Claudio Tamburrino

Microsoft e Open Source: odi et amo

Le motivazioni restano un mistero, ma da Redmond ora giungono messaggi d'amore alle community un tempo avversarie (o, peggio, nemiche). Chi si ricorda Ballmer dare del "cancro" a Linux alzi la mano

Microsoft e Open Source: odi et amoRoma - Qualche anno fa Steve Ballmer aveva definito Linux "un cancro": ma probabilmente era un contesto diverso quello in cui si muoveva Microsoft e tanto da allora è cambiato, tanto che ora da Redmond arriva una dichiarazione d'amore nei confronti dell'open source.

"Amiamo l'open source" ha riferito in una recente intervista Jean Paoli di Microsoft: una piccola frase che potrebbe rappresentare il completamento di un percorso che dal famigerato anno del "cancro" ha portato Redmond a lavorare (anche se con alti e bassi) sempre di più con l'Open Source e le sue comunità.

Il rapporto conflittuale, che ha spinto per decenni gli osservatori a vedere in Microsoft un Lord Fener pronto a stringere con la Forza la gola delle licenze open, sarebbe d'altronde il frutto - spiegano ora a Redmond - di una fatale incomprensione dei primi tempi: confondere Linux con tutto l'Open Source. Un errore, questo, che col tempo sarebbe stato compreso e superato.
Così, mentre progressivamente si apriva la strada all'open source (anche se nel 2008 Bill Gates ne parlava ancora come di un ostacolo al miglioramento dei software), Redmond manteneva nei confronti del Pinguino sempre una certa ostilità: come quando nel 2007 lo accusava di aver violato 235 brevetti Microsoft.

Nel frattempo, però, Microsoft ha rilasciato parte del suo codice (in particolare attraverso Microsoft Public License), sponsorizzato progetti open source, ha contribuito con alcune linee anche al kernel Linux e ha riconosciuto il valore delle tecnologie miste.

Negli ultimi anni, poi, invece di proseguire le battaglie legali contro Linux, ha ceduto alla community alcuni suoi brevetti.

Chiave di volta del rapporto con l'Open Source il team per le strategie di interoperabilità, che nel corso degli anni si è impegnato all'interno di Redmond con varie iniziative su questo fronte. La nuova visione empatica coincide, tra l'altro, con l'interessamento per le tecnologie cloud based, per la portabilità dei dati e con lo sviluppo di nuovi standard tecnologici. Ma, come insegna il caso OOXML, se son rose fioriranno.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • TecnologiaOracle inchioda OpenSolarisUn memo interno dell'azienda di Redwood ha chiarito buona parte del futuro di OpenSolaris. Che, almeno nella forma finora conosciuta, sembra destinato a sparire
  • TecnologiaBallmer: Linux è outIn una nota, il CEO di Microsoft torna a scagliare frecce contro Linux e a tessere lodi alla sicurezza e alla competitivitÓ di Windows
  • TecnologiaMicrosoft: Linux minaccia la nostra crescitaUn dirigente Microsoft ammette che Linux inizia a far paura anche sul mercato desktop, un settore dove il colosso di Redmond si era sempre sentita inattaccabile. Vera apprensione o sottile retorica?
62 Commenti alla Notizia Microsoft e Open Source: odi et amo
Ordina
  • l'eula è un test dell'intelligenza di zio WILLIAM MAXWELL PACIFICO GATES III eINSTEIN pRIMO.

    dopo che Einstein ha dimostrato l'oltraggio all'intelligenza dell'ufficio brevetti, di fatto sancendo l'assurdità della commercializzazione delle idee, e basta farsi un giro online in quell'ufficio per capire quanto sia frutto dell'ignoranza, e dopo che ibm ha dato segni di colossale ignoranza e pericolo per l'intelligenza del mondo, zio Bill si è preso il diritto di rivalersi sull'ignoranza del mondo, così chi non è in grado di superare il test d'intelligenza di zio Bill, mette il suo portafogli nella disponibilità dello zio, e ibm ne sa qualcosa.

    che l'open source sia un modello più intelligente non ci sono dubbi, e l'open source ha superato, parzialmente, il test di zio bill, altrimenti avrebbe fatto la fine di Beos o della vecchia Netscape, Mozilla dimostra che zio Bill non può nulla se si superano gli schemi imposti all'ignoranza da zio Bill.

    da cui pensate che a Redmond non sappiano che quella via è obbligata già nel medio termine e forse anche nel brevissimo?

    zio Paul ora sventola vecchi brevetti in faccia ad altri abbrevettatori, magari stanno preparando una svolta e mandano all'incasso le ultime cambiali.

    se pensate che winzozz abbia fatto il suo tempo, non vedete che potrebbero adottare altri modelli di business, che certo colla loro intelligenza commerciale studieranno come nessun altro.

    soprattutto zio Bill sa che la sua eula è il bastione su cui poggiano tutte le restrizioni alla libera comunicazione e diffusione del digitale che imbriglia l'intelligenza del mondo alle pretese antistoriche antilogiche e antieconimiche de venditori di fuffa, suoi epigoni senza la sua intelligenza.

    l'open source che supera alcune condizioni imposte da zio Bill, è tuttavia schiavo di quella stessa impostazione, col digitale la tua licenza è sempre fuffa, è una pretesa che si dovrebbe rispettare solo perché scritta sulla carta, quella carta è sempre e comunque fuffa.

    da cui il vantaggio di zio Bill di potere sorpassare lo stesso open source nella schiavitù delle licenze.

    Inoltre, la stessa google, molto avanti in nuovi modelli di business, risolve molte lacune del vecchio modello, ma continua a concentrare intelligenza e ricchezza senza usarla per la parte più debole della popolazione. Ciò esprime intelligenza tecnologica e commerciale ma miopia sulla condizione umana.

    a me non dispiacerebbe - bipersonal - cloni windows linux - struttura linux e windows per il legacy e i giochi, e modelli che distribuiscono risorse e intelligenza alla parte più debole del mondo.

    poi se considerate che zio Mark al confronto con google, gli ha fornito tecnologia avanzatissima ed è tornato con negozietti fuffa di mp3 online, non si ricorda più quanti anni dopo napster, si capisce che zio Mark non è un Maxwell.

    en passant, la tecnologia è barbarica senza cultura.
  • Come da oggetto
    non+autenticato
  • Secondo me il motivo è semplice: Microsoft ha paura della spropositata ascesa di Apple di questi ultimi anni nel mercato internazionale e corre ai ripari dai "vecchi" nemici di un tempo che adesso magicamente offrono l'unica speranza di salvezza al vecchio Bill.
    Sfruttando la "simpatia" verso l'open di molti addetti ai lavori la Microsoft probabilmente spingerà molto in quel senso tentando in tutti i modi di convincere la gente a preferire le loro scelte adesso pure per combattere la filosofia che un tempo era l'arma principale loro, ovvero il commercio sfrenato.
    Sarà la scelta giusta? Come sempre lo mostreranno i fatti... ormai in 20 anni di informatica ho visto che l'unica cosa che davvero conta è la presa sul pubblico e niente più... o Microsoft si inventa qualcosa di nuovo e veramente innovativo (e perchè no: figo) oppure secondo me tra qualche anno sarà quello che un tempo era Apple: ovvero una difficile alternativa.
    non+autenticato
  • E' stato propio il famigerato è odiato The blu Screen of death (la schermata blu della morte)a farmi passare a Linux ed abbandonare Windows!!!
    Alla MS i sofware invece di svilupparli con le mani li sviluppano con i piedi!!!
    non+autenticato
  • Io a linux passai anche per altre ragioni, ormai agli BSOD mi ero abituato... per questo una delle prime cose che installai su Mepis fu questo http://kde-apps.org/content/show.php/Windowslike+-... A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fai il login o Registrati
    > Io a linux passai anche per altre ragioni, ormai
    > agli BSOD mi ero abituato... per questo una delle
    > prime cose che installai su Mepis fu questo
    > http://kde-apps.org/content/show.php/Windowslike+-

    Questa cosa è geniale!!!!!!!! Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
  • Un altro che scrive ciò che gli passa per la testa...
    Che cosa c'entra con l'articolo?
    Cosa ce ne frega se sei passato a Linux? Un altra di quelle discussioni aperte per ottenere delle polemiche a riguardo.
    E come se io cominciassi a scrivere che da quanto Mentadent fa il dentifricio White now sono passato a Colgate Total perché White now è blu. C'entra forse di più con l'articolo che il tuo post e personalmente me ne sbatto altamente di quello che usi/non usi o preferisci.
    non+autenticato
  • se non ti piace la libertà di espressione, vattene in cina Occhiolino
    non+autenticato
  • E vai! Quindi tanto vale scrivere che prima di venire al lavoro mi son preso una pepsi al distributore!
    Ma scusa: che caspita c'entra la libertà d'espressione. Leggi un pò la policy!
    non+autenticato
  • dico solo che "frank" era un pò ot, ma mica molto, in fondo nel suo posto non diceva di aver venduto la yamaha per prendere una honda... se poi tu vuoi solo leggere commenti 100% aderenti all'argomento, forse non sei nel posto giustoOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e congnome
    > Un altro che scrive ciò che gli passa per la
    > testa...
    > Che cosa c'entra con l'articolo?
    > Cosa ce ne frega se sei passato a Linux? Un altra
    > di quelle discussioni aperte per ottenere delle
    > polemiche a
    > riguardo.
    > E come se io cominciassi a scrivere che da quanto
    > Mentadent fa il dentifricio White now sono
    > passato a Colgate Total perché White now è blu.
    > C'entra forse di più con l'articolo che il tuo
    > post e personalmente me ne sbatto altamente di
    > quello che usi/non usi o
    > preferisci.
    E cosa ce ne frega di questa tua risposta polemica?
    non+autenticato
  • - Scritto da: frank
    > E cosa ce ne frega di questa tua risposta
    > polemica?

    Effettivamente hai ragione.
    Aggiungo solamente:
    "
    Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:
    sia in tema e contribuisca alla discussione in corso
    non abbia contenuto razzista o sessista
    non sia offensivo, calunnioso o diffamante
    La redazione con i controlli a campione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.
    "
    (in fondo alla pagina)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > - Scritto da: frank
    > > E cosa ce ne frega di questa tua risposta
    > > polemica?
    >
    > Effettivamente hai ragione.
    > Aggiungo solamente:
    > "
    > Prima di pubblicare un tuo commento assicurati
    > che:
    >
    > sia in tema e contribuisca alla discussione in
    > corso

    > non abbia contenuto razzista o sessista
    > non sia offensivo, calunnioso o diffamante
    > La redazione con i controlli a campione si
    > riserva di cancellare qualsiasi contenuto
    > ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla
    > policy.
    >
    > "
    > (in fondo alla pagina)
    Bravo, copia-incolla lo sai fare, hai letto le istruzioni prima di farlo o sei autodidatta?
    non+autenticato
  • - Scritto da: scrotone
    > Bravo, copia-incolla lo sai fare, hai letto le
    > istruzioni prima di farlo o sei
    > autodidatta?

    Risposta Troll
    non+autenticato
  • Solo pubblicità!!! Niente di vero! Solo giri di parole "da avvocato" per sostenere una tesi inesistente!!!

    Si vergogni!
    mda
    783
  • - Scritto da: mda
    > Solo pubblicità!!! Niente di vero! Solo giri di
    > parole "da avvocato" per sostenere una tesi
    > inesistente!!!
    >
    > Si vergogni!
    E' proprio vero che la qualità degli interventi è direttamente proporzionale al numero di risposte. Nel tuo caso zero risposte. Rifletti.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)