PalmOS 6 debutterà entro l'anno

Sbottonandosi in pubblico per la prima volta Palm rivela alcune delle migliorie più importanti del prossimo Palm OS, il 6. Per sfidare il futuro Pocket PC

San Mateo (USA) - Nella storia del Palm OS, l'attuale versione 5, lanciata la scorsa estate, è stata di certo la più ricca in termini di migliorie e nuove funzionalità: questa release ha avuto soprattutto il compito di colmare il gap accumulato da Palm nei confronti della piattaforma Pocket PC di Microsoft in campi quale la connettività wireless, il multimedia e il supporto al nuovo hardware.

Se Palm OS 5 si può dunque definire una release per molti versi rivoluzionaria, Palm OS 6 sarà invece sostanzialmente un'evoluzione del sistema operativo attuale che ne limerà le caratteristiche di fondo, soprattutto in settori quali la sicurezza e le prestazioni.

PalmSource ha svelato i primi dettagli del suo prossimo sistema operativo durante una recente conferenza dedicata agli sviluppatori: in questa occasione il CEO e presidente della sussidiaria di Palm, David Nagel, ha rivelato che Palm OS verrà rilasciato ai licenziatari verso la fine dell'anno. L'arrivo dei primi dispositivi mobili dotati del nuovo sistema operativo è però prevista per l'anno successivo, entro un periodo di tempo compreso fra i tre e i sei mesi dalla disponibilità delle licenze.
Il rilascio di Palm OS 6 sembra dunque ripercorrere le tappe del suo predecessore: rilasciato a giugno, Palm OS 5 è arrivato sui primi PDA soltanto verso la fine dello scorso anno. In generale, PalmSource conta di lanciare una nuova major release del proprio sistema operativo ogni 12-18 mesi. Microsoft ha rilasciato l'attuale versione di Pocket PC, la 2002, esattamente 18 mesi fa.

Con la sua futura piattaforma, PalmSource corteggia in particolare il mercato business, un segmento che, secondo gli analisti, è destinato a crescere durante tutto l'anno, questo soprattutto grazie alla diffusione delle reti wireless e delle applicazioni mobili.

"Abbiamo rivisto l'intera architettura di Palm OS 6", ha spiegato nella propria nota d'apertura Nagel. "E' un pezzo di codice davvero sicuro. Credo che le aziende saranno davvero soddisfatte del lavoro che abbiamo svolto".

Al cuore della nuova sicurezza di Palm OS 6 c'è la protezione della memoria, una funzionalità che, secondo Nagel, consente ai dati di essere archiviati in un'area di memoria sicura "che non può essere corrotta da un virus né modificata da un utente non autorizzato".

PalmSource conta poi di rafforzare la sicurezza delle comunicazioni wireless attraverso il supporto di nuovi standard del settore, quali il WPA, e l'integrazione nel sistema operativo di tutte le principali tecnologie wireless: in questo modo, ha spiegato Nagel, si eviterà il proliferare di driver proprietari e potenzialmente insicuri per il supporto di tecnologie wireless quali quella GPRS.

Il team di sviluppo di Palm OS 6 starebbe poi lavorando a funzionalità per il roaming fra reti WLAN (quali Wi-Fi) e reti cellulari (quali GSM/GPRS). Questo sforzo va nella stessa direzione di quello compiuto recentemente da Microsoft per portare sui dispositivi basati su Windows CE.NET e Pocket PC (vedi la Phone Edition) funzionalità avanzate per la telefonia.

L'altra area in cui si sta focalizzando lo sviluppo di Palm OS 6 è l'implementazione di un vero multitasking che migliori l'efficienza con cui vengono eseguite più applicazioni contemporaneamente.

Nella giornata di ieri, PalmSource ha fornito delle linee guida per lo sviluppo di applicazioni per Palm OS 6 capaci di sfruttare le ottimizzazioni incluse in quest'ultimo pur restando pienamente compatibili con la versione 5.