Mauro Vecchio

USA, il patent trolling salverà l'editoria?

Un'azienda di Las Vegas ha acquisito i diritti relativi ai contenuti di alcuni publisher a stelle e strisce. Da lì, denunce a tappeto per blogger e siti, con la possibilità di patteggiare. La reazione di EFF

Roma - Che la crisi dei giornali cartacei rappresenti una delle più difficili sfide al futuro economico dell'editoria è ormai cosa nota. Numerosi publisher a stelle e strisce le hanno ormai provate tutte per strappare il destino dei tradizionali newspaper dalle grinfie di vampireschi motori di ricerca e truffaldini aggregatori di notizie.

Un'insolita iniziativa è stata però portata avanti da parte di una società di Las Vegas chiamata Righthaven LLC. A salvare i giornali dalla catastrofe potrebbe essere una delle strategie legali più controverse, il patent trolling. L'idea è venuta al CEO di Righthaven Steve Gibson, che ha di fatto messo in piedi una vasta campagna d'adesioni, per fare letteralmente razzia di copyright tra i publisher statunitensi.

Questa, in sostanza, la strategia di Righthaven: ottenere il diritto allo sfruttamento di contenuti per poi trascinare in tribunale qualsiasi sito o blogger che abbia ripreso e pubblicato una determinata notizia senza esplicito consenso. Un'iniziativa che ha finora fruttato più di 100 azioni legali, con richieste medie di risarcimento pari a 75mila dollari l'una.
Salvo poi patteggiare con il malcapitato per una cifra che si aggirerebbe intorno ai 5mila dollari. Quella di Righthaven è tuttavia una strategia che pare aver attirato le attenzioni dei publisher a stelle e strisce. Dopo l'adesione di Stephens Media, società con base in Nevada proprietaria del Las Vegas Review Journal, c'è stata quella di WECHO Media, che controlla attualmente quasi 30 quotidiani nello stato dell'Arkansas.

Stando alle cronache, il CEO di Righthaven Steve Gibson ha già raccolto i primi frutti di questa strategia, che non è certo piaciuta agli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF). Consulenza legale è stata offerta a tutti quei blogger capitati nelle grinfie del patent troll che salverà il giornalismo a suon di denunce e patteggiamenti.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàI soliti noti e i soliti sospetti del patent trollingUna società misconosciuta denuncia i grandi della tecnologia colpevoli, a suo dire, di infrangere un brevetto sull'attivazione remota del software. Chiamati in causa anche Apple, Adobe, Microsoft e Sony
  • AttualitàNews, una scialuppa da GoogleLa grande minaccia al futuro del giornalismo dovrebbe essere combattuta in ambito business. Le voglie di regolamentazione legale di FTC dovrebbero placarsi. Almeno secondo BigG
  • AttualitàFTC e il passato del giornalismoIl blogger e professore Jeff Jarvis contro la commissione a stelle e strisce. Si sarebbe schierata dalla parte dei signori delle news per una visione vecchia e chiusa del giornalismo e della sua industria
19 Commenti alla Notizia USA, il patent trolling salverà l'editoria?
Ordina