti è mai venuta la tentazione di sfruttare quei 640kilobits di banda per scaricarti qualche film, qualche mp3z o qualche giochino risparmiando qualche soldino!
    L'avrai fatto anche te....e se non l'hai ancora fatto prima o poi lo farai!

    Voglio però farti notare che se molte persone si abbonano ad un servizio adsl è spinto principalmente per sfruttare internet e quando dico sfruttare internet voglio dire usare questo servizio per poter guadagnarci qualcosa e questo guadagno è dato anche dalla liberà condivisione delle proprie risorse.
    Qua si parla di condivisione di risorse, non di pirateria informatica, se io decido di condividere il mio materiale con altre persone non violo nessuna legge, violo la legge se prelevo questo materiale lo masterizzo su cd e lo vendo come se fosse originale a prezzi stracciati....allora si che è pirateria!

    Se io prelevo un mp3, un file digitale fatto di bits di 0 e 1 messi uno dietro l'altro e me lo ascolto con il mio player mp3 non violo nessuna legge, violo la legge se prendo questi mp3 e ne faccio un cd con tracce audio e lo vendo al pubblico....allora si che è pirateria!

    Non è pirateria prendere un mp3, non è pirateria condividere e prelevare archivio .iso o .bin, sono file digitali fatti di bits di 0 e 1 messi uno dietro l'altro. Violo la legge se masterizzo questi cd e poi li vendo....allora si che è pirateria!

    Vogliono rendere illegale la nostra libertà perchè nuoce ai loro interessi!
    Ma non posso farci mica niente se la tecnologia si evolve, non posso farci mica niente se l'ingegno umano è cosi avanzato da poter inventare algoritmi di compressione cosi potenti da poter trasformare una traccia audio grande 40mb in un file da soli 4mb senza perdere in qualità (il Fraunhofer IIS MPEG Layer-3 codec, meglio conosciuto come MP3), o di poter comprimere un film da 5gb in uno da 700mb senza perdere in qualità usando l'algoritmo di compressione come il DivX!

    E' colpa allora del ingegno di chi ha inventato questi codec? E' colpa del digitale che è modificabile a proprio uso e consumo manipolando ad hoc queste sequenze binarie di 0 e 1 che compongono questi file digitali?
    E' colpa delle case discografiche che vogliono ottenere guadagni del 200% su ogni cd venduto?
    Di chi è la colpa?

    Finiamola con questi discorsi moralisti e ipocriti su cui è illegale e sbagliato prendere un mp3, che è sbagliato prendere un .iso di un gioco o di un programma, dicendo che è atto di pirateria!!

    Non è pirateria condividere dei file, non è pirateria prendere degli mp3 e ascoltarseli, non è pirateria fare peer to peer e non è pirateria incoraggiare il peer to peer!

    Può essere considerato pirateria e giustamente perseguibile la copia di questo materiale su cd e venderlo al pubblico! Allora si che è illegale e da condannare!

    Ma finiamola con questi discorsi che il peer to peer è illegale e che chi ha l'adsl non la usa per scaricarsi qualche mp3 o .iso!!! perchè chiunque lo dice è un ipocrita, perchè sicuro prima o poi l'ha fatto o lo farà!!!

    saluti a tutti belli e brutti!

    SoNNY
    non+autenticato
  • > Sicuramente non lo ammetterai mai, ma non
    > posso credere che nn ti è mai venuta la
    > tentazione di sfruttare quei 640kilobits di
    > banda per scaricarti qualche film

    uhm..sì, pochi (sotto la 15ina) e al 90% irreperibili ed inediti in Italia. Nel senso inediti perchè proprio non vengono manco opzionati in Italia, non blockbuster in anteprima!


    > qualche
    > mp3z

    Certo. Li uso come test di pre-ascolto. Anche perchè ormai i CD li compro online! Costano molto meno che nei negozi, in genere. Però se mi piace l'album li cancello e li compro! Se non mi piace finiscono nel cestino...
    E non è ipocrisia! Lo faccio realmente! Ho giusto comprato l'ultimo dei Flaming Lips settimana scorsa, nonostante gli mp3 siano sul mio HD da un mese! Per non parlare degli Sneaker Pimps! Avevo l'album (trafugato) in mp3 6 mesi prima che uscisse (per casini della casa discografica)!! Appena il CD è uscito l'ho comprato e zap gli mp3!

    Peraltro la prima cosa che sto facendo da quando mi sono abbonato allo shop su MTV.it è tirar giù pezzi per mettermi "in regola", pagando il giusto obolo agli autori! Il 90% dei pezzi che ho scaricato li avevo già in mp3 (cancellati). Visto che mi si è data la possibilità di comprare un pezzo singolo, se il resto dell'album non mi interessa, la sfrutto.


    > o qualche giochino risparmiando qualche
    > soldino!

    Qua zero. Non gioco.


    > Qua si parla di condivisione di risorse, non
    > di pirateria informatica, se io decido di
    > condividere il mio materiale con altre
    > persone non violo nessuna legge

    Se è tuo, fatto da te, no di certo. Se è fatto da altri, non è tuo. Ti è dato l'uso in concessione.


    >, violo la
    > legge se prelevo questo materiale lo
    > masterizzo su cd e lo vendo come se fosse
    > originale a prezzi stracciati....allora si
    > che è pirateria!

    No, violi la legge anche se lo condividi e lo scarichi!
    E' cmq appropriazione indebita e violazione dei diritti.


    > Se io prelevo un mp3, un file digitale fatto
    > di bits di 0 e 1 messi uno dietro l'altro e
    > me lo ascolto con il mio player mp3 non
    > violo nessuna legge

    Stai ascoltando una cosa senza avere i diritti per farlo. La violi eccome.


    > Non è pirateria prendere un mp3, non è
    > pirateria condividere e prelevare archivio
    > .iso o .bin, sono file digitali fatti di
    > bits di 0 e 1 messi uno dietro l'altro.

    Ma non diciamo vaccate!! L'oggetto non è il mezzo, è il suo contenuto! Chissene se sono 0 1, nastri magnetici o solchi di un vinile!!


    > Vogliono rendere illegale la nostra libertà
    > perchè nuoce ai loro interessi!

    E' già illegale! E mi sembra sacrosanto difendere i propri interessi! Da quando è immorale?


    > E' colpa allora del ingegno di chi ha
    > inventato questi codec? E' colpa del
    > digitale che è modificabile a proprio uso e
    > consumo manipolando ad hoc queste sequenze
    > binarie di 0 e 1 che compongono questi file
    > digitali?

    E' colpa di chi ha inventato la pistola, se io la prendo e ti sparo in fronte? No! E' colpa MIA!! E me ne assumo la responsabilità! Non è mica "colpa di nessuno", solo perchè c'è il mezzo!


    > Finiamola con questi discorsi moralisti e
    > ipocriti su cui è illegale e sbagliato
    > prendere un mp3, che è sbagliato prendere un
    > .iso di un gioco o di un programma, dicendo
    > che è atto di pirateria!!

    E' appropriazione indebita, senza avere i diritti per farlo.
    Ti piace così?

  • >
    > > Qua si parla di condivisione di risorse,
    > non
    > > di pirateria informatica, se io decido di
    > > condividere il mio materiale con altre
    > > persone non violo nessuna legge
    >
    > Se è tuo, fatto da te, no di certo. Se è
    > fatto da altri, non è tuo. Ti è dato l'uso
    > in concessione.
    >

    Si è vero quando compri un programma o un gioco compri la sua licenza d'uso e se lo usi senza licenza è illegale e qua ti do ragione!
    Non violi nessuna legge se te archivi questo materiale in un .zip o .rar e lo metti in condivisione!
    Te metti in condivisione l'archivio se poi quell'altro lo prende lo scompatta e lo usa illegalmente sono fatti suoi! Ma l'atto di condividere un archivio non è illegale....è illegale se il materiale che è al suo interno lo usi senza licenza.


    >
    > >, violo la
    > > legge se prelevo questo materiale lo
    > > masterizzo su cd e lo vendo come se fosse
    > > originale a prezzi stracciati....allora si
    > > che è pirateria!
    >
    > No, violi la legge anche se lo condividi e
    > lo scarichi!
    > E' cmq appropriazione indebita e violazione
    > dei diritti.
    >

    Dove sta scritto che è illegale condividere e scaricare un archivio .zip .iso o .bin......o .mp3 o .avi? Nessuna al momento!
    Quando uscirà la legge che vieterà la condivisione di file con queste estensioni ne riparliamo!
    Ora ce una legge che ne vieta il suo uso non la sua condivisione!

    >
    > > Se io prelevo un mp3, un file digitale
    > fatto
    > > di bits di 0 e 1 messi uno dietro l'altro
    > e
    > > me lo ascolto con il mio player mp3 non
    > > violo nessuna legge
    >
    > Stai ascoltando una cosa senza avere i
    > diritti per farlo. La violi eccome.
    >

    Io sto prelevando un mp3 non lo sto ascoltando....quando poi l'ascolto quell'mp3

    >
    > > Non è pirateria prendere un mp3, non è
    > > pirateria condividere e prelevare archivio
    > > .iso o .bin, sono file digitali fatti di
    > > bits di 0 e 1 messi uno dietro l'altro.
    >
    > Ma non diciamo vaccate!! L'oggetto non è il
    > mezzo, è il suo contenuto! Chissene se sono
    > 0 1, nastri magnetici o solchi di un
    > vinile!!
    >

    No no cambia eccome!! Un bits non è come un nastro magnetico o un solco di vinile! Qua si parla di combinazioni binarie di numeri.....qua il contenuto (la canzone) e il mezzo (i bits) sono una sola entità .....ed è proprio questo il punto....non puoi dire a me di nn ascoltare una sequenza di numeri!
    Secondo il tuo ragionamento la SIAE per rendere illegali gli mp3 dovrebbe incidere in ogni bits il marchio SIAE.

    E inoltre per rendere illegale il p2p e quindi la condivisione di risorse....ogni pacchetto tcp di un mp3 dovrebbe essere certificato da un marchio che ne identifica la legittimità d'uso!!

    E non sono vaccate fidati!

    >
    > > Vogliono rendere illegale la nostra
    > libertà
    > > perchè nuoce ai loro interessi!
    >
    > E' già illegale! E mi sembra sacrosanto
    > difendere i propri interessi! Da quando è
    > immorale?

    Non puoi limitare la mia libertà di condividere un dato informatico!!! Al massimo puoi regolamentarmi la licenza d'uso di quel dato informatico (gioco o programma che sia)!

    Discorso diverso per gli mp3 e gli avi: se vuoi proprio rendermi illegale l'ascolto di un mp3 o la visione di un avi dovresti farmi far pagare una licenza d'uso ad hoc per ogni mp3 esistente!!! Finchè non ce io sono libero di ascoltare e vedere tutti gli mp3 e tutti gli avi che voglio !

    >
    >    
    > > E' colpa allora del ingegno di chi ha
    > > inventato questi codec? E' colpa del
    > > digitale che è modificabile a proprio uso
    > e
    > > consumo manipolando ad hoc queste sequenze
    > > binarie di 0 e 1 che compongono questi
    > file
    > > digitali?
    >
    > E' colpa di chi ha inventato la pistola, se
    > io la prendo e ti sparo in fronte? No! E'
    > colpa MIA!! E me ne assumo la
    > responsabilità! Non è mica "colpa di
    > nessuno", solo perchè c'è il mezzo!

    Il punto è che nn si possono fare associazioni metaforiche tra un oggetto concreto e utilizzabile con una entità eterea come una sequenza di dati!

    Una sequenza binaria qualunque essa sia non potrà mai essere considerata come un oggetto tangibile e quindi nn puoi trattarla come tale....quello che puoi fare al massimo e regolamentarne il suo uso tramite delle licenze apposite!!

    >
    >
    > > Finiamola con questi discorsi moralisti e
    > > ipocriti su cui è illegale e sbagliato
    > > prendere un mp3, che è sbagliato prendere
    > un
    > > .iso di un gioco o di un programma,
    > dicendo
    > > che è atto di pirateria!!
    >
    > E' appropriazione indebita, senza avere i
    > diritti per farlo.
    > Ti piace così?

    Non ho detto che sei te un ipocrita......anzi sei una persona con cui si può iniziare un ottimo confronto costruttivo e su questo ne sono molto contento!
    Ci sono però tanti ipocriti che condannano il peer to peer e poi lo utilizzano !

    cmq concludendo.....

    E' appropriazione indebita, senza avere i diritti per farlo nel momento in cui violi una licenza d'uso nell'utilizzare quel dato programma!
    Non violi nessuna legge se ascolti un mp3 o un avi (nessuna licenza d'uso mi regolamenta tale ascolto o visione di questa sequenza di dati), ne tantomeno violi nessuna legge se condividi codesto materiale, in quanto te nn lo stai usando, ma è li in attesa che qualcuno se lo prenda lo usi violando anch'esso delle licenze d'uso!

    Quindi secondo il mio parere il peer to peer non è assolutamente legale!

    ma è un mio parere accettabile oppure no......finchè uno mi dimostrerà il contrario con una legge alla mano allora cambierò idea!

    ciao ciao
    non+autenticato

  • > Quindi secondo il mio parere il peer to peer
    > non è assolutamente legale!
    >
    > ma è un mio parere accettabile oppure
    > no......finchè uno mi dimostrerà il
    > contrario con una legge alla mano allora
    > cambierò idea!
    >
    > ciao ciao

    ehm volevo dire......

    Quindi secondo il mio parere il peer to peer è assolutamente legale!!!

    c'è scappato un non di troppo....oppure mi ero scordato di mettere "il" prima di legaleSorride

    bye
    non+autenticato
  • Poche idee e confuse....

    > Non violi nessuna legge se te archivi questo
    > materiale in un .zip o .rar e lo metti in
    > condivisione!

    Non hai nessun diritto di diffusione! Diritto contemplato nell'articolo 17 della legge sul diritto d'autore, legge 633 del 22/4/1941! Fatti una ricerca su Google e leggilo!
    Stai violando il diritto esclusivo che chi firma un contratto dicografico/distributivo concede ad un'etichetta discografica/software house.


    > illegale se il materiale che è al suo
    > interno lo usi senza licenza.

    Ti informo che l'intera legge del diritto d'autore non contempla nemmeno il concetto di licenza!!!
    Quello è un contratto privato che stipuli con il venditore, quando accetti le sue condizioni e arpi il pacchetto software.


    > No no cambia eccome!! Un bits non è come un
    > nastro magnetico o un solco di vinile! Qua
    > si parla di combinazioni binarie di
    > numeri.....qua il contenuto (la canzone) e
    > il mezzo (i bits) sono una sola entità

    Perchè? Nel vinile c'è una serie di solchi e nella cassetta una serie di particelle magnetiche orientate. E allora?
    Quello che compri è sempre la musica, non il suo mezzo.


    > Secondo il tuo ragionamento la SIAE per
    > rendere illegali gli mp3 dovrebbe incidere
    > in ogni bits il marchio SIAE.

    Questa poi....perchè, incide il marchio SIAE su ogni solco?


    > E inoltre per rendere illegale il p2p e
    > quindi la condivisione di risorse....ogni
    > pacchetto tcp di un mp3 dovrebbe essere
    > certificato da un marchio che ne identifica
    > la legittimità d'uso!!

    Te hai capito poco! Il concetto di licenza t'ha fuorviato del tutto! Non c'entra un fico con il diritto d'autore! Il resto delle cose che dici deriva da questo errore di partenza!


    > ma è un mio parere accettabile oppure
    > no......finchè uno mi dimostrerà il
    > contrario con una legge alla mano allora
    > cambierò idea!

    Ecco! Leggiti il diritto d'autore va! Sono181 articoli ed è un po' lunghetta! Ma ti illuminerà su come funzionano le cose.

  • Ok violo il diritto di diffusione! Avevo impostato il ragionamento sulla violazione di una licenza d'uso di un prodotto software e non ho considerato le diverse violazioni del diritto d'autore!

    Quindi il peer to peer favorisce tale diffusione violando l'articolo 17 della legge 633!

    Da questo punto di vista ogni mio ragionamento sugli mp3 e film decade che siano registrati su supporti magnetici su vinile o su sequenze di bits!

    Però questo discorso non vuole dire che è illegale il peer to peer, semplicemente il peer to peer è uno dei tanti mezzi che possono favorire la diffusione di questo materiale protetto dai diritti d'autore!

    Quindi il peer to peer deve essere considerato come un qualsiasi altro mezzo di comunicazione come la tv, la radio, il telefono o il telegrafo!
    Rimango quindi nella posizione che il peer to peer è una pratica assolutamente legale e quindi nessuna associazione che sia RIAA o SIAE potrà mai imporre ai provider di segare gli account di utenti che fanno peer to peer !!

    E' come se la siae vietasse l'uso della televisione o del telefono agli utenti che ce l'hanno perchè favorisce la diffusione di prodotti protetti dai diritti d'autore!!

    E' chiaro che nessuno sarà in grado di contenere e controllare quello che viene diffuso col peer to peer, continuamente si violerà il diritto d'autore e nessuno potrà mai fare niente.....ma questo nn giustifica l'imposizione delle associazioni a vietare la pratica del peer to peer solo perchè non si è in grado di contenerla!

    Dovrebbero ammettere che hanno perso e dovrebbero cominciare ad adeguarsi con questo fenomeno magari incoraggiando gli utenti a comprare i cd originali facendo diminuire i prezzi....avranno un minor margine di guadagni, ma sicuramente molta più gente ricomincerà a comprare cd originali e a scaricare meno mp3!

    Io sarei il primo a comprare cd originali se solo diminuissero i prezzi....e finche nn lo faranno l'articolo 17 della legge 633 dei diritti d'autore continuerà ad essere violata finche ci sara vita su questa terra....su questo non ci piove nessuno!!
    non+autenticato
  • > Però questo discorso non vuole dire che è
    > illegale il peer to peer, semplicemente il
    > peer to peer è uno dei tanti mezzi che
    > possono favorire la diffusione di questo
    > materiale protetto dai diritti d'autore!
    >
    > Quindi il peer to peer deve essere
    > considerato come un qualsiasi altro mezzo di
    > comunicazione come la tv, la radio, il
    > telefono o il telegrafo!
    > Rimango quindi nella posizione che il peer
    > to peer è una pratica assolutamente legale e
    > quindi nessuna associazione che sia RIAA o
    > SIAE potrà mai imporre ai provider di segare
    > gli account di utenti che fanno peer to peer
    > !!
    >
    > E' come se la siae vietasse l'uso della
    > televisione o del telefono agli utenti che
    > ce l'hanno perchè favorisce la diffusione di
    > prodotti protetti dai diritti d'autore!!

    non ci siamo purtroppo... per trasmettere qualasiasi cosa, via TV o Radio, devi pagare fior di tasse di diritti d'autore alla siae e non solo... non e' che canale 5 ti fa vedere un film senza che lei paghi niente, se non e' chiaro il concetto.... e radio dimensione suono paga i diritti su ogni canzone che trasmette... ecco perche' hanno le scalette molto rigide... non lo sapevi?


  • > non ci siamo purtroppo... per trasmettere
    > qualasiasi cosa, via TV o Radio, devi pagare
    > fior di tasse di diritti d'autore alla siae
    > e non solo... non e' che canale 5 ti fa
    > vedere un film senza che lei paghi niente,
    > se non e' chiaro il concetto.... e radio
    > dimensione suono paga i diritti su ogni
    > canzone che trasmette... ecco perche' hanno
    > le scalette molto rigide... non lo sapevi?

    Sei sicuro che non ci siamo proprio?
    Devo pagare qualcosa per condividere la distrubuzione linux mandrake 9.1 su 3 cd tramite il p2p?
    Devo pagare qualche diritto per trasmettere tramite pacchetti tcp un programma freeware ?
    Devo pagare qualche diritto se voglio trasmettere tramite pacchetti tcp usando il p2p il video della vacanza al mare 2003 ad un mio caro amico in Australia?

    Siamo ancora cosi convinti che il p2p è un sistema di trasmissione dati legale ? Oppure devo farti un disegnino?

    Il mezzo di trasmissione dati tramite pacchetti tcp tra computer computer, punto a punto o più comunemente chiamato peer to peer è assolutamente legale!

    Non mi interessa se ci sono persone che lo usano per trasmettere altre cose considerate illegali da trasmettere!!
    sono cavoli suoi!

    te capì?
    non+autenticato
  • Visto che i provider prendono il denaro dai loro utenti, staccando i loro utenti alla fine chiuderanno la baracca pure loro. Chi farebbe un'abbonamento con una connessione a banda larga presso un provider che ti stacca la linea se usi i p2p? Penso nessuno, quindi alla fine rimaranno in piedi solo i provider che permeteranno l'uso dei p2p, è la selezione naturale fatta dal mercato.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)