Acer e il netbook dei compromessi

L'Aspire One D255 si presenta al Taipei Show con doppio sistema operativo, XP e Android. Ma lascia a casa il processore dual core annunciato inizialmente

Roma - Windows XP e Google Android si divideranno l'hardware del D255 ma senza il bisogno di scomodare l'Atom Dual Core N550. Alla fine, il nuovo netbook da 10 pollici della serie Aspire One sembra aver fatto a meno del doppio processore studiato da Intel appositamente per i mini-notebook, che rimane quindi fermo ai box in attesa di ulteriori sviluppi.

Acer Aspire d255L'Acer Aspire One D255 si è presentato al salone del Taipei Computer Applications Show, con una configurazione decisamente meno ambiziosa che utilizza un più classico, e singolo, processore. Un inspiegabile dietro-front che lascia campo libero a competitor come Asus e HP, già arrivati da tempo sul mercato con i netbook dual core.

Esiste ovviamente la possibilità che questa sia solo una prima versione base del netbook Acer, mai annunciata prima, ma per ora le caratteristiche tecniche ufficiali del D255 sono le seguenti: CPU Atom Pineview N450, 1GB di memoria DDR2, hard disk da 160GB e display da 10 pollici WSVGA LED (BackLight CrystalBrite) con risoluzione a 1024x600. La connettività comprende invece un lettore di schede, WiFi 802.11n, Bluetooth, porta VGA, jack audio, Ethernet e 3 porte USB.
Per quanto concerne l'amministrazione del doppio boot la promessa appare invece più che mantenuta. Il produttore taiwanese perfeziona la strada già proposta dal modello D250, con il più snello Android relegato al ruolo di co-protagonista, specializzato nella gestione dei contenuti Internet e di tutte quelle funzioni che un portatile deve necessariamente gestire in scioltezza. Toccherà ad Android, ad esempio, sostenere l'ASUS Express Gate, il processo che consente di accedere alla rete in pochi secondi dall'accensione, senza dover attendere l'avvio del "vero" sistema operativo.

Il prezzo proposto per il nuovo Acer Aspire One D255, in arrivo nei negozi subito dopo l'estate, orbita intorno ai 300 euro con la possibilità di scegliere tra una batteria da 3 o 6 celle.

Roberto Pulito
24 Commenti alla Notizia Acer e il netbook dei compromessi
Ordina
  • Questo poi è in piena regola: sistema operativo a scelta tra uno vecchio di 10 anni e uno senza alcun software applicativo.
    ruppolo
    33147
  • Beh, se continui a sostenere che macos è unix, è fin troppo facile rispondere che è giovane.....
    Cosa ha XP SP£ che non va su un netbook?
    non+autenticato
  • Non cerchiamo le virgole qui. E' vero che XP è un sisistema operativo che ha 9 anni (sempre meglio della starter che non ti fa cambiare lo sfondo del desktop....) tra l'altro l'interfacci di windows su schermi cosi piccoli è una tortura!
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Rover
    > Beh, se continui a sostenere che macos è unix, è
    > fin troppo facile rispondere che è
    > giovane.....

    Ma io non ho detto che Windows è vecchio (dato che ha 25 anni), ma che Windows XP è vecchio, dato che ha 10 anni.
    Infatti esistono 2 Windows più recenti, Vista e 7.

    > Cosa ha XP SP£ che non va su un netbook?
    Niente.

    Solo che su un computer del 2010 una persona normale gradirebbe avere un sistema operativo del 2010, o al massimo del 2009, non del 2001.
    ruppolo
    33147
  • Bah, se fa quello che deve fare non ci vedo il problema.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    >
    > Solo che su un computer del 2010 una persona
    > normale gradirebbe avere un sistema operativo del
    > 2010, o al massimo del 2009, non del
    > 2001.

    A parte che se integra il service pack 3 sarebbe al massimo del 2008 (vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Windows_XP)
    Ad una persona normale non interessa se il suo SO è l'ultima release o meno. Basta che funzioni (vabbè, windows non è che funzioni sempre benissimo, e questo lo so fin troppo bene!) e soprattutto che sia lo stesso che sa già usare.
    non+autenticato
  • It just works
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo

    > Solo che su un computer del 2010 una persona
    > normale gradirebbe avere un sistema operativo del
    > 2010, o al massimo del 2009, non del
    > 2001.

    Una persona normale vuole qualcosa che funzioni, non un inutile mastodonte che appesantisce inutilmente il PC. Dopo XP Micro$oft ha sfornato solo schifezze.
    non+autenticato
  • non c'ha l'impronta delle chiappe di Stefano Giobbe impresse sopra Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > Questo poi è in piena regola: sistema operativo a
    > scelta tra uno vecchio di 10 anni e uno senza
    > alcun software
    > applicativo.

    Lascia stare, che XP funziona ancora bene a dispetto dell'età...Installare Android su un netbook mi sembra una supercagata, invece...contenti loro!
    non+autenticato
  • - Scritto da: anoMIMO
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Questo poi è in piena regola: sistema operativo
    > a
    > > scelta tra uno vecchio di 10 anni e uno senza
    > > alcun software
    > > applicativo.
    >
    > Lascia stare, che XP funziona ancora bene a
    > dispetto dell'età...

    Anche MS-DOS funziona ancora bene, e funzionerà bene per molti anni ancora. Ma rimane una cosa vecchia, a cui mancano millemila funzioni.

    > Installare Android su un
    > netbook mi sembra una supercagata,
    > invece...contenti
    > loro!

    Ovvio che è una cagata, non esiste software Android per netbook. E non credo esisterà mai, visto che Android è nato e orientato ai dispositivi touch.
    ruppolo
    33147
  • un prodotto mediocre per utenti mediocri
    non+autenticato
  • Un prodotto che non costa molto, di conseguenza....vale quello che costa.
    Direi un prodotto onesto venduto ad un prezzo onesto, insomma.
    Vogliamo parlare di altri marchi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: rover
    > Un prodotto che non costa molto, di
    > conseguenza....vale quello che costa.
    > Direi un prodotto onesto venduto ad un prezzo
    > onesto, insomma.

    il prezzo del prodotto finale equivale circa al prezzo dell'hardware. questo perchè non contiene nessun valore aggiunto

    > Vogliamo parlare di altri marchi?

    spiegati meglio
    non+autenticato
  • > > Vogliamo parlare di altri marchi?
    > spiegati meglio
    ogni riferimento alla mela cotogna è puramente casuale
    non+autenticato
  • Contenti loro, di pagare per esporre un marchio ...