Roberto Pulito

Eye-Fi apre agli sviluppatori

La nota SD con il WiFi integrato si affida alle terze parti per espandere le sue funzioni. A disposizione API per punzecchiare la fantasia dei developer

Roma - Dopo aver ideato la prima scheda di memoria SD in grado di agganciare automaticamente una WLAN o un hotspot WiFi, la californiana Eye-Fi tende un'ulteriore mano a fotografi e videoamatori. La nuova espansione della piattaforma proposta da questo mese consentirà di condividere anche la conoscenza, oltre alle immagini e ai video. Per accedere alle API del progetto Eye-Fi, basterà registrarsi nell'area developer del sito ufficiale.

Nel corso di questi primi anni di vita, la società ha stretto accordi con produttori del calibro di Canon, Nikon, Sony e Pentax, per assicurare una compatibilità totale e gemellare il menù delle SD Eye-Fi con quello delle fotocamere più diffuse. E già esistono applicazioni mirate per iPhone e iPad. Ma se gli sviluppatori di terze parti raccoglieranno questa nuova sfida, l'apertura all'esterno si tradurrà sicuramente in un ricco catalogo di sfiziose utility "collaterali". Del resto, non basta aggiungere una Eye-Fi memory nella fotocamera sprovvista di antenna WiFi per avere il mondo in tasca.

C'è bisogno di supporto costante e di altre applicazioni dedicate alla gestione "creativa" del geotagging, al photo editing online, all'organizzazione e all'esportazione dei contributi. Al momento, ad esempio, l'intrigante sistema consente di caricare le proprie creazioni direttamente sui siti come Flickr, Facebook, Picasa e YouTube. Ma non è ancora possibile inviare questo materiale come allegato di una semplicissima email.
Ricordiamo che il top di gamma delle schede Eye-Fi è al momento rappresentato dalla Pro X2, SDHC da 8GB (e 149 dollari) che già include l'abbonamento con diverse reti di hotspot (USA), la possibilità di risalire alle coordinate geografiche e quella di caricare e le foto direttamente nel pesantissimo formato RAW.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • TecnologiaEye-Fi aggiorna le sue SD wirelessLe nuove schede SD Eye-Fi, capaci di sfruttare una rete WiFi per uploadare foto e video su un computer o un servizio di photo sharing, raddoppiano la capacità dei precedenti modelli e forniscono maggiore velocità
  • TecnologiaLa microSD connettePer rispondere adeguatamente alla fame di Rete, i produttori giapponesi hanno infilato un minuscolo modulo WiFi nelle schede di memoria formato mignon
  • TecnologiaIl WiFi entra nelle fotocamere da dietroUna società americana sta testando una memory card che consentirà di aggiungere funzionalità wireless a tutte le fotocamere dotate di uno slot per memorie SecureDigital. La comodità ha però il suo prezzo
2 Commenti alla Notizia Eye-Fi apre agli sviluppatori
Ordina
  • Da quand'è che il formato RAW è aperto? Al contrario, ogni macchina ha un suo specifico formato, non solo ogni marca, proprio ogni modello. Tant'è che Adobe e compagnia devono aggiornare i propri RAW converter per ogni nuovo modello.
    L'unico formato RAW aperto (che vorrebbe diventare lo standard) è DNG.
    Correggete l'articolo, please.

    By(t)e
    non+autenticato
  • Per formato "aperto" intendevo ancora grezzo e "lavorabile", rispetto ad un file jpg compresso e irrimediabilmente "chiuso".

    Con il "negativo digitale" raw del resto conservi sempre un file modificabile a piacere che però non risente delle modifiche apportate.

    Cmq hai ragione: la definizione può confondere, meglio eliminarlaSorride