Claudio Tamburrino

Bastardi senza veli

Wolfenstein mostra tutto il suo codice diventando software libero: uccidere nazisti è anche una questione di licenza. iD Software mantiene le promesse al QuakeCon

Roma - Wolfenstein, uno dei più celebri sparatutto in prima persona per PC, libera il suo codice.

Lo sviluppatore iD Software, al decimo anniversario di QuakeCon, ha annunciato che due titoli della serie Wolfenstein sono stati liberati e messi ora sotto licenza GNU GPL.

I titoli passati alla licenza per software libero sono Return to Castle Wolfenstein (del 2001) e Wolfenstein: Enemy Territory (del 2003), che possono ora essere scaricati con i sorgenti, come prescrive la licenza GPL, liberamente.
L'iniziativa, in realtà, era già stata promessa da un anno, ma la recente fusione della iD Software con la software house ZeniMax ha allungato i tempi.

Ora starà agli utenti smanettoni, se vorranno dedicargli il proprio tempo, trovare le possibili aggiunte e modifiche per apportare nuovi livelli e esperienze di gioco, come già fatto in passato con altri titoli del produttore: a essere già liberi da cinque anni sono Wolfenstein 3D e Quake 3: Arena. Su quest'ultimo si basano anche i due nuovi titoli passati alla licenza GPL.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
29 Commenti alla Notizia Bastardi senza veli
Ordina
  • Questo e il pregior titolo su PI...
    Tamburino, ho capito che vuoi attirare lettori ma con queste maniere. Insomma...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > Questo e il pregior titolo su PI...
    > Tamburino, ho capito che vuoi attirare lettori ma
    > con queste maniere.
    > Insomma...

    Per una volta che non fanno un articolo su iPad o iPhone, ben venga..
    non+autenticato
  • - Scritto da: gianluca
    > - Scritto da: Nome e cognome
    > > Questo e il pregior titolo su PI...
    > > Tamburino, ho capito che vuoi attirare lettori
    > ma
    > > con queste maniere.
    > > Insomma...
    >
    > Per una volta che non fanno un articolo su iPad o
    > iPhone, ben
    > venga..

    Peccato perché Carmack in quell'occasione aveva mostrato Rage andare sull'iphone
    http://kotaku.com/5611523/id-unleashes-rage-on-the...
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > - Scritto da: gianluca
    > > - Scritto da: Nome e cognome
    > > > Questo e il pregior titolo su PI...
    > > > Tamburino, ho capito che vuoi attirare lettori
    > > ma
    > > > con queste maniere.
    > > > Insomma...
    > >
    > > Per una volta che non fanno un articolo su iPad
    > o
    > > iPhone, ben
    > > venga..
    >
    > Peccato perché Carmack in quell'occasione aveva
    > mostrato Rage andare
    > sull'iphone
    > http://kotaku.com/5611523/id-unleashes-rage-on-the

    Si ma intanto l'antenna non va.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Formalmente Errato
    > - Scritto da: anonimo
    > > - Scritto da: gianluca
    > > > - Scritto da: Nome e cognome
    > > > > Questo e il pregior titolo su PI...
    > > > > Tamburino, ho capito che vuoi attirare
    > lettori
    > > > ma
    > > > > con queste maniere.
    > > > > Insomma...
    > > >
    > > > Per una volta che non fanno un articolo su
    > iPad
    > > o
    > > > iPhone, ben
    > > > venga..
    > >
    > > Peccato perché Carmack in quell'occasione aveva
    > > mostrato Rage andare
    > > sull'iphone
    > >
    > http://kotaku.com/5611523/id-unleashes-rage-on-the
    >
    > Si ma intanto l'antenna non va.

    Pare che a settembre la apple non darà più le protezioni, ha un'altra soluzione. Ti danno l'iphone4 e insieme un nokia da 50 euro per fare le telefonate.
    non+autenticato
  • Fantastico, puoi chiamare mentre continui a leggere le news di PI
    non+autenticato
  • Oppure a scelta ti danno l'IPhone con un guanto di gomma per la mano destra o sinistra a scelta, perchè così l'iphone non viene coperto da una brutta custodia e il problema è risolto comunque.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Oppure a scelta ti danno l'IPhone con un guanto

    oppure lo chiamano i(non)Phone.
  • - Scritto da: gianluca
    > Per una volta che non fanno un articolo su iPad o
    > iPhone, ben
    > venga..

    Non mi lamento del contenuto ma del titolo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > - Scritto da: gianluca
    > > Per una volta che non fanno un articolo su iPad
    > o
    > > iPhone, ben
    > > venga..
    >
    > Non mi lamento del contenuto ma del titolo!

    Ma sei vissuto sotto un sasso o cosa? A bocca storta Ma come si fa a non aver mai sentito parlare di quel film?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > Questo e il pregior titolo su PI...
    > Tamburino, ho capito che vuoi attirare lettori ma
    > con queste maniere.
    > Insomma...

    In Wolfenstein uccidi i Nazisti giusto?
    E questi cosa fanno? http://it.wikipedia.org/wiki/Bastardi_senza_gloria

    Dai si capisce che il titolo è una citazione Occhiolino
  • Non è che sia una notizia così sconvolgente. Tutti e due questi software sono basati sullo stesso motore, che poi è quello di Q3 con (immagino) poche modifiche. Sarebbe mooolto più iteressante se la ID avesse rilasciato anche le texture e i modelli 3D, tutti liberamente riutilizzabili e modificabili, oltre al codice del gioco. Ma non credo che accadrà.
  • - Scritto da: massimowski
    > Non è che sia una notizia così sconvolgente.
    > Tutti e due questi software sono basati sullo
    > stesso motore, che poi è quello di Q3 con
    > (immagino) poche modifiche. Sarebbe mooolto più
    > iteressante se la ID avesse rilasciato anche le
    > texture e i modelli 3D, tutti liberamente
    > riutilizzabili e modificabili, oltre al codice
    > del gioco. Ma non credo che
    > accadrà.

    Un passo alla volta... sarebbe gia qualcosa se il software (in questo caso i giochi) con piu di X anni, dato che ormai non vende assolutamente piu se non i 5 euro del dvd nella cassa delle offerte al supermercato, venisse rilasciato sotto GPL...

    Il mondo Open ne trarrebbe vantaggio, poichè potrebbe esplorare ed espandersi nella direzione del gaming, e le sw.house produttrici di videogames potrebbero avere cosi un ritorno da cio che il mondo open "studia" avendo a costo zero idee per i loro futuri prodotti...
    non+autenticato
  • Non avendo la possibilità di collegamento chiedo solo una gentilezza (se possibile)...
    Chiedo la conferma se dal link http://www.fileshack.com/ inserito nell'articolo è possibile scaricare i giochi funzionanti.
    Ringrazio tutti coloro che mi risponderanno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Urca
    > Non avendo la possibilità di collegamento chiedo
    > solo una gentilezza (se
    > possibile)...
    > Chiedo la conferma se dal link
    > http://www.fileshack.com/ inserito nell'articolo
    > è possibile scaricare i giochi
    > funzionanti.
    > Ringrazio tutti coloro che mi risponderanno.

    Per W.Enemy Territory ti posso confermare che era gratuito anche prima che fosse rilasciato sotto licenza GPL
    non+autenticato
  • - Scritto da: Urca
    > Non avendo la possibilità di collegamento chiedo
    > solo una gentilezza (se
    > possibile)...
    > Chiedo la conferma se dal link
    > http://www.fileshack.com/ inserito nell'articolo
    > è possibile scaricare i giochi
    > funzionanti.
    > Ringrazio tutti coloro che mi risponderanno.

    Rilasciare i sorgenti non significa distribuire il gioco gratuito...come si fa a non capire questo?

    I sorgenti di un gioco non sono il gioco.
    Il gioco si compone anche dei livelli, delle texture, dei modelli, suoni, filmati, ecc ecc. Questa roba non è stata rilasciata e, a meno che non lo fosse già prima come per Enemy Territory, non lo saranno.
  • - Scritto da: Formalmente Errato
    > Un passo alla volta... sarebbe gia qualcosa se il
    > software (in questo caso i giochi) con piu di X
    > anni, (...) venisse rilasciato sotto
    > GPL...
    >
    > Il mondo Open ne trarrebbe vantaggio, poichè
    > potrebbe esplorare ed espandersi nella direzione
    > del gaming, e le sw.house produttrici di
    > videogames potrebbero avere cosi un ritorno da
    > ciò che il mondo open "studia" avendo a costo
    > zero idee per i loro futuri prodotti...

    Non sono più nel giro della programmazione (gestionale) da tanti anni, ma consentimi di dubitare che dallo studio di codice sorgente vecchio 5 / 10 anni ci sia molto da imparare. Il vero vantaggio è un possibile porting su altre piattaforme, non conveniente per le aziende visto l'inesistente ritorno economico, ma alla portata di bravi appassionati.

    Le idee, invece, servono soprattutto nel design del videogioco. Non è dallo studio del vecchio codice sorgente che il mondo Open può proporre idee valide per i futuri prodotti di mercato.
    Al massimo avrà disponibile da reclutare qualche programmatore in più che si è fatto le ossa sui vecchi classici.

    Poi ci sono i nostalgici che plauderanno all'idea di giocare a Wolfstein su iPhone o Android, ma resta il dubbio di recuperare materiale pensato per una cornice hw diversa. Immaginatevi un glorioso motore d'epoca forzato a funzionare in una moderna auto da competizione. Vantaggi? Parliamone. Sorride
    non+autenticato
  • > Non sono più nel giro della programmazione
    > (gestionale) da tanti anni, ma consentimi di
    > dubitare che dallo studio di codice sorgente
    > vecchio 5 / 10 anni ci sia molto da imparare.

    io nel giro della programmazione NON ci sono mai stato.
    Sui giochi forse no, ma su applicativi gestionali/office dubito che ci siano sconvolgenti novità nell'arco di 5 anni.
    Insomma, se si disassemblasse MS-Word, penso che la base sarebbe la stessa di 10 anni fa (grafica ed ammenicoli a parte).

    Sicuro di quel che dici?
    non+autenticato
  • gia 4 anni per un motore di gioco è preistoria quindi il codice non puo certamente essere utiel se non per scopi didattici
    non+autenticato
  • - Scritto da: coschizza
    > gia 4 anni per un motore di gioco è preistoria
    > quindi il codice non puo certamente essere utiel
    > se non per scopi
    > didattici

    Mah non mi sembra che sia cosi per i vari Unreal Engine.. ok non parlo di giochi di punta ma esce ancora roba basata sul motore di Quake 3.

    E che dire di Source del 2004 ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: coschizza
    > gia 4 anni per un motore di gioco è preistoria
    > quindi il codice non puo certamente essere utiel
    > se non per scopi
    > didattici

    Pur non concordando con le tue idee, ammettiamo che sia come dici, ti pare poco?
    Se qualche giovane programmatore vuole avere una idea di come funziona un motore grafico ed ha la posisbilità di guardare nel codice, tra le altre cose ottimo in relazione al periodo in cui è stato prodotto, sarebbe già una grande cosa.

    E poi, è vero o non è vero che oggi la programmazione è soprattutto riuso?
  • - Scritto da: OldDog

    > Non sono più nel giro della programmazione
    > (gestionale) da tanti anni, ma consentimi di
    > dubitare che dallo studio di codice sorgente
    > vecchio 5 / 10 anni ci sia molto da imparare.

    Vedi permette ai vecchi giochi abbandonati di sistemare un mare di bachi che sono rimasti nell'engine e che nessuno ha potuto sistemare.

    Comunque di innovazione ne portano, dall'engine di quake3 arena è stato ricavato quest'altro engine molto più moderno di nome xreal:
    http://xreal-project.net/

    Il> vero vantaggio è un possibile porting su altre
    > piattaforme, non conveniente per le aziende visto
    > l'inesistente ritorno economico, ma alla portata
    > di bravi
    > appassionati.

    Il porting in genere già c'è stato infatti i giochi della ID in genere girano su Linux.
    non+autenticato