Mauro Vecchio

Telemarketing, un registro anti-invadenza

SarÓ il ministero dello Sviluppo Economico ad istituire una speciale lista per tutte quelle utenze contrarie alle chiamate per scopi promozionali. Ma le proteste non mancano

Roma - Un registro pubblico delle opposizioni: così è stato presentato da un recente comunicato stampa diramato dal ministero dello Sviluppo Economico. Che provvederà all'istituzione e alla successiva gestione di uno specifico elenco anti-invadenza, per consentire ai cittadini di difendersi dagli squilli del telemarketing.

Obiettivo, garantire ai cittadini del Belpaese la possibilità di iscriversi ad una lista di utenze telefoniche, tutte contrarie alle pressanti chiamate del telemarketing. Un registro pubblico, dunque, alla fine autorizzato dal Consiglio dei Ministri per raccogliere tutti quegli abbonati che non desiderano essere più contattati per scopi commerciali o promozionali.

Una mossa atta a salvaguardare la privacy dei vari utenti, non più raggiungibili dagli operatori del settore. L'iscrizione sarà ovviamente a discrezione degli abbonati, le cui richieste dovrebbero essere soddisfatte dagli operatori nel più breve tempo possibile.
E proprio quest'ultima previsione è stata duramente contestata, soprattutto da parte di chi ha sottolineato come debbano essere istituite multe salate a carico degli operatori più pigri. Sugli operatori dovrebbe pendere un limite temporale entro cui soddisfare le varie richieste, non semplicemente avere a disposizione una formula generica come "nel più breve tempo possibile".
Soddisfatto, il senatore Alessio Butti, che ha difeso lo schema di decreto presidenziale. "╚ un provvedimento che prevalentemente va a difesa del consumatore - ha spiegato Butti - nella direzione di garantire il rispetto della privacy in un sistema come quello attuale per cui una persona presente su qualsiasi elenco pubblico può essere esposto a qualsiasi genere tipo di telefonate".

Non dello stesso avviso il Garante della Privacy Francesco Pizzetti, recentemente intervenuto nel corso della sua relazione annuale. Registri come quello appena scelto non avrebbero in realtà funzionato in alcun paese, date le evidenti difficoltà che avrebbero i cittadini anziani nella manifestazione del proprio dissenso alla comunicazione commerciale.

L'istituzione del registro anti-invadenza dovrebbe comunque mettere fine alla violazione da parte del governo italiano della direttiva europea 2002/58/CE, alimentata dal decreto legge 207 del 2008. Una violazione che tuttavia è consentita fino a due mesi dopo l'istituzione dell'elenco. Che sia l'ultima calda estate del telemarketing?

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàTelemarketing, la lente dell'Europadi L. Foglia e G. Garrisi (Digital&Law Department - www.studiolegalelisi.it) - La Commissione europea richiama l'Italia sull'applicazione delle norme sul telemarketing: i telefoni squillano in violazione della direttiva comunitaria
  • AttualitàUE: l'Italia risponda sul telemarketingIl Commissario Reding bacchetta le autoritÓ del Belpaese, ree di aver prorogato una legge giÓ di per sÚ in rotta con le direttive comunitarie. Il governo ha ora due mesi di tempo per rispondere alla notifica
  • Diritto & InternetTelemarketing, the day afterdi Guido Scorza - Le telefonate ai servizi di assistenza non sono uguali per tutti: la profilazione sembra essere una prassi. E a profili diversi corrispondono diversi operatori, e potrebbero corrispondere diverse tutele
43 Commenti alla Notizia Telemarketing, un registro anti-invadenza
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)