Mauro Vecchio

Wikileaks, tutti contro Assange?

Divampa il fuoco del dissidio intorno alla leadership del noto sito delle rivelazioni scottanti. Allontanato il portavoce tedesco, che avrebbe parlato troppo con Newsweek

Roma - Reazioni a catena, che rischiano di sgretolare l'armonia interna al noto sito delle spifferate Wikileaks. Il fuoco delle polemiche è divampato intorno all'enigmatica figura di Julian Assange, in risposta a certe sue decisioni sulla gestione di una piattaforma già arroventata da vicissitudini giudiziarie e poco lusinghieri commenti in terra statunitense.

Il gruppo di volontari al lavoro su Wikileaks sembra così sfaldarsi, sempre più critico nei confronti di un leader de facto che pare non ammettere replica alcuna. Come nel caso della decisione annunciata di pubblicare alla metà del prossimo ottobre una nuova tornata di documenti riservati sulla guerra in Iraq.

392mila documenti, che hanno messo in allarme lo staff interno a Wikileaks per la sostanziale mancanza del tempo necessario ad eliminare ogni riferimento diretto a collaboratori ed informatori coinvolti. Una misura necessaria per tutelarne la sicurezza, persino l'integrità fisica.
È proprio per questo che lo studente islandese Herbert Snorrason - attualmente impegnato per assicurare la riservatezza della chat room interna a Wikileaks - ha recentemente minacciato di interrompere i suoi sforzi per il sito delle spifferate. Una decisione presa anche alla luce di un violento scontro tra lo stesso Assange e il portavoce tedesco di Wikileaks.

Daniel Domscheit-Berg - meglio noto nell'ambiente come Daniel Schmitt - è stato infatti bruscamente allontanato da Assange, sospeso dall'incarico per un mese. Il portavoce sarebbe colpevole di aver rivelato ad un giornalista di Newsweek dettagli circa i dissidi interni al sito. Ma soprattutto di aver mancato di rispetto a colui che si è definito "il cuore e l'anima di questa organizzazione, il suo fondatore, il suo filosofo e portavoce, nonché il suo finanziatore e tutto il resto". Assange ha così liquidato Snorrason: "Se hai problemi con me, allora togliti dai coglioni (sic)".

Stando alla trascrizione di una conversazione avuta in chat tra Assange e Domscheit-Berg, quest'ultimo avrebbe messo ferocemente in discussione l'autorità acquisita dal fantomatico Julian. "Ti comporti come un imperatore o un commerciante di schiavi", ha insinuato l'ormai ex-portavoce. Domscheit-Berg ha negato di aver mai contattato alcun giornalista di Newsweek per parlare del malcontento interno a Wikileaks.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàWikileaks, un aiuto dagli amici piratiAccordo tra il sito delle spifferate e il Partito Pirata svedese. Che punta a un seggio in Parlamento per garantirgli l'immunità. Mentre una Wiki-caverna a prova di bomba ospiterà i server - UPDATE
  • AttualitàWikileaks, il memo del terrorePubblicato un nuovo documento di tre pagine sulla possibile immagine degli Stati Uniti come esportatori all'estero di terrorismo. In Svezia Assange viene scagionato dall'accusa di stupro
  • Digital LifeLampi di Cassandra/ Avere Wikileaks, essere Wikileaks di M. Calamari - L'attacco al fondatore del sito che propugna la trasparenza e la diffusione delle informazioni è un danno alla libertà. E occorre salvaguardare il diritto acquisito (con Internet) di sapere
  • AttualitàWikileaks, complotto contro Assange?Il founder del sito delle spifferate accusato di molestie e violenza contro due donne. Ma il mandato di cattura è stato ritirato per mancanza di prove. E Wikileaks fa risalire le accuse fino al Pentagono
9 Commenti alla Notizia Wikileaks, tutti contro Assange?
Ordina