Claudio Tamburrino

USA, visita di controllo per le App?

Dubbi legati a quelle mediche, FDA si preoccupa del loro influsso nella vita degli utenti. Si pensa a un'approvazione come quella per i farmaci

Roma - La US Food and Drug Administration (FDA), l'organo di controllo su medicinali e cibo a stelle e strisce, starebbe pensando di regolamentare le applicazioni che affermano avere un valore medico disponibili sugli smartphone.

Le applicazioni, spiega l'avvocato specializzato in questioni di sanità Bradley Merrill Thompson, dovrebbe essere considerate alla stregua degli altri strumenti medici e quindi soggetti all'approvazione della FDA.

Ad essere interessate, eventualmente, applicazioni come iStethoscope, che promette di trasformare l'iPhone in uno stetoscopio, o Instant Heart Rate che su Android dovrebbe misurare il battito del cuore. E altre sarebbero in via di sviluppo per risultati ben più invasivi, come le analisi del sangue o l'identificazione della cause della tosse dal rumore che fa.
Un'eventuale procedimento di verifica di queste applicazioni da parte dell'FDA potrebbe rallentare di molto il loro arrivo sul mercato e, di conseguenza, disincentivare il loro sviluppo. Anche perché se a questo si aggiunge l'ancora criptico processo di approvazione di AppStore, cui sono sottoposte le app per i dispositivi con la Mela, potrebbe creare un muro veramente alto da valicare.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàApple: diretta per adeptiLo streaming dell'evento solo per dispositivi con la Mela: il protocollo utilizzato non è stato adottato da altri vendor. Esiste comunque qualche scappatoia
  • TecnologiaiPhone e la torcia connessa Per qualche ora su AppStore è circolata una applicazione molto particolare. Apparentemente si trattava solo di una lampadina virtuale, ma in realtà sapeva fare molto di più
3 Commenti alla Notizia USA, visita di controllo per le App?
Ordina
  • E' completamente sbagliato il sottotitolo. E' già così, che i software medicali sono sottoposti agli stessi controlli dei dispositivi medici, cosi' anche in Europa e altre parti del mondo. Le FDA sta facendo una cernita per vedere quali App classificabili come dispositivo medico non hanno chiesto l'approvazione secondo le regole che già esistono. A mio avviso anche la UE si dovrebbe muovere a questo punto. Non è possibile, come richiamato nell'articolo, che esista un software che dalla voce ti dice la potenziale malattia senza una validazione clinico/scientifica.
    Certo a meno che non sia chiaro all'utente fniale che si tratti di passatempo che lasciano il tempo che trovano.
    non+autenticato
  • E' vergognoso che ci sia gente che scriva paccottiglia di questo tipo spacciandola per esami clinici. E peggio ancora, che Apple che tanto si atteggia a censore per applicazioni che nulla hanno di sbagliato, dia il suo placet a queste robe.

    Poi ci sta che l'utente dovrebbe arrivarci da solo che un telefonino non può fare la diagnosi di una malattia... ma si sa che di utonti ne è pieno di mondo.
  • - Scritto da: JosaFat
    > E' vergognoso che ci sia gente che scriva
    > paccottiglia di questo tipo spacciandola per
    > esami clinici. E peggio ancora, che Apple che
    > tanto si atteggia a censore per applicazioni che
    > nulla hanno di sbagliato, dia il suo placet a
    > queste
    > robe.
    >
    > Poi ci sta che l'utente dovrebbe arrivarci da
    > solo che un telefonino non può fare la diagnosi
    > di una malattia... ma si sa che di utonti ne è
    > pieno di
    > mondo.

    Io lascerei tutto libero così com'è adesso.
    E' la selezione darwiniana: il macaco che si fa del male da solo usando certe app è meno probabile che possa tramandare ai posteri i propri geni della stupiditàCon la lingua fuori
    Dovremmo ringraziarli, per l'evidente miglioramento genetico della specie che ci regalanoCon la lingua fuori
    Funz
    12995