Mauro Vecchio

USA, copyright a martello

Consenso bipartisan intorno alla cyberzarina voluta da Obama. Le autoritÓ a stelle e strisce temono molti nemici del diritto d'autore, in primis la Cina. E qualcuno si spinge fino a proporre misure draconiane

Roma - Che l'amministrazione del Presidente statunitense Barack Obama abbia intrapreso la più aspra delle battaglie contro la pirateria è cosa nota. A guidarla, la nuova zarina del copyright Victoria Espinel, che è di recente tornata a parlare dei vari rischi derivanti dal torrentismo online così come dalla più generica contraffazione di prodotti made in USA.

Ed è proprio quest'ultimo aspetto che le autorità statunitensi hanno sottolineato come urgente, più volte: bisognerebbe inasprire la lotta contro tutti quei paesi che abbiano dimostrato una scarsa (o nulla) propensione alla tutela del diritto d'autore. Una vera e propria orda di nemici, che l'amministrazione di Obama ha tutta l'intenzione di allontanare.

Obiettivo primario la Cina, che - a detta dell'International Intellectual Property Alliance - sarebbe stata responsabile di perdite pari a 3,5 miliardi di dollari nell'anno 2009. Soldi ovviamente persi dall'industria del copyright a stelle e strisce, a causa della pirateria di musica, film e software.
Stanare il mercato parallelo cinese sarà quindi una delle priorità per Espinel, almeno secondo le dichiarazioni rese nel corso di una recente seduta della sottocommissione agli Affari Esteri della House of Representatives. Una riunione che ha avuto un successo bipartisan, con il repubblicano Ted Poe a spingersi fino agli estremi confini della tutela del diritto d'autore.

In sostanza, secondo Poe, tra le nuove previsioni anti-pirateria dovrebbe essercene una in particolare che negherebbe il visto a studenti e turisti provenienti da stati non certo noti per la caccia ai cattivoni del P2P e della contraffazione. Per qualche rappresentante, l'approccio fin qui adottato dalla cyberzarina sarebbe fin troppo morbido. Un martello dovrebbe cadere presto sulla pirateria di prodotti e contenuti a stelle e strisce.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, la cyberzarina contro i sudditi del P2PPubblicato un piano strategico per la lotta allo sharing. Ma si Ŕ parlato di fair use. Dubbi invece sulla possibile applicazione delle disconnessioni. Il governo potrebbe non collaborare con telco come AT&T
  • AttualitàUSA: ecco i cattivi del copyrightPubblicato il report annuale che fotografa la tutela globale della proprietÓ intellettuale. Osservati speciali, Cina e Canada. Richiami alla Spagna e all'Italia, nonostante il sequestro della Baia
  • AttualitàSe il file sharing è desertificazionePubblicato l'ultimo rapporto dell'industria del disco sull'andamento del mercato della musica digitale nel 2009. Nazioni come la Spagna rischierebbero un vuoto creativo per colpa di legislatori negligenti
13 Commenti alla Notizia USA, copyright a martello
Ordina
  • ...il pericolo viaggia sul DHT! Rotola dal ridere
  • FINALMENTE !!
    Si stanno accorgento che mentre qui noi paghiamo per l'ecosotenibilità, marchi, tracciabilità del prodotto, qualità, ecc.....
    in Cina copiano e BASTA !!!??? Mettendo in ginocchio un'economia MONDIALE !??
    Aumentate i dazzi su tutto del 30-40% vedrete come si ritorna a lavorare qui in Europa !
    Fate un paragone: per esportare qualcosa in Cina si paga il 57% di dazio, per la serie NON TI FACCIO ENTRARE !
    Ahh se anche i nostri politici aprissero gli occhi anzichè solo le tasche !
    :S
    TUX
    non+autenticato
  • L'economia protezionista non ha mai funzionato, ed è sempre stata nociva per tutti.
    non+autenticato
  • > L'economia protezionista non ha mai funzionato,
    > ed è sempre stata nociva per tutti.

    Il liberismo ai massimi livelli invece funziona solo se le regole sono eguali per tutti (es: normative anti inquinamento, diritti dei lavoratori, ecc...)
    Essendo la Cina uno stato sovrano, questo non glielo si può certo imporre, per cui il mercato risulta falsato a causa dell'enorme offerta di milioni di prodotti a basso prezzo (ma di qualità spesso scadente), ottenuti a scapito dei minimi diritti dei lavoratori. Non parliamo poi di materiali nocivi che capita spesso di trovare anche nei giocattoli per bambini o nei tessuti spacciati per 'naturali' (vernici al piombo et similia)...
    non+autenticato
  • ESATTO !
    :)

    - Scritto da: bubu
    > > L'economia protezionista non ha mai funzionato,
    > > ed è sempre stata nociva per tutti.
    >
    > Il liberismo ai massimi livelli invece funziona
    > solo se le regole sono eguali per tutti (es:
    > normative anti inquinamento, diritti dei
    > lavoratori,
    > ecc...)
    > Essendo la Cina uno stato sovrano, questo non
    > glielo si può certo imporre, per cui il mercato
    > risulta falsato a causa dell'enorme offerta di
    > milioni di prodotti a basso prezzo (ma di qualità
    > spesso scadente), ottenuti a scapito dei minimi
    > diritti dei lavoratori. Non parliamo poi di
    > materiali nocivi che capita spesso di trovare
    > anche nei giocattoli per bambini o nei tessuti
    > spacciati per 'naturali' (vernici al piombo et
    > similia)...
    non+autenticato
  • Behh non sono dello stesso parere !
    Vedi l'Australia !!
    Crisi: 0
    Disoccupazione: 0000

    Non intendevo protezionismo cmq ma di sicuro tra non molto tutto il mondo sarà R.O.C. (Republic Of Cina) ormai le conquiste di stati non si fanno mica più con le guerre !!
    :S
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mr. TUX
    > Behh non sono dello stesso parere !
    > Vedi l'Australia !!
    > Crisi: 0
    > Disoccupazione: 0000

    Solo perchè hanno una popolazione ridotta.

    >
    > Non intendevo protezionismo cmq ma di sicuro tra
    > non molto tutto il mondo sarà R.O.C. (Republic Of
    > Cina) ormai le conquiste di stati non si fanno
    > mica più con le guerre
    > !!
    >Perplesso

    Infatti: per non essere schiacciati dai cinesi, dovremo imparare a lavorare ai loro ritmi... oppure rifilare loro tutti i nostri sindacati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > - Scritto da: Mr. TUX
    > > Behh non sono dello stesso parere !
    > > Vedi l'Australia !!
    > > Crisi: 0
    > > Disoccupazione: 0000
    >
    > Solo perchè hanno una popolazione ridotta.
    >
    > >
    > > Non intendevo protezionismo cmq ma di sicuro tra
    > > non molto tutto il mondo sarà R.O.C. (Republic
    > Of
    > > Cina) ormai le conquiste di stati non si fanno
    > > mica più con le guerre
    > > !!
    > >Perplesso
    >
    > Infatti: per non essere schiacciati dai cinesi,
    > dovremo imparare a lavorare ai loro ritmi...
    > oppure rifilare loro tutti i nostri
    > sindacati.


    ESATTAMENTE !!!
    :)
    Io cmq mi stò preparando la mia via di fuga all'estero.... non tanto epr me ma per i miei figli !
    Auguri a tutti !!!
    non+autenticato
  • 3,5 millemila miliardi di milioni di dollari... numeri che fanno girare la testa...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fetente
    > 3,5 millemila miliardi di milioni di dollari...
    > numeri che fanno girare la
    > testa...


    Cifra comunque inventata e poi gonfiata a dismisura, sia perchè sono perdite "immaginarie" (chissà se non ci fosse stata la pirateria se quei soldi sarebberò davvero entrati) e sia perchè ha fare la statistica è un ente che ovviamente non è neutrale ed ha tutto da guadagnare nel gonfiare le cifre...
    E' un po come quando Berlusconi dice di avere il 125% dei consensi degli italiani grazie agli elettori dell'avamposto lunare e della colonia di Marte...
    non+autenticato
  • Si aggrappano a questo perchè sono in decadenza. Un embargo dalla cina danneggerebbe ormai più loro che la cina.
    non+autenticato
  • Anche perché gli americhesi sono talmente indebitati con la Cina che non possono alzare la cresta più di tanto.
    non+autenticato
  • Ma dai ma poi che misura è quelal di negare i visti...per gli stati che non combattono il P2P??? Maddai sono ridicoli.
    Capisco essere "titubanti" verso stati che appoggiano il terrorismo internazionale, creano scompiglio internazionale, sono una minaccia per la pace nel mondo ma viprego engare il visto per non contrastare il P2P mi farebbe quasi sorridere...se non fosse che ahimè potrebbe diventare realtà.

    Buffoni, tanto non me ne faccio nulla dei vostri plasticoni di film in 3D e dei vostri film d'animazione che non valgono una cicca
    non+autenticato