Mauro Vecchio

RIAA: motori di ricerca contro il P2P

La tutela garantita dal DMCA non sarebbe sufficiente per eliminare il file sharing illecito dalla faccia del web. Parola del presidente Sherman, che ha invitato i search engine ad intervenire attivamente

Roma - Toni più che amareggiati hanno riecheggiato tra i partecipanti dell'ultimo Technology Policy Institute Forum ad Aspen, Colorado. Cary Sherman, presidente della Recording Industry Association of America (RIAA), non è parso affatto soddisfatto delle attuali leggi statunitensi a tutela del copyright.

In particolare del famigerato Digital Millennium Copyright Act (DMCA), che - nelle stesse parole di Sherman - non starebbe regalando ai detentori dei diritti i frutti da loro sperati nell'agguerrita lotta al file sharing illecito.

"Semplicemente, non è possibile monitorare tutte le violazioni che avvengono su Internet - ha spiegato il presidente di RIAA - Non abbiamo le facoltà di andare alla ricerca di tutti quei luoghi dove vengono caricati i contenuti, come ad esempio RapidShare".
Sherman ha quindi sottolineato come i principali provider debbano iniziare a controllare le attività dei propri utenti, e questo non è certamente un obiettivo nuovo per RIAA. Ma non dovrebbero essere solo gli ISP a monitorare, almeno secondo il presidente dell'associazione.

La sorveglianza di certe attività illecite del web dovrebbe infatti essere pane quotidiano per motori di ricerca, piattaforme di pagamento online e inserzionisti. Non dello stesso avviso un product counsel di YouTube, che ha spiegato come le previsioni del DMCA siano perfettamente in linea con le originarie intenzioni del Congresso statunitense.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Diritto & InternetRIAA, consigli a Google e VerizonLa proposta sulla neutralità ha aperto la strada al dibattito: i detentori dei diritti ribadiscono le loro priorità. Associandole alla repressione della pedopornografia
  • AttualitàRIAA difende i propri insuccessiL'organizzazione delle etichette discografiche USA attacca: un fallimento non è tale se lo si guarda dalla prospettiva giusta. L'obiettivo è soprattutto aumentare la consapevolezza tra i fan. Spaventandoli
93 Commenti alla Notizia RIAA: motori di ricerca contro il P2P
Ordina
  • non pensi alla gente che a perso il lavoro, ti fa tanto godere questa cosa .
    il mio augurio e che lo perda' anche tu il lavoro .

    comunque riporti notizie fasulle , il blockbuster a solo ridimensionato i suoi negozi dovuti si alla crisi, ma sopratutto alla pirateria .
  • - Scritto da: tatutati66
    > non pensi alla gente che a perso il lavoro, ti fa
    > tanto godere questa cosa.

    E si, tutti quei maniscalchi, candelai, venditori di ghiaccio rovinati dall'avanzare della tecnica.

    > il mio augurio e che lo perda' anche tu il lavoro.

    Ma magari lui e' in grado di trovarsene un'altro.

    > comunque riporti notizie fasulle , il blockbuster
    > a solo ridimensionato i suoi negozi dovuti si
    > alla crisi, ma sopratutto alla pirateria.

    e affermi che gli altri riportano notizie fasulle senza fornire neanche dei link ?
    Rotola dal ridere
    krane
    22544
  • - Scritto da: tatutati66
    > non pensi alla gente che a perso il lavoro, ti fa
    > tanto godere questa cosa
    > .
    > il mio augurio e che lo perda' anche tu il lavoro
    > .
    >
    > comunque riporti notizie fasulle , il blockbuster
    > a solo ridimensionato i suoi negozi dovuti si
    > alla crisi, ma sopratutto alla pirateria

    Scusa eh, ma scrivere "ha" senza l'h una volta potrebbe anche essere un errore di battitura, ma DUE VOLTE SU DUE no... ma cosa ne diresti di studiare un po' l'italiano?
    non+autenticato
  • - Scritto da: rotfl
    > Scusa eh, ma scrivere "ha" senza l'h una volta
    > potrebbe anche essere un errore di battitura, ma
    > DUE VOLTE SU DUE no... ma cosa ne diresti di
    > studiare un po'
    > l'italiano?

    Lui lavora per Blockbuster, per fare quello basta la 3° elementareA bocca aperta mica come noialtri che a scuola ci siamo andati e abbiamo imparato che la gente quando era stufa del sistema si ribellava a chi quel sistema lo teneva in piedi (due esempi a caso: Rivoluzione Francese e Antifascismo) e le prime teste che cadevano sono proprio quelle di chi quel sistema corrotto lo appoggia.
    Faccio presente che oggi la stragrande maggioranza della popolazione NON appoggia l'attuale sistema di tutela del copyright. E tra questi si annoverano anche gli artisti, che dei diritti vedono solo una piccolissima parte mentre gli editori e gli organismi come la SIAE si mangiano la stragrande maggioranza delle tasse che siamo costretti a pagare senza avere in cambio alcun diritto (perché con la storia che ci sono le protezioni che non si possono scavalcare, sui supporti vuoti possiamo andare a metterci solo Linux, su cui la SIAE non può pretendere alcunché; non vengano a dire che serve per le copie di sicurezza dei nostri originali -quei pochi non protetti-, visto che di quelli abbiamo già comprato gli originali e così facendo abbiamo già pagato i diritti d'autore: il diritto alla copia di sicurezza -se non protetti- ci è già dato automaticamente per legge con l'acquisto del supporto originale)
  • - Scritto da: tatutati66
    > non pensi alla gente che a perso il lavoro,

    Conoscendo l'incompetenza di chi ci lavora, sinceramente non me ne può fregare di meno. Non stiamo parlando di tecnici specializzati. Lavoreranno in un McDonald's, tanto la competenza media è la stessa.
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > - Scritto da: tatutati66
    > > non pensi alla gente che a perso il lavoro,
    >
    > Conoscendo l'incompetenza di chi ci lavora,
    > sinceramente non me ne può fregare di meno. Non
    > stiamo parlando di tecnici specializzati.
    > Lavoreranno in un McDonald's, tanto la competenza
    > media è la
    > stessa.

    ma allora il lavoro non specializzato non conta niente per te , cioe' mi vuoi dire che se uno non e' laureato o diplomato non conta nulla , gente che lavora nei negozi , che fanno i comessi, gli operatori ecologici ecc. non contano nulla.
    mi fai pena.
    per favore non parlare piu' con me.
  • Credo che tu abbia frainteso...

    Il concetto è: se fai un lavoro non specializzato, è più facile riconvertirti ad un altro lavoro.
    Se fai il commesso, e non tratti una merce che richieda competenze specifiche, ti cambia poco vendere dischi o vendere hamburger; passare dal BlockBuster al McDonald non dovrebbe cambiare molto. Quindi, il succo del discorso di Luco è: per i dipendenti BB non è così grave.
  • > ma allora il lavoro non specializzato non conta
    > niente per te

    E yu lo chiami lavoro, noleggiare i dvd? Se a nessuno interessa, non è lavoro.

    > mi fai pena.
    Sei tu che fai pena.

    > per favore non parlare piu' con me.

    Sei stato tu a parlare
    non+autenticato
  • - Scritto da: tatutati66
    > ma allora il lavoro non specializzato non conta
    > niente per te , cioe' mi vuoi dire che se uno non
    > e' laureato o diplomato non conta nulla ,

    Non è gente che ha una competenza specifica può fare qualsiasi lavoro. Lavorando da Blockbuster non diventi un esperto di cinema d'autore e neanche di cinema commerciale. Conoscerai a malapena i titoli. Non ci sono politiche di "aggiornamento" che l'azienda BlockBuster fa fare ai suoi dipendenti. Lo dimostra quella telefonata in cui la tizia di BlockBuster diceva che non si possono ascoltare i CD audio sulla Playstation (uno) perché "si rovina la Playstation"
    http://cicalone.8m.com/ (files chiamati "BlockBuster Help")

    > gente
    > che lavora nei negozi , che fanno i comessi, gli
    > operatori ecologici ecc. non contano
    > nulla.

    Se non è appassionata del proprio lavoro, e riesce quindi ad imparare qualcosa di quello che fa, può fare qualsiasi altra cosa che non richieda specializzazione. Puoi lavorare da Blockbuster ed essere esperto ed in tal caso è effettivamente una perdita se perdi il lavoro. Ma se svolgi le funzioni che svolgerebbe qualsiasi distributore automatico e poco più (prendi il dvd, prendi i soldi, scali la tessera, metti nella busta e consegni) allora hai la stessa "specializzazione" che ha una cassiera (non commessa, che almeno dovrebbe dare informazioni, ma cassiera).

    > mi fai pena.
    > per favore non parlare piu' con me.

    Mi fai pena tu, che non capisci il discorso che ho fatto.
    Non ho parlato di titolo di studio, ho parlato di specializzazione. E quella puoi farla anche sul campo. Ma se svolgi le funzioni di cassiera (perché è quello che fanno i "commessi" di Blockbuster, ne hai mai visto uno che illustrasse qualcosa in giro per il negozio, che spiegasse le funzioni di un blu-ray o mostrasse i giochi di una playstation) allora sei specializzato per fare la cassiera. E quella puoi farla praticamente ovunque, ed è una cosa talmente semplice e banale che se perdi il posto di lavoro e vieni sostituito nessun cliente sentirebbe la tua mancanza. Esattamente lo stesso di un "commesso" di McDonald's. Sono i classici lavori che si fanno gli studenti, ma non comportano un'esperienza da curriculum.
  • Pienamente d'accordo.
    A volte non sanno neanche di cosa parli quando chiedi un titolo..
    E per la cronaca parlo di rainbow six vegas..


    - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > - Scritto da: tatutati66
    > > non pensi alla gente che a perso il lavoro,
    >
    > Conoscendo l'incompetenza di chi ci lavora,
    > sinceramente non me ne può fregare di meno. Non
    > stiamo parlando di tecnici specializzati.
    > Lavoreranno in un McDonald's, tanto la competenza
    > media è la
    > stessa.
    non+autenticato
  • Semplicemente, non è possibile monitorare tutte le violazioni che avvengono su Internet

    Se due persone fumano sotto il cartello divieto di fumare gli fai la multa.
    Se venti persone fumano sotto il cartello divieto di fumare chiedi loro di spostarsi.
    Se duecento persone fumano sotto il cartello divieto di fumare togli il cartello.

    Winston Churchill
    non+autenticato
  • Winston Churchill é morto, e le sue parole sono irrilevanti.

    Una volta TUTTI fumavano: negli uffici, nei bar, dovunque. Ora? La legge lo vieta, e la legge viene applicata. Nonostante ci siano un gran numero di fumatori, la legge viene rispettata. I cartelli rimangono. Ai cartelli si obbedisce. Alla legge si deve obbedienza.

    Vedi che continuare a ripetere una frase senza senso non serve a nulla?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Winston Churchill é morto, e le sue parole sono
    > irrilevanti.
    >
    > Una volta TUTTI fumavano: negli uffici, nei bar,
    > dovunque. Ora? La legge lo vieta, e la legge
    > viene applicata.

    Non è l'effetto della legge, ma delle campagne antifumo.

    A un fumatore incallito avevano detto "guarda che fumare provoca impotenza": lui aveva restituito il pacchetto al tabaccaio, dicendo "non potresti darmi le sigarette normali, che provocano solo il cancro?"
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > Winston Churchill é morto, e le sue parole sono
    > irrilevanti.
    >
    > Una volta TUTTI fumavano: negli uffici, nei bar,
    > dovunque. Ora? La legge lo vieta, e la legge
    > viene applicata. Nonostante ci siano un gran
    > numero di fumatori, la legge viene rispettata. I
    > cartelli rimangono. Ai cartelli si obbedisce.
    > Alla legge si deve
    > obbedienza.

    Quando la legge e' una regola condivisa questa viene rispettata, quando viene imposta dall'alto e usata solo per eliminare qualche elemento scomodo diventa desueta in breve tempo.

    Nel caso del fumo vi era il controllo da parte delle persone e il cancro dall'altra pronto ad abbattersi su fumatori e non fumatori.

    Nel caso della pirateria manca il controllo e non ci sono pericoli per la salute, tanto di chi vede i film pirata che di chi li scarica.

    > Vedi che continuare a ripetere una frase senza
    > senso non serve a
    > nulla?
    Be' certo, Churchill era famoso per sparare frasi senza senso, un po' come un certo primo ministro italiano...

    Rimane il fatto che le leggi "anti pirateria" non sono state votate con il consenso popolare, ma imposte dall'alto tramite azione di lobby.
    Non avranno particolare efficacia finche' non applicate con l'uso della forza.
    Solo che il costo di questa misura sara' di gran lunga superiore a quanto se ne potra' guadagnare.

    Gia' mi immagino i titoli sui principali quotidiani: "Maxiretata antipirateria, 15.000.000 di arresti in tutta italia".

    Mettiti l'anima in pace: chi dovrà cambiare musica non sarà l'anello debole della catena, non stavolta perche' e' quello che tiene il portafogli. Se lo "seghi" hai eliminato il problema, certo, ma anche la tua unica fonte di reddito.

    Salute.

    GT
    non+autenticato
  • A me sembra che si stia dando troppo peso a giochetti di quei debosciati (riaa & co.). O meglio, più che troppo peso, si sta dando peso alla cosa sbagliata. Se mai ci fosse un problema, non è quello di non potere scaricare più musica o film (anche perchè, se anche chiudessero domani tutti i client P2P, con gli Hard-Disk che ci sono in giro adesso.. roba da 1 tera a 50 euro.. se il film non lo hai tu, traqnuillo che lo ha il tuo amico, se chiedi). Al limite si tornerebbe a scambiarsi materiale "di persona", magari con la scusa di andare a trovare l'amico che sappiamo avere "quel" gruppo o "quel" film.
    Semmai ci si deve preoccupare del fatto che, con questo andazzo, potrebbero prenderci un po troppo la mano, lì ai piani alti..
    Non dimentichiamoci che nelle grosse metropoli Europee, ma anche nel resto del mondo "civilizzato" è già pieno di telecamere ovunque, se già non bastassero tutti i tipi di monitoraggio che vengono comunque registrati, dall'uso del telefono cellulare, al bancomat e via dicendo.
    E' da secoli che si cerca di "controllare" le persone. Più esattamente da quando hanno iniziato a girare le banconote (in primis) e da quando quelli che furono piccoli agglomerati, divennero città, metropoli con il tempo.. Anche "l'istruzione" gioca qui un ruolo fondamentale, perchè da quando esiste la comunicazione (intesa come scambio di opinioni, in qualsiasi luogo vi fosse) ha iniziato ad esistere anche una certa preoccupazione da parte di chi, quella comunicazione, avrebbe voluto vederla a senso unico.. Ovvio che adesso, con i computer e la potenza di calcolo cui siamo arrivati, tutto venga immagazzinato.

    E' certo che, questi signori, non danno segno di demordere, e continuano a proporre leggi liberticide.. credo più per paura, che per ferma volontà di "comandare". Loro, la Storia, la conoscono; E anche i soldi. E siccome i soldi li fanni con i numeri, con tante persone, sanno anche che "tante persone" possono essere e diventare una forza. Oggi quella che gli dà i soldi, domani, magari, quella che li manda in rovina.

    Il meccanismo delle rate, per esempio, l'hanno studiato e voluto, così come è, perchè la rate sembra amica del popolo, del lavoratore.. così non ti incazzi ma anzi, puoi essere anche te "come loro".
    Non vedete quanti cojoni ci sono in giro, operai e figli di operai che, siccome adesso anche loro possono avere determinate cose, si comportano di conseguenza.
    Questa non è una critica all'utilizzo in se stesso di un oggetto comprato, o del perchè lo si è preso a rate, ma semmai una critica al fatto che tanti, troppi, si "identificano" in quell'oggetto (o in quella persona) perdendo obiettività, razocinio e rispetto verso gli altri (o il prossimo, se preferite). Le conseguenze le abbiamo, ahimè, sotto gli occhi tutti i giorni. Fate caso (chi almeno ha vissuto quegli anni) alle varie mode, tipo quella dei paninari. Quella moda non poteva durare, ovvio. Costava troppo indossare quei vestiti. Adesso, invece, molto "democraticamente" tutti sono diventati paninari. Delle perfette teste di cazzo, che si atteggiano come fossero grandi uomini.
    E chi produce abbigliamento in generale, ma anche un sacco di altre cose inutili (se non dannose al fisico) lo sa bene. Lo hanno pianificato a tavolino. Produrre/proporre il mio marchio a più persone possibile (riducendo i costi della manodopera; Così come avviene, tanto per fare un'altro esempio, per i call center. Voluti e studiati per allungare i tempi, non accorciarli. Come? Tagliando la manodopera aziendale (i veri tecnici) per sostituirla con gente che ti dice che "il problema è stato segnalato".. e tra quella "gente" (bravi ragazzi, per carità, che cercano solo di tirare avanti) ci sono capitato anche io.

    Ma se noi stiamo qui a pensare a quale software usare per scaricare, mentre quelli "usano" scienziati, dottori, psicologi, politici, militari, servizi segreti ecc... per farci digerire ogni nefandezza di questo mondo, ogni giorno che passa, allora questa guerra, se è una guerra, la abbiamo già persa..
    non+autenticato
  • scusate avevo dimenticato un cosa..

    Aloha!
    non+autenticato
  • ... ah sì, Sherman!!
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    PS peccato che molti non lo conoscano qui da noi, in Italia infatti ha avuto solo un passaggio sull'allora Tele+ bianco (ex Tele+2) terrestre (non criptato). Più facile che han visto la parodia in un episodio dei Simpson.
  • qualche dettaglio ?
    Sgabbio
    26178
  • ...di lottare contro i mulini a vento a spese nostre ? Cornuti e mazziati (noi)!
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)