Claudio Tamburrino

Lexmark ha scelto la cartuccia da sparare

Si unisce a HP nella battaglia a suon di brevetti contro le ricariche non originali di inchiostro per le stampanti. Una questione attorno a cui ormai ruota il business di settore

Roma - L'annosa questione delle cartucce per stampanti si arricchisce di una nuova sfumatura: Lexmark si è infatti unita ad HP nella battaglia a suon di brevetti contro i fornitori non ufficiali di inchiostri.

Così come aveva già fatto HP, infatti, Lexmark si è rivolta all'International Trade Commission per chiedere il blocco delle importazioni di cartucce sostitutive di inchiostro per stampanti di 24 aziende straniere. Per non lasciare strade intentate, Lexmark ha portato la questione anche davanti ad un giudice. In entrambi i casi, comunque, alla base della sua richiesta presunte violazioni brevettuali da parte dei concorrenti.

Quella delle cartucce ricaricabili non è solo una questione di colore: dietro ad esse numerose questione di proprietà intellettuale. Dalla composizione degli inchiostri, alla misura e forma dei contenitori funzionalmente legati alla stampante acquistata. Basti pensare che negli ultimi anni le aziende preferiscono abbassare a livelli molto competitivi il costo delle stampanti per poi legare il cliente con la fornitura dei colori.
Questo significa però difendersi dalla concorrenza, argomento finora affrontato a suon di cause legali, di accordi commerciali e di accuse di violazione di proprietà intellettuale.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàStampanti, non buttare la cartuccia!O, almeno, prima controlla quanto è davvero consumata. Nuovi numeri indicano che viene cestinato prima dell'uso effettivo più della metà dell'inchiostro delle cartucce per stampanti. E i produttori lo sanno
  • BusinessCartucce per stampanti, denunciata HPSi punta alla class-action: una singolare denuncia sostiene che il gigante avrebbe stipulato accordi illeciti con un rivenditore USA: 100 milioni di dollari per non fargli distribuire cartucce alternative non originali
  • Diritto & InternetHP nel mirino per le cartucceUn consumatore avvia quella che spera possa diventare una class-action, una denuncia contro HP perché a suo dire le cartucce delle stampanti sono programmate per... morire anzitempo
15 Commenti alla Notizia Lexmark ha scelto la cartuccia da sparare
Ordina
  • ...ho riunciato, uso servizi on line per le stampe delle foto
    e a casa ho una laser economica con cui stampo quei pochi
    documenti in bianco e nero di cui ho bisogno.
    non+autenticato
  • E' giusto il guadagno da prorietà intellettuale e per la ricerca fatta, ma non è logico vendere una stampate a 45 € e poi vendere il ricambio cartucce anche a 45€. Tanto vale riacquistare una stampente nuova che è dotata di cartucce. Ricarica, certo è possibile, ma è anche difficoltosa, talvolta se non si usa molto la stampante si seccano gli ugelli, magari di un solo colore ed allora occorre sostutuirle. O magari cercare qualcuno che ha il "liquido" per sbloccarle...
    Insomma una vera rottura di scatole. Per cui conservo ancora la mia stampante ad aghi NEC, che per la stamba normale va benissimo ed i nastri costano poco e sono pure rinnovabili almeno per una volta.
  • Semplice: con il costo di una sola cartuccia originale di NERO ricarico TUTTI i colori per ben 8 volte: considerando però che durano poco meno, direi che le ricarico 6 volte tutte, al posto di una sola volta il NERO.
    Uso le cartuccia originali, ci mancherebbeSorride .... basta bucarle bene al posto giusto .... ASD
  • Essendo iniziato il periodo del risparmio delle risorse del mondo ... sarebbe il caso che si regolamentasse il costo dei ricambi, in modo da renderli appetibili al acquisto di un prodotto nuovo.
    E per le stampanti siamo lontani anni luce da questa strada, vedendo quanto costa una stampante nuova, che però molte volte ha cartucce a bassa capacità. e quanto costano le cartucce ...
    non+autenticato
  • ... semplice semplice: "le specifiche tecniche dei materiali di consumo destinati ad apparecchiature immesse sul mercato devono essere pubblicate integralmente, svincolate da brevetti e copyright, roproducibili e commercializzabili in regime di libera concorrenza"

    Naturalmente capisco benissimo che i nostri politici, in particolare i "Verdi", preferiscano farsi le p*ppe mentali con i pannelli fotovoltaici anzichè occuparsi di cose concretamente realizzabili.
    non+autenticato
  • bho... basterebbe digitalizzare tutto e non aver bisogno di stampare... io sinceramente stampo si e no 2 pagine all'anno... anche i biglietti aerei e del treno ormai non occorre piu' stamparli...
    Cominciamo a digitalizzare tutte le scartoffie statali e dei tribunali...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fetente
    > ... semplice semplice: "le specifiche tecniche
    > dei materiali di consumo destinati ad
    > apparecchiature immesse sul mercato devono essere
    > pubblicate integralmente, svincolate da brevetti
    > e copyright, roproducibili e commercializzabili
    > in regime di libera
    > concorrenza"

    Ancora piu' semplice: unificare i materiali di consumo, come hanno fatto per gli spinotti dei telefonini.

    Se posso mettere nella stampante il foglio A4 che voglio io (A4 e' un formato unificato) altrettanto ci devo poter mettere la cartuccia di stampa ISO xxxxx.

    I produttori di stampanti ritornino a produrre stampanti e lascino perdere il business degli inchiostri e dei toner.
  • lasciar perdere il businness degli inchiostri equivale a chiudere visto che portano a casa più soldi con quello.

    fai una battaglia per mettere il gasolio agricolo o per uso domestico nell'auto, altrettanto... sei tu che scegli no?
  • infatti ti pelano vivo con le cartucce i toner, con quelle ricaricabili, risparmi non poco.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: lellykelly
    > lasciar perdere il businness degli inchiostri
    > equivale a chiudere visto che portano a casa più
    > soldi con quello.

    Perche' agiscono in regime di monopolio scorretto.
    Se i produttori di stampanti facessero stampanti e i produttori di inchiostri facessero gli inchiostri, senza alcun vincolo, lucchetto, o paletto sia fisico che legale, ciascuno farebbe i soldi che merita di fare, senza approfittare del monopolio.

    Dal loro punto di vista magari sta bene come e' adesso, ma dal mio certamente no.
    Il giorno che qualche produttore di stampanti decidesse di mettere sul mercato stampanti che accettassero ricariche standard e non proprietarie, automaticamente quel modello di stampanti venderebbe a dismisura rompendo il cartello che si e' andato a creare.

    > fai una battaglia per mettere il gasolio agricolo
    > o per uso domestico nell'auto, altrettanto... sei
    > tu che scegli no?

    Dietro ai costi del carburante ci sono imposte e accise statali, non certo margine per i produttori: il paragone non e' fattibile.
  • > I produttori di stampanti ritornino a produrre
    > stampanti e lascino perdere il business degli

    Così le stampanti ritornerebbero a costare una millata di euro, invece di stare sulle 100-200 (quelle costose) ...

    E i consumatori, nello scegliere la stampante dovrebbero prendersi la responsabilità della scelta, invece di andare al supermercato e comprare una stampante nuova ogni volta che finisce la cartuccia (al Saturn una HP multifunzione è fuori a 60 euro, con una cartuccia nero in omaggio) ...

    E che fine farebbero le nostre belle discariche piene di apparecchi ancora nuovi e lucidi (e funzionanti) simboli di un consumismo che ci fa sentire sicuri ed appagati?
  • - Scritto da: eymerich
    > > I produttori di stampanti ritornino a produrre
    > > stampanti e lascino perdere il business degli
    >
    > Così le stampanti ritornerebbero a costare una
    > millata di euro, invece di stare sulle 100-200
    > (quelle costose)
    > ...

    Fai un po' i tuoi conti e poi fammi sapere se e' meglio spendere una millata una tantum e poi ricaricare con pochi cent, oppure comprare stampanti a 70 euro e poi ogni mese altri 70 euro di cartuccia.
    (Anche a livello di inquinamento ambientale fammi sapere che cosa e' meglio).

    > E i consumatori, nello scegliere la stampante
    > dovrebbero prendersi la responsabilità della
    > scelta, invece di andare al supermercato e
    > comprare una stampante nuova ogni volta che
    > finisce la cartuccia (al Saturn una HP
    > multifunzione è fuori a 60 euro, con una
    > cartuccia nero in omaggio)
    > ...

    Una stampante deve stampare.
    Al massimo la scelta puo' dipendere dall'altezza in verticale, come nel mio caso, che ho uno spazio di 35 cm in verticale e ho dovuto prendere una stampantina alta 30.

    > E che fine farebbero le nostre belle discariche
    > piene di apparecchi ancora nuovi e lucidi (e
    > funzionanti) simboli di un consumismo che ci fa
    > sentire sicuri ed
    > appagati?

    Ah, ecco, volevo ben dire!
  • - Scritto da: panda rossa
    > Se posso mettere nella stampante il foglio A4 che
    > voglio io (A4 e' un formato unificato)
    > altrettanto ci devo poter mettere la cartuccia di
    > stampa ISO
    > xxxxx.
    >

    Loro verrebbero a dire che fanno ricerca sugli inchiostri, per determinare la miglior composizione chimica, e che non possono fare ricerca gratis, ergo spuntano i brevetti.
    Ma giustamente...


    > I produttori di stampanti ritornino a produrre
    > stampanti e lascino perdere il business degli
    > inchiostri e dei
    > toner.

    Tutto sommato, sarebbe giusto così. E' il classico problema del contenitore e del contenuto. In un libero mercato, non si dovrebbe permettere queste pratiche di lock-in.
    Però quando capita che Apple faccia il lettore mp3 e poi ti vende la musica da metterci dentro (o i giornali, o i libri, o qualsiasi altra roba), oppure Amazon e B&N ti vendano lettore e-book e libri, tutti ad applaudirle perché ti spacciano la merce a qualche euro in meno. Consegnandosi mani e piedi ai prossimi monopolisti di qualsiasi opera audiofonoletteraria.
  • > ... semplice semplice: "le specifiche tecniche
    > dei materiali di consumo destinati ad
    > apparecchiature immesse sul mercato devono essere
    > pubblicate integralmente, svincolate da brevetti
    > e copyright, roproducibili e commercializzabili
    > in regime di libera
    > concorrenza"

    Ci sono aziende che scaricano sulle ricariche il costo dell'Hardware.
    Io la scriverei così.

    Le stampanti devono possedere un connettore esterno (da inventarsi), per 'aspirare' inchiostri a formulazione Standard da dispositivi conformi allo standard UNI ISO ...

    Questo vuol dire che se voglio usare inchiostri particolari di qualità posso sempre farlo, se voglio risparmiare o semplicemente non trovo più sul mercato le cartucce, posso usare il serbatoio esterno.
  • - Scritto da: paoloholzl
    [CUT]
    > Questo vuol dire che se voglio usare inchiostri
    > particolari di qualità posso sempre farlo, se
    > voglio risparmiare o semplicemente non trovo più
    > sul mercato le cartucce, posso usare il serbatoio
    > esterno.

    eh eh eh... Un po' come faccio io con una tecnica
    particolare... Occhiolino