Mauro Vecchio

USA, la tassa sui blog?

La città di Philadelphia impone una speciale licenza a tutti quei residenti che gestiscano attività for profit. Tra questi, anche quei blogger amatoriali che guadagnano pochi dollari in pubblicità

Roma - A raccontare per primo la vicenda è stato il settimanale Philadelphia CityPaper, partendo dal caso di Marilyn Bess, gestore del blog amatoriale MS Philly Organic. Uno spazio online dedicato al vivere eco-sostenibile, i cui ricavi in termini pubblicitari si aggirerebbero intorno ai 50 dollari annui.

In sostanza un hobby, dato il ritmo non certo elevato del traffico orbitante intorno al blog MS Philly Organic. Non dello stesso avviso le autorità cittadine di Philadelphia, che nello scorso maggio hanno chiesto a Marilyn Bess un insolito pagamento. 300 dollari da versare alla città per quella che è stata definita Business Privilege Licence.

Una vera e propria tassa, che i residenti della città statunitense dovrebbero versare se gestori di una qualsivoglia attività for profit. E in questi profitti ricadrebbero persino quei pochi dollari guadagnati attraverso piattaforme come AdSense, da parte di blogger amatoriali come Marilyn Bess.
Per ottenere questa Business Privilege Licence i residenti di Philadelphia dovrebbero quindi versare una cifra che si aggira sui 50 dollari all'anno - o 300 una tantum come proposto alla blogger in questione - per poi pagare le tasse anche su un'ipotetica banconota da 10 guadagnata attraverso la pubblicità sul proprio sito.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, il ritorno dei blogRiaperta su nuovi server la piattaforma di blogging finita nel mirino dei federali per legami con il terrorismo islamico. Il proprietario di Blogetery è così tornato in possesso dei dati relativi ai suoi utenti
  • AttualitàNiente multa per i blogger prezzolatiSmentite le voci che si erano rincorse sui sentieri della blogosfera. Secondo FTC il documento parla solo di principi etici a tutela dei lettori
26 Commenti alla Notizia USA, la tassa sui blog?
Ordina
  • Abbiamo mica dei "nostri" politici che sono emigrati in USA?
    Lo stile... sembrerebbe quello...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ullala
    > Abbiamo mica dei "nostri" politici che sono
    > emigrati in
    > USA?
    > Lo stile... sembrerebbe quello...

    Poi i loro conterranei nel parlamento italiano diranno: "noi facciamo la stessa cosa fatta dall'evoluta America." e il cerchio si chiude.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 agosto 2010 14.49
    -----------------------------------------------------------
  • Be' vi ricordo che in italia stiamo messi anche peggio visto che per mettere Add Sense occorre avere una PIVA e fino a poco tempo fa non esisteno nemmeno quelle a regime minimo.
    Che poi tutti fanno i loro porci comodi mettendo addsense senza e piva e non dichiarino un centesimo di euro senza pagare le tasse è un'altra storia! -_-
  • credo che nel valutare le cose dovremmo avere un po di elasticità, che no esiste piu'. Governa solo il diodenaro.
    ..mbhe non ho idea di quanto possa far guadagnare adsense.
    Correggetemi se mi sbaglio, ma credo che la media sia di una 50ina di euro l'anno per un blog con un discreto numero di visitatori.
    Anche se fossero 200 euro non mi pare tutto questo capitale... una volta fino a 5,000 euro non c'era bisogno di dichiararli. Ora credo che sia cambiata la legge in tal senso vero ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: evilripper
    > Che poi tutti fanno i loro porci comodi mettendo
    > addsense senza e piva e non dichiarino un
    > centesimo di euro senza pagare le tasse è
    > un'altra storia!
    > -_-

    Quelli che in Italia hanno il blog e guadagnano con Adsense probabilmente si contano sulle dita di una mano. Probabilmente quelli più popolari si comprano una pizza con quei soldi.
    non+autenticato
  • Tutti parlano di guadagni ma nessun parla di spese. E' vero che ci sono molti siti che offrono blog gratuitamente, ma è anche vero che se il proprio sito diventa molto trafficato si è praticamente obbligati ad acquistare uno spazio da un provider che garantisca un servizio e una banda decenti.
    Non parliamo poi del costo dell'ADSL stessa, obbligatoria altrimenti i siti come si aggiornano, con la telepatia ?
    In sostanza, 50 dollari di guadagno con AdSense ? Bene, sottraiamo i costi di gestione. A quanto siamo ? Per me sotto zero di un bel po'.
    Se invece siete molto sopra lo zero allora si, è anche giusto pagare le tasse come tutte le attività produttive. Ma chi è che guadagna con un blog ? Nessuno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ospite
    > Tutti parlano di guadagni ma nessun parla di
    > spese. E' vero che ci sono molti siti che offrono
    > blog gratuitamente, ma è anche vero che se il
    > proprio sito diventa molto trafficato si è
    > praticamente obbligati ad acquistare uno spazio
    > da un provider che garantisca un servizio e una
    > banda
    > decenti.

    Se hai un blog su blogspot non mi pare che ci siano problemi di banda quando il traffico ho alto. Ho visto blog essere linkati da slashdot ed erano perfettamente leggibili senza rallentamente.

    > Non parliamo poi del costo dell'ADSL stessa,
    > obbligatoria altrimenti i siti come si
    > aggiornano, con la telepatia
    > ?

    Dai l'ADSL ti serve per tante cose, non è che la prendi per mettere Adsense sul blog. Fra l'altro un blog uno lo può aggiornare anche con un 56k, per mettere del testo e delle immagini non è necessaria tanta banda.


    > In sostanza, 50 dollari di guadagno con AdSense ?
    > Bene, sottraiamo i costi di gestione. A quanto
    > siamo ? Per me sotto zero di un bel
    > po'.

    Come ho detto sopra le spese di gestione se uno vuole le può portare quasi a zero, il problema è che non c'è da guadagnare granché.


    > Se invece siete molto sopra lo zero allora si, è
    > anche giusto pagare le tasse come tutte le
    > attività produttive. Ma chi è che guadagna con un
    > blog ?
    > Nessuno.

    Esatto, almeno in Italia è così. In America probabilmente c'è molta più gente che guadagna, ma non credo che anche lì si faccia chissà che cifre con il blog.
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > Se hai un blog su blogspot non mi pare che ci
    > siano problemi di banda quando il traffico ho
    > alto. Ho visto blog essere linkati da slashdot ed
    > erano perfettamente leggibili senza
    > rallentamente.
    >

    mi sono scappati un po' di errori
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo

    > Quelli che in Italia hanno il blog e guadagnano
    > con Adsense probabilmente si contano sulle dita
    > di una mano. Probabilmente quelli più popolari si
    > comprano una pizza con quei
    > soldi.

    ma infatti io sostengo che il sistema attuale sia assurdo la gente invece di protestare o farsi sentire fa finta di niente bypassando il problema.
  • - Scritto da: anonimo
    > Quelli che in Italia hanno il blog e guadagnano
    > con Adsense probabilmente si contano sulle dita
    > di una mano. Probabilmente quelli più popolari si
    > comprano una pizza con quei
    > soldi.

    Non credo. Sei hai numeri importanti i soldi li fai eccome.

    Da noi ci escono quasi due stipendi al mese, ma siamo ovviamente un TOP Pubblisher, uno di quelli che Google contatta di persona e che cerca di aiutare a monetizzare ancora di più dando tutta una serie di consigli del menga che non aiutano nemmeno un po.

    Fan LinuxFan Apple
  • - Scritto da: FinalCut

    > Non credo. Sei hai numeri importanti i soldi li
    > fai
    > eccome.
    >
    > Da noi ci escono quasi due stipendi al mese, ma
    > siamo ovviamente un TOP Pubblisher


    con partita iva! notare che PI che ha la piva in basso! A bocca aperta

    ciao
  • - Scritto da: evilripper
    > - Scritto da: FinalCut
    >
    > > Non credo. Sei hai numeri importanti i soldi li
    > > fai
    > > eccome.
    > >
    > > Da noi ci escono quasi due stipendi al mese, ma
    > > siamo ovviamente un TOP Pubblisher
    >
    >
    > con partita iva! notare che PI che ha la piva in
    > basso!
    > A bocca aperta
    >
    > ciao


    Si ma sei hai i numeri fai i soldi anche senza partita IVA, cosa cambierebbe?Newbie, inesperto

    Fan LinuxFan Apple
  • > Si ma sei hai i numeri fai i soldi anche senza
    > partita IVA, cosa
    > cambierebbe?Newbie, inesperto

    sto cercando di spiegarti il paradosso che in italia per guadagnare quei soldi onestamente ci vuole la partita iva altrimenti non li puoi dichiarare(è così prova a fare un paio di ricerche con google)e se uno prende quei soldi senza piva vuol dire che sta facendo evasione fiscale.

    Essendo soldi che passano per circuito telematico sono estramamente rintracciabili e se ci sono cifre importanti(ovviamente chi guadagna 200 euro all'anno non compariranno neanche) le probabilità di beccarsi una multa sono alte ergo chi guadagna molto tramite pubblicità su internet ha la partita iva. A bocca aperta

    Se questo stato facesse rientrare il guadagno da servizi pubblicitari nelle normali dichiarazioni dei redditi non sarebbe meglio?
    Questo dico.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 agosto 2010 16.07
    -----------------------------------------------------------