Claudio Tamburrino

Lavoro ICT, accordo contro gli accordi

Il Dipartimento di Giustizia avrebbe raggiunto con alcune delle pių grandi aziende del settore un accordo che bandisce le clausole di non concorrenza che queste sono solite riconoscersi

Roma - Il Department of Justice (DoJ) degli Stati Uniti ha denunciato (e ha già trovato un accordo extragiudiziale) Google, Adobe, Apple, Intel, Intuit e Pixar per quanto riguarda la loro politica di non competizione in materia di assunzioni.
Tutte queste aziende, infatti, avrebbero stipulato (dal 2005 in poi) accordi incrociati con il medesimo scopo: impedire lo storno, le proposte di lavoro a impiegati di concorrenti diretti, e migliorare i rapporti di lavoro tra le aziende.

Le offerte di lavoro a impiegati di altre aziende concorrenti sono chiamate "cold call", configurano cioè una concorrenza sleale (teoricamente) solo nel momento in cui sono effettuate segretamente o con lo scopo di danneggiare l'avversaria.

In Italia la materia rientra nella fattispecie della concorrenza sleale e trova spazio anche nella disciplina dei segreti industriali (trattati nel codice della proprietà intellettuale) in quanto gli impiegati sono considerati portatori di know how.
Come spiega Google, gli accordi permettono in ogni caso di andare ad attingere presso le risorse lavorative dei concorrenti, purché ciò avvenga attraverso i canali ufficiali, le fiere del lavoro, LinkedIn o quando sono gli impiegati ad autocandidarsi: insomma, ad essere proibite sarebbero solo le proposte fatte alle spalle del diretto concorrente.

Nonostante ciò, il mercato del lavoro ICT sarebbe risultato ingessato eccessivamente, tanto che il DoJ ha ritenuto potesse trattarsi di una pratica anticoncorrenziale e ha avviato un'indagine che è sfociata ora in una denuncia.

Il Dipartimento di Giustizia ha rilevato che dal 2006 Apple e Google hanno stipulato accordi di "Not Call" (non interferenza in materia di assunzioni), così come Mountain View con Apple e questa con Adobe (che per l'occasione, quindi, avrebbero accantonato l'ascia di guerra). Nel 2007, visto il ruolo ricoperto in entrambe le aziende da Steve Jobs, Cupertino e Pixar hanno fatto lo stesso. Poi ancora Google con accordi con Intel e Intuit.

Questa situazione di stallo avrebbe bloccato il mercato con dirette conseguenze sulla mobilità dei lavoratori ICT e sui loro stipendi. Non andando, d'altra parte, ad influenzare il movimento dei manager di alto livello che, a maggior ragione, potrebbero essere ritenuti portatori di segreti industriali.

Il DoJ ha ora comunicato di aver raggiunto un accordo con le aziende per proibire per i prossimi cinque anni questo tipo di accordi, ma ora occorre per ratificare il tutto l'approvazione della corte federale di Washington.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessAssinform: il rilancio passa dalla rottamazioneI numeri della crisi del settore ICT e le strategie per farvi fronte nell'anticipazione del Rapporto 2010. L'Italia č restia agli investimenti. Cala la domanda di PC e anche la telefonia arranca
  • AttualitàHurd-Oracle, HP di traversoTentativo dell'ex-azienda di vedere il proprio ex-CEO sfiduciato passare ad una diretta concorrente: al centro le consuete clausole che impedirebbero di passare al nemico
  • BusinessHP, licenzia per automatizzareL'obiettivo č quello di aggiornare tecnologicamente e rendere pių efficiente il settore dei data center. Continua una strategia iniziata con l'acquisizione di EDS
  • BusinessLe assunzioni ICT violano l'antitrust?Coinvolte anche Intel, Google, Apple e IBM: farebbero fronte comune e accordi di non interferenza e l'effetto sarebbe quello di mantenere artificiosamente basso il costo dei salari
4 Commenti alla Notizia Lavoro ICT, accordo contro gli accordi
Ordina