Mauro Vecchio

OpenBitTorrent, breve soggiorno spagnolo

Le letteracce di IFPI avrebbero convinto l'host iberico SoloGigabit a cacciare il tracker aperto svedese. Che si era trasferito nella penisola iberica dopo una sentenza sfavorevole in patria, alla ricerca di un contesto legale più morbido

Roma - Si era trasferito in Spagna, alla ricerca di un quadro legale generalmente più accogliente nei confronti della condivisione di contenuti a mezzo link. Ma le letteracce da parte dei detentori dei diritti lo hanno raggiunto anche in terra iberica, forzandolo probabilmente ad un nuovo spostamento.

Non pare esserci pace dunque per OpenBitTorrent, il tracker aperto a tutti finito nel mirino delle major di Hollywood al gran completo. A nulla era valsa una precedente decisione della Corte di Stoccolma, che aveva in sostanza scagionato il suo provider svedese dalle accuse di collaborazionismo nell'infrazione del copyright.

Le major erano ricorse in appello, puntando il dito contro un tracker visto come una versione re-brandizzata di uno dei peggiori nemici del diritto d'autore, la ciurma al gran completo di The Pirate Bay. La stessa Corte di Stoccolma aveva ribaltato la sua precedente sentenza, costringendo OpenBitTorrent a trovarsi un nuovo host.
Il tracker si era quindi trasferito in Spagna, dove le attività di semplice linking non costituiscono una violazione del copyright. Ma i rappresentanti legali della International Federation of Phonographic Industry (IFPI) non hanno mostrato di voler mollare la presa. Una lettera d'avvertimento è giunta quindi ai responsabili di SoloGigabit, il nuovo ospite di OpenBitTorrent.

Hanno così appreso come gli stessi utenti di The Pirate Bay sfruttino il tracker svedese per la violazione del copyright. La lettera di IFPI ha infatti sottolineato quanto sia cruciale il ruolo di OpenBitTorrent nelle attività illecite dei pirati della Baia. Avvertimenti che sembrano aver funzionato: SoloGigabit avrebbe dato al tracker aperto una quindicina di giorni di tempo per trovarsi un nuovo host.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, i sei nemici del copyrightDiramata una lista dei principali spazi online che stanno minacciando l'integrità delle famiglie statunitensi. Almeno secondo i rappresentanti dell'anti-pirateria a stelle e strisce, che hanno accusato vari governi di rubare alla nazione
  • Diritto & InternetSpagna, il ministero nel P2PUna discreta quantità di materiale protetto da copyright passa per gli uffici delle istituzioni spagnole. Che negli ultimi tempi faticano a gestire il fenomeno della pirateria digitale
  • AttualitàSpagna: linkare è un dirittoUn tribunale di Barcellona ha assolto il responsabile di un sito poco gradito all'industria dei contenuti. E ha ribadito che in terra iberica il raggruppamento di link non costituisce violazione del copyright
4 Commenti alla Notizia OpenBitTorrent, breve soggiorno spagnolo
Ordina
  • non basterebbe avvalersi di prodotti come meraki o open mesh?
    non+autenticato
  • - Scritto da: gay fox
    > non basterebbe avvalersi di prodotti come meraki
    > o open
    > mesh?
    si, coi byte che fluttuano nell'etere (a 90gr) o nel subspazio
    non+autenticato
  • Quando queste realtà di condivisione nascono e/o crescono hanno come unico, immancabile tallone d'achille il doversi affidare ad un fornitore di connettività, che ha i suoi interesse d'azienda e quindi non potrà rifiutarsi di interrompere il servizio al sito "problematico" se gli viene chiesto in modo piuttosto "convincente".
    Per evitare questo punto debole, manca la possibilità di connettersi tramite apparecchiatura wireless in maniera autonoma, in un'architettura di connettività distribuita un po' come accade per il DHT per i torrent, o per fare un esempio, come fa il Nabucodonosor per entrare in MatrixA bocca aperta
    In questo modo non si potrebbe colpire il punto d'ingresso, visto che l'ingresso lo si sceglie in qualunque momento in maniera trasparente.
  • - Scritto da: ephestione
    > Quando queste realtà di condivisione nascono e/o
    > crescono hanno come unico, immancabile tallone
    > d'achille il doversi affidare ad un fornitore di
    > connettività, che ha i suoi interesse d'azienda e
    > quindi non potrà rifiutarsi di interrompere il
    > servizio al sito "problematico" se gli viene
    > chiesto in modo piuttosto
    > "convincente".
    > Per evitare questo punto debole, manca la
    > possibilità di connettersi tramite
    > apparecchiatura wireless in maniera autonoma, in
    > un'architettura di connettività distribuita un
    > po' come accade per il DHT per i torrent, o per
    > fare un esempio, come fa il Nabucodonosor per
    > entrare in Matrix
    >A bocca aperta
    > In questo modo non si potrebbe colpire il punto
    > d'ingresso, visto che l'ingresso lo si sceglie in
    > qualunque momento in maniera
    > trasparente.
    se bonanotteSorride
    piuttosto sarebbe ora che dei simpatici paesi come la svizzera o il lussemburgo, che hanno creato la loro economia su imbrogli finanziari, si decidessero ad entrare anche nel mondo digitale alla stessa (e migliore) maniera... tanto e' un "crimine" percepito come tale da qualche migliaio di persone nel mondo, gli altri miliardi lo considerano una feature... ed e' certo molto meglio che accumulare $$ della ndrangheta..
    non+autenticato