Claudio Tamburrino

Giornalista rapito, SOS via Twitter

Detenuto in Afganistan, sembrerebbe riuscito ad utilizzare il cellulare di uno dei carcerieri. Comunicando la sua sorte e il luogo dove era trattenuto. Ora è libero

Roma - Kosuke Tsuneoka, inviato giapponese in Afganistan e tenuto prigioniero da terroristi, sarebbe riuscito a comunicare la sua sorte e il fatto che fosse vivo via Twitter.

Dopo cinque mesi in cui è stato tenuto prigioniero da membri del gruppo Hizb-e-Islami, la vicenda ha assunto connotati intricati: un secondino sprovveduto avrebbe mostrato al prigioniero il suo Nokia N70 e, non capace di utilizzarne la connessione Internet, avrebbe chiesto aiuto al giapponese.

Tsuneoka a quel punto, approfittando dell'inaspettato mezzo di comunicazione, avrebbe spiegato il funzionamento della connessione e suggerito l'utilizzo di Twitter come mezzo per rintracciare altri giornalisti: nel frattempo, però, ne approfittava per accedere al suo account Twitter e tramite di esso comunicare la propria postazione e lanciare l'SOS.
"Sono ancora vivo, ma in prigione" e "Mi trovo a Kunduz. Nella prigione del comandante Lativ", i due cinguettii. Il fatto che fossero scritti in inglese e che non provenissero dal consueto client utilizzato dal giornalista nelle ore successive alla loro comparsa hanno subito attirato l'attenzione e i dubbi dei suoi follower.

Qualche giorno dopo, si pensa senza alcun collegamento con i cinguettii, le porte di uscita dalla sua prigionia gli sono state aperte per la seconda volta: già nel 2001, in Georgia, era stato rapito. A salvarlo da una fine peggiore, forse il fatto che nel 2000 si sia convertito all'Islam: nessun riscatto sarebbe d'altraparte stato pagato secondo quanto riferito dal Governo giapponese.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàTwitter contro la censuraEvan Williams, fondatore e CEO della piattaforma di microblogging, ha parlato di un piano per sviluppare le tecnologie volte ad aggirare i blocchi della censura. Due casi su tutti: Iran e Cina
  • AttualitàTwitter: c'è tutto un mondo intornoIl servizio è empre più mobile, grazie anche alla proliferazione di applicazioni dedicate. Intanto annuncia l'imminente arrivo del suo servizio di shorturl, destinato probabilmente a collezionare dati importanti