Claudio Tamburrino

Google, strano estremo oriente

I servizi di BigG blocati giovedý notte in Cina. Scattano le ipotesi, silenzio da Pechino e proteste da Mountain View. Ma era tutto un malinteso

Roma - Giovedì scorso Google è risultato per qualche ora bloccato in Cina: tanto è bastato per lanciare l'allarme e avviare un susseguirsi di ipotesi sospese tra il temporaneo disservizio tecnico e l'azione offensiva del Governo cinese.

Il motore di ricerca, Immagini, Google News e advertising, sembra infatti che non fossero accessibili dalla Cina e rimandavano ad una versione del sito con base ad Hong Kong. Addirittura bloccati completamente (cioè ad un livello compreso tra il 67 e il 100 per cento) secondo il servizio di monitoraggio di Google.

I rapporti non certo idilliaci tra le due parti in causa non hanno poi permesso di chiarire subito la questione. E alla fine potrebbe essersi trattato solo di un malinteso: Pechino non esprimeva nessun commento, mentre Google dichiarava che i suoi servizi in Cina fossero stati bloccati. Per poi, tuttavia, affermare due ore dopo che non vi era stato nessun blocco totale e che i servizi erano normalmente disponibili.
L'incomprensione, ha poi spiegato Mountain View, dovrebbe essere stata provocata dal sistema di valutazione dei blocchi implementato da Google per monitorare la situazione cinese dopo i fatti di gennaio: "╚ possibile che abbiamo sovrastimato un piccolo blocco occorso durante la notte".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle, compromesso alla cantonese?Pechino si mostra soddisfatta dell'atteggiamento mostrato da Mountain View per il rinnovo della licenza. BigG eviterÓ i collegamenti a contenuti pericolosi e farÓ scegliere agli utenti se trasferirsi ad Hong Kong. Nel mirino ora c'Ŕ Baidu
  • AttualitàCina, addio all'anonimato in Rete?Secondo nuove disposizioni delle autoritÓ di Pechino per usufruire di certi servizi web bisognerÓ sottostare ad un sistema di identificazione. Mentre il software Green Dam langue dopo il taglio dei fondi
  • AttualitàGoogle, una nuova licenza cinese?Secondo indiscrezioni, le autoritÓ di Pechino avrebbero garantito a BigG la possibilitÓ di operare almeno fino al 2012. Ma Mountain View smentisce: quella sulla homepage di Google.cn sarebbe l'attuale licenza ICP. Scaduta