Uomini MS studiano Linux e Java

Microsoft ha confermato che quasi 150 dei suoi consulenti in tutto il mondo riceveranno una formazione adeguata per comprendere a fondo due dei rivali del gigante di Redmond

Redmond (USA) - Dal quartiere generale di Microsoft partirà nelle prossime settimane, diretto alle sedi di mezzo mondo, un ordine speciale che ha lo scopo dichiarato di consentire all'azienda una valutazione approfondita di tutto ciò che riguarda le due tecnologie rivali più pericolose per Microsoft: Linux e Java.

Avendo ben appreso il principio "Conosci il tuo nemico", circa 140 consulenti dell'azienda nelle diverse sedi si sottoporranno ad una formazione specializzata nella piattaforma Sun e nei meandri del sistema operativo open source.

L'idea, stando a quanto dichiarato a Vnunet dal communication manager di Microsoft Larry Meadows è di far sì che "i nostri consulenti siano formati al meglio nelle tecnologie concorrenti, incluso Linux e J2EE, al fine di essere preparati nel modo migliore quando consigliano i clienti e raccomandano prodotti e tecnologie Microsoft".
Secondo Microsoft, l'idea dei consulenti preparati in Linux e Java non rappresenta una grossa novità in quanto fa parte della filosofia dell'azienda, secondo Meadows, "capire a fondo tutti i prodotti della concorrenza che i nostri clienti possono voler considerare".
62 Commenti alla Notizia Uomini MS studiano Linux e Java
Ordina
  • M$ non si dimentichi che se prova a copiare software sotto GPL questo software dovrà andare sotto GPL. Incredibile ma vero, faranno il gioco del software libero, o è solo una mossa studiata a tavolino? Chi vuole studiare sw libero lo fa per migliorarlo, non per acquistarlo e tenerselo in cassaforte.
    non+autenticato
  • > M$ non si dimentichi che se prova a copiare
    > software sotto GPL questo software dovrà
    > andare sotto GPL. Incredibile ma vero,
    > faranno il gioco del software libero, o è
    > solo una mossa studiata a tavolino? Chi
    > vuole studiare sw libero lo fa per
    > migliorarlo, non per acquistarlo e tenerselo
    > in cassaforte.

    ma dove sta scritto che vogliono copiare il codice GPL?
    e soprattutto, dove hai letto che stanno studiando i sorgenti di linux???
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > ma dove sta scritto che vogliono copiare il
    > codice GPL?
    > e soprattutto, dove hai letto che stanno
    > studiando i sorgenti di linux???

    E' la solita paranoia del peracottaro... si sente il mondo intero contro...


    Zeross
    1303

  • - Scritto da: Zeross
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > ma dove sta scritto che vogliono copiare
    > il
    > > codice GPL?
    > > e soprattutto, dove hai letto che stanno
    > > studiando i sorgenti di linux???
    >
    > E' la solita paranoia del peracottaro... si
    > sente il mondo intero contro...
    >
    >
    > Zeross

    veramente era una risposta alla post precedente... cerchiamo di non essere imprecisi e volontariamente faziosi..
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > M$ non si dimentichi che se prova a copiare
    > software sotto GPL questo software dovrà
    > andare sotto GPL. Incredibile ma vero,
    > faranno il gioco del software libero, o è
    > solo una mossa studiata a tavolino? Chi
    > vuole studiare sw libero lo fa per
    > migliorarlo, non per acquistarlo e tenerselo
    > in cassaforte.

    Sbagliato....

    Se prendo il codice di apache, lo cambio quel che basta e lo ricompilo in close source, chi mi dice che ho copiato il codice?
    Lo disassemblano? oh no, la M$ non permette di disassembloare... e' contrario alla licenza.
    non+autenticato

  • > Sbagliato....
    >
    > Se prendo il codice di apache, lo cambio
    > quel che basta e lo ricompilo in close
    > source, chi mi dice che ho copiato il
    > codice?
    > Lo disassemblano? oh no, la M$ non permette
    > di disassembloare... e' contrario alla
    > licenza.

    hai proprio sbagliato esempio CIIIIIIIII!!!
    apache e' sotto licenza BSD
    per cui si puo' fare

    ma guarda che mi tocca leggere!
    non+autenticato
  • Finalmente capiranno quali sono i punti di forza dei loro concorrenti e (forse) si daranno da fare per rilasciareprodotti VERAMENTE migliori, e non delle mere prese per i fondelli...

    Se poi capiranno che (specialmente nei riguardi degli utenti home) uno dei punti di forza dei loro concorrenti è il basso (o nullo) costo delle licenze, spero che il prossimo prodotto MS destinato al mercato home sia di gran lunga più economico (tanto i soldi possono farli con le aziende alle quali di solito il costo della licenza non importa).
    Adesso la differenza di costo tra WinXP home e pro è ridicola !
    non+autenticato
  • "i nostri consulenti siano formati al meglio nelle tecnologie concorrenti, incluso Linux e J2EE, al fine di essere preparati nel modo migliore quando consigliano i clienti e raccomandano prodotti e tecnologie Microsoft".

    La faccia di tolla non basta più?
    :D

  • > La faccia di tolla non basta più?
    > A bocca aperta

    il problema di chi osteggia la MS spesso e volentieri e' che non conosce a fondo i suoi prodotti.
    Ho visto spesso chi consiglia gli app server java dire di evitare IIS come la peste, perche' e' un gruviera, pieno di bug, insicuro etc etc e poi portarti macchine con su l'app server che si attacca ad IIS per il web...
    quasi penoso...

    Fa bene MS a studiare gli avversari
    conoscerli bene e' il primo modo per capirne i punti deboli e quelli invece in cui e' necessario migliorarsi
    Specie se parliamo di personale commerciale che spesso tecnicamente sta a zero.

    La trovo un'ottima politica e soprattuto un segno di umilta' che non guasta
    Quasi un cambio di rotta oserei dire

    -- Solo gli stupidi non cambiano mai idea --
    non+autenticato
  • Si, ma stiamo parlando di quell'azienda che fino a poco tempo fa diceva di non essere affatto preoccupata da linux perchè tanto è un sistema che non avrà futuro.
    Adesso iniziano a formare gente per poter studiare delle soluzioni da integrare in ambienti dove il cliente ha scelto di adottare linux.
    Vuol dire quindi che di aziende in cui si utilizza linux ce ne sono e che prevedono una crescita di utenza per questo sistema operativo, oppure che fanno studiare della gente perchè non ha niente da fare?

  • > Vuol dire quindi che di aziende in cui si
    > utilizza linux ce ne sono e che prevedono
    > una crescita di utenza per questo sistema
    > operativo, oppure che fanno studiare della
    > gente perchè non ha niente da fare?

    perche' se tu vai a proporre una soluzione basata su windows dove gia' c'e' linux devi sapere dove sei piu' forte e dove invece sei piu' debole

    ciao
    non+autenticato
  • Finalmente anche Microsoft studiando a fondo LINUX imparerà a scrivere SW e SO.
    Basta che no rubi codice Open Source.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Finalmente anche Microsoft studiando a fondo
    > LINUX imparerà a scrivere SW e SO.
    > Basta che no rubi codice Open Source.

    Non è che alla Microsoft vanno sempre in giro a rubare codice....
    Vorrei che tutti visitaste questo sito per rendervi conto che c'è qualcuno che ogni tanto i tasti sulla tastiera li batte: http://research.microsoft.com/
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Finalmente anche Microsoft studiando a
    > fondo
    > > LINUX imparerà a scrivere SW e SO.
    > > Basta che no rubi codice Open Source.
    >
    > Non è che alla Microsoft vanno sempre in
    > giro a rubare codice....

    Solo di quando in quando....

    > Vorrei che tutti visitaste questo sito per
    > rendervi conto che c'è qualcuno che ogni
    > tanto i tasti sulla tastiera li batte:
    > http://research.microsoft.com/

    Pensavo che usassero solo il mouse.....
    Ma forse ti riferisci al fatto che a battere i tasti sulla tastiera in tutta la Microsoft sono solo la quindicina di tizi nella foto sulla destra....

    Ok, ok... non ti scomodare... me la metto da solo....

    Troll   Sorride
    non+autenticato
  • Solo per rendervi noto che
    Microsoft ha una divisione (Microsoft Consulting)
    che si occupa di realizzare progetti presso la grande utenza.
    Questi progetti NON riguardano solo prodotti Microsoft.
    Il più delle volte i prodotti Microsoft devono essere
    integrati con altri prodotti su sistemi operativi diversi,
    database diversi e realizzati con tecnologie non Microsoft.

    Quindi è normale che molto di questo personale venga
    addestrato per avere un sufficiente livello di conoscenza su prodotti non Microsoft.


    non+autenticato

  • > Quindi è normale che molto di questo
    > personale venga
    > addestrato per avere un sufficiente livello
    > di conoscenza su prodotti non Microsoft.

    infatti
    la gente continua a criticare MS perche' hotmail gia ancora in gran parte su BSD, dimenticandosi che MS ha sviluppato hotmail ANCHE su BSD, dimostrando comunque di saperlo fare.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > dimenticandosi che MS ha sviluppato hotmail
    > ANCHE su BSD, dimostrando comunque di
    > saperlo fare.

    Io avevo sempre saputo che la M$ aveva comperato Hotmail gia' fatto&finito ...
    11237

  • > Io avevo sempre saputo che la M$ aveva
    > comperato Hotmail gia' fatto&finito ...

    beh ci hanno aggiunto diverse cose, tipo l'httpmail i filtri antispam, l'integrazione con passport etc. etc.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Io avevo sempre saputo che la M$ aveva
    > > comperato Hotmail gia' fatto&finito ...
    >
    > beh ci hanno aggiunto diverse cose, tipo
    > l'httpmail i filtri antispam, l'integrazione
    > con passport etc. etc.

    LOL ! httpmail veramente sarebbe il motivo per cui hotmail è nato e diventato famoso, ma va beh...
    non+autenticato

  • > LOL ! httpmail veramente sarebbe il motivo
    > per cui hotmail è nato e diventato famoso,
    > ma va beh...

    no forse non sai cosa intendo per httpmail
    non il fatto che la posta la leggi da web, ma che tramite un protocollo basato su webdav, puoi scaricarla da qualsiasi client di posta che lo supporti, senza usare non POP3 ne IMAP
    l'unico client che sono sicuro lo faccia e' outlook express

    capito ora?

    ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    Riallacciandomi al discorso di prima... non dubito che la MS sia in grado di assumere sistemisti Unix... Il punto in questione è che MS avrebbe potuto passare a Win 2000, soprattutto visto che su Hotmail ha dovuto aggiungere delle funzionalità...
    ....
    > no forse non sai cosa intendo per httpmail
    > non il fatto che la posta la leggi da web,
    > ma che tramite un protocollo basato su
    > webdav, puoi scaricarla da qualsiasi client
    > di posta che lo supporti, senza usare non
    > POP3 ne IMAP

    Cazzo che figata... esattamente quello che faceva già POP3....

    Si è inventata semplicemente un nuovo protocollo diverso (e incompatibile) da quelli già esistenti... come ha sempre fatto... e vogliamo scommettere che....

    > l'unico client che sono sicuro lo faccia e'
    > outlook express

    HO VINTO LA SCOMMESSA !!!!!!

    > capito ora?

    L'avevo capito già a suo tempo quando ho mandato a cagare Hotmail per altre caselle di posta alle quali potevo accedere col client che dicevo io, e non con quello che diceva la Microsoft....
    non+autenticato
  • > Riallacciandomi al discorso di prima... non
    > dubito che la MS sia in grado di assumere
    > sistemisti Unix... Il punto in questione è
    > che MS avrebbe potuto passare a Win 2000,
    > soprattutto visto che su Hotmail ha dovuto
    > aggiungere delle funzionalità...
    > ....

    beh non e' proprio una cosa indolore trasferire software che gira su BSD e mantiene 20 milioni di account su un sistema totalmente diverso
    c'e' voluto tempo, ma la migrazione l'hanno quasi interamente completata

    > > no forse non sai cosa intendo per httpmail
    > > non il fatto che la posta la leggi da web,
    > > ma che tramite un protocollo basato su
    > > webdav, puoi scaricarla da qualsiasi
    > client
    > > di posta che lo supporti, senza usare non
    > > POP3 ne IMAP
    >
    > Cazzo che figata... esattamente quello che
    > faceva già POP3....
    >

    no!
    pop3 non supporta nulla di quello che supporta httpmail, se non il fatto che entrambi sono protocolli per la posta elettronica
    Pop3 non penmette accessi contemporanei, non gestisce i folder, non e' integrabile con passport (il principale motivo per cui non e' stato usato imap) e tante altre cose...
    Fare un webmail su unserver che supporti solo pop3 e' praticamente impossibile. Specie se il numero di caselle e' enorme come nel caso di hotmail.
    Dovresti saperlo

    > Si è inventata semplicemente un nuovo
    > protocollo diverso (e incompatibile) da

    no
    httpmail e' basato su webdav (e' un protocollo xml)
    httpmail permette ad MS con un solo protocollo di gestire sia client online (browser web) che client offline (client di posta)

    > quelli già esistenti... come ha sempre
    > fatto... e vogliamo scommettere che....
    >
    > > l'unico client che sono sicuro lo faccia
    > e'
    > > outlook express
    >
    > HO VINTO LA SCOMMESSA !!!!!!
    >    

    ho detto l'unico di cui ho certezza perche' lo uso
    ma ti sarebbe bastato google o una ricerca su sourceforge per scoprire che esistono implementazioni di httpmail praticamente in ogni linguaggio, anche per OSX e linux

    > > capito ora?
    >
    > L'avevo capito già a suo tempo quando ho
    > mandato a cagare Hotmail per altre caselle
    > di posta alle quali potevo accedere col
    > client che dicevo io, e non con quello che
    > diceva la Microsoft....

    dimostri semplicemente di essere prevenuto e anche un bel po' ignorante e/o supponente, visto che non hai fatto neanche lo sforzo di documentarti, ma hai supposto che siccome era una cosa MS fosse chiusa, proprietaria e quindi da evitare.
    La solita chiusura mentale da fedayn.


    ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Riallacciandomi al discorso di prima...
    > non
    > > dubito che la MS sia in grado di assumere
    > > sistemisti Unix... Il punto in questione è
    > > che MS avrebbe potuto passare a Win 2000,
    > > soprattutto visto che su Hotmail ha dovuto
    > > aggiungere delle funzionalità...
    > > ....
    >
    > beh non e' proprio una cosa indolore
    > trasferire software che gira su BSD e
    > mantiene 20 milioni di account su un sistema
    > totalmente diverso
    > c'e' voluto tempo, ma la migrazione l'hanno
    > quasi interamente completata

    Quanti anni ci sono voluti ?

    >
    > > > no forse non sai cosa intendo per
    > httpmail
    > > > non il fatto che la posta la leggi da
    > web,
    > > > ma che tramite un protocollo basato su
    > > > webdav, puoi scaricarla da qualsiasi
    > > client
    > > > di posta che lo supporti, senza usare
    > non
    > > > POP3 ne IMAP
    > >
    > > Cazzo che figata... esattamente quello che
    > > faceva già POP3....
    > >
    >
    > no!
    > pop3 non supporta nulla di quello che
    > supporta httpmail, se non il fatto che
    > entrambi sono protocolli per la posta
    > elettronica
    > Pop3 non penmette accessi contemporanei, non
    > gestisce i folder, non e' integrabile con
    > passport (il principale motivo per cui non
    > e' stato usato imap) e tante altre cose...

    Appunto... l'hai detto...il principale motivo è passport....

    > Fare un webmail su unserver che supporti
    > solo pop3 e' praticamente impossibile.
    > Specie se il numero di caselle e' enorme
    > come nel caso di hotmail.
    > Dovresti saperlo

    Io so che tutti gli altri funzionano benissimo con pop3.

    Hotmail no.

    Il resto sono storie...

    >
    > > Si è inventata semplicemente un nuovo
    > > protocollo diverso (e incompatibile) da
    >
    > no
    > httpmail e' basato su webdav (e' un
    > protocollo xml)

    Da un po' di tempo a questa parte xml è diventato come il prezzemolo...

    Lo usi e un protocollo diventa automaticamente compatibile con tutto....

    > httpmail permette ad MS con un solo
    > protocollo di gestire sia client online
    > (browser web) che client offline (client di
    > posta)

    Bello...

    Quello che non capisco è che tutti gli altri gestori fanno lo stesso. Però si può accedere con POP3....

    >
    > > quelli già esistenti... come ha sempre
    > > fatto... e vogliamo scommettere che....
    > >
    > > > l'unico client che sono sicuro lo
    > faccia
    > > e'
    > > > outlook express
    > >
    > > HO VINTO LA SCOMMESSA !!!!!!
    > >    
    >
    > ho detto l'unico di cui ho certezza perche'
    > lo uso
    > ma ti sarebbe bastato google o una ricerca
    > su sourceforge per scoprire che esistono
    > implementazioni di httpmail praticamente in
    > ogni linguaggio, anche per OSX e linux
    >
    > > > capito ora?

    Guarda... sono pigro... trovami tu un altro client, ovviamente conosciuto e dotato di sufficenti feature, capace di utilizzare la casella di Hotmail.

    > >
    > > L'avevo capito già a suo tempo quando ho
    > > mandato a cagare Hotmail per altre caselle
    > > di posta alle quali potevo accedere col
    > > client che dicevo io, e non con quello che
    > > diceva la Microsoft....
    >
    > dimostri semplicemente di essere prevenuto e
    > anche un bel po' ignorante e/o supponente,
    > visto che non hai fatto neanche lo sforzo di
    > documentarti, ma hai supposto che siccome
    > era una cosa MS fosse chiusa, proprietaria e
    > quindi da evitare.

    Chiuso ? Proprietario ? Mi diresti dove avrei affermato ciò ?
    Ho detto non-standard. Non ho detto chiuso. E fino a quando è supportato da un solo client è non-standard.

    > La solita chiusura mentale da fedayn.

    La solita ignoranza della lingua italiana da win-fedayn

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > Riallacciandomi al discorso di prima...
    > > non
    > > > dubito che la MS sia in grado di
    > assumere
    > > > sistemisti Unix... Il punto in
    > questione è
    > > > che MS avrebbe potuto passare a Win
    > 2000,
    > > > soprattutto visto che su Hotmail ha
    > dovuto
    > > > aggiungere delle funzionalità...
    > > > ....
    > >
    > > beh non e' proprio una cosa indolore
    > > trasferire software che gira su BSD e
    > > mantiene 20 milioni di account su un
    > sistema
    > > totalmente diverso
    > > c'e' voluto tempo, ma la migrazione
    > l'hanno
    > > quasi interamente completata
    >
    > Quanti anni ci sono voluti ?
    >
    > >
    > > > > no forse non sai cosa intendo per
    > > httpmail
    > > > > non il fatto che la posta la leggi
    > da
    > > web,
    > > > > ma che tramite un protocollo basato
    > su
    > > > > webdav, puoi scaricarla da qualsiasi
    > > > client
    > > > > di posta che lo supporti, senza
    > usare
    > > non
    > > > > POP3 ne IMAP
    > > >
    > > > Cazzo che figata... esattamente quello
    > che
    > > > faceva già POP3....
    > > >
    > >
    > > no!
    > > pop3 non supporta nulla di quello che
    > > supporta httpmail, se non il fatto che
    > > entrambi sono protocolli per la posta
    > > elettronica
    > > Pop3 non penmette accessi contemporanei,
    > non
    > > gestisce i folder, non e' integrabile con
    > > passport (il principale motivo per cui non
    > > e' stato usato imap) e tante altre cose...
    >
    > Appunto... l'hai detto...il principale
    > motivo è passport....
    >
    > > Fare un webmail su unserver che supporti
    > > solo pop3 e' praticamente impossibile.
    > > Specie se il numero di caselle e' enorme
    > > come nel caso di hotmail.
    > > Dovresti saperlo
    >
    > Io so che tutti gli altri funzionano
    > benissimo con pop3.
    >
    > Hotmail no.
    >
    > Il resto sono storie...
    >
    > >
    > > > Si è inventata semplicemente un nuovo
    > > > protocollo diverso (e incompatibile) da
    > >
    > > no
    > > httpmail e' basato su webdav (e' un
    > > protocollo xml)
    >
    > Da un po' di tempo a questa parte xml è
    > diventato come il prezzemolo...
    >
    > Lo usi e un protocollo diventa
    > automaticamente compatibile con tutto....
    >
    > > httpmail permette ad MS con un solo
    > > protocollo di gestire sia client online
    > > (browser web) che client offline (client
    > di
    > > posta)
    >
    > Bello...
    >
    > Quello che non capisco è che tutti gli altri
    > gestori fanno lo stesso. Però si può
    > accedere con POP3....
    >
    > >
    > > > quelli già esistenti... come ha sempre
    > > > fatto... e vogliamo scommettere che....
    > > >
    > > > > l'unico client che sono sicuro lo
    > > faccia
    > > > e'
    > > > > outlook express
    > > >
    > > > HO VINTO LA SCOMMESSA !!!!!!
    > > >    
    > >
    > > ho detto l'unico di cui ho certezza
    > perche'
    > > lo uso
    > > ma ti sarebbe bastato google o una ricerca
    > > su sourceforge per scoprire che esistono
    > > implementazioni di httpmail praticamente
    > in
    > > ogni linguaggio, anche per OSX e linux
    > >
    > > > > capito ora?
    >
    > Guarda... sono pigro... trovami tu un altro
    > client, ovviamente conosciuto e dotato di
    > sufficenti feature, capace di utilizzare la
    > casella di Hotmail.
    >
    > > >
    > > > L'avevo capito già a suo tempo quando
    > ho
    > > > mandato a cagare Hotmail per altre
    > caselle
    > > > di posta alle quali potevo accedere col
    > > > client che dicevo io, e non con quello
    > che
    > > > diceva la Microsoft....
    > >
    > > dimostri semplicemente di essere
    > prevenuto e
    > > anche un bel po' ignorante e/o supponente,
    > > visto che non hai fatto neanche lo sforzo
    > di
    > > documentarti, ma hai supposto che siccome
    > > era una cosa MS fosse chiusa,
    > proprietaria e
    > > quindi da evitare.
    >
    > Chiuso ? Proprietario ? Mi diresti dove
    > avrei affermato ciò ?
    > Ho detto non-standard. Non ho detto chiuso.
    > E fino a quando è supportato da un solo
    > client è non-standard.
    >
    > > La solita chiusura mentale da fedayn.
    >
    > La solita ignoranza della lingua italiana da
    > win-fedayn
    >


    visto da fuori questo dialogo sembra svolgersi tra uno che e' competente e documentato ed uno che non e' pratico ma molto prevenuto....

    direi che le figuracce si possono evitare se non si parla a caso su argomenti sui quali non si e' preparati...
    poi, ognuno puo' dire la sua al bar sport...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)