Alfonso Maruccia

UK, l'ISP paghi per il P2P

Una nuova proposta della collecting society locale che sa di molto vecchio: una tassa da applicare ai fornitori di connettività in proporzione al traffico P2P veicolato. Da filtrare e analizzare accuratamente

UK, l'ISP paghi per il P2PRoma - Se la pirateria non si può battere, tanto vale che i provider comincino a pagare per quanti usano il servizio a fini di condivisione non autorizzata. È l'idea di una tassa sul P2P, già emersa molte altre volte negli anni passati, recentemente proposta da Will Page, "economista" impiegato presso l'organizzazione inglese che raccoglie i proventi del diritto d'autore per l'industria musicale, Performing Rights Society.

Nello studio chiamato Moving Digital Britain Forward Without Leaving Creative Britain Behind, Page e colleghi si sono impegnati nell'individuare "soluzioni basate sul mercato" al problema della pirateria telematica, e più nello specifico al "danno causato dal file sharing illegale su Internet". Tra le soluzioni proposte c'è appunto una tassa sui provider, individuati come i "colpevoli" di questo stato di cose e chiamati a un contributo responsabile alla sua soluzione o mitigazione.

Page fa riferimento diretto al discusso Digital Economy Act, la legge anglosassone approvata in fretta e furia dal parlamento che prevede le disconnessioni forzate dei condivisori incalliti e la misurazione del traffico effettivo imputabile al file sharing sulla Internet britannica. Da tali misurazioni si potrebbe partire per valutare il coinvolgimento specifico di ogni ISP, ipotizza l'economista al soldo delle major, per poi imporre un balzello in proporzione a tale coinvolgimento.
La proposta di Page non tiene in conto la difficoltà di stabilire l'esatta valenza del P2P sul traffico di rete, né considera tantomeno le molte alternative al P2P sulle reti di sharing salite alla ribalta in questi mesi e anni (streaming, file hosting su server HTTP eccetera).

Ma soprattutto le proposte di Page non tengono conto delle notevoli conseguenze di una simile iniziativa sul diritto alla riservatezza e il comportamento dei provider nei confronti dei loro stessi clienti. Non a caso l'ISP Talk Talk parla di una pratica "profondamente iniqua" che "richiederebbe il monitoraggio del traffico con pesanti implicazioni in merito alle direttive sulla privacy e la data retention".

Tassare i provider per i download di una parte dell'intera utenza è "come dichiarare una società di autobus responsabile per i taccheggiatori che usano i suoi mezzi per andare nei negozi", e sarebbe tanto più "futile perché le persone passeranno a metodi irrintracciabili come i servizi cifrati e lo streaming". L'industria musicale dovrebbe piuttosto inventarsi nuovi modelli di business "sostenibili" e ascoltare quello che vogliono i consumatori, suggerisce Talk Talk, invece di pensare alle disconnessioni e alle tasse improprie sui provider.

Di futilità e perdita di tempo ha recentemente parlato anche Peter Jenner, ex-manager dei Pink Floyd che non vede di buon occhio nessuna delle misure attuate o ipotizzate per "impedire alle persone di copiare". "Il costo marginale di un file digitale è essenzialmente zero - ha detto Jenner - Il che vuol dire che il mercato verrà spinto verso file digitali a costo zero. Si tratta di un fatto inevitabile". Lottare contro la "pirateria"? Per Jenner significa "andare controcorrente, lottare contro la realtà economica dei fatti". Con tanta buona fortuna agli economisti di PRS.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
130 Commenti alla Notizia UK, l'ISP paghi per il P2P
Ordina
  • usa il p2p SOLO per scaricare le immagini di varie distro, openoffice?

    Tanto l'unico mp3 che mi concedo mensilmente lo scarico da rapidshareOcchiolino Tassiamo anche l'http.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zio Cavallo
    > usa il p2p SOLO per scaricare le immagini di
    > varie distro,
    > openoffice?

    esistono decine di mirror per le iso delle distro linux. Una volta non c'era l'opzione p2p e nessuno ne sentiva la mancanza (e' da ritardati scaricare in p2p quando ci sono mirror superveloci che permettono il download al massimo della velocità)
  • è anche da ritardati ignorare che certi utenti hanno connessioni lente ed inaffidabili per cui l'uso del p2p è obbligatorio, per evitare di lasciare il pc acceso tutta la notte e trovare al mattino il download di mandriva o suse abortito causa timeout o errori vari.
    Il mirror superveloce a me farebbe piacere se avessi una bella dsl ma dopo 3 notti insonni per il mio pc e relativi download falliti ho dovuto scaricare la distro che mi serviva tramite bittorrent.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bargellino
    > è anche da ritardati ignorare che certi utenti
    > hanno connessioni lente ed inaffidabili per cui
    > l'uso del p2p è obbligatorio, per evitare di
    > lasciare il pc acceso tutta la notte e trovare al
    > mattino il download di mandriva o suse abortito
    > causa timeout o errori
    > vari.

    ahahah ma quante puttanate devo leggere oggi!
    I mirror da cui scaricare le distro supportano il resume! Quindi con qualsiasi download manager (getright, flashget o 1000 altri) puoi fare il resume dell'eventuale download interrotto..e non solo: puoi addirittura impostare che so, 3 mirror per ottimizzare il download e continuare lo scarico anche se uno o due dei mirror cade (cosa peraltro rarissima)
    Il p2p non serve A NIENTE in questo caso.

    > Il mirror superveloce a me farebbe piacere se
    > avessi una bella dsl

    sveglia: il mirror superveloce è un vantaggio SIA per chi ha connessione lenta SIA per chi ce l'ha veloce!

    > ma dopo 3 notti insonni per
    > il mio pc e relativi download falliti ho dovuto
    > scaricare la distro che mi serviva tramite
    > bittorrent.

    Evidentemente hai qualche problema (non solo informatico..)
  • Guarda, maranric, sono consapevole del fatto che sei onnisciente ed onnipotente quindi non la farò tanto lunga.
    Mi limito a farti notare che usavo regolarmente un download manager che supporta il resume ma il mio provider deve avere qualche problema più grande di quelli che attribuisci a me.
    Coi torrent è andato sempre tutto liscio, anche se più lentamente.
    Se proprio ci tieni ti autorizzo a fare un'analisi di tipo forense sui log delle macchine mie e del mio provider (per quanto riguarda i dati della mia connessione) ma paghi tu.
    non+autenticato
  • Bravi! così oltre al proliferare di reti anonime ed investimenti colossali per la misurazione del traffico...non otterrete altro! Questi devono aver bevuto latte di volpe!
  • - Scritto da: Findi
    > Bravi! così oltre al proliferare di reti anonime
    > ed investimenti colossali per la misurazione del
    > traffico...non otterrete altro! Questi devono
    > aver bevuto latte di
    > volpe!
    Certo lo danno gratis ai politici davanti ai parlamenti!
    Ma ai nostri li obbligano ad una doppia razione!
    Infatti da noi sono ancora più furbi!
    non+autenticato
  • eeee bhè.....i nostri farebbero molto meglio....

    eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee...............A bocca aperta
  • guarda caso per contrastare il p2p prendono di mira proprio quello che in nessun caso si può mascherare ovvero la connessione.
  • - Scritto da: shevathas
    > guarda caso per contrastare il p2p prendono di
    > mira proprio quello che in nessun caso si può
    > mascherare ovvero la
    > connessione.
    taaa daaan
    E quindi ?
    La connessione a che ?
    Di chi?
    tramite cosa?
    con quale trsporto?
    e con quale protocollo?

    Come dire guarda caso per contrastare le banche prendono di mira i soldi....
    e poi fare "taaa daaan!"

    Gran mossa no?
    non+autenticato
  • > E quindi ?
    > La connessione a che ?
    > Di chi?
    > tramite cosa?
    > con quale trsporto?
    > e con quale protocollo?
    >
    la connessione ADSL fregandosene alla grande del resto.

    > Come dire guarda caso per contrastare le banche
    > prendono di mira i
    > soldi....

    beh se con le tasse gli levano dalle tasche degli utenti prima che arrivino in banca...A bocca aperta
  • - Scritto da: shevathas
    > > E quindi ?
    > > La connessione a che ?
    > > Di chi?
    > > tramite cosa?
    > > con quale trsporto?
    > > e con quale protocollo?
    > >
    > la connessione ADSL fregandosene alla grande del
    > resto.
    >
    > > Come dire guarda caso per contrastare le banche
    > > prendono di mira i
    > > soldi....
    >
    > beh se con le tasse gli levano dalle tasche degli
    > utenti prima che arrivino in banca...
    >A bocca aperta
    Adsl?
    Ma sei sicuro che basti?
    IO non ho una connessione adsl
    A bocca aperta
    Ma davvero credi che si risolva il problema?
    non+autenticato
  • ... cosa si inventa la gente, pur provare a cambiare il modo di fare business, come sfruttare la Rete e il P2P, come cambiare un sistema ormai vecchio e inadeguato...
    non+autenticato
  • hai ragione!
    - Scritto da: bingobango
    > ... cosa si inventa la gente, pur provare a
    > cambiare il modo di fare business, come sfruttare
    > la Rete e il P2P, come cambiare un sistema ormai
    > vecchio e
    > inadeguato...
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > http://www.youtube.com/watch?v=0uST3taFNfA

    lo scarico del cesso consuma acqua, vorresti gratis pure quella?
  • > lo scarico del cesso consuma acqua, vorresti
    > gratis pure
    > quella?

    Quando piove, sì.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > lo scarico del cesso consuma acqua, vorresti
    > > gratis pure
    > > quella?
    >
    > Quando piove, sì.

    beh non puo` piovere per sempre.
  • Infatti quando piove io riempio tutti i contenitori che posso. Così quando non piove ho ancora l'acqua.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Infatti quando piove io riempio tutti i
    > contenitori che posso. Così quando non piove ho
    > ancora
    > l'acqua.

    se ti soddisfa riciclare l`acqua Perplesso
    io invece preferisco acqua nuova ogni volta.
  • > se ti soddisfa riciclare l`acqua Perplesso
    > io invece preferisco acqua nuova ogni volta.

    Definisci "nuova". Più nuova dell'acqua piovana, dove la trovi? La mia non è riciclata, è conservata.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > se ti soddisfa riciclare l`acqua Perplesso
    > > io invece preferisco acqua nuova ogni volta.
    >
    > Definisci "nuova". Più nuova dell'acqua piovana,
    > dove la trovi? La mia non è riciclata, è
    > conservata.

    ok, il teatrino e` durato abbastanza. non puoi avere gratis qualcosa che e` costato tempo e denaro a qualcun`altro.
  • L'originale è costato tempo e denaro a qualcun altro, e quindi non pretendo di averlo gratis.

    La copia non è costata niente a nessuno, ed è questo che pretendo di avere gratis: una copia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > L'originale è costato tempo e denaro a qualcun
    > altro, e quindi non pretendo di averlo
    > gratis.
    >
    > La copia non è costata niente a nessuno, ed è
    > questo che pretendo di avere gratis: una
    > copia.

    ragioni su concetti che non esistono digitalmente parlando.
    in ogni caso l`artista dovrebbe stabilire un prezzo, diciamo un milione di euro a canzone, ed i provider ripartire questo prezzo sotto forma di tassa, indipendentemente dal numero di copie.
  • > ragioni su concetti che non esistono digitalmente
    > parlando.

    Quali concetti non esisterebbero?

    > in ogni caso l`artista dovrebbe stabilire un
    > prezzo, diciamo un milione di euro a canzone, ed
    > i provider ripartire questo prezzo sotto forma di
    > tassa, indipendentemente dal numero di
    > copie.

    E invece non lo fanno, e se tu vuoi un milione, puoi attaccarti al tram e restare con un pugno di mosche. Nessuno ti ha obbligato a fare quella canzone, e a spendere un milione per farla.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)