Authority: sull'ADSL le norme rallentano

In una dichiarazione, uno dei commissari dell'Autorità per le telecomunicazioni sostiene che il ruolo di chi deve imporre regolamenti e procedure può anche arrivare a ostacolare lo sviluppo

Roma - Sull'ADSL e su altri temi centrali delle telecomunicazioni italiane occorre stare attenti al ruolo ricoperto dagli enti regolatori. Un avvertimento che arriva proprio da un commissario dell'Authority per le TLC, Antonio Pilati, secondo cui "il regolatore può fare molto per intralciare e mettere i bastoni tra le ruote allo sviluppo".

Proprio ieri l'Autorità per le comunicazioni ha deciso di rinviare alla prossima settimana il completamento dell'esame dell'offerta commerciale di Telecom Italia. A questo proposito, Pilati ha affermato: "Abbiamo molto ragionato sull'ADSL per bilanciare la possibilità di innovazione offerta da un operatore e la necessità di offrire pari condizioni di mercato. Certo, la competizione va sempre garantita, ma non bisogna dimenticare i tempi dell'innovazione. Bisogna riuscire a trovare un equilibrio in modo che tutti possano saltare sullo stesso treno ma senza che nessuno abbia un vagone riservato".

Il problema dell'offerta commerciale ADSL di Telecom Italia è stato sollevato da più parti, in particolare dall'Associazione dei provider AIIP che a suo tempo ne ha contestato i prezzi.
TAG: adsl