Roberto Pulito

Un fondo per il Kno

Nuovi investimenti aiuteranno l'ambizioso tablet dual-screen a entrare in produzione entro l'anno

Roma - Un doppio schermo per battere iPad: è questa la strategia su cui scommette Kno Inc., giovane società californiana che sta portando avanti l'intrigante progetto di Kno, un tablet richiudibile, molto simile al Toshiba Libretto, con due display capacitivi da 14.1 pollici a tecnologia IPS (1440 x 900 l'uno), una memoria da 16GB e un processore Tegra 2 NVIDIA.

Dopo circa sei mesi dal primo annuncio con il prototipo mostrato e altri 46 milioni di dollari scommessi da fiduciosi investitori come Silicon Valley Bank e TriplePoint Capital, il tablet dual-screen sta ora per entrare ufficialmente in produzione.
La startup intende iniziare a spedire il Kno entro la fine del 2010 e proporre il dispositivo soprattutto come e-reader, dedicato agli studenti che non vogliono più sobbarcarsi il peso dei libri cartacei nello zaino. Ma molto probabilmente il double tablet, equipaggiato con un sistema operativo basato su Linux, farà gola anche quei papà che cercano un rimpiazzo per notepad e computer laptop.

Sulla carta, del resto, il prodotto appare potente quanto innovativo, anche se bisognerà attendere i primi approfonditi test sul campo per capire se i nuovi fondi arrivati hanno completamente dissipato i dubbi riguardanti la reattività dell'interfaccia, i fastidiosi crash e la durata (reale) della batteria.
La società di Osam Rashid (fondatore del sito che noleggia libri Chegg.com) conferma in ogni caso che il prezzo di listino del "Knowledge" rimarrà al di sotto dei 1000 dollari.

Roberto Pulito